HYPES - Electronic components
12.2K views | +0 today
Follow
HYPES  - Electronic components
MCUs | analogs | mixed-signal | IP | power | HMI | automotive | sensors | projects | new technologies
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Antonio Cirella
Scoop.it!

Panasonic Industry a SPS Parma 2019

Panasonic Industry a SPS Parma 2019 | HYPES  - Electronic components | Scoop.it
Michael Gartz, General Manager Sales & Product Management Control & Drives di Panasonic Industry, ha rilasciato importanti dichiarazioni durante la recente edizione di SPS a Parma.

Panasonic Industry, la nuova azienda in cui sono confluite le precedenti Panasonic Electric Works e Panasonic Industrial e Automotive, ha deciso di scegliere l'Italia per un lancio in anteprima mondiale di un nuovo prodotto concepito appositamente per il mercato europeo: MINAS A6 MULTI.

MINAS A6 MULTI è la novità assoluta in ambito motion, si tratta di un  servoazionamento brushless 400V su piattaforma modulare a doppio asse. Concepito in pieno stile europeo, combina le elevate performance meccatroniche giapponesi che hanno reso famosi i motori MINAS, fino ad ora solo standalone e a un asse, per ottenere performance eccellenti. Si tratta quindi di una combinazione inusuale nel settore dell'automazione in quanto è esclusivamente a 400V e ha un layout sviluppato per ottimizzare gli ingombri (ridotto fino al 64%) e incrementare le performance.

La sua conformazione, completamente modulare "a libro", è molto apprezzata dai costruttori di macchine italiani, i quali chiedono di contenere gli spazi e di creare maggiore ordine e semplicità nei quadri. Particolarmente indicato per costruttori di macchine per il packaging, la lavorazione di materiali, per l'assemblaggio, ecc. In pratica, MINAS A6 MULTI è adatto in tutti i contesti in cui coesistono due fattori legati alle performance: potenza e precisione.

Un'altra caratteristica molto apprezzata è lo sbilanciamento perfetto degli assi: con un driver si possono comandare contemporaneamente 2 servomotori di taglie differenti. Questa è, nella pratica quotidiana del costruttore, un'ottimizzazione che porta flessibilità nella progettazione/personalizzazione delle macchine.

Riguardo la sua gestione, è stata implementata la funzione EoE (Ethernet over Ethercat) per la gestione da remoto. Questo permette ai costruttori di fornire agli End User non solo macchine performanti e precise, ma anche semplici da gestire, riducendo gli interventi uomo-macchina.

Il prodotto sarà disponibile sul mercato entro la fine dell'anno 2019.

Antonio Cirella's insight:
Lancio mondiale per @PanasonicElecIT #MINASA6MULTI #spsitalia
No comment yet.
Suggested by Roberto Armani
Scoop.it!

Panasonic sviluppa il sensore 3D LiDAR che permette il rilevamento 3D delle distanze con ampio angolo di visione

Panasonic sviluppa il sensore 3D LiDAR che permette il rilevamento 3D delle distanze con ampio angolo di visione | HYPES  - Electronic components | Scoop.it
Panasonic Corporation ha annunciato di aver sviluppato un sensore 3D LiDAR che misura con precisione la direzione e la distanza dagli oggetti con un ampio angolo di visione, elemento cruciale per il funzionamento autonomo dei robot mobili.
Utilizzando la tecnologia di scansione laser di proprietà di Panasonic, questo 3D LiDAR è in grado di eseguire la scansione del laser fino a 60 gradi in direzione verticale e 270 gradi in orizzontale per ottenere un funzionamento stabile dei robot autonomi. 
Le spedizioni campione avranno inizio nel gennaio 2018. L'ampio angolo di scansione del 3D LiDAR di nuova concezione consente di rilevare esattamente gli oggetti al suolo e la ruvidità della superficie del suolo. Inoltre, la gamma degli angoli di scansione e la risoluzione possono essere adattati appositamente regolando l'angolo di rotazione e la velocità degli specchi nel sistema. 
Questa funzionalità offre agli utenti la precisione e la flessibilità per scegliere le condizioni più appropriate per la misurazione in base al loro utilizzo. Ciò faciliterà l'uso diffuso di robot autonomi che navigano all'interno o all'esterno di strutture con oggetti in movimento, tra cui le persone.
 
Il nuovo 3D LiDAR di Panasonic presenta le seguenti caratteristiche:

1. Ampio angolo di visione: 60 gradi in verticale e 270 gradi in direzioni orizzontali 
2. Impostazioni di rilevamento variabili per gli angoli di visione e la risoluzione in verticale 
3. Accurato rilevamento in caso di intensa luce solare 

I robot autonomi devono rilevare la condizione del terreno così come gli oggetti che li circondano, in quanto saranno utilizzati all'interno e/o all'esterno di strutture con molti oggetti in movimento, tra cui le persone. I 3D LiDAR convenzionali che vengono progettati per la guida autonoma di automobili non possono eseguire la scansione del laser in un'ampia gamma di angoli verticali. Perciò, non riescono a individuare con precisione le condizioni del terreno. Per questo motivo, i LiDAR convenzionali devono essere combinati con altri sensori in grado di rilevare lo stato a terra. Ciò comporta una configurazione complicata e la progettazione dei robot autonomi. Applicazioni appropriate: 
Robot autonomi quali i robot per le consegne; carrelli elevatori; macchinari agricoli; macchine da cantiere; e sistemi di sicurezza.

Caratteristiche del prodotto: 
 1. Ampio angolo di visione: 60 gradi in direzione verticale e 270 gradi in orizzontale I 3D LiDAR esistenti non riescono a rilevare oggetti intorno ad essi con ampi angoli di visione, soprattutto per la direzione verticale. Panasonic ha sviluppato le tecnologie di scansione laser usando il suo design proprietario della tecnologia per i sistemi ottici e per il controllo del motore per muovere lo specchio. 
Queste tecnologie sono state sviluppate per la produzione di massa di unità disco ottiche. Il 3D LiDAR impiega un singolo laser e specchio mobile per il rilevamento. La luce laser percorre lo stesso percorso ottico nel sistema ottico originale di Panasonic. 
Lo specchio si muove in due direzioni diverse tramite due motori. 
Il design a singolo percorso e l'ampio angolo di spostamento dello specchio permettono di ottenere ampi angoli di visione con 60 gradi in direzione verticale e 270 gradi in orizzontale. 
Il 3D LiDAR non richiede sensori aggiuntivi per il rilevamento degli oggetti intorno, inclusi quelli a terra, il che rende molto semplice il sistema di rilevamento nei robot autonomi.
2. Impostazioni di rilevamento variabili per gli angoli di visione e la risoluzione in vertical Ai robot autonomi si richiede di rilevare gli oggetti nell'area specificata. Ad esempio, i robot autonomi non hanno bisogno di individuare gli oggetti nei dettagli quando si muovono su una superficie piana con meno oggetti nella zona. Il sensore di rilevamento degli oggetti può essere scandito a velocità relativamente alta a seconda della velocità del robot. 
Su un altro piano, in un'area con molte persone o oggetti in movimento, esso richiede tecnologie ad alta sensibilità con un ampio angolo di visione. Inoltre, il sensore deve esaminare i dettagli della superficie dell'oggetto rilevata. Il nuovo 3D LiDAR di Panasonic può facilmente variare le impostazioni di rilevamento grazie alle sue esclusive tecnologie di scansione laser. 
Le operazioni stabili ed efficaci in termini di tempo dei robot autonomi si possono ottenere scegliendo le impostazioni di rilevamento più idonee in base alle condizioni delle aree in cui i robot verranno utilizzati.
3. Rilevamento accurato anche in caso di intensa luce solare I robot autonomi richiedono altresì un'accuratezza nel rilevamento di oggetti in caso di intensa luce solare. Facendo in modo che la luce di ritorno segua lo stesso percorso del laser emesso, Panasonic ha ridotto con successo il rumore indotto dalla luce solare. Di conseguenza, il 3D LiDAR 3D di nuova concezione può essere utilizzato con elevata accuratezza anche con un'intensità luminosa di 100.000 lux il che corrisponde all'intensa luce solare in estate.
 

Antonio Cirella's insight:
un nuovo #sensore3D da @PanasonicElec
No comment yet.
Suggested by Roberto Armani
Scoop.it!

Un modulo Bluetooth di nuova generazione Panasonic integra il SoC Bluetooth Low Energy con il consumo energetico più basso del settore

Un modulo Bluetooth di nuova generazione Panasonic integra il SoC Bluetooth Low Energy con il consumo energetico più basso del settore | HYPES  - Electronic components | Scoop.it
Panasonic Industry Europe presenta il modulo Bluetooth di nuova generazione con il SoC Bluetooth Low Energy dal consumo più basso del settore. 
Poiché il nuovo modulo PAN1760A trae vantaggio da un picco di consumo energetico di appena 3,3 mA in modalità Tx e Rx, consente funzionalità wireless avanzate in applicazioni IoT, mediche e industriali senza compromettere l’autonomia della batteria. 
Sono supportate funzionalità Bluetooth 4.2 essenziali e opzionali.
Il piccolo modulo SMD (solo 15,6 x 8,7 x 1,9 mm) si basa sul dispositivo a semiconduttori Bluetooth TC35678 a chip singolo di Toshiba, dotato di stack Bluetooth 4.2 LE di Toshiba e memoria flash incorporati, per applicazioni utente stand-alone. 
PAN1760A è utilizzabile in modalità Comando AT o Host per un’integrazione molto semplice della connettività Bluetooth nei prodotti esistenti oppure in modalità Stand-Alone. 
In quest’ultima modalità, con 256 kB di memoria flash e 83 kB di RAM per le applicazioni utente, PAN1760A si presta a numerose possibilità di impiego e, poiché non richiede un processore esterno, consente di ridurre costi, complessità e spazio utilizzato. 
Pascale Meier, Product Manager di Panasonic commenta: 
“I progettisti possono migrare facilmente dai moduli precedenti PAN1760, PAN1761 e PAN1026 al nuovo componente PAN1760A, in quanto tutte le versioni condividono lo stesso ingombro. Le modifiche al codice necessarie per la migrazione da PAN1026 o PAN1760 sono puramente secondarie. Anche il software sviluppato in precedenza (profili e applicazioni Bluetooth Low Energy) può essere aggiornato con il minimo sforzo”. 
Attualmente il modulo PAN1760A è in attesa di approvazione FCC, IC e CE. 
Per ulteriori informazioni sul modulo Bluetooth PAN1760A di Panasonic, visitare:
Antonio Cirella's insight:
Ancora soluzioni #smart per il #wireless e #IoT #bluetooth #Panasonic
No comment yet.
Scooped by Antonio Cirella
Scoop.it!

Panasonic Electric Works: ecco il controllore FP7 per l'integrazione cloud e PLC

Panasonic Electric Works: ecco il controllore FP7 per l'integrazione cloud e PLC | HYPES  - Electronic components | Scoop.it
Panasonic Electric Works alza il sipario sul controllore FP7. Si tratta della soluzione di controllo di nuova generazione che offre funzionalità per l’integrazione con sistemi Cloud/Web e l’accessibilità dei dati PLC da qualunque dispositivo dotato di Internet Browser.
Il PLC FP7 integra una porta Ethernet nativa a cui si può aggiungerne una seconda porta per separare l’acquisizione dati dal campo e la comunicazione verso sistemi IT.
Antonio Cirella's insight:
Ottimo PLC customizzabile per i dispositivi mobile
No comment yet.