Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano
16.2K views | +0 today
Follow
 
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
onto Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano
Scoop.it!

Uno studio conferma la presenza di anomalie nel ritmo circadiano delle persone affette dal disturbo depressivo

Uno studio conferma la presenza di anomalie nel ritmo circadiano delle persone affette dal disturbo depressivo | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Uno studio condotto da ricercatori dell'Università del Michigan e dell'Università della California a Irvine ha analizzato il tessuto celebrale di 34 persone affette dal disturbo depressivo defunte e di 55 persone defunte non affette da alcun disturbo dell'umore.


Si tratta del primo studio in merito all'alterazione dei ritmi circadiani nelle persone depresse effettuato su esseri umani. Precedentemente, infatti, erano stati effettuati test sui mammiferi che avevano evidenziato la presenza di anomalie del ritmo circadiano nei mammiferi depressi.

 

Il ritmo circadiano alterato genera disturbi del sonno, uno dei principali sintomi di depressione.

 

L'analisi del tessuto celebrale ha confermato la presenza di un'alterazione del ritmo circadiano nelle persone depresse, assente nelle persone non affette da alcun disturbo dell'umore.

 

Sono stati inoltre identificati nuovi geni: "sono state identificate alcune centinaia di geni chemostravano un chiaro ritmo circadiano, alcuni noti, ma molti altri no, come per esempio il gene per il recettore per la lipoproteina a bassa densità e il gene INSIG1, noti per essere coinvolti nella sintesi dei lipidi e metabolismo, o ancora il gene per il recettore per l'ipocretina, HCRTR2, importante per la regolazione del sonno e della veglia."

I nuovi geni identificati potrebbero essere molto utili nello sviluppo di nuovi biomarcatori per la depressione.

"Resta ora da capire perché l'orologio circadiano sia alterato nella depressione. “Abbiamo bisogno di imparare di più sulla natura dell'orologio stesso, e capire se, resettando l'orologio, sia possibile aiutare le persone a stare meglio", ha detto note Huda Akil, uno degli autori dello studio."

more...
No comment yet.
Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano
News e aggiornamenti sui più importanti Disturbi dell'Umore. Psicologia e Psicoterapia della Depressione a Milano e Online. www.psicoterapeuta-a-milano.it
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Dott Federico Baranzini - Psichiatra e Psicoterapeuta per i Disturbi dell'Umore a Milano

Dott Federico Baranzini - Psichiatra e Psicoterapeuta per i Disturbi dell'Umore a Milano | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Psichiatra e Psicoterapeuta, si occupa da anni di Disturbi dell'Umore per le quali offre serivizi di diagnosi e terapia nel proprio studio di Milano.

 

In particolare tratta:

Depressione Reattiva Nevrotica

Depressione Maggiore con o senza psicosi

Episodi depressivi minori da stress

Disturbo Bipolare dell'Umore tipo 1 e 2

Distimia

Distimia Bipolare

Disturbo Maniacale

 

Per maggiori informazioni e consulti:

http://www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

Per altre necessità o urgenze potete contattare il dott Baranzini al numero 388 1044 874.

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Perdita dell’udito e rischio depressione

Perdita dell’udito e rischio depressione | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Che correlazione c'è tra la perdita dell'udito ed il rischio di sviluppare depressione?

Un team di ricercatori australiano ha effettuato una revisione di 35 studi precedentemente condotti dalla quale è emerso che gli anziani che mostravano una forma di perdita dell'udito, rispetto alle persone senza questi problemi, avevano il 47% in più di probabilità di manifestare la sintomatologia depressiva.

Ma, quale potrebbe essere il meccanismo di questa correlazione?

 

L'autore principale dello studio, Blake Lawrence, ha affermato: "Sappiamo che gli anziani con perdita dell'udito spesso rifuggono le occasioni sociali come eventi familiari perchè hanno difficoltà  a comprendere le altre persone in situazioni dove c'è confusione. Ciò può condurre a solitudine emotiva e sociale".

 

Sulla base di queste evidenze che fanno ipotizzare questa correlazione, un altro professionista non coinvolto nello studio, N. Reed, ha affermato: "Quando abbiamo una perdita dell'udito significa anche che inviamo al cervello un segnale uditivo più debole da processare. Questo segnale debole può far sì che il cervello debba intensificare la sua attività per comprendere un suono (cioè l'eloquio) a spese di un altro processo neurale (cioè la memoria di lavoro). Inoltre, il segnale debole può costringere alcune aree e vie neurali a riorganizzarsi, il che potrebbe modificare il modo in cui il cervello, inclusi gli aspetti che regolano la depressione, funziona".

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Il meccanismo antidepressivo della ketamina

Il meccanismo antidepressivo della ketamina | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

La scienza e la ricerca hanno fatto notevoli passi in avanti nell'ambito del trattamento farmacologico della depressione, anche se, i farmaci in uso, richiedono un tempo di circa 2-3 settimane per entrare in circolo ed esortire gli effetti. Questo tempo di latenza elevato, però, può in alcuni casi essere particolarmente critico. Inoltre, quasi il 30% dei pazienti con depressione risulta resistente ai trattamenti farmacologici.

Per questi motivi, sono state prese in considerazione altre sostanze da studiare.

 

In particolare, uno studio condotto dai ricercatori della Weill Cornell Medicine di New York ha posto l'attenzione sulla ketamina, sostanza inizialmente usata come anestetico che, assunta a dosaggi bassi, ha degli effetti antidepressivi quasi immediati ma con una durata piuttosto ridotta. Nello studio si è cercato di far luce sul meccanismo d'azione di questa molecola, ancora non del tutto conosciuto.

 

I ricercatori hanno notato che la ketamina ha permesso il ripristino parziale delle spine dendritiche precedentemente scomparse, piccole protuberanze sulle ramificazioni dei neuroni importanti nella ricezione dei segnali provenienti da altri neuroni, e hanno notato l'alleviamento dei comportamenti depressivi.

 

Ampliando la conoscenza del meccanismo d'azione della ketamina si necessita di ulteriori studi che permettano di allungarne il periodo d'azione.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Smiling depression: la depressione mascherata

Smiling depression: la depressione mascherata | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Abbiamo mai sentito parlare di smiling depression? E' un'espressione non in uso tra gli esperti di benessere e salute mentale i quali probabilmente preferiscono parlare di depressione atipica, ma è un'espressione molto digitata sul web, soprattutto nell'ultimo anno, per comprendere meglio cosa sia.

 

Secondo O. Remes, ricercatrice dell'Università di Cambridge: "Potrebbe sembrare che le persone con smiling depression non abbiano motivo per essere tristi: hanno un lavoro, un appartamento e spesso anche bambini o un compagno. Sorridono quando le saluti. Indossano una maschera per il mondo esterno. Dentro, tuttavia, si sentono senza speranza e scivolare verso il basso, a volte anche pensando di farla finita con tutto".

 

Questa condizione di depressione con il sorriso o di depressione mascherata non va sottovalutata anche se è difficile scoprirne la presenza a causa del fatto che i sintomi depressivi non sono visibili e rintracciabili, ma sono mascherati.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Screening depressione per pazienti con malattie cardiovascolari

Screening depressione per pazienti con malattie cardiovascolari | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Perchè è importante effettuare uno screening per la depressione in pazienti con patologie cardiovascolari? E' importante perchè l'incidenza della depressione in soggetti con questo genere di patologie è di un soggetto su cinque. Inoltre, la depressione tende a peggiorare i fattori di rischio per patologie cardiovascolari riducendo l'adesione a stili di vita sani e terapie mediche.

 

Sulla base di questi elementi è stata proposta una modalità di screening da parte della Icahn School of Medicine presentata in un articolo che verrà pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology. Questa modalità di screening prevede che il soggetto risponda ad un questionario online che comprende due domande. Coloro che risultano positivi dovranno rispondere ad altre sette domande che integrano i criteri diagnostici per la depressione e altri sintomi depressivi.

 

I risultati ottenuti e quindi gli screening positivi non devono essere considerati diagnostici, ma semplicemente campanelli di allarme per poi effettuare ulteriori valutazioni tramite strumenti strutturati o colloqui con un medico che andrà a collaborare con il cardiologo di riferimento.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Lavorare nei weekend aumenta il rischio di depressione

Lavorare nei weekend aumenta il rischio di depressione | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Quanto il lavorare tanto e a lungo, anche nel fine settimana, e la mancanza di tempo libero incidono sulla salute mentale dei lavoratori?

E' stato condotto uno studio basato sull'analisi dei dati ottenuti da alcuni sondaggi che hanno riguardato 11.215 uomini e 12.188 donne che lavoravano nel Regno Unito tra il 2010 ed il 2012.

 

Cos'è emerso?

Per quanto riguarda le donne, è stato notato che la metà lavorava meno di 35 ore settimanali e solo la metà svolgeva qualche fine settimana. Il maggiore rischio di depressione nelle donne si mostrava solo quando superavano le 55 ore settimanali e quando lavoravano la maggior parte dei fine settimana.

Per quanto riguarda gli uomini, è emerso che lavoravano  più a lungo delle donne e tra questi due terzi svolgeva un lavoro anche nei fine settimana. Gli uomini che lavoravano meno mostravano un numero maggiore di sintomi depressivi e questi ultimi, legati al lavoro nel fine settimana, aumentavano quando non amavano le loro condizioni di lavoro.

 

Secondo l'autore dello studio, G. Weston: "I datori di lavoro dovrebbero rendersi conto che lunghi orari e turni nei fine settimana possono compromettere la salute mentale dei lavoratori. Abbiamo bisogno di passare da una cultura di richieste irrealistiche e di premi bassi a una in cui i lavoratori siano supportati e valorizzati, sentano di avere il controllo, vedano uno scopo e abbiano tempo sufficiente per il recupero e il tempo libero".

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Disturbo Bipolare: l'importanza di intervenire con farmaci e psicoterapia

Cos'è il disturbo bipolare e quali sono le possibilità di cura?

Il disturbo bipolare viene categorizzato all'interno dei disturbi dell'umore ed è proprio questa la sua peculiarità. Esso rimanda ad un'alterazione, un'oscillazione del tono dell'umore, da episodi maniacali ad episodi depressivi. Un soggetto con disturbo bipolare in fase maniacale si sente felice, ha molta energia e voglia di fare. Di contro, in fase depressiva lo stesso soggetto può sentirsi triste, avere poca energia e ritirarsi socialmente.

 

La combinazione di un intervento farmacologico e psicoterapico rappresenta la modalità di intervento più efficace nel trattamento di queste oscillazioni del tono dell'umore, intervento che va perseguito in maniera corretta e coerente in quanto può ridurre la gravità e la ricorrenza degli episodi di variazione dell'umore.

 

Il soggetto con disturbo bipolare può con il tempo imparare a riconoscere i primi segni di cambiamento dell'umore e sviluppare strategie per ridurne l'effetto. Risultano anche essere importanti tutte quelle azioni che possono essere svolte per se stessi come avere una dieta salutare, fare esercizio fisico, costruire relazioni positive.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura del Disturbo Bipolare a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Microbiota intestinale: può influenzare la depressione

Microbiota intestinale: può influenzare la depressione | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

E' stato condotto uno studio presso l'Università di Lovanio in Belgio che ha messo in relazione i batteri all'interno dell'intestino e la salute mentale. In particolare, si è cercato di capire se la presenza di tipi particolari di batteri situati nel microbiota intestinale, o la loro carenza, possano alterare o meno la salute mentale, incrementando la possibilità di sviluppare depressione.

 

Dall'analisi del microbiota intestinale del campione sottoposto allo studio e appartenente al Flemish Gut Flora Project, è emerso che alcuni ceppi batterici quali Faecalibacterium e Coprococcus sono associati in modo significativo ad indicatori di migliore qualità di vita. Di contro, la carenza di Dialister e di Coprococcus correla con la depressione facilitandone la comparsa.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Senza serotonina alto rischio di disturbo bipolare

Senza serotonina alto rischio di disturbo bipolare | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Esiste una relazione tra la serotonina e il disturbo bipolare? Uno studio condotto da ricercatori appartenenti chi al dipartimento di Biologia dell'Università di Pisa, chi all'Università della Campania, al Ceinge di Napoli e alla Fondazione Pisana per la Scienza, ha analizzato il legame tra la serotonina ed il disturbo bipolare ed in particolare tra la riduzione dei livelli della serotonina e l'insorgenza del disturbo bipolare.

 

I ricercatori hanno condotto lo studio sperimentando su modelli animali ed hanno visto che, inibendo la produzione di serotonina in alcuni topi, questi ultimi mostravano comportamenti relativi ad esempio alla perdita del senso di rischio, compatibili con quelli riscontrabili in persone in fase maniacale. Hanno notato di contro che,  se agli stessi animali veniva somministrato l'acido valproico, farmaco comunemente usato per la cura del disturbo bipolare, i comportamenti anomali e disfunzionali si normalizzavano.

 

Secondo M. Pasqualetti, uno dei conduttori dello studio: "La conoscenza dei complessi meccanismi che governano la fenomenologia del disturbo bipolare costituisce senz'altro un passo in avanti per l'identificazione di modelli validi per testare terapie farmacologiche sempre più avanzate".

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura del Disturbo Bipolare a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Hikikomori: quei 100 mila ragazzi che si isolano in casa

Hikikomori: quei 100 mila ragazzi che si isolano in casa | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Spesso, quando si parla di hikikomori, si commette l'errore di pensare ad un fenomeno che riguarda ragazzi con un'età media di circa 20 anni non presente sul nostro territorio, ma in Paesi lontani come ad esempio il Giappone. Invece è un fenomeno che colpisce anche l'Italia con potenzialmente 100 mila ragazzi.

 

Esiste in Italia un'associazione nazionale Hikikomori Italia, il cui presidente e fondatore è M. Crepaldi. Secondo quest'ultimo:"Si tratta di una pulsione all'isolamento sociale determinata da un forte disagio adattivo, che può associarsi e favorire lo sviluppo di psicopatologie, ma non necessariamente".

 

Spesso si confondono con soggetti dipendenti da internet anche se il computer per loro è l'unico mezzo di contatto con il mondo esterno che utilizzano per informarsi sull'attualità che per interagire con altre persone.

Inoltre, spesso vengono etichettati come soggetti depressi, ma secondo il presidente: "La depressione nasce solitamente in un secondo momento rispetto alla pulsione di isolamento. Quello che sembra mancare a questi ragazzi è un obiettivo che sia in grado di conferire senso alle proprie azioni. Tale perdita di senso può essere talvolta originata anche da una depressione esistenziale, ovvero un calo del tono dell'umore dovuto a una particolare presa di coscienza della realtà".

Ciò che sembra scatenare questa condizione è la pressione di realizzazione a cui la società ci sottopone.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra e Psicoterapeuta a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Depressione e tiroide disfunzionale: esiste un legame

Depressione e tiroide disfunzionale: esiste un legame | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Esiste una relazione tra l'alterazione del funzionamento della tiroide e alcuni disturbi neuropsichiatrici?

A tal proposito, l'University of Erlangen-Nuremberg ha condotto alcuni studi per indagare proprio la relazione tra disturbi d'ansia e depressione e tiroide con condizione cronica. In particolare, è stato indagato il ruolo della tiroide autoimmune (AIT).

 

E' stato riscontrato che, coloro che soffrivano di tale condizione a causa della quale la ghiandola in questione non aveva la possibilità di svolgere la sua normale funzione, riducendo di conseguenza la produzione di ormoni, presentavano ed avevano sperimentato condizioni di instabilità emotiva, tensione ed esaurimento.

La probabilità di sviluppare disturbi depressivi e d'ansia era tre volte maggiore nei pazienti con tiroide autoimmune.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Depressione post partum: un possibile legame con il sistema immunitario

Depressione post partum: un possibile legame con il sistema immunitario | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Diversi studi hanno cercato di indagare l'origine della depressione post partum ipotizzando, ad esempio, il coinvolgimento di alcuni meccanismi ormonali, infiammazioni nel sangue.

 

Uno studio condotto dall'Ohio State University, invece, ha ipotizzato ed analizzato una correlazione tra stress, sistema immunitario, cervello e depressione. All'interno dello studio, femmine di ratto in gravidanza sono state sottoposte ad una condizione di stress ed, in seguito al parto, hanno riportato alti livelli di marcatori infiammatori nel tessuto cerebrale della corteccia prefrontale mediale, regione implicata nel controllo dell'umore. E' stato notato, inoltre, che lo stress può alterare la funzionalità di particolari cellule immunitarie cerebrali ovvero le cellule della microglia.

 

Però, per confermare l'esistenza della relazione tra sistema immunitario e disturbi dell'umore, si necessita di nuovi ed ulteriori studi.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Terapia del testosterone per curare la depressione maschile

Terapia del testosterone per curare la depressione maschile | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

E' stato condotto un grande studio che ha preso in considerazione 27 studi precedentemente condotti per un totale di 1.890 uomini che hanno costituito il campione. Alcuni di questi studi si sono interessati di valutare uomini con bassi livelli di testosterone, uomini che non mostravano questo problema, uomini che non avevano sviluppato un disturbo depressivo e uomini, invece, che avevano già mostrato i primi sintomi e uomini che erano già stati sottoposti a trattamenti farmacologici.

 

Dalla valutazione dei risultati ottenuti da questi precedenti studi, è emerso che, coloro che sono stati sottoposti a trattamenti che prevedevano l'utilizzo di testosterone, hanno mostrato un miglioramento dei sintomi depressivi, miglioramento pari al 130%.

 

Se i risultati ottenuti possono sembrare avvincenti, è importante essere cauti nel paragonare e vedere la terapia del testosterone alla stregua di quella che impiega gli antidepressivi. Pertanto, si necessita di ulteriori ricerche.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Distimia o depressione cronica: sintomi e cura

Distimia o depressione cronica: sintomi e cura | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Quando si parla di distimia a cosa si fa riferimento?

La distimia rappresenta un disturbo dell'umore nel quale quest'ultimo risulta essere deflesso per la maggior parte del giorno per almeno due anni. E' un disturbo molto simile alla depressione con la quale condivide la sintomatologia, ma gli stessi sintomi tendono a presentarsi in forma meno grave ma più prolungata.

 

Ad esempio il soggetto con disturbo distimico può essere caratterizzato da anedonia e apatia intese come perdita di interesse e piacere verso attività quotidiane, bassa autostima, insicurezza, inadeguatezza, pensieri di autosvalutazione e colpa, alterazione del sonno e dell'appetito e, da un punto di vista cognitivo, da ruminazione.

 

Non vi è un'unica causa che può spiegare la presenza della distimia, infatti, quando si parla di eziopatogenesi del disturbo distimico, si fa riferimento ad una combinazione di fattori genetici, biologici, ambientali e psicologici.

 

Per il trattamento di questo disturbo risultano essere efficaci sia la farmacoterapia che la psicoterapia o la combinazione di entrambi gli interventi.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Obesità e depressione: verso un trattamento integrato

Obesità e depressione: verso un trattamento integrato | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Non è raro che una persona abbia contemporaneamente problemi che riguardano il peso e l'umore infatti obesità e depressione alcune volte possono presentarsi insieme caratterizzando lo stesso soggetto. Perchè non creare un trattamento integrato che si occupi sia dell'una che dell'altra problematica restringendo il numero di professionisti che il paziente deve consultare, i tempi ed i costi?

 

Lo studio clinico Research Aimed at Improving Both Mood and Weight si è occupato proprio di questo, ovvero valutare l'efficacia di un programma integrato basato su un'alimentazione sana, attività fisica e, da un punto di vista psicologico, sulle capacità di problem solving del soggetto preso in carica.

Nello studio, 204 soggetti hanno seguito un programma integrato con consulenza medica individuale, la visione di alcuni video sugli stili di vita sani e contatti telefonici mensili con i professionisti. Gli altri 205 soggetti non hanno ricevuto alcun intervento aggiuntivo.

 

E' stato notato che, i soggetti sottoposti ad un intervento integrato, hanno ottenuto una maggiore perdita di peso e un miglioramento dei sintomi depressivi nell'arco di un anno rispetto ai soggetti appartenenti al gruppo di controllo per i quali non è stato predisposto alcun intervento aggiuntivo.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Ruminazione: il trattamento della depressione di Watkins

Ruminazione: il trattamento della depressione di Watkins | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Che ruolo ha la ruminazione, intesa come un pensiero negativo che si ripete e che è ricorrente relativo la propria sofferenza e aspetti del sè, sulla generazione ed il mantenimento della depressione?

 

A tal proposito è possibile fare riferimento al manuale di terapia cognitivo comportamentale focalizzata sulla ruminazione per la depressione di Watkins, nel quale viene concettualizzato ed esplicitato un modello terapeutico basato sulla gestione della ruminazione.

 

Secondo l'autore, infatti, la ruminazione rappresenta un elemento chiave della depressione, che va ad esacerbare il tono dell'umore negativo e amplificare il pensiero negativo portando il soggetto a porsi continue riflessioni sul motivo del proprio stato.

 

E' proprio per questi motivi che è stato strutturato un intervento specifico sulla ruminazione intesa come elemento importante nel trattamento dei disturbi depressivi.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra e Psicoterapeuta a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Ciclotimia: quando la depressione si alterna all'euforia

Ciclotimia: quando la depressione si alterna all'euforia | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Spesso si sente parlare di ciclotimia o di disturbo ciclotimico, ma realmente si sa a cosa si fa riferimento con questi termini? E' stato intervistato il Dott D. Bozza per far maggior luce.

 

La ciclotimia rappresenta un disturbo categorizzato all'interno della macrocategoria dei disturbi dell'umore che prevede l'alternanza di stati depressivi a stati di euforia. In tal senso il soggetto caratterizzato da ciclotimia può alternare episodi di agitazione, di attivazione, tendenza a comportamenti a rischio ed episodi depressivi nei quali emergono i sintomi della depressione. Inoltre,il disturbo ciclotimico va distinto dal disturbo bipolare in quanto il primo viene considerato un disturbo meno grave, non cronico che può rappresentare l'anticamera di un disturbo bipolare.

 

Indicati per il trattamento del disturbo ciclotimico sono i trattamenti farmacologici e gli interventi basati sulla psicoterapia.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Ciclotimia a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Cutting e comportamenti autolesivi: come si curano?

Cutting e comportamenti autolesivi: come si curano? | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Quanto il cutting, inteso come gesto autolesionistico che prevede il procurarsi dei tagli sul proprio corpo, è frequente nei giovani a tal punto da richiedere un'attenzione particolare?

 

E' stato intervistato il dr. S. Vicari che ricopre i ruoli di referente scientifico e di docente presso l'Istituto ReTe di Roma.

Egli ha affermato: "Il cutting è un'attività autolesiva non suicidaria che gli adolescenti mettono in atto per vari motivi. In genere, sono giovani quelli che lo praticano, ma non necessariamente. Le ragioni possono essere differenti. Ad esempio, perchè questo da loro delle emozioni forti, perchè gli consente di scaricare l'ansia, perchè consente di vivere un'esperienza sul proprio corpo e questo racchiude l'angoscia che queste persone portano dentro. Spesso però dietro c'è un quadro psicopatologico anche molto importante, come ad esempio la depressione. I campanelli della depressione sono numerosi. Ci sono sia dei sintomi fisici che psicologici. E' molto importante individuarli questi casi, perchè i ragazzi non si fanno del male solo tagliandosi. L'attività autolesiva può essere più o meno grave. Diciamo che questa, soprattutto se è grave, correla molto con il rischio di suicidio. Prevalentemente, le zone del corpo sono le braccia e le gambe, ma poi può trattarsi di tutto il corpo. Può trattarsi anche di un singolo episodio. Generalmente, il cutting tende a presentarsi ripetutamente e con una certa regolarità nei ragazzi. Nel cutting, la terapia più indicata ed efficace è la psicoterapia cognitivo-comportamentale, salvo le forme più gravi in cui il cutting non è isolato ma c'è già l'intenzione suicidaria. E' molto utile fare un parent training, coinvolgendo i genitori e sostenendo la loro azione educatrice".

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Malati cronici: l’esercizio aerobico allevia la depressione

Malati cronici: l’esercizio aerobico allevia la depressione | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Quando si soffre di problemi di salute cronici il rischio di sviluppare depressione aumenta dalle 2 alle 3 volte e conseguentemente spesso vi è un peggioramento di questi problemi cronici. Quanto l'esercizio aerobico può alleviare la depressione?

 

E' stata condotta da parte della Concordia University di Montreal un'analisi dei dati provenienti da 24 studi effettuati su un totale di 4.111 soggetti caratterizzati da depressione e malattie croniche. Per alcuni soggetti sono state predisposte le tradizionali cure mediche mentre per altri l'esercizio aerobico.

 

E' emerso che le persone che svolgevano attività fisica almeno 2-3 volte alla settimana, avevano maggiore probabilità di mostrare una riduzione della sintomatologia depressiva rispetto alle persone che non svolgevano alcuna attività aerobica.

Per quanto le linee guida relative all'attività fisica raccomandino un allenamento pari a 150-200 minuti a settimana fino ad un'ora al giorno, è stato notato che i sintomi depressivi sono migliorati più o meno nella stessa proporzione anche a seguito di periodi di allenamento brevi e regolari, così come sostenuto da S. Bacon, coinvolto nello studio.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Depressione e ansia nei medici

Depressione e ansia nei medici | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Perchè tra i medici vi è una maggiore prevalenza di depressione, ansia e pensieri suicidi? Ciò può avere un impatto sull'assistenza del paziente?

 

Un team australiano ha preso in considerazione otto studi precedentemente svolti i cui dati hanno riguardato un campione composto da 1.023 medici. Questi ultimi sono stati sottoposti ad interventi basati sulla terapia cognitivo comportamentale individuale o di gruppo o a un training basato sulla mindfulness.

 

Dall'analisi dei dati emersi, tre studi su otto hanno mostrato una significativa riduzione dei sintomi della depressione, quattro studi su otto una significativa riduzione del disagio psicologico generale, uno studio ha mostrato una significativa riduzione dell'ansia ed un altro ha mostrato una significativa riduzione di pensieri suicidi durante un anno di tirocinio.

 

Secondo R. M. Epstein dell'University of Rochester School of Medicine and Dentistry: "Abbiamo bisogno di andare oltre al solo pensiero di burnout per affrontare l'intero spettro del disagio dei medici. Per farlo la cultura medica deve cambiare".

Secondo J. Eckleberry-Hunt, psicologo della salute: "I medici si sentono talmente inondati di lavoro da non avere nè tempo nè energie per partecipare a questi studi. Vi è l'obbligo morale di prendersi cura di loro che servono in prima linea nella sofferenza e nel dolore dei pazienti. Non è solo un problema medico. Il disagio del medico ha un impatto sull'assistenza e sugli esiti del paziente".

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Tassi di suicidio: rischio maggiore per chi vive ad alta quota

Tassi di suicidio: rischio maggiore per chi vive ad alta quota | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

E' risaputo che vivere ad alta quota produce notevoli effetti benefici su diverse condizioni mediche. A condurre però a risultati diversi è una recente revisione sistematica che ha rilevato tra le persone che vivono in zone ad alta quota degli Stati Uniti tassi di suicidio e depressione superiori alla media.

 

In merito a questi risultati sono state avanzate delle ipotesi come quella prodotta dai ricercatori dell'Università di Salt Lake City per i quali la bassa pressione atmosferica ad alta quota potrebbe abbassare i livelli di ossigeno nel sangue provocando un effetto sull'umore e rendendo le persone che vivono a queste altitudini più suscettibili a pensieri relativi al suicidio.

Un'altra ipotesi prodotta invece da Renshaw ha preso in considerazione la serotonina. Secondo quest'ipotesi l'ipossia danneggerebbe un enzima coinvolto nella sintesi della serotonina, probabilmente con conseguente abbassamento dei livelli di serotonina che potrebbe portare alla depressione.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Cause della depressione: uno sguardo alle principali teorie

Cause della depressione: uno sguardo alle principali teorie | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Diverse possono essere le cause alla base della depressione così come sono altrettanto diverse le teorie formulate in merito. Le ricerche mostrano la presenza di due fattori di rischio principali come cause della depressione: un fattore biologico ed un fattore psicologico.

 

Per quanto riguarda il fattore biologico, è possibile menzionare diverse ipotesi tra cui l'ipotesi per cui il disturbo dell'umore può essere causato da una carenza di neurotrasmettitori come la serotonina, la noradrenalina e la dopamina, oppure l'ipotesi per cui vi è l'alterazione di alcuni assi ormonali potenzialmente coinvolti nella regolazione del tono dell'umore, un'ipotesi immunologica della depressione ed un'ipotesi che contempla la neurotrofia.

 

In riferimento, invece, al fattore psicologico e più ampiamente ad un aspetto psicosociale, è possibile menzionare eventi stressanti quali ad esempio malattie fisiche, separazioni, cambiamenti importanti, lutti ed esperienze traumatiche infantili che possono essere vissuti come irreversibili. E, tra le teorie che hanno focalizzato l'attenzione sull'aspetto psicologico, è possibile rintracciare le teorie comportamentali, alcune delle quali si basano sul dato per cui a volte si può apprendere che non può essere fatto nulla per controllare o migliorare una data situazione, le teorie psicoanalitiche, alcune delle quali vedono le autoaccuse come manifestazioni di ostilità verso l'oggetto amato ed, infine, le teorie cognitiviste, alcune delle quali focalizzano l'attenzione su pensieri e pattern cognitivi disfunzionali visti come elementi centrali del disturbo.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Studenti universitari: uno su cinque soffre di ansia o depressione

Studenti universitari: uno su cinque soffre di ansia o depressione | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Perchè quasi uno studente su cinque, all'interno della ricerca condotta dal Center for Collegiate Mental Health dell'University Park, ha dichiarato di soffrire di ansia o di depressione?

 

Secondo D. Rosenberg della Wayne State University di Detroit possono intervenire diversi fattori. Un uso eccessivo dei social media, e della tecnologia in generale, contribuisce a creare interazioni sociali alterate e un maggior senso di isolamento, provocando anche un senso di inadeguatezza che spinge le persone a paragonare la vita reale a quella virtuale. Inoltre, anche l'assunzione di sostanze stupefacenti può contribuire ad incrementare il fenomeno così come i costi troppo elevati dell'università.

 

Questi sono tutti fattori che, messi insieme alla frustrazione legata all'incertezza del futuro, possono contribuire allo sviluppo di ansia e depressione e che potrebbero spiegare il perchè uno studente su cinque può soffrirne.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Cancro al seno: chi guarisce prova ansia e depressione

Cancro al seno: chi guarisce prova ansia e depressione | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Cosa si sa rispetto alla salute mentale delle donne che hanno dovuto lottare e sono sopravvissute al tumore al seno?

 

Un team inglese ha effettuato una review di tutti i risultati ottenuti da 60 studi incentrati su donne che erano sopravvissute al tumore al seno e che presentavano problemi di natura psicologica e disturbi delle funzioni cognitive e sessuali a un anno o più dal trattamento.

 

Da alcuni studi è emerso che le donne sopravvissute mostravano il doppio delle probabilità di sviluppare ansia rispetto alle donne che non hanno mai avuto il cancro. Da altri studi è emerso che 1 donna su 5 soffriva di sindromi ansiose, mentre altri studi hanno dimostrato che ciò riguardava circa la metà delle donne.

In riferimento alla depressione, è emerso che 1 donna su 10 ne era affetta, anche se in altri studi la percentuale arrivava anche al 30%.

Infine, da altri dati è emerso che dal 20% al 40% delle donne sopravvissute lamentava problemi di memoria e che le donne in questione erano 2 volte più soggette a sviluppare disfunzioni sessuali rispetto alle donne senza diagnosi di tumore.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Come riconoscere la depressione? I sintomi più comuni

Come riconoscere la depressione? I sintomi più comuni | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Perchè è importante riconoscere la depressione e di conseguenza acquisire maggiori informazioni su questo disturbo dell'umore?

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità la depressione rappresenta la seconda causa di disabilità nell'ambito delle malattie fisiche e psicologiche. Sono aumentati i casi di depressione ed è diminuita l'età di insorgenza. Questi sono solo alcuni dei motivi per i quali è opportuno avere maggiori informazioni.

 

Da quanto afferma la Prof.ssa D. Marazziti, responsabile delle ricerche condotte dall'Istituto per la ricerca scientifica in psichiatria e neuroscienze: "Alcuni tra i più comuni sintomi sono la perdita di energie, senso di fatica, difficoltà nella concentrazione e nella memoria, agitazione motoria e nervosismo, perdita o aumento di peso, disturbi del sonno, mancanza di desiderio sessuale e dolori fisici. Le emozioni tipiche sono la tristezza, l'angoscia, insoddisfazione, senso di impotenza e senso di vuoto. I sintomi cognitivi sono la difficoltà nel prendere decisioni e nel risolvere i problemi, la ruminazione mentale, autosvalutazione, pensiero catastrofico e pensiero pessimista. I comportamenti sono l'isolamento sociale, i comportamenti passivi, la riduzione dell'attività sessuale e i tentativi di suicidio".

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Disturbi psichiatrici, 12 milioni di prestazioni a 800.000 italiani

Disturbi psichiatrici, 12 milioni di prestazioni a 800.000 italiani | Disturbi dell'Umore, Distimia e Depressione a Milano | Scoop.it

Ad Ottobre si è tenuto a Roma un Convegno organizzato e promosso dalla Spi, Società Psicanalitica Italiana, nel quale sono stati analizzati i dati relativi al rapporto sulla Salute Mentale 2016 del Ministero della Salute.

 

Dai dati riportati è emerso che oltre 800 mila italiani sono in cura ogni anno per disturbi psichiatrici ai quali corrispondono circa 12 milioni di prestazioni sanitarie erogate. Non solo, è emerso che, tra i disturbi psichiatrici più frequenti, vi è la depressione per la quale sono stati rintracciati 37,5 casi ogni 10 mila abitanti. Inoltre, è emerso che a essere colpite da disturbi depressivi sono maggiormente le donne (28,7 casi ogni 10 mila abitanti) rispetto agli uomini (20,8).

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.