Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica
4.8K views | +3 today
Follow
 
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
onto Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica
Scoop.it!

Italia ultima in UE per i posti letto psichiatrici

Italia ultima in UE per i posti letto psichiatrici | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it
 

I disturbi mentali nell'Unione Europea sono responsabili del 3,7% di tutti i decessi (l'Italia ne conta il 2,9%) e negli uomini il tasso di autolesionismo e' 4 volte maggiore delle donne. Lo dice l'ultima analisi dell'Eurostat che indica per l'Italia il minore numero di letti per assistenza psichiatrica dell'Ue. 

 

Sono solo 9 per 100mila abitanti. Nel 2015, nell'Ue c'erano 367mila letti di assistenza psichiatrica negli ospedali, equivalenti al 14,0% di tutti i letti d'ospedale.

 

Questa quota ha superato un quarto nei Paesi Bassi (30,3%, dati 2013), Belgio (28,1%) e Malta (27,9%), mentre era inferiore a un decimo in Polonia (9,8%), Bulgaria (9,5%), Austria (8.1 %), Cipro (6,4%) e Italia (2,9%). 

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano 

more...
No comment yet.
Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica
I punti di contatto tra mente e corpo, tra psichiatria e medicina di base. A cura di www.psichiatra-a-milano.it
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Arriva “Dottoremaeveroche”. Il sito della Fnomceo per la buona informazione sulla salute

Arriva “Dottoremaeveroche”. Il sito della Fnomceo per la buona informazione sulla salute | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Il nuovo sito della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, che sarà on line da oggi pomeriggio, aiuterà i cittadini ad avere risposte affidabili a quelle tante domande su cui spesso cercano risposte su siti, tv o giornali non sempre attendibili.

 

Il presidente Filippo Anelli: "In un mondo dove la gente rischia di rimanere vittima di fake news, vogliamo dare un contributo di certezza partendo dalle evidenze scientifiche".

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Società di Psicopatologia. “Disturbi mentali in aumento entro il 2020, primi fra tutti ansia e depressione”

Società di Psicopatologia. “Disturbi mentali in aumento entro il 2020, primi fra tutti ansia e depressione” | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it
E il trend in crescita si osserva soprattutto tra giovani tra i 10 e i 24 anni.

 

A lanciare l’allarme Il presidente della Sopsi in occasione del XXII Congresso nazionale della società Italiana di Psicopatologia in corso a Roma.

 

Testimonial di eccezione Carlo Verdone che, nel suo intervento alla cerimonia di inaugurazione, ha ricordato come lo avesse definito una sua fan gravemente malata: “Un ansiolitico naturale, privo di effetti collaterali”. “Ho accolto con piacere l’invito del professor Siracusano – ha spiegato Verdone – perché in fondo, il mio lavoro in qualche modo potrebbe avere qualche parallelismo con quello che fanno psicanalisti e psichiatri”.


Sul suo rapporto con l’ansia, Verdone ha ricordato “l’ho avuta per anni, ci ho convissuto. Senza ansia la mia vita è più piatta. Un po’ mi manca, ma nella vita si cambia. Ho sostituito l’ansia con l’attenzione per i miei figli, anche se ormai sono grandi”.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra per la Cura della Depressione e dell'Ansia a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Cervello: l’insonnia cronica “interrompe” le sinapsi

Cervello: l’insonnia cronica “interrompe” le sinapsi | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

 L’insonnia cronica “interrompe” le sinapsi.

 

È quanto emerge da uno studio condotto da ricercatori cinesi dell’Università di Zhengzhou.Il disturbo cronico da insonnia è caratterizzato da difficoltà ad addormentarsi quando è ora di andare a letto, da frequenti risvegli nel cuore della notte e da un risveglio troppo anticipato al mattino.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra Cura dell'insonnia

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Malattie infiammatorie intestinali. Sempre più evidente la connessione psiche–intestino 

Malattie infiammatorie intestinali. Sempre più evidente la connessione psiche–intestino  | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Aumentano le evidenze a favore della bidirezionalità tra malattie dell’apparato gastrointestinale e psiche.

 

La rivista Gastroenterology pubblica due articoli, che mettono in evidenza anche l’importanza del coinvolgimento nella terapia di un professionista formato proprio su questa materia: il psicogastroenterologo

 

Chi soffre di sindrome dell’intestino irritabile, malattia di Crohn e altre malattie digestive dovrebbe porre alla pische la stessa attenzione che dedica all’apparato gastrointestinale.

 

È il consiglio di un gruppo di ricercatori, guidati da Laurie Keefer, della Icahn School of Medicine al Mount Sinai di New York, che in un articolo pubblicato su Gastroenterology evidenzia come le malattie digestive croniche siano da prendere nel loro contesto psicosociale e come sia importante ricorrere alla psicoterapia nella gestione delle malattie gastrointestinali.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Quasi mille i geni responsabili dell'insonnia

Quasi mille i geni responsabili dell'insonnia | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Sono 956 i geni legati in qualche modo all'insonnia, e in molti casi sono gli stessi che regolano ansia e depressione. Lo ha scoperto uno studio coordinato dalla Vrije University di Amsterdam su oltre un milione e trecentomila Dna, il più vasto mai condotto finora utilizzando il genoma, i cui risultati preliminari sono stati pubblicati sul sito Bioarxiv.   

 

 Il progetto ha utilizzato i dati della Uk Biobank e della compagnia privata 23andMe, confrontando il Dna di persone che soffrivano di insonnia, un problema che è comune al 30% degli adulti, con quello di persone sane.

 

La patologia, definita come la difficoltà a dormire per almeno tre giorni a settimana per diversi mesi, è almeno in parte ereditaria. "La lista che abbiamo trovato potrebbe includere nuovi bersagli per i trattamenti - affermano gli autori - anche se la ricerca potrebbe essere lunga visto che molti dei geni che abbiamo trovato hanno un effetto minuscolo sulla possibilità di essere insonni.

 

Ancora peggiore è il fatto che i geni che abbiamo trovato spiegano meno del 10% del rischio di avere il problema, per cui serviranno studi ancora più grandi per colmare la lacuna".

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra Cura dell'insonnia

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Disturbi mentali nell’Ue: Negli uomini tasso autolesionismo 4 volte maggiore delle donne

Disturbi mentali nell’Ue: Negli uomini tasso autolesionismo 4 volte maggiore delle donne | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

L’analisi Eurostat indica per l’Italia un tasso di autolesionismo del 6,3 per centomila abitanti (in Lituania si supera il 31% mentre  Cipro si ferma al 4,5 per 100.000 abitanti.  

 

Nel nostro paese il minore numero di letti per assistenza psichiatrica dell’Ue: 9 per 100mila abitanti.

 

A cura del dott Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Stimolazione cerebrale profonda o transcranica? Sono colpiti gli stessi network

Stimolazione cerebrale profonda o transcranica? Sono colpiti gli stessi network | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Per una serie di varie malattie neurologiche e psichiatriche, i siti target utilizzati sia per una tecnica invasiva come la stimolazione cerebrale profonda (DBS) sia per approcci non invasivi, come la stimolazione magnetica transcranica, agiscono sullo stesso network cerebrale.

 

«Nella DBS» ricordano gli autori «un elettrodo viene impiantato chirurgicamente in profondità nel cervello e utilizzato per fornire impulsi elettrici ad alta frequenza. Sistemi DBS sono approvati dalla FDA per il trattamento del tremore essenziale e del PD, sono previste esenzioni per l'impiego nella distonia e nel disturbo ossessivo compulsivo (OCD) e si stanno valutando le possibilità d’uso per la depressione, la malattia di Alzheimer (AD) e gli stati di minima coscienza». 

«Alternative non invasive alla DBS» proseguono «comprendono la stimolazione magnetica transcranica (TMS), che utilizza un campo magnetico in rapida evoluzione per indurre correnti, e la stimolazione transcranica a corrente continua (IDC), che prevede l'applicazione di correnti elettriche deboli per modulare il potenziale di membrana neuronale». 

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Come riaddormentarsi quando ci si sveglia nel cuore della notte

Come riaddormentarsi quando ci si sveglia nel cuore della notte | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

«Chi soffre di apnee notturne può anche risvegliarsi in modo completo durante la notte - spiega il professor Luigi Ferini Strambi, neurologo, direttore del Centro di Medicina del sonno del San Raffaele di Milano - e può verificarsi anche il fenomeno della nicturia, cioé la necessità di urinare più volte nel corso della notte. Il ripetuto stimolo alla minzione determina risvegli frequenti, con un impatto importante sulla qualità del sonno». Anche i disturbi del movimento correlati al sonno come le scosse ipniche improvvise (le scosse del corpo) sono causa di risveglio.

 

Il nostro sonno si divide in quattro fasi che si ripetono fino a 5 volte durante la notte. Quando andiamo a letto la prima parte del sonno è profondo, ed è un sonno da cui difficilmente ci risvegliamo. Poi finita la prima ondata di sonno (all’incirca le prime tre ore) il sonno diventa più leggero ed è questo il momento in cui, se ci sono cause interne od esterne, ci si sveglia.

 

Diverso dal risveglio per cause interne o esterne è quello che i medici chiamano «risveglio precoce», che indica la necessità di volersi riappropriare del contatto con la realtà e l’incapacità di mantenere il contatto con il mondo onirico (che tra l’altro ha la funzione di elaborare le situazioni preoccupanti vissute il giorno precedente). Il risveglio precoce è tipico di una personalità ansiosa che, pensando magari alle varie preoccupazioni e alle cose da fare non si riaddormenta più. «Il risveglio precoce è spesso legato a problemi di depressione - spiega Ferini Stambi - ed è talvolta spia proprio di un problema depressivo che compare una decina di giorni dopo. Ilo soggetto comincia a svegliarsi prima, magari alle 6,30, poi alle 6, alle 5,30 e progressivamente anticipa il risveglio».

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra Cura dell'insonnia

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Dormire di più è la ricetta per mangiare meno zuccheri

Dormire di più è la ricetta per mangiare meno zuccheri | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Lo rivela un esperimento pilota condotto presso il King's College di Londra da Wendy Hall e pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition

 

Dormire a sufficienza (non meno di 7 ore per un adulto) migliora l'alimentazione, riduce il consumo di zucchero aggiunto, come quello delle bibite e dei succhi di frutta o i cucchiaini che aggiungiamo noi a casa a tè o caffè o altre bevande e cibi.

 

Lo rivela un esperimento pilota condotto presso il King's College di Londra da Wendy Hall e pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition. Sono tantissimi gli studi 'osservazionali' su campioni di individui che hanno dimostrato negli ultimi anni un nesso tra peso e sonno, evidenziando un rischio sovrappeso e malattie metaboliche (diabete) per chi dorme poco.

 

Questo studio, però, è diverso, trattandosi di un vero esperimento pilota in cui si va a vedere cosa succede all'alimentazione di un campione di persone indotte a dormire di più di quanto dormano normalmente.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra Cura dell'insonnia

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Una rete di geni influisce sulle ore di sonno 

Una rete di geni influisce sulle ore di sonno  | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Uno studio sul moscerino della frutta ha individuato varianti di decine e decine di geni, molti dei quali già noti per essere collegati tra loro in un network, responsabili di una grande variabilità di ore di sonno osservata in questo insetto.

 

Il risultato fa luce sui processi fondamentali di comunicazione cellulare che influenzano la durata del sonno in tutti gli animali, compresi gli esseri umani.

 

Il moscerino della frutta, Drosophila melanogasterè un insetto molto usato nella ricerca biomedica, soprattutto in campo genetico, poiché è un organismo così semplice che permette di studiare processi fisiologici fondamentali, spesso validi anche per gli animali superiori (certo, con le dovute cautele). Lo ha dimostrato uno studio pubblicato su "PLoS Genetics" da Susan Harbison, del National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI), in cui si è scoperto che un piccolo gruppo di geni può spiegare perché il numero di ore di sonno necessarie per sentirsi riposati può variare enormemente tra le persone.

 

A cura del Dott Federico Baranzini - Cura dell'Insonnia

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Oltre 8 milioni d'italiani vittime della fake news sulla salute

Oltre 8 milioni d'italiani vittime della fake news sulla salute | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Può capitare spesso e con facilità di cadere vittime delle fake news sul web. I piccoli problemi di salute, dal mal di testa al raffreddore, riguardano 49 milioni di italiani (17 milioni dei quali con grande frequenza) e Internet è fonte di informazioni per 15 milioni di loro.

 

Ma 8,8 milioni hanno trovato sul web informazioni mediche sbagliate nel corso dell'anno.

 

In particolare, 3,5 milioni di genitori. A lanciare l'allarme e' una ricerca del Censis realizzata in collaborazione con Assosalute.

 

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Gli incubi sono lo specchio delle nostre frustrazioni

Gli incubi sono lo specchio delle nostre frustrazioni | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Il nostro stato d’animo si riflette nei nostri sogni; da piacevoli a decisamente meno rilassanti, fino a diventare veri e propri incubi, i nostri sonni si portano dietro tutte le emozioni della giornata. Se ad esempio ci sentiamo poco autonomi o poco competenti tutto ciò si riflette sul modo in cui dormiamo, facendoci fare brutti sogni e facendoci anche propendere per una interpretazione negativa degli stessi. A rivelarlo è uno studio guidato dall’Università di Cardiff, nel Regno Unito, pubblicato su Motivation and Emotion.

 

I ricercatori hanno condotto due esperimenti: nel primo, a 200 persone è stato chiesto di riflettere sul loro sogno ricorrente più comune, mentre nel secondo sono stati analizzati i ‘diari del sonno’ di 110 persone a cui è stato chiesto di tenerli per tre giorni.

 

L’obiettivo della ricerca era esplorare se le esperienze relative ai bisogni psicologici non soddisfatti nella vita che conduciamo da svegli fossero legate al livello più profondo di elaborazione che i sogni forniscono, cosa che in sostanza potrebbe portare a considerare i sogni ‘cattivi’ come degli ‘scarti’ di esperienze quotidiane scadenti o addirittura non elaborate.

 

Dall’analisi dei dati a disposizione, che riguardavano anche un profilo psicologico dei partecipanti ai due esperimenti, è stato possibile rilevare che le frustrazioni si riflettono sui sogni: coloro che si sentivano insoddisfatti hanno riferito maggiormente temi onirici spaventosi, o da cui emergevano emozioni tristi o arrabbiate. Quando veniva chiesto loro di interpretare i propri sogni, tendevano a farlo usando più parole negative.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psicoterapeuta a Milano 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Allarme fake news in sanità: 8,8 milioni di italiani hanno trovato sul web informazioni mediche sbagliate. 

Allarme fake news in sanità: 8,8 milioni di italiani hanno trovato sul web informazioni mediche sbagliate.  | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it
Il fenomeno anche come conseguenza del fatto che il 73,4% degli italiani è convinto che in caso di piccoli disturbi ci si possa curare da soli.

 

E se il medico di medicina generale (53,5%) e il farmacista (32,2%) restano le principali fonti di informazione, decolla il ricorso ai diversi canali web (28,4%).

 

Il 17% degli italiani consulta siti web generici sulla salute, il 6% i siti istituzionali, il 2,4% i social network. Ma oltre la metà di chi cerca consigli di salute sul web, si imbatte in fake news.

 

Aumenta la tendenza all’automedicazione. Il 73,4% degli italiani è convinto che in caso di piccoli disturbi ci si possa curare da soli. La percentuale è aumentata nel tempo, visto che nel 2007 era pari al 64,1%. Per il 56,5% ci si può curare da sé perché ognuno conosce i propri piccoli disturbi e le risposte adeguate, per il 16,9% perché è il modo più rapido.

Si curano da soli con farmaci da banco, senza bisogno della ricetta medica, 46 milioni di italiani. Di questi, 15 milioni lo fanno spesso. Il ricorso al farmaco è informato, consapevole e maturo. La prima volta che si assume un farmaco senza obbligo di ricetta per curare un piccolo disturbo, il 70,4% degli italiani chiede consiglio al medico o al farmacista, l’83,1% legge sempre il foglietto illustrativo e il 68,4% afferma di comprenderlo appieno. Trascorsi alcuni giorni dall’assunzione del farmaco, se il disturbo persiste l’88,5% si rivolge al medico e il 36,2% al farmacista.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

L'abisso tossico della solitudine

L'abisso tossico della solitudine | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

I risultati di molti studi in campi diversissimi come l’epidemiologia e la genetica hanno iniziato a mostrare un collegamento tra la solitudine e la vulnerabilità a varie malattie fisiche e psicologiche, che vanno dalla depressione al declino cognitivo, ai problemi cardiocircolatori.

 

La ricerca sulla solitudine si concentra sui giovani, gli anziani e in generale chi ha una visione negativa di sé. Spesso i bambini si sentono soli perché le loro competenze sociali sono inadeguate, mentre per gli anziani la causa può essere la perdita delle persone amate.

 

Gli interventi per dissipare il senso assillante di solitudine hanno avuto successo in tutte le fasce d’età quando hanno ridotto i pensieri negativi. Per gli anziani si sono rivelati utili anche la meditazione mindfulness, l’uso di Skype e persino la vicinanza di robot da compagnia

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Le basi molecolari dei disturbi psichiatrici

Le basi molecolari dei disturbi psichiatrici | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Una ricerca ha definito gli schemi di espressione genica di cinque disturbi neuropsichiatrici: autismo, schizofrenia, disturbo bipolare, depressione e alcolismo.

 

Sono emerse somiglianze e differenze sorprendenti: il disturbo bipolare è più vicino alla schizofrenia che alla depressione mentre depressione e alcolismo hanno profili molecolari molto specifici, diversi dagli altri disturbi

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano

Se vuoi rimanere aggiornato, seguimi su Facebook o Twitter

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Vitamina D può alleviare i sintomi del colon irritabile

Vitamina D può alleviare i sintomi del colon irritabile | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Supplementi di vitamina d possono aiutare ad alleviare alcuni dolorosi sintomi della sindrome dell'intestino irritabile. È quanto emerge da uno studio dell'Università di Sheffield, nel Regno Unito, pubblicato sulla rivista European Journal of Clinical Nutrition.

 

Attraverso la revisione di sette ricerche precedenti la conclusione a cui i ricercatori sono giunti è che i supplementi di vitamina d aiutano ad alleviare sintomi come dolore addominale, gonfiore, diarrea e costipazione.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Andrea Fiorillo: il nuovo presidente della Società Italiana di Psichiatria Sociale 

Andrea Fiorillo: il nuovo presidente della Società Italiana di Psichiatria Sociale  | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

E' Andrea Fiorillo il nuovo presidente della Società Italiana di Psichiatria Sociale.

 

Al termine dei lavori del Congresso della società Fiorillo, Associato di Psichiatria presso l'Università della Campania "L. Vanvitelli", ha preso il posto di Paolo Girardi.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Italia ultima in UE per i posti letto psichiatrici

Italia ultima in UE per i posti letto psichiatrici | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it
 

I disturbi mentali nell'Unione Europea sono responsabili del 3,7% di tutti i decessi (l'Italia ne conta il 2,9%) e negli uomini il tasso di autolesionismo e' 4 volte maggiore delle donne. Lo dice l'ultima analisi dell'Eurostat che indica per l'Italia il minore numero di letti per assistenza psichiatrica dell'Ue. 

 

Sono solo 9 per 100mila abitanti. Nel 2015, nell'Ue c'erano 367mila letti di assistenza psichiatrica negli ospedali, equivalenti al 14,0% di tutti i letti d'ospedale.

 

Questa quota ha superato un quarto nei Paesi Bassi (30,3%, dati 2013), Belgio (28,1%) e Malta (27,9%), mentre era inferiore a un decimo in Polonia (9,8%), Bulgaria (9,5%), Austria (8.1 %), Cipro (6,4%) e Italia (2,9%). 

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Sindrome di Tourette. Efficace, in alcuni casi, la stimolazione cerebrale profonda

Sindrome di Tourette. Efficace, in alcuni casi, la stimolazione cerebrale profonda | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

La stimolazione cerebrale profonda è efficace in alcuni pazienti affetti da Sindrome di Tourette.

 

Da quanto evidenziato sulla base dei dati di 12 mesi di un registro internazionale, questa tecnica sembra migliorare i sintomi della sindrome di Tourette, anche se si possono manifestare effetti avversi.

 

Questa evidenza emerge da uno studio pubblicato da Jama Neurology.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano 

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Neurostimolazione nel trattamento del dolore neuropatico e della fibromialgia,: le nuove linee guida 

Neurostimolazione nel trattamento del dolore neuropatico e della fibromialgia,: le nuove linee guida  | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

ono state recentemente pubblicate le linee guida EAN (European Federation of Neurological Societies) sulla neurostimolazione e il dolore neuropatico.

 

Il documento affronta varie condizioni dalla fibromialgia al dolore neuropatico sottolineando per ognuna l'efficacia di differenti tipologie di neurostimolazione. I ricercatori, tra cui il prof. Giorgio Cruccu della Sapienza Università di Roma sottolineano la bassa-moderata qualità delle prove raccomandando nuovi studi su ampia scala.

 

Le linee guida, alla cui stesura hanno partecipato anche il prof. Giorgio Cruccu e il dr. Andrea Truini del dipartimento di Neurologia e Psichiatria della Sapienza Università di Roma, sono state pubblicate sull' European Journal of Neurology.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

L’apnea del sonno danneggia il cervello dei bambini e può portare a Disturbi dell'Apprendimento

L’apnea del sonno danneggia il cervello dei bambini e può portare a Disturbi dell'Apprendimento | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Anche un episodio di apnea per notte può provocare cambiamenti cronici e acuti nel tessuto cerebrale dei bambini che soffrono di questo disturbo respiratorio.

 

L’evidenza emerge da uno studio australiano che ha utilizzato una tecnica di imaging biochimica.

 

“Questo studio dimostra che l’apnea nel sonno dei bambini non può essere ignorata”, spiega Horne autore dello studio . Pur essendoci una correlazione crescente con la gravità del disturbo, “anche quei bambini con meno di un evento ostruttivo per ora di sonno avrebbero mostrato evidenze di alterazione a livello cerebrale”, continua Horne.

 

“Il fatto che abbiamo scoperto che molti dei cambiamenti a livello cerebrale sono acuti, fornisce la prova che il trattamento potrebbe invertire alcuni deficit associati con l’alterazione della respirazione nel sonno.

 

Diagnosi e trattamento precoci avranno probabilmente un effetto maggiore nel prevenire problemi associati alla respirazione del sonno, come elevata pressione sanguigna, difficoltà comportamentali e di apprendimento”.

 

A cura della drssa Beatrice Dugandzija - Neuropsichiatra e Terapeuta Infantile a Milano 

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

I giovani e la salute sul web. L’88% cerca notizie su malattie, cure, alimentazione e attività fisica.

I giovani e la salute sul web. L’88% cerca notizie su malattie, cure, alimentazione e attività fisica. | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Presentato il report 2017 di @Two!Salute!:

 

il punto di vista degli studenti del Veneto su tecnologie e salute Il rapporto evidenzia il potenziale ruolo di mediatori digitali dei Millennials che, anche se dichiarano una scarsa conoscenza dei servizi sanitari digitali, si sente in grado nel 76% dei casi di usare i servizi per aiutare i famigliari.

 

Il rapporto evidenzia il potenziale ruolo di mediatori digitali dei Millennials anche se dichiarano una scarsa conoscenza dei servizi sanitari digitali: il 79% (erano il 69%) non ha mai visitato il sito web della propria ULSS e ben il 70% (contro il 53% di due anni fa) non conosce i servizi di eHealth presentati, pur dichiarando l’intenzione di utilizzarli (92%, in crescita dall’85% del 2015).

Le risposte mettono in risalto anche il ruolo di mediatori tecnologici assunto dai ragazzi nei contesti familiari, dove contribuiscono a diffondere l’uso degli strumenti e delle tecnologie. Il 76% degli studenti si sente in grado di usare i servizi anche per aiutare i famigliari ed il 48% ha regalato uno smartphone ad un componente della famiglia, in particolare a mamma (32%) e nonni (17%), nel 17% dei casi il regalo è stato destinato a parenti over 65.

 

A cura del dott Federico Baranzini - Psichiatra a Milano 

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Risvegli notturni persistenti connessi a problemi emotivi e comportamentali nei bambini

Risvegli notturni persistenti connessi a problemi emotivi e comportamentali nei bambini | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

I risvegli notturni persistenti nei bambini di 2-5 anni sono associati positivamente a sintomi emotivi, inattenzione/iperattività e problemi di condotta quando il bambino giunge in età prescolare

 

Secondo Sabine Plancoulaine della INSERM di Villejuif, autrice di uno studio su 1.134 bambini, i problemi di risveglio notturno sono comuni negli anni prescolari, e possono persistere nel tempo

 

Dati i problemi ad essi associati, l’investigazione sistematica su quantità e qualità del sonno nei primi anni di vita e la provisione di consigli sull’igiene del sonno potrebbero essere di beneficio per molti bambini, ed in particolar modo per quelli che presentano difficoltà comportamentali.

 

La correlazione fra risvegli notturni e problemi comportamentali apre la via ad una migliore comprensione sulla natura dei problemi dell’esternalizzazione comune e dell’autoregolazione internalizzata  come inattenzione/iperattività, problemi di condotta e sintomi emotivi.

 

Il presente studio, identificando indizi ai quali guardare quando si sospetta che un bambino abbia problemi di attenzione, fornisce l’opportunità di introdurre gli interventi anche prima della tradizionale età di insorgenza, il che potrebbe incrementarne il successo.

 

Lo studio inoltre supporta la sostituzione del termine “deficit” con “disregolazione” nel campo dell’ADHD. L’associazione fra fenomeni apparentemente non correlati come i risvegli notturni ed i disturbi della condotta prova che questi problemi abbiano una radice comune, e probabilmente si tratti della disregolazione di processi neurali, il che spiegherebbe, ad esempio, come mai i soggetti con ADHD dimostrino molta attenzione in alcune situazioni e la totale incapacità di concentrarsi in altre.

 

A cura della drssa Beatrice Dugandzija - Neuropsichiatra Infantile a Milano 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Diversi tipi di alcolici scatenano emozioni differenti

Diversi tipi di alcolici scatenano emozioni differenti | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Vodka, gin, whiskey ed altri alcolici hanno maggiori probabilità di incrementare l’aggressività rispetto ad altre bevande alcoliche e, inoltre, altri tipi di alcolici fanno emergere altre emozioni specifiche.

 

Questo dato deriva da un’indagine condotta su 29.836 persone da Kathryn Ashton della Public Health Wales NHS Trust di Cardiff, secondo cui esso evidenzia la complessa correlazione fra la scelta delle bevande alcoliche e le emozioni.

 

Secondo l’indagine, bene più alcolici in una singola sessione potrebbe incrementare l’impatto delle emozioni, e coloro che bevono di più hanno minori probabilità di riportare senso di stanchezza.

 

Ciò risulta coerente con le attuali evidenze su consumo pesante e dipendenza da alcool, compreso anche lo sviluppo della tolleranza ai suoi effetti sedativi. Quanto riscontrato suggerisce che le persone inavvertitamente selezionino bevande che suscitano emozioni negative in quanto bramano le emozioni positive che le accompagnano, e supporta le teorie secondo cui la dipendenza da alcool sia più un meccanismo di gestione che un fattore di piacere.

 

A cura del dott Federico Batranzini - Psichiatra delle Dipendenze

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Da smartphone a social, tecnologie minano la salute dei teenager 

Da smartphone a social, tecnologie minano la salute dei teenager  | Psichiatria, Medicina di Base e Psicosomatica | Scoop.it

Smartphone, social, videogame: è il fuoco incrociato che minaccia la salute degli adolescenti di oggi che, alle prese con queste e altre tecnologie, perdono preziose ore di sonno che mettono a repentaglio lo sviluppo stesso del loro cervello, li mettono a rischio di impulsività e possono favorire l'insorgere di disturbi psichici nel caso vi sia una predisposizione latente del giovane.

 

A cura della drssa Beatrice Dugandzija - Neuropsichiatra dell'Adolescenza

more...
No comment yet.