Napoli: Approvata dal Consiglio Comunale la modifica del Regolamento Commissione Edilizia
7 views | +0 today
Follow
Napoli: Approvata dal Consiglio Comunale la modifica del Regolamento Commissione Edilizia
APPROVATA MODIFICA REGOLAMENTO COMMISSIONE EDILIZIA 29 favorevoli, 6 contrari e 7 astenuti La discussione sulla delibera di proposta al Consiglio comunale di Napoli per la revisione dell'articolo 16 del Regolamento edilizio - Definizione e compiti della Commissione Edilizia (n. 908/2011) è stata introdotta dalla relazione dell'assessore all'Urbanistica De Falco il quale ha illustrato le motivazioni della proposta, e cioé lo snellimento e la velocizzazione delle procedure in materia edilizia, ed ha ricordato che la stessa va inquadrata in un processo più ampio che vede la istituzione della commissione Urbanistica prevista nel Piano Regolatore, mai costituita finora, e in quello dell'attivazione delle procedure telematiche per le pratiche, sia per la Dichiarazione di Inizio Attività, già possibile, che per i permessi per costruire. Il dibattito è iniziato con l'intervento del presidente della commissione Diritti e Sicurezza, Gaetano Troncone, che ha illustrato il lavoro svolto dalla commissione congiuntamente alla Commissione Urbanistica e con la partecipazione dell'assessore De Falco, dibattito che, tuttavia, non si è concluso con l'espressione di un parere ma con la decisione di rinviare al Consiglio la proposta pur essendo prevalente, in Commissione, l'orientamento per l'accoglimento positivo della proposta. Al dibattito hanno preso parte la consigliera Teresa Caiazzo la quale in considerazione dell'importanza di tutelare la qualità urbana e non condividendo il restringimento delle prerogative della Commissione Edilizia soprattutto sugli aspetti architettonici ha proposto di mantenere la formulazione attuale e richiesto che la decisione del Consiglio in merito venisse differita. Trasformata in "pregiudiziale" al termine del dibattito, la proposta della consigliera di rinviare ogni decisione in merito è stata respinta a maggioranza dal Consiglio con l' astensione di Antonio Borriello, Zimbaldi, Federazione della Sinistra e PdL Napoli. Il dibattito è proseguito con gli interventi dei consiglieri Lebro, Moretto, Iannello, Fucito, Gennaro Esposito, Moxedano i quali hanno trattato diversi aspetti della questione ed illustrato gli ordini del giorno presentati. Nella replica l'assessore De Falco ha ringraziato per l'elevata qualità del dibattito svolto e ribadito l'utilità della modifica del regolamento edilizio sia per evitare sovrapposizioni di competenze - è agli uffici dell'edilizia che spetta ormai per legge il controllo sulla conformità degli interventi edilizi - sia per velocizzare le procedure, facendo l'esempio del condono per la chiusura del quale, approvata la modifica, si potrebbero dimezzare i tempi rispetto ai ben 9 anni necessari attualmente. Il Consiglio ha quindi approvato all'unanimità i due ordini del giorno presentati sull'argomento. Il primo - con primi firmatari Lebro e Santoro - chiede l'istituzione dello strumento previsto dal Regolamento edilizio per garantire la pubblicità degli atti urnbanistici e edilizi, cioé l'Atlante della Città di Napoli. Il secondo ordine del giorno, proposto da Iannello, impegna la Giunta a dotare di ulteriori adeguate figure professionali il dipartimento Urbanistica al fine di migliorare il controllo dell'Amministrazione sugli aspetti del disegno urbano e architettonico e di salvaguardia dei valori ambientali. La votazione sulla proposta di delibera si è svolta con appello nominale (richiesto dal consigliere Moretto) ed ha avuto il seguente esito: 29 favorevoli, 6 contrari e 7 astenuti. Il Consiglio ha quindi deciso di rinviare alla prossima seduta utile la nomina di tre consiglieri quali membri dell'Osservatorio sul Decentramento. In chiusura, il Consiglio ha anche approvato all'unanimità l'ordine del giorno che impegna il sindaco ad intervenire presso la Regione Campania per scongiurare la chiusura - almeno fino all'entrata in funzione dell'Ospedale del Mare - dei presidi di pronto soccorso degli ospedali Acalesi e San Gennaro e la delocalizzazione del presidio Asl di Chiaiano.​​ Fonte: Studio 147
No scoops have been published yet. Suggest content to its curator!