Mondo agricolo e altro
361 views | +0 today
Follow
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Suggested by myfruit
Scoop.it!

sondaggio myfruit: gli sprechi agroalimentari

In questi mesi si discute molto di sprechi agroalimentari che nessuno nega. Secondo voi dove avvengono maggiormente?

more...
No comment yet.
Rescooped by Beppe G.™ from myfruit - frutta e verdura
Scoop.it!

Ecco l’ananas al cocco per la piña colada perfetta

Ecco l’ananas al cocco per la piña colada perfetta | Mondo agricolo e altro | Scoop.it

Promette di diventare un ingrediente indispensabile per bar, ristoranti e resort che servono il cocktail tropicale. L’annuncio è appena giunto: siamo nella fase finale della sua messa a punto; nel giro di un paio d’anni il nuovo tipo di ananas sbarcherà nei supermercati e sui banconi dei bar. Si chiamerà AusFestival, e come il nome promette, è una varietà “festosa” del frutto tropicale: dolce, succosissimo, e con un altrettanto tropicale retrogusto di cocco.


Via myfruit
more...
No comment yet.
Scooped by Beppe G.™
Scoop.it!

Più biofuel grazie alla modificazione genetica delle piante

Più biofuel grazie alla modificazione genetica delle piante | Mondo agricolo e altro | Scoop.it
RinnovabiliPiù biofuel grazie alla modificazione genetica delle pianteRinnovabiliI ricercatori provenienti da Danimarca, Thailandia e Stati Uniti potrebbero però aver trovato una soluzione a questo problema usando tecniche di manipolazione genetica...
more...
No comment yet.
Rescooped by Beppe G.™ from Food Safety - Controllo degli Alimenti
Scoop.it!

Sicurezza alimentare: l'Europa tra agribusiness, piccoli agricoltori e Monsanto

Sicurezza alimentare: l'Europa tra agribusiness, piccoli agricoltori e Monsanto | Mondo agricolo e altro | Scoop.it

l'Europa tra agribusiness, piccoli agricoltori e gli aiuti alla Monsanto. [ 26 novembre 2012 ].


Via Federico Molino, Massimo Piccotto
more...
No comment yet.
Rescooped by Beppe G.™ from Agricoltura biologica
Scoop.it!

La sostanza organica nella gestione sostenibile delle colture

La sostanza organica nella gestione sostenibile delle colture | Mondo agricolo e altro | Scoop.it
Un recente studio scientifico pubblicato sull’ Informatore Agrario (n° 18/2012) sancisce il ruolo fondamentale della sostanza organica nella gestione agronomica sostenibile delle colture agrarie.

Via Biovegetal
more...
No comment yet.
Rescooped by Beppe G.™ from Cucina sana e naturale
Scoop.it!

È ITALIANO IL MIGLIOR VINO BIOLOGICO DEL MONDO. È IL ROSÈ DI BARONE PIZZINI

È ITALIANO IL MIGLIOR VINO BIOLOGICO DEL MONDO. È IL ROSÈ DI BARONE PIZZINI | Mondo agricolo e altro | Scoop.it

È stato il Franciacorta Rosè DOCG 2008 della cantina Barone Pizzini il grande protagonista a Londra dell’International Wine Challenge, l’autorevole concorso enologico nato nel 1984, dove si è aggiudicato uno dei più importanti riconoscimenti in palio, l’IWC Organic Trophy, riservato al MIGLIOR VINO BIOLOGICO al mondo.Una marcia trionfale quella del Franciacorta Rosè DOCG 2008 di Barone Pizzini, che ha superato brillantemente tutte le fasi della storica competizione di vino nata nel 1984, tra le più selettive e rigorose, assolutamente indipendente, che ogni anno vede coinvolti 400 giudici impegnati a degustare alla cieca 21000 bottiglie provenienti da più di 50 Paesi. Un cammino costellato dai successi: dalla Medaglia d’Oro, unico vino italiano nella tipologia sparkling a raggiungere questo massimo punteggio, sino a guadagnarsi il primato mondiale per la categoria del biologico. Questa la motivazione con cui la giuria internazionale di esperti enologi, sommelier, giornalisti e winemaker ha consegnato l’IWC Organic Trophy: “…Barone Pizzini usa esclusivamente sostanze che si trovano in natura o che si possono ottenere attraverso dei processi semplici. Niente elaborazione chimica o manipolazioni genetiche, nessun fertilizzante nè pesticidi sintetizzati chimicamente…”

Ma non è tutto: al già ricco il bottino dei premi di Barone Pizzini nella trasferta londinese, se ne deve aggiungere un altro: l’Italian Sparkling Trophy, riservato al miglior vino effervescente italiano.

A ricevere i premi, un orgoglioso Silvano Brescianini, direttore dell’azienda: “Lavoriamo da anni nel rispetto dei valori in cui crediamo, seguendo i dettami dell’agricoltura biologica e senza perdere mai di vista il nostro obiettivo, produrre vini di qualità superiore. Oggi l’impegno, la fatica e la passione che ci legano al nostro territorio sono ripagati da questo riconoscimento in un concorso internazionale autorevolissimo. Un’ immensa, soddisfazione per noi e un ulteriore stimolo a proseguire su questa strada, ma un traguardo importante anche per tutta l’enologia italiana da agricoltura biologica, da oggi sul tetto del mondo “.

Fonte: viniegastronomia - http://bit.ly/WxrqIQ

 


Via Verde Cuore
more...
No comment yet.
Rescooped by Beppe G.™ from Diario verde
Scoop.it!

Case di Paglia: come autocostruire una casa naturale e autosufficiente con 45mila euro

Case di Paglia: come autocostruire una casa naturale e autosufficiente con 45mila euro | Mondo agricolo e altro | Scoop.it

Casa di paglia autocostruita. I cereali oltre che il pane, ci possono dare anche una casa. La paglia, materiale di risulta della produzione dei cereali, è infatti un ottimo materiale da costruzione ed il suo utilizzo si sta sviluppando velocemente anche in Italia. La paglia viene utilizzata nelle costruzioni sotto forma di balle o ballette pressate, che sostituiscono il tradizionale mattone in terra cotta, andando a costituire il materiale per il tamponamento e l'isolamento dei muri e delle coperture; la struttura solitamente è in legno, un materiale naturale e con ottime prestazioni anti sismiche. Dall'idea di sperimentare questo materiale e tutte le sue potenzialità nasce il progetto Filo di Paglia, un gruppo di giovani architetti e designer, che dopo essersi formati sul tema in Italia ed all'estero, mette in pratica le proprie esperienze, progettando e realizzando edifici in balle di paglia. Lo studio si occupa di progettazione, formazione e di assistenza all'autocostruzione. La realizzazione di murature in balle di paglia infatti è molto semplice, e questa semplicità permette ai proprietari di realizzare parte dell'abitazione direttamente con le proprie mani, abbattendo notevolmente i costi di costruzione. Si può decidere di realizzare da soli le murature in paglia; gli intonaci, solitamente in terra cruda e calce; o di spingersi ancora oltre e di realizzare completamente in autocostruzione la propria casa. L'autocostruzione non è uno scherzo, ed è importante che chi decide di avvicinarsi al lavoro del cantiere sia ben formato e sappia come muoversi e lavorare con gli altri "per questo organizziamo corsi di formazione, perché le persone possano provare cosa vuol dire lavorare in un cantiere e riescano a capire i propri limiti e potenzialità, prima di instradarsi in un viaggio che a volte può essere anche molto lungo. Inoltre i corsi di formazioni sono utili anche per aiutare le persone a capire che una casa in paglia è solida e duratura, che non parliamo della casa dei tre porcellini, ma di un edificio confortevole, isolato e sano", spiegano i ragazzi di Filo d'Oro. La paglia è un materiale totalmente naturale, che ha un ciclo di vita breve (ogni anno si rigenera), e che non richiede grosso impiego di energia grigia (le piante già si coltivano per la produzione dei cereali). La paglia non rilascia nell'ambiente sostanze inquinanti, ha un'elevata traspirabilità e permette alle pareti di respirare, garantendo sempre un elevato confort termo igrometrico interno agli edifici. La buona progettazione e realizzazione per un edificio in paglia è molto importante, è fondamentale proteggere il materiale in maniera adeguata da acqua e umidità, "si dice che un edificio in paglia deve avere buoni stivali ed un buon cappello!" e seguire alcuni accorgimenti in fase di realizzazione dell'edificio. Filo di Paglia ha progettato e realizzato alcuni edifici in Italia, sia aiutando i proprietari nell'autocostruzione che organizzando il lavoro di ditte specializzate. L'autocostruzione della casa 45k In particolare la casa 45K , casa di Andrea e Francesca e una delle sedi dello studio, è stato un primo banco di prova per sperimentare l'utilizzo della paglia e altre tecnologie naturali, oltre alla progettazione di arredi interni che utilizzano materiali riciclati e di scarto. La casa è stata realizzata da Andrea e Francesca completamente in autocostruzione, con un budget totale di 45.000 Euro (da qui il nome) e 3000 ore di lavoro. Le murature riprendono ed adattano al contesto italiano la tecnica canadese GREB, ma rispetto a questa propongono alcune interessanti innovazioni: il cemento che è previsto nella realizzazione della malta GREB non è stato utilizzato ed è stato sostituito con argilla e calce naturale; inoltre per dare ancora maggior stabilità e resistenza alle murature le balle di paglia sono state ulteriormente pressate e bloccate alla struttura portante in legno, andando a costituire con questa un unico corpo, così che la paglia possa contribuire alla riduzione delle eventuali azioni sismiche; inoltre, per rispondere in maniera più efficiente alle esigenze di isolamento estivo, è stata aumentata la massa del muro attraverso l'utilizzo di uno spessore maggiore di malta e di intonaco. Al centro dell'edificio si trova una stufa in terra cruda, che attraverso un sistema di ricircolo dei fumi, contribuisce al riscaldamento di tutti gli ambienti. L'impianto di riscaldamento a parete è alimentato da una pompa di calore e tutta l'energia che serve alla casa è fornita da pannelli fotovoltaici e da mini pale eoliche. La casa è un'isola, completamente autosufficiente! Si tratta di una delle prime abitazioni off – grid realizzate in Italia. Anche le finiture interne ed esterne sono realizzate con materiali naturali; il particolare colore bianco dell'intonaco esterno è dato dalla calce naturale, utilizzata per la finitura dei muri; i pavimenti sono stati realizzati in argilla, sperimentando la tecnica giapponese del Tataki, ed il particolare colore di finitura è dato dall'utilizzo di pigmenti di terra di Siena rossa e gialla; gli intonaci interni in grassello sono stati realizzati con la tecnica dell'affresco e quelli di bagno e cucina con la tecnica marocchina del Tadelakt, che attraverso l'utilizzo di una finitura realizzata con il sapone rende impermeabili e lavabili le superfici. Il costo di costruzione della casa è veramente minimo, ma anche realizzando un edificio in paglia non in autocostruzione si può arrivare ad un importante risparmio, sia nei costi di costruzione, dovuti all'utilizzo di un materiale povero, che ai costi di gestione, una casa in paglia riesce a far risparmiare il 75% su costi energetici per riscaldamento e raffrescamento. L'utilizzo di un materiale naturale a basso impatto ambientale, la facilità di costruzione, l'abbattimento dei costi per l'isolamento e per la gestione della casa rappresentano le maggiori innovazioni e potenzialità della paglia nelle costruzioni, senza considerare che a "fine vita" quasi la totalità dell'edificio può essere riciclata o biodegradata, abbattendo costi ed esternalità negative anche per le generazioni future. Potete leggere e seguire la storia della costruzione della casa sul sito www.filodipaglia.com , dove un blog ripercorre le fasi della costruzione, raccontando esperienze, difficoltà e tante soddisfazioni. Fonte: GreenMe - http://bit.ly/SHdi1G


Via Verde Cuore
more...
No comment yet.
Scooped by Beppe G.™
Scoop.it!

Sprechi cibo, ecco vademecum Ue per ridurli - Europa - Terra&Gusto - ANSA.it

Sprechi cibo, ecco vademecum Ue per ridurli - Europa - Terra&Gusto - ANSA.it | Mondo agricolo e altro | Scoop.it
Sprechi cibo, ecco vademecum Ue per ridurli, Un terzo alimenti prodotti per consumo umano viene sprecato, Nei 27 Stati membri dell'Ue ogni anno si buttano nella spazzatura circa 89 milioni di tonnellate di cibo, con una media di 149 kg pro capite,...
more...
No comment yet.
Scooped by Beppe G.™
Scoop.it!

Dottore Agronomo Beppe G. Bullegas

Dottore Agronomo Beppe G. Bullegas | Mondo agricolo e altro | Scoop.it
Lo Studio BGBullegas si rivolge ad aziende e operatori del settore Agricolo Agroalimentare e...
more...
No comment yet.
Rescooped by Beppe G.™ from myfruit - frutta e verdura
Scoop.it!

C'est ma vie dans les halles

In un video musicale la vita di un operatore del mercato ortofrutticolo all'ingrosso di Parigi


Via myfruit
more...
No comment yet.
Rescooped by Beppe G.™ from Food Safety - Controllo degli Alimenti
Scoop.it!

Pro e contro degli alimenti ricchi di istamina

Pro e contro degli  alimenti ricchi di istamina | Mondo agricolo e altro | Scoop.it
Rimedi naturali: cos'e' l'istamina?I pro e i contro...

Via Massimo Piccotto
more...
No comment yet.
Rescooped by Beppe G.™ from Food Safety - Controllo degli Alimenti
Scoop.it!

Muffa del pane, la causa è la Salmonella

Muffa del pane, la causa è la Salmonella | Mondo agricolo e altro | Scoop.it
L'aflatossina non si trova nei prodotti da forno lasciati all'aria, nei latticini (lì possono esserci la Salmonella e la Shigella, in caso), nella verdura fresca o nella frutta, nella carne, nelle uova (di nuovo Salmonella) e nel pesce.

Via Massimo Piccotto
more...
No comment yet.
Rescooped by Beppe G.™ from myfruit - frutta e verdura
Scoop.it!

Enorme scarsita' di ortaggi spagnoli sul mercato europeo: prezzi alle stelle

Enorme scarsita' di ortaggi spagnoli sul mercato europeo: prezzi alle stelle | Mondo agricolo e altro | Scoop.it

..."Soprattutto i prezzi dei broccoli sono su un livello elevato" racconta un importatore. "Tutti sono alla ricerca di broccoli. A causa delle forti piogge si è persa gran parte della raccolta. Non ci si lamenta della domanda, ma la situazione non è facile...


Via myfruit
more...
No comment yet.
Rescooped by Beppe G.™ from Diario verde
Scoop.it!

Case di Paglia: come autocostruire una casa naturale e autosufficiente con 45mila euro

Case di Paglia: come autocostruire una casa naturale e autosufficiente con 45mila euro | Mondo agricolo e altro | Scoop.it

Casa di paglia autocostruita. I cereali oltre che il pane, ci possono dare anche una casa. La paglia, materiale di risulta della produzione dei cereali, è infatti un ottimo materiale da costruzione ed il suo utilizzo si sta sviluppando velocemente anche in Italia. La paglia viene utilizzata nelle costruzioni sotto forma di balle o ballette pressate, che sostituiscono il tradizionale mattone in terra cotta, andando a costituire il materiale per il tamponamento e l'isolamento dei muri e delle coperture; la struttura solitamente è in legno, un materiale naturale e con ottime prestazioni anti sismiche. Dall'idea di sperimentare questo materiale e tutte le sue potenzialità nasce il progetto Filo di Paglia, un gruppo di giovani architetti e designer, che dopo essersi formati sul tema in Italia ed all'estero, mette in pratica le proprie esperienze, progettando e realizzando edifici in balle di paglia. Lo studio si occupa di progettazione, formazione e di assistenza all'autocostruzione. La realizzazione di murature in balle di paglia infatti è molto semplice, e questa semplicità permette ai proprietari di realizzare parte dell'abitazione direttamente con le proprie mani, abbattendo notevolmente i costi di costruzione. Si può decidere di realizzare da soli le murature in paglia; gli intonaci, solitamente in terra cruda e calce; o di spingersi ancora oltre e di realizzare completamente in autocostruzione la propria casa. L'autocostruzione non è uno scherzo, ed è importante che chi decide di avvicinarsi al lavoro del cantiere sia ben formato e sappia come muoversi e lavorare con gli altri "per questo organizziamo corsi di formazione, perché le persone possano provare cosa vuol dire lavorare in un cantiere e riescano a capire i propri limiti e potenzialità, prima di instradarsi in un viaggio che a volte può essere anche molto lungo. Inoltre i corsi di formazioni sono utili anche per aiutare le persone a capire che una casa in paglia è solida e duratura, che non parliamo della casa dei tre porcellini, ma di un edificio confortevole, isolato e sano", spiegano i ragazzi di Filo d'Oro. La paglia è un materiale totalmente naturale, che ha un ciclo di vita breve (ogni anno si rigenera), e che non richiede grosso impiego di energia grigia (le piante già si coltivano per la produzione dei cereali). La paglia non rilascia nell'ambiente sostanze inquinanti, ha un'elevata traspirabilità e permette alle pareti di respirare, garantendo sempre un elevato confort termo igrometrico interno agli edifici. La buona progettazione e realizzazione per un edificio in paglia è molto importante, è fondamentale proteggere il materiale in maniera adeguata da acqua e umidità, "si dice che un edificio in paglia deve avere buoni stivali ed un buon cappello!" e seguire alcuni accorgimenti in fase di realizzazione dell'edificio. Filo di Paglia ha progettato e realizzato alcuni edifici in Italia, sia aiutando i proprietari nell'autocostruzione che organizzando il lavoro di ditte specializzate. L'autocostruzione della casa 45k In particolare la casa 45K , casa di Andrea e Francesca e una delle sedi dello studio, è stato un primo banco di prova per sperimentare l'utilizzo della paglia e altre tecnologie naturali, oltre alla progettazione di arredi interni che utilizzano materiali riciclati e di scarto. La casa è stata realizzata da Andrea e Francesca completamente in autocostruzione, con un budget totale di 45.000 Euro (da qui il nome) e 3000 ore di lavoro. Le murature riprendono ed adattano al contesto italiano la tecnica canadese GREB, ma rispetto a questa propongono alcune interessanti innovazioni: il cemento che è previsto nella realizzazione della malta GREB non è stato utilizzato ed è stato sostituito con argilla e calce naturale; inoltre per dare ancora maggior stabilità e resistenza alle murature le balle di paglia sono state ulteriormente pressate e bloccate alla struttura portante in legno, andando a costituire con questa un unico corpo, così che la paglia possa contribuire alla riduzione delle eventuali azioni sismiche; inoltre, per rispondere in maniera più efficiente alle esigenze di isolamento estivo, è stata aumentata la massa del muro attraverso l'utilizzo di uno spessore maggiore di malta e di intonaco. Al centro dell'edificio si trova una stufa in terra cruda, che attraverso un sistema di ricircolo dei fumi, contribuisce al riscaldamento di tutti gli ambienti. L'impianto di riscaldamento a parete è alimentato da una pompa di calore e tutta l'energia che serve alla casa è fornita da pannelli fotovoltaici e da mini pale eoliche. La casa è un'isola, completamente autosufficiente! Si tratta di una delle prime abitazioni off – grid realizzate in Italia. Anche le finiture interne ed esterne sono realizzate con materiali naturali; il particolare colore bianco dell'intonaco esterno è dato dalla calce naturale, utilizzata per la finitura dei muri; i pavimenti sono stati realizzati in argilla, sperimentando la tecnica giapponese del Tataki, ed il particolare colore di finitura è dato dall'utilizzo di pigmenti di terra di Siena rossa e gialla; gli intonaci interni in grassello sono stati realizzati con la tecnica dell'affresco e quelli di bagno e cucina con la tecnica marocchina del Tadelakt, che attraverso l'utilizzo di una finitura realizzata con il sapone rende impermeabili e lavabili le superfici. Il costo di costruzione della casa è veramente minimo, ma anche realizzando un edificio in paglia non in autocostruzione si può arrivare ad un importante risparmio, sia nei costi di costruzione, dovuti all'utilizzo di un materiale povero, che ai costi di gestione, una casa in paglia riesce a far risparmiare il 75% su costi energetici per riscaldamento e raffrescamento. L'utilizzo di un materiale naturale a basso impatto ambientale, la facilità di costruzione, l'abbattimento dei costi per l'isolamento e per la gestione della casa rappresentano le maggiori innovazioni e potenzialità della paglia nelle costruzioni, senza considerare che a "fine vita" quasi la totalità dell'edificio può essere riciclata o biodegradata, abbattendo costi ed esternalità negative anche per le generazioni future. Potete leggere e seguire la storia della costruzione della casa sul sito www.filodipaglia.com , dove un blog ripercorre le fasi della costruzione, raccontando esperienze, difficoltà e tante soddisfazioni. Fonte: GreenMe - http://bit.ly/SHdi1G


Via Verde Cuore
more...
No comment yet.
Scooped by Beppe G.™
Scoop.it!

Promozione Ue, Catania: Approvati due progetti italiani per investimenti complessivi superiori a 6 milioni di euro | Agricoltura Italiana Online

Promozione Ue, Catania: Approvati due progetti italiani per investimenti complessivi superiori a 6 milioni di euro | Agricoltura Italiana Online | Mondo agricolo e altro | Scoop.it
more...
No comment yet.