Le Marche un'altra Italia
159.3K views | +29 today
Follow
Le Marche un'altra Italia
Le Marche: il gioiello nascosto nel negozio di tesori d'Italia.
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Ricette Marchigiane: Crescia al formaggio

Ricette Marchigiane: Crescia al formaggio | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Detiene un posto autorevole nella culinaria delle Marche la pizza col formaggio (chiamata “crescia brusca” nel Pesarese, ma sembra sia nata a Jesi). Per le Marche ha assunto lo stesso valore simbolico, che altrove viene attribuito alla colomba. La pizza col formaggio è sempre presente a completare il pranzo pasquale nelle tavole marchigiane. [...]

Mariano Pallottini's insight:

Il periodo di Pasqua è eccezionale per il riproporsi di ricette stagionali dai sapori intensi e decisi.

Fra tutti la Pizza di Pasqua o crescia di Pasqua, o crescia al formaggio. Si tratta di una torta salata con tanto formaggio. Una ricetta ricca con ingredienti non più poveri come un tempo. Al pecorino stagionato si è aggiunto il parmigiano, l'emmenthal, e il pepe nero. Sebbene la tradizione voglia che sia mangiata la mattina di Pasqua a colazione con l'uovo sodo benedetto, il salame e la lonza. Nessun buon gustaio resiste dall'acquistarla  molti sostengono che sia afrodisiaca

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Giovanni Allevi al Concerto di Pasqua nel Duomo di Orvieto (19 Aprile)

Giovanni Allevi al Concerto di Pasqua nel Duomo di Orvieto (19 Aprile) | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Sabato 19 aprile, in occasione del Festival Orvieto Musica e Cultura 2014, Giovanni è stato invitato ad esibirsi su un palco di eccezionale e suggestiva bellezza: il Duomo di Orvieto

Il concerto si svolgerà il pomeriggio del Sabato Santo (19 aprile), alle ore 17. L'ingresso è gratuito, fino ad esaurimento posti.
more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Non è Pasqua nelle Marche senza i cacioni o calcioni o caciù o peconi o pecù

Non è Pasqua nelle Marche senza i  cacioni o calcioni o caciù o peconi o pecù | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Nelle Marche sono conosciuti con svariati nomi di cui la metà di questi rappresenta l'Italianizzazione del nome dialettale tradizionale.
Sono dei ravioloni salati di pasta fresca (ne esiste una versione dolce ed una con spinaci del nord delle Marche).
Il loro ripieno è composto da formaggio pecorino  e uova, una ricetta ricca che un tempo veniva riservata per la festività Pasquale.
Un tempo le famiglie andavano incontro ai pastori che coi loro greggi attraversavano zone rurali e villaggi, per barattare galline, uova,  carne, frumento, vino o vinocotto marchigiano, con latte, formaggio, agnelli.
Il loro sapore a seconda delle varianti è sempre fragrante, intensamente o delicatamente profumato di formaggio e limone.

Ricetta (rosemarieandthyme.blogspot.it)

Ingredienti per circa 24 caciù

Pasta fresca
200 g. di farina 00,
2 uova intere,
vino bianco (facoltativo)

Ripieno
100 g. di pecorino,
100 g. di parmigiano,
100 g. di ricotta,
3 uova intere,
buccia grattugiata di un limone,
mezzo cucchiaino di pepe nero macinato

per spennellare i ravioli 2 tuorli

Cliccate per le istruzioni

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

La colazione di Pasqua nelle Marche: un'esperienza vecchia di secoli

La colazione di Pasqua nelle Marche: un'esperienza vecchia di secoli | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it
Nelle Marche si usa festeggiare la Pasqua in bellezza, sin dalla colazione! Scopriamo le pietanze che caratterizzano la colazione pasquale marchigiana
more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Pasqua nelle Marche: Le migliori rievocazioni religiose della Pasqua nelle Marche.

Pasqua nelle Marche: Le migliori rievocazioni religiose della Pasqua nelle Marche. | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Le Marche celebrano la Pasqua con una serie di manifestazioni e tradizioni molto sentite lungo tutto il loro territorio.

Si parte dai canti della Pasquella che si susseguono dai festeggiamenti di Sant'Antonio protettore degli animali.

Anche il Carnevale in un certo senso apparteneva alle manifestazioni preparatorie dell'importante ricorrenza. Giorni di eccessi prima della penitenziale quaresima Pasquale.

Ma qui ci si vuole soffermare soprattutto su quelle rappresentazioni a carattere religioso che in maniere e forme differenti, si propongono in tutte le province.

Tradizioni popolari senza tempo che portano in scena con centinaia di fedeli Il miracolo della Morte e Resurrezione di Cristo.

Prima su tutte la Turba di Cantiano, la sacra rappresentazione del Venerdì Santo, che trae origine dai movimenti popolari di invocazione alla pace che si diffusero in terra di Marche ed Umbria intorno alla metà del sec. XIII, portati sulle strade e nelle piazze dalle genti più umili e in condizioni di miseria, sofferenti ed esauste delle continue lotte tra guelfi e ghibellini. Oggi essa, innestando elementi teatrali di rara suggestione scenica sull’originaria processione di personaggi in costume, trasforma l’intero nucleo abitativo storico del paese in un’enorme scena all’aperto fondendo la ricostruzione scenografica con gli elementi architettonici ed orografici. A riconoscimento del valore assoluto della manifestazione c'è l'inserimento di quella Cantianese in Europassione, l'Associazione Europea che certifica le più prestigiose Sacre Rappresentazioni Pasquali.

Tra le altre rievocazioni più suggestive per dovizia di particolari e forte carica emotiva del Venerdì santo, si segnalano la Passio di Serravalle di Carda (PU), la Morte del Giusto di Loreto (AN)Le Madonnelle di Acquasanta Terme (AP), la Passione di Bura di Tolentino (MC), la Passione di Cristo di Falerone (FM) la Via Crucis di Piobbico (PU) e la Passione e Morte di Gesù, Jesi (AN).

Numerose anche le Processioni che seppure più semplici posseggono elementi di forte carica emotiva che induce a sentiti momenti di religioso silenzio.

Cagli e a Offida, la Settimana Santa ha il suo culmine con la processione penitenziale del Cristo Morto nella quale 400 confratelli incappucciati e scalzi in preghiera, o in muta partecipazione, danno vita all'impressionante corteo religioso che precede il carro del Cristo morto.

Porto Recanati il Venerdì Santo viene celebrato con la “Bara de’ Notte”, una processione nella quale i portorecanatesi sostengono una croce di legno, seguiti dalle donne che intonano i canti tradizionali.

Offerte speciali per chi soggiornerà presso la nostra struttura nelle Festività Pasquali.

more...
No comment yet.