Le Marche un'altra Italia
152.9K views | +4 today
Follow
Le Marche un'altra Italia
Le Marche: il gioiello nascosto nel negozio di tesori d'Italia.
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Luca Di Paolo, un pittore protagonista del Rinascimento, sconosciuto fino al 2001

Luca Di Paolo, un pittore protagonista del Rinascimento, sconosciuto fino al 2001 | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Per la prima volta a Matelica un’esposizione dedicata a Luca di Paolo uno dei protagonisti del Rinascimento nelle Marche di cui, grazie ai nuovi studi, si è in grado di ricostruire le vicende artistiche e biografiche. [...]

Mariano Pallottini's insight:

Una mostra per scoprire un artista il cui genio creativo è stato confuso con quello di uno dei più grandi della sua epoca, un artista così amato dalla signoria della sua città da ricevere tanto oro ed argento per le sue opere. E' Luca Di Paolo, Marchigiano di Matelica e passerà le consegne a ad un certo Carlo Crivelli.

LUCA DI PAOLO E IL RINASCIMENTO NELLE MARCHE

Sede
Matelica, Museo Piersanti
Via Umberto I, 11

Periodo
6 agosto – 1 novembre 2015 

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Mostra "Piceni e Celti lungo le rive del Giano" - Fabriano (AN), 12 novembre 2011 - 20 aprile 2012

Mostra "Piceni e Celti lungo le rive del Giano" - Fabriano (AN), 12 novembre 2011 - 20 aprile 2012 | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

TOMBE PRINCIPESCHE
Costituiscono validi esempi della ricchezza dell'area fabrianese le tombe principesche del periodo orientalizzante (VII sec.a.C.) conservate presso il Museo Archeologico Nazionale delle Marche, scoperte a Santa Maria in Campo nel 1915 e ancora oggi di assoluto rilievo tra le scoperte archeologiche dell'intera penisola, pari ai più celebri complessi funerari principeschi d'Etruria, Lazio e Campania. Recenti studi hanno inoltre permesso di riproporre l'originaria composizione dei corredi funerari di queste tombe e in particolare quello di una sepoltura passata sempre in secondo piano a causa di errate associazioni, ma dall'importanza eccezionale: la tomba del tumulo 1. La tomba infatti è riferibile ad un oplita, termine greco che significa guerriero, il cui nome deriva dal particolare tipo di scudo chiamato oplon che componeva la sua armatura. Il reperto rinvenuto nella tomba 1, grazie ai frammenti delle lamine che decoravano la sua superficie esterna, costituisce ancora oggi, a quasi cento anni dal suo ritrovamento, l'unico esemplare in tutto il Mediterraneo di cui si possa ricostruire con un buon grado di approssimazione l'intero apparato decorativo.

Proprio l'eccezionalità di questo reperto ha spinto la Soprintendenza per i beni archeologici delle Marche a elaborarne un modello ricostruttivo che potrà essere ammirato all'interno del percorso espositivo.

more...
Marco Lorenzetti's comment, January 25, 2013 5:54 AM
La mostra è stata protratta fino al 31 Maggio 2013.
Mariano Pallottini's comment, January 25, 2013 6:12 AM
Vedi. Questo sarebbe stato un bellissimo articolo per il tuo blog. Avresti spiegato il successo, i pezzi più graditi dal pubblico, la nuova locandina. A proposito se hai il file della nuova locandina, mandamela a mariano_italiano(at)hotmail.com (dove "at" è @, mai scrivere la mail in internet, i programmi di spamming se ne impossessano)