ICT education Scuola
1.4K views | +0 today
Follow
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Rescooped by Paolo Aghemo from Webinar, WebConference, WebMeeting, WebTraining, Telesummit, Riunioni online, TeleSeminar and...
Scoop.it!

18 tools per Webinar e WebConference che forse non conosci ancora!

18 tools per Webinar e WebConference che forse non conosci ancora! | ICT education Scuola | Scoop.it
In a world where we now communicate and collaborate mainly via the Internet, it’s important to have the right tool available.

Via LucaVanin
more...
LucaVanin's curator insight, May 28, 2013 3:29 AM

18 tool più o meno conosciuti per realizzare WebConference e Webinar.
Un numero così alto ci deve far pensare: il problema non è la piattaforma (quale scegliere), ma come progettare e realizzare il proprio webinar.
Dai un occhio a www.webinarpro.it per capire come fare tutto ciò!

Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Angela Costantini: Gamification a scuola con Learning Apps - Risorse Scuola Primaria

La gamification a scuola facilita la cooperazione, stimola l'interesse, produce competizione positiva, aiuta a valorizzare le eccellenze e motivare alunn

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, March 25, 12:49 AM
Gamification a scuola con Learning Apps è una video guida realizzata da Angela Costantini dedicata al gioco didattico realizzato con strumenti digitali e multimediali. Angela Costantini gestisce un canale YouTube intitolato "Risorse didattiche scuola primaria" in cui si possono trovare molte interessanti video guide e video tutorial.

GAMIFICATION
Il video è interessante perché non si tratta di un semplice video tutorial dedicato a Learning Apps, ma di una video guida all'utilizzo della gamification nella didattica attraverso l'uso di Learning Apps, insomma è la didattica ad essere al centro di questo breve ma interessante intervento.

Nel video si può trovare una breve introduzione che spiega l'attuale successo della gamification nel mondo commerciale e politico e le conseguenti ricerche intorno alla gamification nate in tali ambiti. 

Nella scuola il gioco è stato da sempre un fondamentale strumento di apprendimento e il gioco come strategia didattica supportata da strumenti è al centro dell'attenzione anche nella scuola. Obiettivo del video è quello di mostrare come sia possibile introdurre alcuni elementi di gamification nella didattica tramite Learning Apps.

PRESENTAZIONE DI LEARNING APPS
Ambiente per la didattica free e disponibile anche in italiano.
Per conoscere il funzionamento di questo ambiente e orientarsi in esso è possibile utilizzare un tutorial che guida passo per passo l'utente nella conoscenza degli strumenti forniti da Learning Apps: cercare una app, creare una app, esplorare quelle esistenti. 

Viene quindi spiegato come realizzare una App per mostrare gli strumenti che abbiamo a disposizione: possiamo utilizzare tutti i tipi di file (immagini, video, etc.), possiamo anche integrare i giochi che andremo a realizzare con delle indicazioni vocali. La app creata può essere salvata e condivisa e possiamo consultare le statistiche relativi ai giochi che abbiamo proposto ai nostri studenti (quanti hanno risolto il gioco, visualizzazioni, etc.). Integrata con Google Classroom e Edmodo. 

È anche possibile creare classi online in cui inserire i propri studenti. Non quindi un video tutorial, ma una guida per capire come sia strutturato Learning Apps, quale la logica con cui funziona, quali gli strumenti che rende disponibili e quali le potenzialità in ambito didattico.

LINK UTILI Chi fosse interessato a dei vide tutorial veri e propri può consultare quelli realizzati da Elisabetta Buono e disponibili in questa Playlist: 

SCHEDA VIDEO 
Autore: Angela Costantini 
Titolo: Gamificationa scuola con Learning Apps 
Data Pubblicazione: 21/marzo/2018 
Durata: 7:18 minuti
Rescooped by Paolo Aghemo from Educational Technology News
Scoop.it!

10 Characteristics Of A Highly Effective Learning Environment

10 Characteristics Of A Highly Effective Learning Environment | ICT education Scuola | Scoop.it

"The reality is, there is no single answer because teaching and learning are awkward to consider as single events or individual “things.” This is all a bunch of rhetoric until we put on our white coats and study it under a microscope, at which point abstractions like curiosity, authenticity, self-knowledge, and affection will be hard to pin down."


Via EDTECH@UTRGV
more...
No comment yet.
Rescooped by Paolo Aghemo from Educational Technology News
Scoop.it!

The Intrusion of Social Media in Learning

Social media has evolved into a tool for creating and promoting the "self," creating a tension between encouraging individual expression and overemphasizing the self in a collaborative setting.

Via EDTECH@UTRGV
more...
EDTECH@UTRGV's curator insight, March 14, 11:48 AM

The word "intrusion" makes it sound like social learning is a bad thing.

Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Pensiero Critico e Civiltà: «Questo chi lo dice? E perché?» Una guida su come riconoscere e smontare le bufale storiche - di Nicoletta Bourbaki #wumingfundation #pensierocritico

Pensiero Critico e Civiltà: «Questo chi lo dice? E perché?» Una guida su come riconoscere e smontare le bufale storiche - di Nicoletta Bourbaki #wumingfundation #pensierocritico | ICT education Scuola | Scoop.it
Guida per educatori, ricercatori, giornalisti, debunker, attivisti. Riconoscere bufale storiche e "patacche", usare bene le fonti, smontare le manipolazioni.

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, March 11, 12:20 AM
Nicoletta Bourbaki è un nome collettivo che si ispira a quello del gruppo di matematici attivo in Francia nel XIX secolo e che nasce come movimento di resistenza a difesa della memoria e dei valori comunitari della nostra Civitas contro l'opera del revisionismo storico da una parte e della forza di devastazione del mercato, divenuto un iper - mercato, che operano principalmente attraverso la distruzione della memoria tramite la falsificazione della storia e le sua riscrittura.

UNA GUIDA POLITICA AL PENSIERO CRITICO
La resistenza culturale che tramite la diffusione del pensiero critico e del vaglio razionale è necessario esercitare è una forma di resistenza politica, di cura della memoria e del pensiero, di difesa dell'umanità dell'uomo.

La guida si intitola: "Questo chi lo dice? E perché?" e mette a frutto 5 anni di battaglie e scontri tesi a mostrare l'infondatezza delle bufale storiche revisioniste che mirano a minare antifascismo, resistenza, lotta al razzismo e al colonialismo etc.
Il succo è che il pensiero critico non è politicamente neutro e non si può praticare il pensiero critico astrattamente, senza criticare il pensiero dogmatico.
Concordo pienamente, di fronte a stupidaggini quali il pensiero computazionale e il generale asservimento dell'uomo e del pensiero alle esigenze  e modalità di funzionamento della "macchina", solo il pensiero critico inteso anche come pensiero politico, può costituire una prospettiva e un'arma.

La guida può essere scaricata in formato PDF o dall'articolo o da questo link:
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Beautiful.AI: creare presentazioni online con l'aiuto dell'Intelligenza Artificiale - AI Powered Presentations

Beautiful.AI: creare presentazioni online con l'aiuto dell'Intelligenza Artificiale - AI Powered Presentations | ICT education Scuola | Scoop.it
A fresh new way to build presentations. Instantly visualize your ideas with more than 50 ready-to-use, customizable smart templates. Just think of an idea, choose a template, and get to work.

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, March 8, 12:35 AM
Beautiful.AI è un servizio web basato sul browser che facilita la creazione di presentazioni professionali e graficamente molto belle da parte di coloro non sono grafici e non sono professionisti, né devono esserlo.

L'idea è sfruttare l'intelligenza artificiale per tutte quelle operazioni che richiedono competenze e conoscenze specialistiche quali:
allineare il testo

# organizzare e impaginare elementi testuali e grafici nelle slide
# dimensionare e integrare immagini, testo, etc.
# scegliere e configurare il testo (font, dimensioni, colori, etc.)
# ridefinire l'equilibrio complessivo di una slide dopo avervi introdotto dei cambiamenti
# trovare il modo migliore di integrare tra loro varie opzioni grafiche (elenco, palette, font, dimensioni, etc.)
# scegliere il Layout più adatto ai nostri fini

e così via.

L'utente può concentrarsi unicamente sui contenuti che vuole comunicare, lasciando a Beautiful AI tutto il resto.

CARATTERISTICHE
Beautiful AI è disponibile per il momento in versione free, una versione PRO a pagamento è prevista per l'estate del 2018. Una volta registrati si accede ad un sistema intelligente in cui ogni operazione è il risultato di procedure facilitate e/o automatiche. Le caratteristiche cui si può accedere tramite l'account free sono le seguenti: 

1. più di 50 modelli intelligenti tra cui scegliere 
2. temi personalizzabili 
3. libreria di immagini gratuite 
4. libreria di icone 
5. possibilità di esportare in PDF er PPT 
6. inserire collaboratori tramite invito via email

COME SI LAVORA 
L'utente parte dall'idea che vuole trasmettere e sceglie tra più di 50 modelli di layput predefiniti e dinamici che presentano modelli formati da combinazioni di immagine + testo + elenchi + colori, etc., può modificare i contenuti inserendo quelli che ha in mente e la slide automaticamente si aggiusterà per quanto concerne dimensioni, proporzioni, allineamenti, etc. Inoltre si dispone di strumenti che permettono di variare in un istante layout, colori, icone, immagine, filtri, proporzioni, senza dover perdere tempo a sperimentare le varie combinazioni, tutto è lasciato a Beautiful AI.  
La dispositiva infatti si adatta ai contenuti che progressivamente vi introduciamo e possiamo, in qualsiasi momento e scegliendo tra modelli predefiniti, modificare caselle, sfondi, impaginazione, etc. 

A questo link un video di poco più di un minuto mostra il funzionamento di Beautiful.AI

Inoltre sono disponibili librerie di immagini e icone liberamente utilizzabili e che possono essere personalizzate e configurate in pochi istanti (dimensione, collocazione, effetti e filtri, etc.). 

Alla seguente pagina sono visualizzabili alcuni esempi da cui si possono valutare efficacia ed eleganza grafica e impatto comunicativo delle presentazioni realizzate con questo strumento. 
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Gianfranco Marini - AulaBlog: La musa transmediale, la narrazione tra manipolazione e partecipazione

Gianfranco Marini - AulaBlog: La musa transmediale, la narrazione tra manipolazione e partecipazione | ICT education Scuola | Scoop.it
Come promesso ai partecipanti al Festival della Didattica Digitale di Lucca, pubblico la presentazione che ho utilizzato per i mie

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, March 1, 3:57 AM
Presentazione in 63 slides dedicata al tema della cultura convergente e della narrazione transmediale.

LA DOMANDA
La domanda da cui nascono la mia presentazione e il mio intervento è la seguente: quale atteggiamento dobbiamo avere nei confronti della musa transmediale, ovvero della narrazione transmediale e della cultura della convergenza, che ci promette la libertà della partecipazione ma mette anche a punto il più potente strumento di seduzione manipolatoria che l'uomo abbia mai approntato?

STRUTTURA PRESENTAZIONE
1. La musa transmediale come musa inquietante

2. Odiseeo e il canto delle sirene

3. ARG, Giochi di Realtà Alrternativa: Why So Serious?

4. Platone e il lato oscuro dello storytelling

5. La mente emotiva e il rapimento della ragione: il sistema limbico

6. The Beast e Jordan Weisman: l'uomo è una specie che va a caccia di informazioni per raccontare storie

7. L'ipotesi narrativa di Harari e il contratto narrativo alla base della civiltà e dell'evoluzione

8. Jenkins e la musa convergente

9. La guerra di Harry Potter: creatività, partecipazione, coautorialità e Marx

10. La musa Collettiva di Pierre Levy e l'intelligenza cooperativa

11. La musa conviviale da Platone a Ivan Illich

12. La risposta è 42
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Gianfranco Marini, videotutorial Pablo: creare oggetti grafici

Pablo è un'applicazione simile e Canva o Adobe Spark Page, free e senza necessità di registrazione, che permette di creare facilmente e rapidamente, oggett

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, March 4, 12:35 AM
Video tutorial in italiano su Pablo, applicazione web per la grafica resa gratuitamente disponibile da Buffer, che permette di costruire vari tipologie di oggetti come: poster, citazioni, banner, intestazioni, annunci, immagini ritoccate, etc. Risulta estremamente semplice da utilizzare e non richiede lunghi tempi d'apprendimento per poterla utilizzare. Altra caratteristica interessante è che non è necessaria alcuna registrazione per farne uso.

SCHEDA VIDEO
Autore: Gianfranco Marini
Titolo: videotutorial Pablo: creare oggetti grafici
Data Pubblicazione: 3/3/2018
Durata: 6:34

IL TUTORIAL
Viene spiegato cosa sia Pablo e vengono mostrati tutti gli strumenti che mette a disposizione per creare varie tipologie di oggetti grafici. L'applicazione risulta estremamente usabile e assomiglia ad applicazioni come Canva o Adobe Spark Post
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Wakelet: raccogliere e condividere contenuti - The best way to share and collect content

Wakelet: raccogliere e condividere contenuti - The best way to share and collect content | ICT education Scuola | Scoop.it
Share articles, videos, images, tweets and other great content with one link. Save them for later and create collections, called wakes, at any time.

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, February 27, 11:57 PM
Wakelet è un'applicazione web free che consente di collezionare e organizzare risorse dal web con pochi e semplici passaggi al fine di creare documenti multimediali, storie, articoli, etc.

L'idea è quella di altri strumenti di curation e publishing: filtrare l'enorme quantità di informazioni presenti sul web in base ad un argomento o interesse e creare raccolte tematiche che non siano solo elenchi di link, ma consentano una rielaborazione delle risorse selezionate.

INFORMATION OVERLOAD
Il web costituisce oggi il luogo in cui le informazioni sono create, condivise e circolano. Il flusso delle informazioni è tale da generare l'effetto contrario: non abbiamo conoscenza, abbiamo insignificanza, impossibilità di comprendere. Si tratta del sovraccarico informativo che è anche un sovraccarico cognitivo. 
La cura dei contenuti costituisce una possibile via per affrontare questo problema. Wakelet è uno strumento di curation che coniuga semplicità  e rapidità d'uso con la possibilità di "rielaborare le informazioni" e non limitarsi a copiare e incollare link.

COME FUNZIONA?
Si crea un Wake, una pagina web in cui testi ed elementi multimediali possono essere visualizzati in vari modi (flusso, magazine, etc.), quindi si inseriscono:

1. titolo e descrizione

2. immagine di sfondo e di copertina

3. link a risorse presenti sul web: qualsiasi elemento abbia un indirizzo può essere inserito nella nostra composizione (tabelle, documenti, presentazioni, pagine, articoli, video, immagini, mappe, etc.)

4. Si può inserire del testo per commentare, interpretare, presentare, approfondire, rielaborare, etc. oppure per partizionare la nostra storia suddividendola in modo da renderla più chiaramente fruibile

5. Si può editare il commento / descrizione che accompagna ciascuna risorsa linkata, personalizzandolo

Qui un esempio:

Semplice, gratuito e efficace. Un ottimo strumento per sviluppare capacità e competenze comunicative e digitali negli studenti
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Anchor: creare e pubblicare podcast - The easiest way to make a podcast - semplice, gratuito, in italiano, via PC e smartphone

Anchor: creare e pubblicare podcast - The easiest way to make a podcast - semplice, gratuito, in italiano, via PC e smartphone | ICT education Scuola | Scoop.it
Anchor is the easiest way to hear, share, and create audio worthy of your ears. Broadcast voice, mix in music from Spotify and Apple Music, and take call-ins from your listeners. All from your phone.

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, February 27, 12:33 AM
Anchor 3 è u interessante strumento per realizzare e pubblicare podcast la cui nuova versione è stata recentemente segnalata da Roberto Sconocchini sul suo blog:

Si tratta di uno strumento online free, utilizzabile sia da PC desktop che da dispositivi mobili, estremamente semplice da utilizzare e che rende alla portata di tutti la creazione e distribuzione di una web radio.

Interessanti, anche da un punto di vista didattico, alcune funzionalità quali:
- pubblicazione dei messaggi audio degli ascoltatori
- discussioni sugli episodi delle varie trasmissioni
- nessun limite di archiviazione
- in italiano

Il post di Roberto Sconocchini, che ho segnalato più sopra, fornisce anche le indicazioni essenziali per utilizzare questa applicazione, anche se l'operazione fondamentale è semplicissima: caricare un file audio precedentemente registrato o registrarlo utilizzando lo strumento di registrazione fornito da Anchor

La procedura seguente consiste nel montaggio dell'episodio che vogliamo creare e che può essere formato da vari file audio, con transizioni fornite da Anchor o aggiunte da noi, musica, etc.

Anchor è uno dei modi più semplici per integrare nella didattica l'uso di una web radio e presenta due delle caratteristiche che, a mio avviso, deve possedere uno strumento tecnologico:
- essere poco impegnativo sul piano tecnico
- presentare un elevato grado di flessibilità e adattabilità alle molteplici e variegate esigenze che si presentano nel corso dell'attività didattica
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Alessandro Bencivenni - Prof. Digitale: Consigli di Classe - Podcast sul tema della didattica e del digitale

Alessandro Bencivenni - Prof. Digitale: Consigli di Classe - Podcast sul tema della didattica e del digitale | ICT education Scuola | Scoop.it

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, February 27, 12:23 PM
Segnalo "Consigli di Classe", il podcast dedicato alla didattica curato da Alessandro Bencivenni allo scopo di favorire il dibattito intorno all'utilizzo delle Tecnologie dell'Apprendimento e della Conoscenza nella didattica. 

LA TRASMISSIONE
L'idea è quella di dialogare con sperimentatori, formatori, docenti, che nella loro pratica didattica quotidiana fanno uso delle tecnologie e evidenziare opportunità, problematiche, limiti del loro utilizzo nel rapporto di insegnamento e apprendimento.
In ogni puntata viene "intervistato" un docente e si affrontano su alcune tematiche. La durata di ogni appuntamento è di circa 30 minuti

per ora questi gli episodi pubblicati:

Consigli Di Classe - 6 - Gianfranco Marini 
Consigli Di Classe - 5 - Mimmo Aprile 
Consigli Di Classe - 4 - Luca Piergiovanni 
Consigli Di Classe - 3 - Chiara Spalatro 
Consigli Di Classe - 2 - Paola Mattioli 
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Gianfranco Marini: Nuove Tecnologie? La voce e la radio – 1^ Parte - L’utilizzo didattico delle tecnologie deve puntare su tecnologie semplici e versatili come la Web Radio

Gianfranco Marini: Nuove Tecnologie? La voce e la radio – 1^ Parte - L’utilizzo didattico delle tecnologie deve puntare su tecnologie semplici e versatili come la Web Radio | ICT education Scuola | Scoop.it

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, February 1, 12:14 AM
Primo di un serie di tre articoli dedicati a una tecnologia tra le più potenti e versatili: la voce e i suoni e alle potenzialità che offre il digitale di sviluppare la padronanza di questo "strumento" e di educare a parlare ed ascoltare.

INTEGRARE LE TECNOLOGIE NELLA DIDATTICA
Dovendo ragionare di utilizzo didattico delle tecnologie occorre spogliarsi dei panni del tecnologo e indossare quelli dell’insegnante, occorre specialmente evitare l’effetto “Wow”, tipico del marketing emozionale, nella scelta della tecnologia più mirabolante e avveniristica, spesso del tutto inutile sul piano didattico.

SOMMARIO
1. Dalle TIC alle TAC: non apprendere le tecnologie, ma apprendere con le tecnologie

2. primo corollario: semplicità d'uso

3. secondo corollario: versatilità

4. La voce: una tecnologia semplice e potente

5. Il Podcast: la radio attraverso il web
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Marcello Meinero: Creare fantastici fumetti con Pixton - video tutorial italiano

Video tutorial che mostra come creare fantastici fumetti con Pixton, uno strumento utile per la didattica digitale nella scuola primaria e secondaria

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, January 26, 12:02 PM
Un interessante video tutorial realizzato da Marcello Meinero che presenta Pixton e ne illustra le principali funzionalità in modo molto efficace. Pixton consente di creare fumetti, storyboard, romanzi grafici. Un vantaggio è che è in italiano.

IL VIDEO TUTORIAL
Il video tutorial mostra come registratisi e completare il proprio profilo e come realizzare un fumetto e pubblicarlo per poi condividerlo. È possibile disporre del link e inserire commenti.

FUNZIONALITÀ
Applicazione di buon livello come funzionalità e gallerie che vengono offerte e disponibile anche in lingua italiana, ma freemium. 
La versione freee è priva di molte funzionalità. Per registrarsi alla versione free occorre cliccare su "Pixton per divertimento". 
Pixton possiede un editor drag and drop che permette di creare con notevole facilità i fumetti. È possibile scegliere tra personaggi liberamente posizionabili (rotazione, ingrandimento, etc.), pannelli dinamici, oggetti di scena e balloons, ogni elemento grafico è totalmente controllabile con facilità. Inoltre possiamo personalizzare espressione, viso, movimenti, vestiti, etc,. dei personaggi.

PIANI DI ABBONAMENTO
Alla pagina seguente potrete confrontare le funzionalità della versione free e confrontarle con quelle di Pixton+ che ha un costo di $ 8/mese o 72/anno: 

Ai docenti viene offerta una versione al costo di $ 8.99/mese. Per vedere le offerte educational cliccate qui: 

SCHEDA VIDEO
Autore: Marcello Meinero
Titolo: Creare fantastici fumetti con Pixton
Data Pubblicazione: 02/06/2017
Durata: 5:34

Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Vincenzo Sciurti: La cura dei contenuti e il docente come "curatore dell'apprendimento" -  ITST "E. Fermi" Francavilla Fontana - pensiero critico, curation e  apprendimento

Vincenzo Sciurti: La cura dei contenuti e il docente come "curatore dell'apprendimento" -  ITST "E. Fermi" Francavilla Fontana - pensiero critico, curation e  apprendimento | ICT education Scuola | Scoop.it
Empty description

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, March 24, 1:40 AM
Vincenzo Sciurti ha curato la realizzazione del sito "Materiali Scuola Digitale" un archivio digitale a disposizione dei docenti dell'ITST "Enrico Fermi" di Francavilla che offre risorse, applicazioni, guide, video tutorial, contenuti, relativi alle tecnologie educative digitali a supporto dell'insegnamento e dell'apprendimento. 
Si tratta, in realtà, di un eccellente lavoro di curation finalizzato a raccogliere e organizzare conoscenze, strumenti, metodologie che rappresentano importanti canali tramite i quali si può cercare di integrare nella attività di insegnamento e apprendimento gli strumenti della comunicazione digitale. 

L'ARTE DELLA CONTENT CURATION
Una delle sezioni più interessanti del sito è quella che propone un rapporto molto stretto tra la cura dei contenuti e l'apprendere. La tesi, piuttosto forte e su cui concordo, che viene avanzata è che l'insegnante sia un curatore di contenuti per l'apprendimento. Certo non è solo questo, ma una gran parte dell'attività dell'insegnare è, ed è sempre stata, quella di curare i contenuti.

LA CURATION  I SUOI STRUMENTI
Importanti le premesse del discorso proposto da Vincenzo Sciurti sulla curation e l'apprendimento:
1. la conoscenza è ricombinazione e reinterpretazione da e di elementi preesistenti
2. la conoscenza si sviluppa oggi principalmente nel web
3. la cura dei contenuti è uno dei più interessanti approcci per promuovere la formazione e dare forma all'intelligenza collettiva sul web

COS'È LA CURATION
Riprendendo la definizione di Karol Bower Vincenzo Sciurti definisce la cura dei contenuti come quell'attività consistente:

1. nel trovare i contenuti  (agisci come uno storico), 

2. filtrarli (sii curioso) con uno sguardo allargato e multiprospettico

3. Valutare la loro adeguatezza e significatività in relazione a un obiettivo

4. sintetizzare i contenuti in modo da garantirne la comprensibilità e offrire un percorso

5. contestualizzare: solo entro un contesto un'informazione diviene significative e utilizzabile

6. Segnalare e condividere: secondo la filosofia della cooperazione cognitiva per la quale la condizione della crescita di ciascuno e la crescita di tutti e viceversa. Un curatore deve offrire percorsi, risorse e conoscenze fornendo agli altri una guida nell'ambito in cui è esperto.

Chi volesse può leggere la traduzione in italiano dell'articolo di Karol Bower sulla cura dei contenuti a questo indirizzo:

LE RISORSE
La parte più importante e utile del contributo di Vincenzo Sciurti è rappresentata dagli articoli, tutorial, guide, strumenti, etc. sulla curation che ha filtrato e messo a nostra disposizione e che è presentata nella parte finale del post.
Si tratta non solo di contenuti interessanti per chi volesse approfondire l'argomento, ma di un vero e proprio percorso su apprendimento e cura dei contenuti: la learning curation.
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Gianfranco Marini: video tutorial Feedly - Applicazione web freemium per disporre in un unico luogo di tutte le novità del web che ci interessano

Un video tutorial in cui viene brevemente spiegato cosa siano i FEED RSS e l'utilizzo di Feedly per raccogliere ordinatamente i flussi di informazion

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, January 18, 12:19 AM
Video tutorial in cui viene brevemente spiegato cosa siano i FEED RSS e l'utilizzo di Feedly per raccogliere ordinatamente i flussi di informazioni provenienti dai siti che ci interessano. 

FEDD RSS
Si tratta di una tecnologia che permette di affrontare il sovraccarico informativo e tenerci aggiornati su ciò che ci interessa. Con i FEED RSS non siamo noi a dover cercare le informazioni ma sono le informazioni che i interessano ad arrivare a noi.

FEEDLY
Feedly è un aggregatore di FEED, configurabile e personalizzabile in modo tale da evitarci il lavoro di dover visitare decine di siti per cercare ciò che di nuovo è stato pubblicato. Saranno le informazioni ad arrivare da noi e ad essere raccolte in un unico luogo per poter essere facilmente consultate. 
Nel video tutorial vengono spiegate le principali operazioni per utilizzare efficacemente Feedly.
Si tratta di uno strumento indispensabile per affrontare il sovraccarico informativo e "addomesticare" il web.

Autore: Gianfranco Marini
Titolo: video tutorial Feedly
data Pubblicazione: 17/01/2018
Durata: 18 minuti
Rescooped by Paolo Aghemo from Educational Technology News
Scoop.it!

Infographic: The-Holy-Trinity-of-Effective-eLearning 

Infographic: The-Holy-Trinity-of-Effective-eLearning  | ICT education Scuola | Scoop.it
The-Holy-Trinity-of-Effective-eLearning-Infographic

Via EDTECH@UTRGV
more...
No comment yet.
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Rai Scuola: Vladimir Propp e la morfologia della fiaba - video documento con T. Pudova, A. M. Cirese e E. Garroni

Rai Scuola: Vladimir Propp e la morfologia della fiaba - video documento con T. Pudova, A. M. Cirese e E. Garroni | ICT education Scuola | Scoop.it

L’audiovisivo propone un approfondimento sull’analisi della fiaba introdotta dall’antropologo russo Vladimir Propp (Pietroburgo, oggi Leningrado, 1895 – 1970).
Dopo una breve scheda biografica si

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, March 14, 12:29 AM
Un interessante video in cui viene esaminato il fondamentale contributo offerto da Vladimir Propp alla narratologia e allo strutturalismo con la sua opera "Morfologia della fiaba", pubblicata a Pietroburgo nel 1928.

Il video è intitolato "Vladimir Propp, morfologia della fiaba", risale agli anni '70 o ai primi ani '80, incredibilmente mancano indicazioni a questo proposito sul sito della Rai. La durata del video è di 29:06 minuti.

Nel video vengono esaminati alcuni concetti chiave dello schema o sequenza di Propp che cerca di spiegare la struttura della fiaba e che è incentrato sul concetto di "funzione". 
Viene esaminato tale concetto e altri elemento chiave della narratologia (sequenza, azione, personaggio, etc.).

Il video si avvale del contributo di:

1. Tatiana Pudova, allieva di Propp e docente di Letteratura russa all`università di Pavia

2. Alberto Mario Cirese, (Antropologia culturale, Università di Roma) che analizza il principio di funzione,
 
3. Emilio Garroni (Estetica Università di Roma)

Si tratta di un video molto interessante che fornisce preziose indicazioni a chiunque si occupi di narrazione digitale e non
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Pensiero Critico e Civiltà: «Questo chi lo dice? E perché?» Una guida su come riconoscere e smontare le bufale storiche - di Nicoletta Bourbaki #wumingfundation #pensierocritico

Pensiero Critico e Civiltà: «Questo chi lo dice? E perché?» Una guida su come riconoscere e smontare le bufale storiche - di Nicoletta Bourbaki #wumingfundation #pensierocritico | ICT education Scuola | Scoop.it
Guida per educatori, ricercatori, giornalisti, debunker, attivisti. Riconoscere bufale storiche e "patacche", usare bene le fonti, smontare le manipolazioni.

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, March 11, 12:20 AM
Nicoletta Bourbaki è un nome collettivo che si ispira a quello del gruppo di matematici attivo in Francia nel XIX secolo e che nasce come movimento di resistenza a difesa della memoria e dei valori comunitari della nostra Civitas contro l'opera del revisionismo storico da una parte e della forza di devastazione del mercato, divenuto un iper - mercato, che operano principalmente attraverso la distruzione della memoria tramite la falsificazione della storia e le sua riscrittura.

UNA GUIDA POLITICA AL PENSIERO CRITICO
La resistenza culturale che tramite la diffusione del pensiero critico e del vaglio razionale è necessario esercitare è una forma di resistenza politica, di cura della memoria e del pensiero, di difesa dell'umanità dell'uomo.

La guida si intitola: "Questo chi lo dice? E perché?" e mette a frutto 5 anni di battaglie e scontri tesi a mostrare l'infondatezza delle bufale storiche revisioniste che mirano a minare antifascismo, resistenza, lotta al razzismo e al colonialismo etc.
Il succo è che il pensiero critico non è politicamente neutro e non si può praticare il pensiero critico astrattamente, senza criticare il pensiero dogmatico.
Concordo pienamente, di fronte a stupidaggini quali il pensiero computazionale e il generale asservimento dell'uomo e del pensiero alle esigenze  e modalità di funzionamento della "macchina", solo il pensiero critico inteso anche come pensiero politico, può costituire una prospettiva e un'arma.

La guida può essere scaricata in formato PDF o dall'articolo o da questo link:
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Domizio Baldini: Didattica multicanale - Suggerimenti per una didattica efficace e multicanale

Domizio Baldini: Didattica multicanale - Suggerimenti per una didattica efficace e multicanale | ICT education Scuola | Scoop.it
Nuove tecnologie sui banchi per coinvolgere gli studenti e personalizzare i loro percorsi di apprendimento, ma senza abbandonare penna, foglio e libri di carta. I suggerimenti di Domizio Baldini (docente di scuola secondaria, Formatore De Agostini Scuola, Apple Education tutor, Tutor TIC) per una didattica efficace e multicanale.

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, March 6, 12:33 AM
Una lunga intervista a Domizio Baldini che ho scoperto grazie a una segnalazione pubblicata da di Roberto Sconocchini sul suo blog
L'intervista è stata pubblicata so Orizzonte Scuola da Eleonora Fortunato il 15/09/2015.

LA DIDATTICA MUTICANALE
La Didattica Muticanale è una strategia didattica diffusa in Italia da Alberto Pian che la definisce in questo modo:

“La grande sfida di una didattica multicanale integrata consiste nel tentativo di parlare a tutti usando i canali di tutti e impiegando diversi codici linguistici e comunicativi. Tutti i mezzi possibili devono essere strumenti della divulgazione, ma in modo integrato, armonioso, che renda possibile anche un godimento estetico della fruizione”.

L'INTERVISTA
La lunga intervista è suddivisa nei seguenti paragrafi tematici:

1.  Che cos’è la didattica multicanale?

2. Come si costruisce una buona lezione in ottica multicanale?

3. Una didattica, quindi, che oggi fa a meno di sussidi multimediali deve necessariamente considerarsi obsoleta?

4. E’ vero che i docenti italiani sono più riottosi al cambiamento rispetto ai colleghi degli altri Paesi? Come mai secondo lei?

5. I ragazzi utilizzano le tecnologie in maniera disinvolta, la vera novità per loro non sarebbe imparare a farne a meno?

6. Alcuni studi riferiscono che la didattica non tradizionale aumenterebbe il coinvolgimento degli studenti in difficoltà, ma non gioverebbe all’apprendimento e al profitto di quelli più dotati; il filosofo Roberto Casati ha lanciato l’allarme sul potenziale distrattivo dei mezzi in questione. Qual è il suo commento?

7. Il ricorso alla rete nella didattica dovrebbe aiutare a liberarci da errori e approssimazioni, ma non crede che fino a una certa età i ragazzi abbiano bisogno di sapere che gli adulti ne sanno più di loro? Che i docenti non sono soltanto dei ‘facilitatori’?

Si tratta di temi al centro dell'attuale dibattito e le tesi avanzate da Damiani costituiscono degli spunti per approfondire, anche dissentendo, ma cercando di trovare una soluzione ai problemi di come:
- integrare le nuove tecnologie nella didattica,
- sviluppare le necessarie conoscenze e competenze per un utilizzo critico e consapevole delle nuove forme di comunicazione
- educare ai media

LINK UTILI
1. Roberto Sconocchini, Esempi concreti di didattica multicanale

2. Alberto Pian

Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Barbara Bevilacqua: presentazione su Digital Storytelling e Content Curation

PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale) - Rete Scuola Digitale Veneta - Corso per i docenti del team dell'innovazione - I.C. Valdagno 2 (VI) - 3, 9, 11 novembre 2016

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, November 15, 2016 11:54 PM
Una presentazione realizzata da Barbara Bevilacqua con Prezi e dedicata al tema del Digital Storytelling e della Content Curation. La presentazione è stata pubblicata il 30/10/2016 in occasione del corso per i docenti del team dell'innovazione per la Rete Scuola Digitale Veneta.

LA PRESENTAZIONE
L'argomento viene trattato in modo molto chiaro e fornendo le informazioni essenziali relative a: definizione dei due argomenti trattati, competenze messe in gioco,  strumenti e applicazioni a supporto di cura dei contenuti e narrazione digitale. Molto importante l'integrazione che viene proposta tra l'attività di cura dei contenuti e la narrazione di storie digitali che nel loro insieme costituiscono un'attività complessiva molto ricca e che ricopre l'intera gamma delle competenze chiave di cittadinanza.
Molto utili sono poi i link che rimandano alle collezioni di esempi e risorse curate da Barbara Bevilacqua su Pearltrees
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Angela Lagreca: La narrazione come processo di facilitazione del sapere

Angela Lagreca: La narrazione come processo di facilitazione del sapere | ICT education Scuola | Scoop.it
di Angela Lagreca

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, September 9, 2017 1:25 AM
Un interessante articolo pubblicato il 17/04/2017 ad Angela Lagreca su Educazione&Scuola e dedicato al tema del rapporto tra narrazione e educazione.
La narrazione viene esaminata come dispositivo capace di conferire senso a ciò che accade e costruire l'universo di significato del conoscere e dell'agire. fondamentale anche la sua funzione educativa in quanto strumento per la facilitazione del sapere.

CONTENUTO DELL'ARTICOLO
Il discorso dell'autrice è di carattere trans-disciplinare e fa riferimento alle seguenti domande:
1. Cos’e la narrazione? 
2. Perché si narra? 
3. Perché e importante narrare? 
4. Quali sono le sue implicazione nell’apprendimento e nella didattica? 

Vengono soprattutto chiarite le posizioni di Jerome Bruner riguardo a due essenziali funzioni del pensiero narrativo:
1. narrazione come strumento esplorativo e interpretativo del mondo reale e della cultura
2. creazione narrativa del sé

BRUNER E IL PENSIERO NARRATIVO
Vengono poi definiti quelli che, sempre secondo Bruner, sono gli elementi costitutivi del pensiero narrativo:
# struttura di tempo significativa;
# Particolarità generica;
# Le azioni hanno delle ragioni;
# Composizione ermeneutica;
# Canonicità implicita;
# Ambiguità di referenza;
# Centralità della crisi;
# Negoziabilità inerente;
# La capacità di espansione storica della narrativa.

CONCLUSIONI
Queste le conclusioni di Angela Lagreca a proposito della valenza formativa della narrazione:
"La narrazione aiuta lo sviluppo cognitivo, affettivo ed etico-valoriale. [...] affinando lo spirito critico e l’autonomia di giudizio e potenziando le capacità linguistiche ed espressive"
Rescooped by Paolo Aghemo from ICT education Scuola
Scoop.it!

Alessandro Bencivenni - Prof. Digitale: Consigli di Classe - Podcast sul tema della didattica e del digitale

Alessandro Bencivenni - Prof. Digitale: Consigli di Classe - Podcast sul tema della didattica e del digitale | ICT education Scuola | Scoop.it

Via Gianfranco Marini, Paolo Aghemo
more...
Gianfranco Marini's curator insight, February 27, 12:23 PM
Segnalo "Consigli di Classe", il podcast dedicato alla didattica curato da Alessandro Bencivenni allo scopo di favorire il dibattito intorno all'utilizzo delle Tecnologie dell'Apprendimento e della Conoscenza nella didattica. 

LA TRASMISSIONE
L'idea è quella di dialogare con sperimentatori, formatori, docenti, che nella loro pratica didattica quotidiana fanno uso delle tecnologie e evidenziare opportunità, problematiche, limiti del loro utilizzo nel rapporto di insegnamento e apprendimento.
In ogni puntata viene "intervistato" un docente e si affrontano su alcune tematiche. La durata di ogni appuntamento è di circa 30 minuti

per ora questi gli episodi pubblicati:

Consigli Di Classe - 6 - Gianfranco Marini 
Consigli Di Classe - 5 - Mimmo Aprile 
Consigli Di Classe - 4 - Luca Piergiovanni 
Consigli Di Classe - 3 - Chiara Spalatro 
Consigli Di Classe - 2 - Paola Mattioli 
Rescooped by Paolo Aghemo from ICT education Scuola
Scoop.it!

Alessandro Bencivenni - Prof. Digitale: Consigli di Classe - Podcast sul tema della didattica e del digitale

Alessandro Bencivenni - Prof. Digitale: Consigli di Classe - Podcast sul tema della didattica e del digitale | ICT education Scuola | Scoop.it

Via Gianfranco Marini, Paolo Aghemo
more...
Gianfranco Marini's curator insight, February 27, 12:23 PM
Segnalo "Consigli di Classe", il podcast dedicato alla didattica curato da Alessandro Bencivenni allo scopo di favorire il dibattito intorno all'utilizzo delle Tecnologie dell'Apprendimento e della Conoscenza nella didattica. 

LA TRASMISSIONE
L'idea è quella di dialogare con sperimentatori, formatori, docenti, che nella loro pratica didattica quotidiana fanno uso delle tecnologie e evidenziare opportunità, problematiche, limiti del loro utilizzo nel rapporto di insegnamento e apprendimento.
In ogni puntata viene "intervistato" un docente e si affrontano su alcune tematiche. La durata di ogni appuntamento è di circa 30 minuti

per ora questi gli episodi pubblicati:

Consigli Di Classe - 6 - Gianfranco Marini 
Consigli Di Classe - 5 - Mimmo Aprile 
Consigli Di Classe - 4 - Luca Piergiovanni 
Consigli Di Classe - 3 - Chiara Spalatro 
Consigli Di Classe - 2 - Paola Mattioli 
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Simona Ilot: Realizza un videogioco con Scratch

Video tutorial in italiano su come realizzare un videogioco con Scratch

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, February 3, 10:47 AM
Un video tutorial di Simona Ilot in cui viene mostrato come costruire con Scratch un semplice video gioco ambientato nello spazio che consiste nel colpire con la propria navicella le astronavi nemiche.
Nel video tutorial vengono mostrate e spiegate tutte le operazioni per ottenere come risultato finale il video gioco

Questi i vari elementi trattati: 
- sfondo e modifica sfondo
- configurazione opzioni gioco
- movimenti, azioni, 
- conclusione del gioco
- variabili: velocità e vita
- disegno elementi del gioco (editor disegno) e costumi
- navicella, suoni, sparo, astronavi nemiche
- punteggio

SCHEDA VIDEO
Autore: Simona Ilot
Titolo: Realizza un videogioco con Scratch
Data Pubblicazione: 14/01/2018
Durata: 11: 10

Ricordo che al seguente indirizzo potrete trovare la playlist degli altri video tutorial su Scratch realizzati da Simona Ilot e che permettono di creare vari "oggetti didattici" quali: linee del tempo, disegni, tastiere che suonano, calcolatrici, esercizi di vario tipo, etc.

Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Sara Cecchini: video presentazione di JS Timeline - Applicazione per la creazione di linee del tempo

Breve video tutorial dell'applicazione Timeline JS

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, January 26, 12:44 AM
Sara Cecchini propone questa video introduzione a TimelineJS, uno strumento online liberamente utilizzabile senza limitazioni. 
Nel tutorial viene sinteticamente mostrato come utilizzare questa applicazione per costruire linee del tempo multimediali, combinando insieme testo, immagini, video, link e altri tipi di media. 

Nonostante la sua brevità, il tutorial riesce a fornire una chiara idea di come funzioni TimelineJS e permette di valutarne potenzialità e efficacia.

Ricordo che la peculiarità di questo strumento e che può costituire in apparenza un elemento di difficoltà, è costituita dalla procedura di creazione della timeline:

1. inserimento dei dati della timeline (testo, date, immagini, video, link, etc.)in un foglio di calcolo che è scaricabile dal sito e editabile con Google Fogli

2. grazie al foglio di calcolo viene generata automaticamente la timeline, noi non dobbiamo fare niente. Importante prima di questo passaggio verificare l'anteprima della nostra linea del tempo per evitare di dover tornare sul foglio di calcolo e ripetere la procedura

3. Il risultato è graficamente molto interessante e  comunicativamente efficace, anche la visualizzazione è molto semplice.

Per valutare i risultati che si possono ottenere con Timeline Js consiglio di esplorare gli esempi che vengono mostrati nel sito a questo indirizzo:

SCHEDA VIDEO
Autore: Sara Cecchini
Titolo: JS Timeline
Data Pubblicazione: 11/01/2017
Durata: 3:17
Rescooped by Paolo Aghemo from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Gianfranco Marini: Video guida agli HyperDocs, strumento per ridisegnare il "compito" e la "lezione" con le tecnologie guidate dalla didattica

Gli HyperDocs sono uno strumento per ridisegnare la "lezione" e il "compito" tradizionali. Si tratta di documenti condivisi online con gli studenti ch

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, January 25, 12:16 AM
Una guida agli HyperDocs e al loro utilizzo nella didattica realizzata da Gianfranco Marini. Nella guida si parla degli HyperDocs - Iper Documenti, che sono uno strumento per ridisegnare la "lezione" e il "compito" tradizionali. 

Si tratta di documenti condivisi online con gli studenti che contengono: 
- risorse su tematiche disciplinari o interdisciplinari (link e elementi multimediali) 
- istruzioni su come utilizzarle 
- prove e attività da svolgere.
Delineano un percorso guidato che cerca di essere coinvolgente e di mirare allo sviluppo delle conoscenze e competenze relative ai contenuti, ma anche procedurali, cognitive, metacognitive e digitali.

GLI HYPERDOCS 
Il modello dell’Hyperdoc nasce ad opera di 3 insegnanti Usa allo scopo di integrare le "tecnologie digitali" nella formazione scolastica. 
Il problema 
era rappresentata dalla necessità di finalizzare le tecnologie all'apprendimento e alla didattica e non rendere la didattica un processo guidato dalle tecnologie secondo il dogma che il mero uso di queste produca un miglioramento nell'apprendimento. 
Altri aspetti 
erano relativi alla possibilità di sfruttare il digitale e il web come strumenti capaci di rendere il processo formativo più coinvolgente attivo,costruttivo, personalizzato. 
La modalità è quella del Blended Learning e il tentativo quello di trovare una formula con cui ridisegnare la lezione e il compito tradizionali. Altri obiettivi la Media Education e le Competenze Digitali.

Nel video: 
- Cosa sono gli HyperDoc 
- Come si realizzano e usano 
- Quali i vantaggi 
- alcuni esempi 

SCHEDA VIDEO 
Autore: Gianfranco Marini 
Titolo: Video guida agli HyperDocs 
Data Pubblicazione:24/01/2018 
Durata: 23:04