e-learning
5 views | +0 today
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Rescooped by Patrizia Giulia Parisi from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

8 Tecniche di Storytelling per Presentazioni Coinvolgenti - 8 Classic storytelling techniques for engaging presentations

8 Tecniche di Storytelling per Presentazioni Coinvolgenti - 8 Classic storytelling techniques for engaging presentations | e-learning | Scoop.it
A good public speaker takes their audience on a journey, leaving them feeling inspired and motivated. But structuring your speech to get your ideas across and keep your audience engaged all the way through is tricky. Try these eight storytelling techniques for a presentation that wows.

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, February 17, 2015 5:02 AM

Post pubblicato su Sparkol il 24/11/2014 da Ffion. Si tratta di un eccellente lavoro che, in modo chiaro e sintetico e in un inglese leggibile, offre un prezioso contributo allo Storytelling. 

 

Oggetto del post non è il solito teorizzare su Storytelling, motivazione, coinvolgimento e didattica, né ci si limita a offrire un elenco disordinato di applicazioni web, ma vengono individuate e descritte alcune tecniche e/o schemi classici di narrazione o storytelling, tramite i quali è possibile strutturare il proprio discorso intorno a un'idea principale.  

 

Vengono inoltre anche suggeriti i possibili ambiti in cui ciascuna tecnica narrativa può essere utilizzata.  Per ognuna delle strutture narrative sono inoltre forniti esempi e link per l'approfondimento. 

 

Queste le tecniche o schemi narrativi segnalati:

 

# Monomyth o Viaggio dell'Eroe: schema classico centrato sulla figura dell'eroe che abbandona la propria dimora per intraprendere un viaggio verso luoghi sconosciuti

 

# La Montagna: distribuzione della tensione fino al raggiungimento di un picco e alla successiva discesa, tipica delle serie televisive

 

# Nested Loops - Cerchi Concentrici: si tratta di diverse strutture narrative che si intersecano. La narrazione contenente il messaggio centrale interagisce con le altre che sono finalizzate a elaborare e/o spiegare la prima secondo il seguente schema: 1^ storia - 2^ storia - storia centrale - 2^ storia - 1^ storia

 

# Sparklines (?): si tratta di una struttura narrativa in cui il discorso si sviluppa su due piani contrapposti che si intrecciano continuamente e rappresentano l'uno "come le cose sono" (essere) e l'altro "come le cose dovrebbero essere" (dover essere)

 

# In Media Res: schema classico in cui la narrazione comincia al centro dell'azione, per spiegare poi l'inizio della vicenda e preparare la sua conclusione.

 

# Converging Ideas - Idee Convergenti: struttura discorsiva in cui differenti filoni di pensiero convergono per formare un'unica idea. Può essere utilizzata per mostrare come un'idea sia il risultato di molteplici sentieri che ad essa conducono. 

 

# False Start - Falsa Partenza: la narrazione ha inizio con un intreccio apparentemente prevedibile che si interrompe bruscamente per dare luogo a un nuovo inizio.

 

# Petal Structure - Struttura a Petalo: struttura discorsivo per organizzare storie multiple che si muovono intorno allo stesso concetto centrale.

Rescooped by Patrizia Giulia Parisi from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

25 software free per registrare e editare file audio - 25 Free Digital Audio Editors You Should Know

25 software free per registrare e editare file audio - 25 Free Digital Audio Editors You Should Know | e-learning | Scoop.it
Credit: Background image from DA A digital audio editor is defined as a computer application for manipulating digital audio. As a multimedia creator, we

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, December 12, 2015 8:25 AM

Un post pubblicato su http://www.hongkiat.com/ che può risultare utile a chi sia in cerca di strumenti e software free per l’editing audio e per altre operazioni da effettuare con i file audio come: compressione, conversione, mixaggio, ridimensionamento, creazione di musica, etc.


I Software

Si tratta di software free o open source, ogni strumento viene sinteticamente descritto nelle sue funzionalità e nelle sue principali caratteristiche. Troppo lungo tradurre tutto, mi limiterò a segnalare i seguenti software:

# Audacity: software open source, editor audio completo con cui è possibile, registrare, convertire file, editare il suono, applicare effetti, etc.

# Power Sound Editor: editor audio grafico per editare e registrare suoni con aggiunta di effetti. Simile ad Audacity. Free.

# mp3DirectorCut: software freeware, molto rapido e efficace, permette di editare e registrare file mp3 compressi. Queste le principali operazioni: tagliare, copiare, incollare, configurare il volume. Tutto senza dover prima decomprimere il file mp3.

# Music Editor Free: altro software free che consente di registrare audio da più dispositivi e fornisce i fondamentali strumenti per l’editing audio: tagliare, copiare, inserire, incollare, cancellare, silenziare, etc. Molti anche gli effetti audio applicabili: equalizzatore, normalizzatore, amplificatore.

Tragli altri software di registrazione e editing audio segnalati: Expstudio Audio Editor, Soud Engine, WavePad Sound Editor,

La lista comprende inoltre:

# software per la composizione musicale come: Rosergarden, Kangas Sound Editor, Jokosher

# strumenti per tagliare file audio come: Audiobook Cutter, Mp3Splt,

# piattaforme per riprodurre musica come: LMMS


MIO GIUDIZIO

Si tratta di Software il cui uso richiede conoscenze di base nel campo dell’audio editing ma che può tornare utile a chiunque faccia uso di file audio e abbia la necessitò di disporre di strumenti free per compiere le basilari operazioni di audio editing.

Chi fosse itneressato ad approfondire l’argomento può disporre di diverse guide e videotutorial, anche in italiano, su alcuni di questi software.

Consiglio i seguenti videotutorial in italiano su Audacity:

1. Audacity Tutorial in italiano, durata 10:02

https://youtu.be/Z03Ik4v4vlE

2. Corso completo di Audacity di Fabrizio Gherardi, in italiano, suddiviso in 4 parti, questa la prima parte:

https://youtu.be/EBf2g2AZkUc

 
Rescooped by Patrizia Giulia Parisi from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Paola Limone: mappa su Scienze e Tic - L'uso delle tecnologie educative nella didattica delle Scienze

Paola Limone: mappa su Scienze e Tic - L'uso delle tecnologie educative nella didattica delle Scienze | e-learning | Scoop.it

Questa Cmap, creata con IHMC CmapTools da Paola Limone, contiene informazioni, risorse, strumenti, relative all'utilizzo delle Tecnologie Educative per l'apprendimento delle scienze


Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, December 6, 2015 11:55 PM

Una mappa realizzata da Paola Limone con Cmap Tools che raccoglie risorse e strumenti per l'insegnamento e apprendimento delle Scienze supportato dalle Tecnologie Educative.


Composizione

La mappa si propone di offrire un percorso di apprendimento dell'uso delle TIC nella didattica con particolare riferimento alla didattica delle Scienze e a tale scopo offre risorse, esempi, applicazioni, tutorial. 

 

Struttura della Mappa

La Mappa è articolata in alcuni nodi principali che a loro volta si articolano 24 sottoargomenti:

# Strumenti

# Strategie

# Progetti

# Curricoli

# Indicazioni Nazionali

Ogni sotto argomento presenta dei link a risorse per un totale di 74 link

 

MIO GIUDIZIO

Si tratta di una risorsa molto utile per chiunque volesse perfezionare le proprie competenze nell'uso delle TIC al servizio della didattica.

Rescooped by Patrizia Giulia Parisi from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

5 nuove caratteristiche di Google Drive utili per gli insegnanti - 6 New Google Drive Features Every Teacher Should Know About

5 nuove caratteristiche di Google Drive utili per gli insegnanti - 6 New Google Drive Features Every Teacher Should Know About | e-learning | Scoop.it

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, October 15, 2015 1:06 AM

Post pubblicato il 2/09/2015 su  Educational Technology and Mobile Learning, dedicato a illustrare alcune caratteristiche di Google Drives utili per gli insegnanti.

 

Registrazione Vocale

In Google Doc è possibile attivare la registrazione vocale selezionando dal menù "strumenti" la voce "digitazione vocale", in questo modo potremo "dettare" quello che vogliamo venga scritto. Nel post è presente un video che mostra come utilizzare questa funzionalità

 

Storia revisioni

Verificare gli ultimi cambiamenti in un documento condiviso

Si tratta di una funzionalità molto utile nel caso si lavori a un documento in collaborazione con altri utenti, cliccando su "mostra ultime modifiche", comparirà i'elenco delle ultime modifiche apportate al documento con indicazione di: data, ora, autore della modifica

 

Nuovi Layouts in Google Forms

Lavorando con Google Moduli è possibile modificare il tema e personalizzarlo con l'aggiunta di immagini, logo, etc. Il procedimento è molto semplice e l'effetto che si ottiene efficace, è sufficiente cliccare sul pulsante "cambia tema", selezionare uno dei temi predefiniti e personalizzarlo.

 

Modelli per Google Doc, Fogli di Calcolo e Presentazioni

Disponibile una nuova collezione di modelli per documenti, fogli di calcolo e presentazioni. Li si può trovare a questo indirizzo:

https://drive.google.com/templates?hl=it&ddrp=1#

La pagina è una galleria di modelli. Molto utili le funzioni di ricerca: 

# per tipologia (moduli, disegni, presentazioni, documenti, etc.)

# per categoria: scuola, statistiche, curriculum, agende, etc

# per lingua

Per usare un modello è sufficiente cliccare sul pulsante "Usa questo modello", disponibile anche un pulsante di anteprima per meglio valutare la grafica del modello

 

Esplora Fogli Fogli di Calcolo

Permette di valutare più efficacemente i dati presenti nel foglio di calcolo (per esempio i risultati di un questionario). Per attivare la funzionalità occorre cliccare sul tasto "Esplora", posto in basso a destra (non molto visibile). Per comprendere questa funzionalità meglio guardare questo video attivando i sottotitoli in italiano:

https://youtu.be/9TiXR5wwqPs

 

Rescooped by Patrizia Giulia Parisi from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Ricomincio da Bloom: la storia della tassonomia di Bloom e la tassonomia digitale degli obiettivi cognitivi

Ricomincio da Bloom: la storia della tassonomia di Bloom e la tassonomia digitale degli obiettivi cognitivi | e-learning | Scoop.it
Perché ricominciare da Bloom? Non certo per ritornare a Bloom, ma per intraprendere in modo consapevole e con qualche strumento in più i sentieri presenti e futuri dell'insegnamento e dell'apprendi...

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, September 6, 2015 6:09 AM

Articolo pubblicato su "Insegnanti 2.0 - Insegnare nell'era digitale", il 31/08/2015 da Gianfranco Marini. Il tema è l'integrazione delle tecnologie nella didattica con particolare riferimento alle applicazioni web e per dispositivi mobili. Per affrontare il problema si parte dalla tradizionale tassonomia di Bloom che consente di "gettare un ponte" tra gli obiettivi cognitivi del processo formativo scolastico e le pratiche didattiche.

 

La "storia" della Tassonomia di Bloom
Naturalmente la versione originale della tassonomia di Bloom si rivela insufficiente per trattare il tema delle tecnologie educativ e odierne. Per questo nell'articolo si ripercorrono le vicende della tassonomia bloomiana e delle sue varie versioni e adattamenti, con particolare riferimento alla:
# Tassonomia di Bloom Rivista
# Tassonomia Digitale di Bloom
L'ipotesi avanzata è che queste ultime possano costituire uno strumento per far si che vi sia una corretta integrazione delle tecnologie nella didattica, dove "corretto" significa che devono essere le tecnologie a piegarsi alle esigenze della didattica e non, come talvolta capita, il contrario. Infatti, specie nella visione "miracolistica" delle nuove tecnologie, si assume implicitamente che la loro introduzione possieda di per se una valenza didattica.

 

Alla ricerca delle applicazioni "giuste"
Nella seconda parte dell'articolo si propone un percorso attraverso raccolte di applicazioni web classificate secondo gli obiettivi cognitivi della tassonomia digitale di Bloom,questo allo scopo di agevolare la ricerca degli strumenti più adeguati per soddisfare le esigenze e i bisogni degli studenti e dei docenti alle prese con i concreti e quotidiani problemi didattici che incontrano sulla loro strada.

Astrid Hulsebosch's curator insight, October 12, 2015 3:30 AM

Procedere in modo consapevole; perché & come con strumenti adeguati per il percorso da intraprendere.