Dalla parte della terra
7 views | +0 today
Follow
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Antonio Liguori
Scoop.it!

Comitato "NO parcheggio sotterraneo": VOLANTINO

Volantino distribuito in Piazza san Bartolomeo per la festa del 24 agosto


IL PARCHEGGIO   DI CUI NESSUNO   SENTE   IL BISOGNO



Il parcheggio interrato nell’area degli ex orti di san Bartolomeo non verrà MAI edificato.
Questo, a Pistoia oramai lo sanno pressoché tutti.
E questo perché un gruppo di cittadini del quartiere (e non solo) sono stati capaci di autorganizzarsi e non è stato necessario chissà cosa. Semplicemente fare informazione. INFORMARE la cittadinanza di ciò che si stava, nel silenzio delle stanze del Potere e della Speculazione, organizzando a nostra insaputa. E’ stato sufficiente INFORMARE la cittadinanza dei pericoli idrogeologici che questa opera rappresentava per tutta la città. INFORMARE del degrado ambientale e del peggioramento della già bassa qualità della vita dei residenti il quartiere di San Marco...

more...
No comment yet.
Scooped by Antonio Liguori
Scoop.it!

Dalla parte della Terra: APPELLO PER IL 13 OTTOBRE

Dalla parte della Terra: APPELLO PER IL 13 OTTOBRE | Dalla parte della terra | Scoop.it

In ogni parte del mondo le lobby finanziarie, politiche e mafiose aggrediscono, depredano e devastano usando l’ormai insostenibile alibi del progresso e la promessa di una “crescita del lavoro”, con la complicità dei governi. Accade in Centroamerica, in Africa, in Asia come qui, in Italia. Le situazioni di attacco ai territori ed alle loro ricchezze sono innumerevoli.

Da Nord a Sud non è possib

ile elencare tutti gli scempi .
Dalla Valle di Susa, passando per il Mugello, arrivando fino in Sicilia i grandi affaristi violentano la terra cementificando, perforando, scavando e inquinando.

Calpestano la possibilità di una vita libera, felice e condivisa, sacrificandola alle logiche di poteri forti che muovono fili invisibili per asservirci ai loro scopi: i loro profitti, quelli che non bastano mai. Fra i responsabili spiccano Impregilo, Eni, Todini e non ultima la C.M.C. di Ravenna.

L’unico modo che abbiamo per contrastare queste mire rapaci e devastanti è costituire aggregazioni sempre più allargate e diffuse, rendendo evidenti le opposizioni e rendendoci conto che noi siamo più di loro e che solo uniti possiamo sconfiggerli.

Il primo appuntamento è per Il 13 ottobre a Ravenna, dove manifesteremo contro la Cooperativa Muratori e Cementisti (CMC) che, dopo essere stata artefice in questi anni di numerose devastazioni sul territorio italiano, si accinge a realizzare il tunnel geognostico alla Maddalena di Chiomonte in Val di Susa. Un’azienda che fra i vari progetti distruttivi, vuole realizzare un cantiere rifiutato da decine di migliaia di residenti nella Valle e da un Movimento che ormai è presente in tutta la penisola e oltre confine. In gioco non ci sono solo le spartizioni legate al T.A.V., ma soprattutto altre logiche decisionali ed autoritarie come il dimostrare che se il PD ( che è dietro la CMC) e qualunque altro partito politico decidono qualcosa, nessuno può permettersi di dissentire,di opporsi,di resistere.

L’azione di opposizione critica, di lotta e di disobbedienza, delle comunità e dei territori infatti mette in discussione gli stessi meccanismi del potere, gli equilibri dello scambio clientelare e mafioso .

Queste le ragioni per cui è importante che tutte le persone che vogliono impedire la devastazione del pianeta Terra partecipino a questa prima manifestazione per rilanciare l’opposizione alla lobby trasversale degli affari.

"Individui e realtà in lotta contro nocività e devastazioni dei territori"

more...
No comment yet.
Scooped by Antonio Liguori
Scoop.it!

COS’E’ IL PEOPLE MOVER?

COS’E’ IL PEOPLE MOVER? | Dalla parte della terra | Scoop.it

"Il People Mover è un mezzo di trasporto del costo complessivo di 100 milioni di euro (salvo gli inevitabili aumenti in corso d’opera, al giorno d’oggi si parla di almeno 20 milioni in più) e dovreb

dovrebbe collegare la stazione ferroviaria all’aeroporto al costo di 7,50/8 euro al biglietto. Con una spesa dieci volte minore di quella prevista per il People Mover ci si può collegare al Marconi con un breve prolungamento dei binari: infatti esiste a Bologna il Servizio Ferroviario Metropolitano che già oggi arriva a 1000 metri dalle piste aeroportuali al modico costo di un euro. Ancora più vicino sarebbe la fermata in base al nuovo progetto di ampliamento dell’aeroporto (500-800 metri)...(continua su nopeoplemover.wordpress.com)"

more...
No comment yet.