SoloperDiletta | Con Tutto Il Riso delle Spose. | Scoop.it

                                             Con Tutto Il Riso delle Spose.

 

Bianco. Resta lì. Ferma. Guarda da lontano, nascosta. Tutto quel bianco che si muove. Scena desiderata. Scena in slow motion. Di un giorno che non c'è. Che non è tuo.
                                        Ferma non ti muovere. Troppa luce.

 

Se ti sposti un po', macchia scura, si accorgeranno di te. Rovinerai quel fluire di vita.     Non è per te. Non è tuo.

 

Osserva la sposa. Pare senza peso, il suo incedere è lieve. Perché qualcuno la sorregge. L'ha sorretta tutto il tempo. Il tempo che non è tuo.

 

Sogno. L'atto d'amore che si compie in una dichiarazione dinanzi a testimoni. E' recita. E' gesto desueto ma desiderato. Ogni bambina lo sogna. Ogni ragazza lo pensa, lo vuole. Ogni donna lo spera.

 

Velo d'organza che si agita nel vento. L'amore celebrato.
Sole assorbito nella pietra. Carparo rovente, la piazza piena di abbracci. “Potrò baciare la sposa?”. Piazza piena di baci senza volto. Emozione strisciante. Sorrisi. Gioia.E' feroce la gioia quando non è la tua. Non è la tua.


E tu sei lì. Osservi il film di un giorno che non sarà mai. Sono tutti pronti. Perché lei uscirà tra poco sicura, il sorriso è quello della vincitrice. Quello di chi non teme nulla. Prima dei baci, prima degli abbracci, il rito propiziatorio. Quello che regala abbondanza, prosperità, ricchezza. L'arma in pugno stretta. Dita serrate.


Eccola. E allora via, lanciate. Tutti. All'unisono compiono lo stesso gesto. Riso alla sposa. Un soffio di talco. E' come un soffio di talco che si sperde nell'aria. Ogni chicco trova la sua strada tra le trame di tessuto prezioso, tra i capelli, nei fiori.

 

Lo sposo non toglierà più le macchie dal suo abito scuro. Memoria. Ogni segno sarà memoria. Di un giorno irripetibile.

 

Resta lì ferma. Guarda da lontano. Non è per te quella felicità.
Non è tua l'abbondanza, la prosperità. Tu dovrai solo ripulire. Toglierai ogni più piccolo residuo di quell'augurio.

 

Il riso assorbe più d'ogni altra cosa umori, sapori, colori. Assorbe anche le lacrime.
Va via e pensa...Con tutto il riso delle spose, io, ci sfamerei il mondo.

 

A Daniela. Che col riso delle spose ci sfamerebbe il mondo.

 

TdE