BINGE EATING- OBESITA'
488 views | +0 today
Follow
BINGE EATING- OBESITA'
DISTURBI ALIMENTARI MILANO
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Obesità: Quando il cervello lancia segnali

Obesità: Quando il cervello lancia segnali | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
L'obesità è un problema di natura fisica ma anche sociale, perché influisce negativamente sui rapporti interpersonali con gli altri membri della società.Risulta davvero molto difficile affrontare questo problema da soli; Spesso ...
more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Researchers identify key personalised-nutrition business models and factors to attract and keep consumers (EUFIC)

Researchers identify key personalised-nutrition business models and factors to attract and keep consumers (EUFIC) | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
Personalised nutrition advice provides consumers with individual dietary recommendations based on individual genotype and phenotypic data such as height, weight and blood type. Personalised Nutrition Offerings (PNOs) refer to the delivery of a personalised nutrition product or a service, thus sharing similarities with business models. Although several PNOs are available in the marketplace, many have failed to develop into viable businesses. A search and analysis of the currently available PNOs was undertaken by researchers from Wageningen University and Research Centre, Netherlands and the company Bio-Sense in Brussels, Belgium, who are involved in the Food4Me project (www.food4me.org). Their findings were published in the journal, Genes and Nutrition.
more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Contraccettivi, si conoscono ma si usano ancora poco

Contraccettivi, si conoscono ma si usano ancora poco | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
Secondo un'indagine condotta in 10 nazioni, solo il 16 per cento delle donne prende la pillola, ma non regolarmente
AM Giancaspero@'s insight:

Bassa la prevenzione nelle ragazzine che ormai hanno rapporti sessuali a età sempre più basse. “Alcuni dati europei dicono che a 15 anni il 10-19 per cento delle ragazze e il 20-29 per cento dei ragazzi ha un'attività sessuale, l'indagine Paidoss parla addirittura di inizio prima dei 14 per il 19 per cento degli intervistati – sottolinea a Panorama.it l'endocrinologa e ginecologa Metella Dei della Società italiana di contraccezione -. Tra le prime attività si fa riferimento ad uscire con un ragazzo, avere esperienze di intimità fisica e esperienze di contatti genitali. Una giusta contraccezione preserva, è sempre utile ricordarlo, anche da tante malattie se si pensa che solo per l'Hiv ogni anno in Italia 400 ragazzi contraggono il virus e almeno il 5 per cento delle ragazze ha un'infezione sessualmente trasmissibile”.

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Obesità: Fattori Di Rischio Per Le Donne

Obesità: Fattori Di Rischio Per Le Donne | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
Attualmente, oltre il 34 % delle donne rientra nella categoria “obesi” e sta compromettendo la propria salute con gravi fattori di rischio dati dall’obesità.
AM Giancaspero@'s insight:

Complicazioni per fertilità e gravidanza

Rimanere incinta e partorire a termine pone esigenze molto elevate nel corpo di una donna: l’obesità può compromettere la normale capacità riproduttiva del corpo. Complicazioni di obesità possono anche ridurre la fertilità inibendo l’ovulazione regolare. Durante la gravidanza l’obesità può portare a ipertensione, diabete gestazionale e anche alcune malformazioni congenite come la spina bifida. Durante il parto, l’obesità può rendere la normale espulsione del bambino troppo difficile e aumentare le possibilità di taglio cesareo. Dopo il parto, le pazienti obese hanno un maggior tasso di infezioni del tratto urinario e difficoltà di guarigione della ferita.

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Diabete. Sono oltre 3 milioni i malati in Italia: ormai è epidemia  - Quotidiano Sanità

Diabete. Sono oltre 3 milioni i malati in Italia: ormai è epidemia  - Quotidiano Sanità | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
L’AMD ha rielaborato i dati ISTAT 2012, arrivando alla conclusione che dal 2011 il numero di diabetici è aumentato di circa 300 mila unità, sfondando la soglia dei 3 milioni di pazienti.
AM Giancaspero@'s insight:

... vivono al Nord poco più di 1.100.000 persone con diabete, al Sud poco meno dello stesso numero e al Centro circa 1 milione. AMD-Associazione Medici Diabetologi ha infatti stilato la classifica delle Regioni italiane per numero di persone con diabete, evidenziando quanto questa malattia cronica sia un problema sociale gravoso nel Sud, dove è percentualmente più presente, ma veda la popolazione con diabete equamente ripartita tra Nord, Centro e Sud del Paese. La classifica vede al primo posto la Lombardia con oltre 533 mila malati su una popolazione di 9,7 milioni, in linea con la percentuale nazionale; .....

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Obesità: «Mea culpa» di Coca-Cola. Azzerati gli spot rivolti ai bambini

Obesità: «Mea culpa» di Coca-Cola. Azzerati gli spot rivolti ai bambini | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
Il colosso americano del beverage ha deciso di cancellare a livello internazionale la pubblicità diretta ai bambini sotto i dodici anni di età, di sponsorizzare programmi di fitness e di promuovere bevande dietetiche...
AM Giancaspero@'s insight:

L'allarme sull'ubiquità di bibite quali la Coca-Cola è stato lanciato da studi scientifici e da influenti politici, negli stessi Stati Uniti. La Harvard School of Public Health Consumption ha trovato che una bibita zuccherata al giorno aumenta del 20% il rischio di attacchi cardiaci negli uomini adulti. E un simile consumo tra i bambini fa salire addirittura del 60% il pericolo di obesità.

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

i disturbi alimentari visti dai protagonisti

i disturbi alimentari visti dai protagonisti | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
AM Giancaspero@'s insight:

No, questo non mi piace”, “No, non ne ho voglia”, “Mamma per favore non costringermi”…

Sono tutti atteggiamenti pericolosi verso il cibo che tendono ad avere soprattutto i giovani d’ oggi. Si tratta di un comportamento molto grave, che si può curare: non certo andando in una clinica psichiatrica o da un dietologo, ma solo con il tempo e la buona volontà da parte della persona che ne è affetta. Molti credono che il cibo sia il loro avversario da battere, una competizione dove il vinto non è certo il nutrimento. Io personalmente credo che il cibo sia un alleato della nostra vita e non penso minimamente che ci si debba battere contro di lui. Per me il pranzo, la cena, la colazione sono tutti momenti felici; per molte ragazze invece sono motivo di scontro con i genitori, frustrati, dal momento che la figlia si limita a mangiare solo pane e acqua. Questo atteggiamento della ragazza nei confronti dei genitori potrebbe essere un chiaro sintomo dell’anoressia di cui sono affette soprattutto le adolescenti, convinte che il loro corpo sia orribile e “pesante”. Un altro disturbo dell’alimentazione è la bulimia ovvero la dipendenza dal cibo. Sono malattie paragonabili ad un dirupo: una volta che ci si cade non si può più uscire. Io non sono né anoressica né bulimica e ne sono fiera perchè, come dicevo prima, da queste malattie non si può più sfuggire: come la neve cade e lentamente comincia a sciogliersi fino a svanire nel nulla. Spero che i malati di anoressia e bulimia siano sempre di meno perchè la vita bisogna godersela fino in fondo e distruggendosi in questo modo non sarà mai più la stessa.

 
more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Come prevenire l’obesità infantile – notizie dallo studio di IDEFICS (EUFIC)

Come prevenire l’obesità infantile – notizie dallo studio di IDEFICS (EUFIC) | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
Stimolare i giovani a fare esercizio fisico creando un ambiente circostante con sufficiente spazio verde, installazioni sportive e terreni di gioco può essere un modo semplice per combattere l’obesità nei bambini.
more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

SCORRETTA ALIMENTAZIONE E DISTURBI ALIMENTARI

SCORRETTA ALIMENTAZIONE E DISTURBI ALIMENTARI | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it

Il denominatore comune...è un corretto stile di vita associato ad un equilibrio psicofisico, alle spalle del disagio alimentare spesso si celano situazioni relazionali, affettive, emozionale, ecc...che comportano un approccio al cibo diversificato dal digiuno, all'abbuffata diurna e notturna...ai raptus alimentari..eccccc.

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Cos'è l' O.M.S

Cos'è l'  O.M.S | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it

uesta organizzazione mondiale, che ha il suo quartier generale a Ginevra, è responsabile, insieme alle Nazioni Unite (NU), del coordinamento per la salute. Ha il grande proposito di sovrintendere a malattie croniche e infettive, salute mentale, nutrizione, incidenti, rischi biologici, economia della salute e salute preventiva. Il ruolo dell’OMS include l’ occuparsi della direzione degli affari mondiali (il virus influenzale H1N1 è un esempio), controllare i trend sulla salute e fornire supporto tecnico alle singole nazioni.

Il quartier generale dell’OMS a Ginevra coordina inoltre sei uffici satellite che coprono le principali aree del globo. L’ufficio europeo dell’OMS con sede a Copenhagen, in Danimarca, supervisiona i fabbisogni alimentari pubblici di più di 50 paesi differenti.

Quale organizzazione mondiale, le linee politiche dell’OMS tengono conto dei bisogni delle nazioni povere o emergenti come di quelli delle ricche nazioni occidentali. Le attività dell’OMS in materia di sicurezza alimentare, dieta e nutrizione finiscono sotto due dipartimenti:
1) Nutrizione e salute, e
2) Sicurezza alimentare e zoonosi.

Il dipartimento per la salute e la nutrizione ha quattro flussi di lavoro:

Valutazione e sorveglianza sulla crescita: l’OMS produce grafici di crescita standard per infanti e ragazzi fino a 19 anni che sono ampiamente usati dai professionisti della salute.
Programmi e politiche nutrizionali, mirati ad una nazione: l’OMS fornisce strategia e guida per aiutare i singoli paesi a sviluppare politiche efficaci sugli alimenti e la nutrizione. Gli argomenti includono nutrizione materna e dei bambini, l’obesità, le persone anziane, raccomandazioni alimentari, sicurezza alimentare e HIV/AIDS. Un report chiave è la “Global Strategy on Diet, Physical Activity and Health”, strategia globale su dieta, attività fisica e salute.
Riduzione della malnutrizione da micronutrienti: l’OMS esamina i consumi di vitamine e minerali in diverse popolazioni e pubblica consigli a riguardo; per esempio sul consumo di vitamina A, iodio e ferro.
Nutrizione nello sviluppo e nella crisi: l’OMS fornisce supporto tecnico e sorveglianza durante le emergenze (per esempio guerra, carestia, alluvione) in modo da prevenire la denutrizione ed aumentare la sicurezza alimentare.
L’OMS lavora anche a stretto contatto con la Commissione Permanente delle Nazioni Unite.

Il dipartimento, deputato ad aumentare le conoscenze riguardo la malnutrizione, mobilita l’impegno a risolvere i problemi a livello globale, regionale e nazionale e promuove politiche internazionali per migliorare la sicurezza alimentare.

Il dipartimento per la sicurezza alimentare e le zoonosi è responsabile della sicurezza alimentare attraverso tutta la catena alimentare. Il suo obiettivo è di creare linee politiche ed applicare condotte in grado di tutelare la salute, con particolare attenzione alla riduzione delle malattie provocate da un alimentazione scorretta. Le ricerche hanno incluso l’ acrilammide nei cibi cucinati, i policlorobifenili (PCB) e la diossine nei salmoni e il monitoraggio biologico di inquinanti organici persistenti. Un’importante iniziativa trans-nazionale riguarda i “5 punti chiave per un’alimentazione più sicura”, i quali forniscono formazione e risorse adattabili localmente in modo da promuovere l’igiene alimentare. La sicurezza alimentare è coperta dall’ INFOSAN (network internazionale delle autorità per la sicurezza alimentare) che è un network globale composto da 177 autorità nazionali per la sicurezza alimentare.

.

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Early Antibiotic Use May Affect Weight - NIH Research Matters - National Institutes of Health (NIH)

Early Antibiotic Use May Affect Weight - NIH Research Matters - National Institutes of Health (NIH) | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it

L'uso di antibiotici può influenzare il peso

 

Una nuova ricerca suggerisce che nelle prime fasi di vita l'esposizione ad antibiotici colpisce microbi intestinali e cambiamenti come il cibo viene metabolizzato. I risultati possono spiegare come essi possono anche avere implicazioni per l'obesità infantile.

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Lavorare con i turni: conseguenze sulla salute e sull’alimentazione (EUFIC)

Lavorare con i turni: conseguenze sulla salute e sull’alimentazione (EUFIC) | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
I moderni stili di vita, in particolare i lavori con i turni, hanno modificato molto i ritmi quotidiani della vita. Questi cambiamenti causano dei danni alla salute?

Alterazione del metabolismo
Alcuni di questi problemi di salute possono essere in parte dovuti allo stile di vita e ad abitudini alimentari irregolari conseguenti al lavoro a turni, ma dipendono anche da profonde alterazioni del metabolismo.6 Il lavoro notturno va essenzialmente contro i ritmi circadiani dell’organismo umano, noti anche come “orologio biologico”, che sono un insieme di fluttuazioni fisiologiche all’interno delle 24 ore che sono soggette alla luce solare e alla temperatura.4 Uno studio recente ha mostrato che un ridotto riposo notturno per periodi prolungati e la rottura dei ritmi circadiani alterano il metabolismo, riducono il metabolismo a riposo (consumo dell’energia basale), aumentano i livelli ematici di glucosio (zucchero)(in conseguenza di un’inadeguata risposta all’insulina dopo un pasto), e aumentano inoltre il rischio di obesità e di diabete.7 In aggiunta anche lo stress psico-sociale e l’inattività fisica possono contribuire ad alter

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Cibo spazzatura, più rischio diabete e malattie cardiovascolari - Newsfood.com

Cibo spazzatura, più rischio diabete e malattie cardiovascolari - Newsfood.com | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
In caso di consumo frequente, il rischio sale del 80%...

Il cibo spazzatura, venduto nei fast food, fa male alla salute. Consumarlo, rende più soggetti a malattie come diabete e problemi cardiovascolare, innalzando il rischio di morte prematura. Nei casi più gravi, tale pericolo sale del 80%

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Disfunzione erettile
per un giovane su venti

Disfunzione erettile<br/>per un giovane su venti | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
ROMA I problemi sessuali maschili non riguardano solo uomini di una certa età, ma coinvolgono spesso anche i giovanissimi:
more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Obesità, il mondo deve stare a dieta - Tgcom24

Obesità, il mondo deve stare a dieta - Tgcom24 | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
Il problema del peso interessa un terzo della popolazione globale
AM Giancaspero@'s insight:

La mappa dei "grassoni" - Un incremento di undici punti percentuali in cui hanno "pesato", è il caso di dirlo, soprattutto i Paesi in via di sviluppo, dove ormai sono quasi un miliardo le persone in sovrappeso o obese, quattro volte di più rispetto al 1980. 

Nei Paesi occidentali invece la cifra è intorno ai 560 milioni, con una crescita più contenuta di circa il 10%. A livello di singole aree mondiali è il Nord America quello con la maggior percentuale, intorno al 70%. 

In Europa, il censimento ha registrato il 58% di persone sovrappeso o obese. Le cifre sono destinate a crescere, avvertono gli esperti, se l'Asia dovesse proseguire con i trend più recenti, nel report si legge: ''Il sud dell'Asia partiva dal 7%, e ora ha triplicato questa cifra arrivando al 22%''.

 
more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Salute: Gravidanza: l'aumento di peso favorisce l'obesità nei bimbi |

Uno studio condotto su 41.133 madri e sui loro bambini, in Arkansas, mostra che un elevato aumento di peso durante la gravidanza può causare obesità nei bambini.
AM Giancaspero@'s insight:

L’aumento di peso della mamma durante la gravidanza può causare l’obesità nei bimbi.

Uno studio condotto su  41.133 madri e sui loro bambini, in Arkansas, mostra che un elevato aumento di peso durante la gravidanza  può causare obesità nei bambini. I risultati, pubblicati il 1 ottobre su  PLoS Medicine dalla Princeton University, suggeriscono che la gravidanza può essere un momento particolarmente importante per prevenire l’obesità della prossima generazione.

 
more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Chirurgia dell'obesità. In Italia solo 7mila interventi l'anno. - Quotidiano Sanità

Chirurgia dell'obesità. In Italia solo 7mila interventi l'anno. - Quotidiano Sanità | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
Secondo gli esperti della Sicob ci sono ancora troppi pregiudizi: "Nel nostro Paese si conoscono poco i vantaggi legati agli interventi di chirurgia bariatrica".
AM Giancaspero@'s insight:

Sei milioni di italiani (il 10% della popolazione) sono obesi. Di questi, ogni anno, solo poco più di 7.000 si sottopongono a interventi di chirurgia bariatrica per affrontare i rischi, in primo luogo diabete e malattie cardiovascolari, legati al grave eccesso di peso. “Nel nostro Paese si conoscono poco i vantaggi legati agli interventi di chirurgia bariatrica - ha affermato Marcello Lucchese, Presidente della Società italiana di chirurgia dell’obesità e delle malattie metaboliche (Sicob) - Lo dimostrano i numeri di altre nazioni europee. In Francia, per esempio, dove gli obesi sono circa 7 milioni (11,2% della popolazione), sono state operate oltre 27.000 persone nel 2011, secondo i dati dell’Ifso (International federation for the surgery of obesity and metabolic disorders). In Belgio, si sono sottoposti a chirurgia bariatrica 8.500 pazienti a fronte di una popolazione totale di 11 milioni (13,5% gli obesi). Anche in Svezia gli interventi bariatrici, nel 2011, sono stati 8.500 su una popolazione totale di quasi 9 milioni e mezzo di abitanti (11% gli obesi). Per questo è necessario aumentare le conoscenze su queste tecniche chirurgiche salvavita in grado di riportare il peso nella norma e di migliorare la qualità di vita”.

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Disturbi alimentari, è allarme per i maschi

Disturbi alimentari, è allarme per i maschi | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
AM Giancaspero@'s insight:

Non ci sono solo le adolescenti che inseguono canoni di bellezza che vedono sulle copertine e in tv: anche i coetanei maschi sempre più spesso hanno problemi col cibo che fino a poco tempo fa si ritenevano esclusivi del mondo femminile. Se quasi una studentessa delle superiori su sette ha qualche disturbo dell’alimentazione, il rapporto Espad dell’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr, avverte che questo riguarda anche un ragazzo su venti, che però diventa uno su dieci se si restringe il campo ai quindicenni. 

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Anoressia: si fermi il reclutamento delle modelle fuori dall'ospedale ... - politicamentecorretto.com

Anoressia: si fermi il reclutamento delle modelle fuori dall'ospedale ... - politicamentecorretto.com | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
Anoressia: si fermi il reclutamento delle modelle fuori dall'ospedale ...
AM Giancaspero@'s insight:

Senza parole.....

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

L'IMPORTANZA DELLA FAMIGLIA NELLA RELAZIONE CON IL CIBO

L'IMPORTANZA DELLA FAMIGLIA NELLA RELAZIONE CON IL CIBO | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
AM Giancaspero@'s insight:

L’importanza della famiglia
Oltre al dormire ed all’attività fisica, anche l’ambiente familiare è un’importante fattore legato all’incremento del sovrappeso ed della obesità dei bambini. L’istruzione ed il reddito dei genitori sono chiaramente correlati allo stato del peso del bambino: I bambini di genitori con un basso reddito avevano una maggiore probabilità del 50% di essere sovrappeso o obesi se paragonati a bambini di genitori con un alto reddito. Questo effetto può essere parzialmente spiegato da una minore qualità della dieta nelle famiglie con basso reddito. Anche bambini proveniente da famiglie con un passato di immigranti hanno maggiore tendenza ad essere obesi, benché ciò non sia stato verificato in tutti i paesi europei studiati. Specialmente bambini di famiglie con un unico genitore sono più inclini a diventare obesi, paragonati a bimbi di famiglie con due genitori. Oltre a ciò, giovani con per lo meno un genitore sovrappeso o obeso avevano più tendenza ad essere sovrappeso od obesi essi stessi.

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Bambine anoressiche, è allarme in Inghilterra - West

Bambine anoressiche, è allarme in Inghilterra - West | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it

In Inghilterra nel 2011 i ricoveri di minori con disturbi alimentari sono aumentati del 16% rispetto all’anno precedente. Un dato tanto più preoccupante se si tiene conto che nel 50% dei casi si tratta di bambine di età compresa tra i cinque e i nove anni.

Un vero e proprio allarme sociale che ha spinto molti esperti d’Oltremanica a puntare il dito in particolare contro i social network. Così, come in altre (e disparate) occasioni, ancora una volta è il mezzo (neutrale per definizione) a finire sul banco degli imputati per i contenuti che attraverso di esso vengono trasmessi.

Basta d’altronde fare un giro online, semplicemente partendo da una piccola ricerca, per raggiungere migliaia di siti cosiddetti “pro-ana”: cioè luoghi virtuali in cui giovani donne (e in percentuale minore – ma in aumento – maschi) si scambiano consigli su come nascondere cibo e intenti anoressici, nonché sistemi per mantenere la forza di volontà necessaria a continuare a non mangiare. La stessa malattia viene esaltata insieme alla magrezza estrema che produce, canone di bellezza esaltato e perverso.

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Vitamine: a cosa servono e dove si trovano

Vitamine: a cosa servono e dove si trovano | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it

Quanti tipi di vitamine ci sono, qual è la loro azione e quale la dose giornaliera raccomandata?

 

VITAMINA 


A (e il suo precursore β-carotene)
B1 (tiamina)
B2 (riboflavina)
Niacina, Acido Nicotinico precedentemente nota come B3
Acido pantotenico noto come B5
B6 (piridossina)
Biotina conosciuta anche come B7, H e talvolta definita in modo scorretto B8

 

A (e il suo precursore β-carotene)

EU RDA (1) al giorno
Quantità giornaliera raccomandata dall’Unione Europea per le informazioni nutrizionali dei prodotti alimentari
800 µg

FONTI PRINCIPALI
Frutta e verdura gialla o arancione, verdure a foglia verde, fegato, prodotti del latte.

FUNZIONI
Formazione e mantenimento della cute, dei capelli e delle mucose; aiuta a vedere nella penombra; contribuisce alla crescita di ossa e denti.

SINTOMI DA CARENZA
Cecità notturna, cute secca e a scaglie, maggiore affaticamento.

TOSSICITA’? (4)
Si a dosi elevate.

SUGGERIMENTI PER IL CONSUMO
Servire frutta e verdura crude e mantenerle coperte e refrigerate. Cuocere a vapore le verdure e grigliare, cuocere al forno o brasare la carne.

LO SAPEVI CHE …
La vitamina A è anche conosciuta come Retinolo

B1 (tiamina)

EU RDA (1) al giorno
Quantità giornaliera raccomandata dall’Unione Europea per le informazioni nutrizionali dei prodotti alimentari
1,4 mg

FONTI PRINCIPALI
Lievito, frumento, grano integrale, fegato.

FUNZIONI
Aiuta il corpo a liberare energia dai carboidrati durante il metabolismo; aiuta la crescita e il tono muscolare.

SINTOMI DA CARENZA
Alterazioni cardiache, fatica, disordini nervosi, confusione mentale

TOSSICITA’? (4)
No, la quantità in eccesso è escreta dai reni.

SUGGERIMENTI PER IL CONSUMO
Non sciacquare riso e pasta prima e dopo la cottura. Cucinare in poca acqua.

LO SAPEVI CHE …
Nel 1910, uno scienziato Tedesco identificò per la prima volta la vitamina B1 e la definì “vitale amina” da cui ha avuto origine il termine vitamina.

B2 (riboflavina)

EU RDA (1) al giorno
Quantità giornaliera raccomandata dall’Unione Europea per le informazioni nutrizionali dei prodotti alimentari
1,6 mg

FONTI PRINCIPALI
Lievito, grano integrale, verdure a foglia verde, frattaglie, latte e uova.

FUNZIONI
Aiuta il corpo ad liberare energia dalle proteine, dai grassi e dai carboidrati durante i processi metabolici.

SINTOMI DA CARENZA
Tagli ai lati delle labbra, rash cutanei, anemia.

TOSSICITA’? (4)
Non sono riportati effetti tossici.

SUGGERIMENTI PER IL CONSUMO
Conservare gli alimenti al riparo dalla luce; cucinare le verdure in poca acqua; arrostire o grigliare la carne.

LO SAPEVI CHE …
Il latte è la migliore fonte di vitamina B2. Dato che questa vitamina è fotosensibile, non lasciare il latte esposto alla luce del sole poiché la vitamina B2 andrà distrutta.

Niacina, Acido Nicotinico precedentemente nota come B3

EU RDA (1) al giorno
Quantità giornaliera raccomandata dall’Unione Europea per le informazioni nutrizionali dei prodotti alimentari
18 mg

FONTI PRINCIPALI
Carne (bovina, pollame, pesce), cereali fortificati, arachidi, patate, derivati del latte e uova.

FUNZIONI
Rientra nel metabolismo di carboidrati, proteine e grassi.

SINTOMI DA CARENZA
Disordini cutanei, diarrea, indigestione, affaticamento.

TOSSICITA’? (4)
L’acido Nicotinico deve essere assunto solo sotto controllo del medico.

SUGGERIMENTI PER IL CONSUMO
Le carni di manzo, vitello, agnello e pollame devono essere grigliate o arrostite. Le patate devono essere cotte in poca acqua.

LO SAPEVI CHE …
La Niacina viene formata dall’organismo attraverso la conversione di un aminoacido che si trova nelle proteine.

Acido pantotenico noto come B5

EU RDA (1) al giorno
Quantità giornaliera raccomandata dall’Unione Europea per le informazioni nutrizionali dei prodotti alimentari
6mg

FONTI PRINCIPALI
Carni magre, farina di grano, legumi, verdure e frutta.

FUNZIONI
È un componente del coenzima A che svolge una parte fondamentale nel catabolismo di tutti i micronutrienti.

SINTOMI DA CARENZA
Affaticamento, vomito, mal di stomaco, infezioni, crampi muscolari.

TOSSICITA’? (4)
Non sono riportati effetti tossici.

SUGGERIMENTI PER IL CONSUMO
Consumare frutta e verdura crude.

LO SAPEVI CHE …
Si pensa che una grande quantità di acido pantotenico venga prodotta nel tratto gastrointestinale.

B6 (piridossina)

EU RDA (1) al giorno
Quantità giornaliera raccomandata dall’Unione Europea per le informazioni nutrizionali dei prodotti alimentari
2mg

FONTI PRINCIPALI
Pesce, pollame, carni magre, banane, prugne, fagioli secchi, avocado.

FUNZIONI
Rientra nella costruzione dei tessuti dell’organismo e nel metabolismo delle proteine.

SINTOMI DA CARENZA
Convulsioni, dermatite, debolezza muscolare, lesioni cutanee, anemia.

TOSSICITA’? (4)
L’assunzione di dosi molto elevate a lungo termine può determinare una neuropatia periferica (mani e piedi)

SUGGERIMENTI PER IL CONSUMO
Frutta e verdura crude o cotte per tempi brevi; carni arrostite o grigliate.

LO SAPEVI CHE …
Dato che la vit. B6 rientra nel metabolismo delle proteine, il fabbisogno di vit. B6 aumenta con l’aumentare dell’assunzione di proteine.

Biotina conosciuta anche come B7, H e talvolta definita in modo scorretto B8

EU RDA (1) al giorno
Quantità giornaliera raccomandata dall’Unione Europea per le informazioni nutrizionali dei prodotti alimentari
150μg (2)

FONTI PRINCIPALI
Cereali e derivati, lievito, fegato, legumi.

FUNZIONI
Coinvolta nel metabolismo di proteine, grassi e carboidrati.

SINTOMI DA CARENZA
Nausea, vomito, depressione, perdita di capelli, cute secca e screpolata.

TOSSICITA’? (4)
Non sono riportati effetti tossici.

SUGGERIMENTI PER IL CONSUMO
La conservazione, i trattamenti e la cottura non sembrano alterare questa viamina.

LO SAPEVI CHE …
Una sostanza presente nell’albume delle uova crude (l’avidina) si lega alla biotina e la rende inutilizzabile dall’organismo.

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Una vita meno sedentaria (EUFIC)

Una vita meno sedentaria (EUFIC) | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
Sappiamo che una vita fisicamente attiva ci fa bene. Fa lavorare i nostri muscoli, il nostro cuore e i nostri polmoni, ci aiuta a sentirci meglio e riduce il rischio di malattie.

’importanza di evitare una vita troppo sedentaria
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che l’inattività fisica è associata ogni anno a 3,2 milioni di morti nel mondo.1 Le raccomandazioni incoraggiano gli adulti a fare 150 minuti alla settimana di attività aerobica di moderata intensità (per esempio correre, camminare a passo veloce, nuotare; qualsiasi movimento che scaldi e che tolga un po’ il fiato). Gli adolescenti dovrebbero trascorrere almeno 60 minuti al giorno a fare attività fisica. Questa attività riduce il rischio di malattie non trasmissibili, ivi incluso il cancro del seno e del colon, il diabete e malattie cardiovascolari.1 Tuttavia, recenti scoperte aumentano la preoccupazione che questi rimangano gli unici rischi per la salute associati a lunghi periodi di sedentarietà, perfino in persone che fanno movimento regolarmente.2

Attività sedentarie
“Sedentario” deriva dal latino “sedere”. Questo comprende qualsiasi attività con un basso livello di consumo di energia.2 A riposo, gli organi del corpo richiedono una quantità essenziale di energia per le funzioni vitali che è nota come metabolismo basale (MB). Ciascun movimento, azione e gesto comporta un costo energetico aggiuntivo. Più siamo attivi, più consumiamo energia. Il costo energetico di un attività può essere espresso come multipli del tasso metabolico (per stimare le differenze nella dimensione del corpo), come equivalente metabolico (EM) o tasso di attività fisica (TAF). Un EM equivale a bruciare approssimativamente una kilocaloria per peso corporeo per ora.3 Per esempio, sulla base delle figure in Tabella 1, una persona con peso corporeo di 70 kg che nuota per 1 ora brucia circa 490 kilocalorie (70 kg x 7 EM). Le attività sedentarie sono definite come aventi ≤1,5 EM, perché non aumentano di molto la spesa energetica sopra il tasso metabolico a riposo (circa 1 EM). Queste includono tutte le attività in cui vi è poco movimento fisico.4

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Le donne italiane e il difficile rapporto col cibo, aumentano i casi di anoressia e bulimia « Altopascio.info

Le donne italiane e il difficile rapporto col cibo, aumentano i casi di anoressia e bulimia « Altopascio.info | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it

aumentano i casi di anoressia e bulimia 

n Italia crescono i casi di anoressia, bulimia e vari disturbi alimentari. Tutto ciò perché assumono maggiore rilevanza ambiti come la moda e la danza, in cui si dà grande importanza all’apparire più che all’essere. Non ci vuole, quindi, molto a capire che tali patologie si diffondono principalmente nell’ambiente della moda, caratterizzato dalla presenza di donne magrissime.
In Italia, il 5-6% della popolazione femminile tra i 12 e i 25 anni è affetto da un adulterato e patologico rapporto con l’alimentazione e il corpo. La Sisdca ha ricordato che tale percentuale arriva al 10% se si prendono in considerazione anche i disagi parziali, ossia situazioni non patologiche ma che devono far preoccupare perché sintomi di una futura malattia.

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Calorie Restriction May Not Extend Life - NIH Research Matters - National Institutes of Health (NIH)

Calorie Restriction May Not Extend Life - NIH Research Matters - National Institutes of Health (NIH) | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
In a 23-year study, scientists found that significantly cutting calories didn’t extend the lives of rhesus monkeys. The result differs from previous work that linked calorie restriction to longer life in primates.To look into the question, NIH's National Institute on Aging (NIA) has been conducting a study of monkeys since 1987. Some have been eating a normal diet, while others have been eating a diet with 30% fewer calories but the same nutrients.

Monkeys who ate less didn't seem to live any longer, the scientists reported in Nature on September 13, 2012. This is a surprising contrast with another NIH-funded study published in 2009. That study, conducted at the University of Wisconsin-Madison, found that monkeys on a calorie-restricted diet lived longer than those on a standard diet.

more...
No comment yet.
Scooped by AM Giancaspero@
Scoop.it!

Obesità: la malattia del millennio (EUFIC)

Obesità: la malattia del millennio (EUFIC) | BINGE EATING- OBESITA' | Scoop.it
L'obesità è provocata da molteplici fattori, tra i quali, ovviamente, un'alimentazione troppo ricca, ma anche un'attività fisica insufficiente, una predisposizione genetica, alcune disfunzioni del sistema endocrino e altri problemi di carattere...
more...
No comment yet.