AulaUeb Filosofia
31.9K views | +12 today
Follow
 
Scooped by Gianfranco Marini
onto AulaUeb Filosofia
Scoop.it!

Immanuel Kant (Mneme)

Immanuel Kant (Mneme) | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Königsberg (Prussia, oggi Russia) 1724 -- 1804. Opere principali: Critica della ragione pura (1781, 2ª ed.
Gianfranco Marini's insight:

Una sintesi del pensiero di Immanuel Kant dalla sezione Mneme del sito http://mondodomani.org/. Viene fornita una trattazione completa delle tre critiche e della metafisica dei costumi. Presente anche un apparato di note e una linkografia.

 

Questo l'indice della trattazione per avere un'idea di come l'argomento viene esposto:

 Presentazione1. I compiti della ragione2. La logica formale3. La filosofia speculativa trascendentale3.1. Dall'ontologia alla critica della ragione3.2. L'estetica trascendentale3.3. L'analitica e la deduzione trascendentale3.4. La dialettica trascendentale4. La metafisica dei corpi5. La filosofia pratica trascendentale5.1. L'analitica5.2. Il sentimento morale5.3. La dialettica6. La metafisica dei costumi7. La critica del giudizio Esercizi

 

more...
No comment yet.
AulaUeb Filosofia
Risorse web per l'apprendimento e l'insegnamento della filosofia. Storia della filosofia e didattica della filosofia.
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

AulaBlog - Video Lezione Kant: conoscenza e rivoluzione copernicana

AulaBlog - Video Lezione Kant: conoscenza e rivoluzione copernicana | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
2 video lezioni introduttive allo studio del criticismo kantiano
Gianfranco Marini's insight:
Lezione introduttiva allo studio della filosofia di Immanuel Kant e alla comprensione del Criticismo e della Rivoluzione Copernicana realizzata da Gianfranco Marini e intitolata "La mossa di Kant". 

La lezione ricostruisce alcuni momenti del dibattito sul problema della conoscenza usando la metafora di una partita a scacchi svoltasi nel corso dei secoli tra autori diversi ciascuno dei quali compie la propria mossa teorica. 

Gli autori presi in esame sono: Platone, Aristotele, Descartes, Hume. Viene infine esaminata la "Mossa di Kant", ovvero il ribaltamento del tradizionale rapporto tra soggetto e oggetto che ridefinisce i termini della concezione della verità come corrispondenza e del realismo gnoseologico che avevano dominato la scena per 2.000 anni. 

La lezione è suddivisa in due parti intitolate: 
# La mossa di Kant - 1^ parte: conoscenza e verità da Platone a Kant, durata 17:24 minuti

La mossa di Kant - 2^ parte: La Rivoluzione Copernicana, durata 15:53 minuti
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Radio 3 - Rai.tv - Io dico l'universo - 450 anni con Galileo. 18 puntate in formato MP3 sullo scienziato pisano

Radio 3 - Rai.tv - Io dico l'universo - 450 anni con Galileo. 18 puntate in formato MP3 sullo scienziato pisano | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
programma radiofonico di Radio 3 andato in onda nel 2014 in occasione dei 450 anni dalla nascita dello scienziato italiano. Il programma è di Gabriella Caramore e Rossella Panarese.
Gianfranco Marini's insight:
“Io dico L’universo” è un programma radiofonico di Radio 3 andato in onda nel 2014 in occasione dei 450 anni dalla nascita dello scienziato italiano. Il programma è di Gabriella Caramore e Rossella Panarese. 

IL PROGRAMMA
Si tratta di 18 puntate ciascuna della durata di 44 minuti circa e pensate come “conversazioni” che prendono spunto da un luogo significativo nella sua vita. Dal luogo prende spunto il racconto che mira anche a ricollegare la vita, l’opera e la ricerca di Galileo con le tematiche del mondo di oggi. Nel corso delle puntate si intrecciano a quella di Galileo tante storie, la narrazione è portata avanti da tante voci di scienziati, storici, filosofi, scrittori, etc. Una risorsa interessante e che può essere impiegata in u approccio didattico transdisciplinare in quanto coinvolge: fisica, letteratura, storia, filosofia, scienze, etc.
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Rubrica letteratura: Cosa leggono i filosofi Archives - Ho un libro in testa

Rubrica letteratura: Cosa leggono i filosofi Archives - Ho un libro in testa | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Cosa leggono i filosofi del nostro tempo? Aprono mai le pagine di un romanzo con la speranza di trovare una risposta ai loro dubbi?
Gli incontri di Silvia Bellia ci conducono in un luogo per lo più sconosciuto facendoci scoprire quali libri affascinano le intelligenze critiche del nostro tempo, gli intellettuali a cui compete il compito di «cattiva coscienza», come dice Nietzsche. L’approccio filosofico ci offrirà uno spazio di riflessione insolito per interrogare le pagine dei libri.
Gianfranco Marini's insight:
Cosa leggono i filosofi è una rubrica curata da Silvia Bellia e pubblicata su "Ho un libro in testa", sito dedicato alla letteratura: "una fucina dove potete incontrare lettori, scrittori, librai, editor, editori, agenti letterari, illustratori, traduttori, filosofi, poeti. Un posto dove stare bene."

LA RUBRICA
Nella rubrica Silvia Bellia incontra i filosofi contemporanei per interrogarli sulle loro letture.  Tra i tanti filosofi intervistati: Francois Cheng, Bruno Nacci, Maddalena Mazzocut-Mis, Raymond Carver, Serge Latouche,  Gabriella Baptist, Franco Ricordi, Paolo Vignola, e tanti altri.
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Silvia Bellia: Nigel Warburton: il filosofo del web - Ho un libro in testa

Silvia Bellia: Nigel Warburton: il filosofo del web - Ho un libro in testa | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Incontriamo l'autore di Il primo libro di filosofia (Einaudi). È la nuova puntata di Cosa leggono i filosofi. Ogni quindici giorni, Silvia Bellia ci farà incontrare un filosofo, così potremo sapere quali romanzi lo affascinano, quali libri ha in testa. E come possiamo noi, nel nostro quotidiano, diventare “lettori filosofi”.
Gianfranco Marini's insight:
Presentazione e intervista a Nigel Warburton a cura di SIlvia Bellia per la rubrica Cosa leggono i filosofi, pubblicata su Ho un libro in testa il 30/01/2017, il titolo è: Nigel Warburton: il filosofo del web.

NIGEL WARBURTON
Molto attivo sul web, Nigel Warburton è molto noto per le sue opere di divulgazione filosofica tra cui spiccano: Il primo libro di filosofia e Breve storia della filosofia.
Presentando questo autore Silvia Bellia mette in evidenza due punti essenziali:

1. la capacità di Warburton di dare concretezza al discorso filosofico che nasce da esigenze reali, prima fra tutte la necessità di capire confrontandosi con il passato;

2. L'esigenza di chiarezza nel ragionare e nel divulgare secondo il principio di Searle: «if you can’t say it clearly, you don’t understand it yourself»: «se non posso esporre qualcosa con chiarezza, non posso nemmeno comprenderla io stesso»

Altro aspetto interessante è il rapporto tra filosofia e web. Warburton cura un sito web dedicato alla filosofia:
Molto interessante è anche la sperimentazione condotta da Warburton sull'uso del podcast come strumento di divulgazione e discussione filosofica. In philosopphy bites si possono ascoltare numerose registrazioni audio dedicata ai vari problemi della filosofia e interviste ai grandi pensatori contemporanei su aspetti, problemi e autori della storia della filosofia:

L'INTERVISTA
L'intervista verte sulla filosofia, il suo presente e il suo futuro: la filosofia e il web, la divulgazione filosofica, filosofia e letteratura.
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

closeupengineering: L’etica della robotica non esiste e NON DEVE esistere, l'etica è una questione di marketing

closeupengineering: L’etica della robotica non esiste e NON DEVE esistere, l'etica è una questione di marketing | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Gianfranco Marini's insight:
Articolo pubblicato dalla redazione di closeupengineering che muove dal primo incidente mortale che coinvolge una "self driving car", per affrontare il problema dell'etica applicata alla robotica in particolare e alla tecnologia in generale. 

La posizione espressa è estremamente interessante e raccapricciante al tempo stesso e mostra come si possa scivolare su posizioni di ingenuo riduzionismo su questioni che sono cruciali per il futuro della società umana. 
In realtà la cosa che non perdono a questi religiosi della scienza è di non avere capito nulla di Isaac Asimov che proprio nella tensione insuperabile tra necessità di un'etica e ambiguità della stessa essenza di cosa sia umano, ha incentrato le sue storie sui robot e gli uomini.

LA TESI DI FONDO
Ma cerchiamo di capire il ragionamento di questi integralisti della tecnologia:
1. La scienza non deve mai porsi questioni etiche
2. deve essere libera
3. non si può valutare la scienza in base alle conseguenze
4. altrimenti dovremo tagliarci le mani per tutti le morti che hanno provocato

Conclusione: l'etica è una questione di marketing
1. La questione etica riguarda non la ricerca e lo sviluppo delle tecnologie ma la commercializzazione dei prodotti.
2. Tutto il resto è sterile dibattito.
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Roberto Garaventa: Søren Kierkegaard: La libertà come scelta tra molteplici forme di vita – DIA-LOGOS

Roberto Garaventa: Søren Kierkegaard: La libertà come scelta tra molteplici forme di vita – DIA-LOGOS | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Gianfranco Marini's insight:
Una sintesi del seminario tenuto dal Prof. Roberto Garaventa sul tema della libertà agli studenti del liceo scientifico Galilei di Pescara il 2015/05/2015.

IL SEMINARIO
L'intervento è dedicato a una riflessione sul modo in cui Kierkegaard intenda la filosofia come riflessione esistenziale e meditazione. 
In questo contesto acquista valore il concetto di "cura", di sé e degli altri e la comunicazione di potere  con cui la cura si esprime e che si contrappone alla "comunicazione di sapere" e che porta alla pratica della filosofia come "edificazione" della propria vita e, quindi, anche educazione (costruzione di sé)

LE SCELTE
Garaventa fornisce quindi un quadro sintetico degli stadi sul cammino della vita (estetico, etico e religioso) e illustra, in conclusione, il concetto di angoscia.

MIO COMMENTO
Il testo di Garaventa è pensato e scritto per gli studenti liceali e costituisce un'ottima risorsa per lo studio della filosofia di Kierkegaard alternativa al classico manuale e punto di partenza per una lettura guidata di una antologia di testi del filosofo danese.
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Maria Chiara Pievatolo: Il Fedro di Platone, guida alla lettura

Maria Chiara Pievatolo: Il Fedro di Platone, guida alla lettura | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Gianfranco Marini's insight:
Il Fedro di Platone è uno dei testi fondamentali di tutta la storia della filosofia e per lo stile e per i nuclei problematici che affronta che sono focalizzati sulla natura del discorso filosofica e della comunicazione.

LA GUIDA
Quella di Maria Chiara Pievatolo è, per quello che ho potuto finora esplorare, la migliore guida a quest'opera fondamentale che illustrata passo per passo in un agile e chiaro ipertesto suddiviso in paragrafi molto brevi ma pregnanti e che non occultano la complessità dei problemi trattati. A mio giudizio è molto adatto sia a chi già conosce Platone, sia come strumento che offre anche agli studenti un supporto ad una lettura critica di quest'opera.
La guida è stata pubblicata il 2004/05 con licenza Creative Commons.

LA CHIAVE DI LETTURA
L'autrice cerca di fornire una traccia per seguire il complesso problema relativo alla "condanna della scrittura" da parte di Platone che, al di là della esistenza o meno di "dottrine segrete", pone l'importante problema del valore del discorso filosofico come alternativa alla manipolazione retorica e all'agire fondato sulla passione e l'istinto.
Cito qui la parole conclusive dell'autrice:

"Il discorso di Lisia, che Fedro poteva sottrarre a Socrate tenendolo nascosto sotto il mantello, non è di per sé in grado di produrre un sapere comune, sia perché, per la natura del suo supporto, si presta ad essere privatizzato, sia perché la sua forma comunicativa è rigida e non interattiva. Esso, pertanto, può fondare soltanto progetti politici autoritari e manipolatori. Di contro, il sapere di cui Socrate ha parlato nel Fedro, che, lasciando liberi i testi, ha bisogno di essere messo in comune tramite l'interazione interpersonale, ha anche la possibilità di costruire una comunità politica in quanto progetto collettivo. La stessa associazione di Fedro a Socrate è un piccolo passo in questa direzione"

L'INDICE
Queste le voci dell'indice, cliccando su ciascuno di esse si accede al testo di commento di Maria Chiara Pievatolo:

Il problema della scrittura 
La VII lettera 
Gli strumenti del conoscere 
Una passeggiata fuori città (Fedro 227a-228e) 
Il problema del mito (Fedro 229a-230a) 
I libri e la città (Fedro 230a-230e) 
Il discorso di Lisia (Fedro 231a-234c) 
Una critica tecnica (Fedro 234c-237a) 
Il primo discorso di Socrate (Fedro 237b-241c) 
Il secondo discorso di Socrate (Fedro 241d-257b)
Palinodia (Fedro 241d-243e) 
Eros come mania (Fedro 244a-245c) 
La natura dell'anima (Fedro 245c-246a) 
Il carro alato (Fedro 246a-247c) 
Un luogo al di sopra del cielo (Fedro 247c-248c) 
Metempsicosi (Fedro 248c-249b) 
Anamnesis (Fedro 249b-c) 
Un'operazione retorica (Fedro 249d-256e) 
Un ideale aristocratico (Fedro 256e-257b) 
Ambiguità della logografia (Fedro 257b-258e) 
Il mito delle cicale (Fedro 258e-259d) 
Retorica senza verità (Fedro 259e-260c) 
La retorica come tecnica (Fedro 260d-262c) 
Un caso fortunato (Fedro 262c-264e) 
Il trucco svelato: diaresis e synagogé (Fedro 265a-267e) 
Medicina e retorica (Fedro 268a-272c) 
La pubblicità del sapere 
La techne di scrivere Per piacere agli dei (Fedro 272e-274a) 
Il mito di Theuth (Fedro 274b-275c) 
La dignità della scrittura (Fedro 275c-275e) Scrivere nell'anima (Fedro 276a-277a) 
Un riassunto ipomnematico (Fedro 277a-279a) 
«Le cose degli amici sono comuni» (Fedro 279b-c)
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Elena Giorza - Il problema dell’identità: dalla figura del Don Giovanni all’individuo penisola - Micromega

Elena Giorza - Il problema dell’identità: dalla figura del Don Giovanni all’individuo penisola - Micromega | AulaUeb Filosofia | Scoop.it

 di Elena Giorza, L’identità personale degli individui è una delle questioni più dibattute e urgenti del nostro tempo. “Contro il fanatismo” di Amos Oz e “Intervista sull’identità” di Zygmunt Bauman, ci aiutano a riflettere su alcune dell

Gianfranco Marini's insight:
Un articolo di Elena Giorza pubblicato su micromega-online il 24/06/2017 e incentrato sul problema dell'identità personale, L'articolo è stato segnalato da Gabriella Giudici sul suo blog, dove si può trovare un'interessante rassegna di altri post e articoli tratti da pubblicazioni online.

IL PROBLEMA
Il titolo dell'articolo di Elena Giorza è "Il problema dell’identità: dalla figura del Don Giovanni all'individuo penisola", la riflessione dell'autrice sul tema oggi cruciale dell'identità, prende le mosse da due fondamentali contributi “Contro il fanatismo” di Amos Oz e “Intervista sull’identità” di Zygmunt Bauman 

L'ARTICOLO 
Obiettivo di Elena Giorza è cercare di fornire un quadro delle principali posizioni attualmente diffuse sull'identità personale e mostrarne i limiti in relazione alla fondamentali sfide storiche, politiche e culturali della contemporaneità. 

TRE VERSIONI DELL'IDENTITÀ 
le 3 concezioni esaminate sono: 
1. la concezione degli individui come isole separate e autonome e uno stato neutrale rispetto alle persone 

2. la prospettiva che fonda l'appartenenza su un'identità comunitaria forte e omogenea 

3. la concezione che rifiuta la costruzione di identità personali forti in quanto ostacolo alla tolleranza e anche alla libertà individuale vista come avere tutto e subito 

IDENTITÀ FORTE E DEBOLE 
Seguendo Bauman, l'autrice sostiene la tesi che di fronte agli attuali problemi rappresentati da multiculturalismo, globalizzazione, inclusione digitale, l'identità debole sia una soluzione inefficace e pericolosa, perché produce intolleranza, esclusione, fondamentalismo, conflitto. 
Assumendo come meta ideale la comunità universale kantiana, inclusiva dell'intero genere umano, la sola soluzione sembra essere quella di una "identità forte", capace di non "dissolversi" nella società liquida e di non sentirsi minacciata dall'altro. 

AMOS OZ E L'INDIVIDUO PENISOLA 
Elena Giorza illustra la sua idea di "identità forte" attraverso l'immagine dell'individuo penisola proposta da Amos Oz. Le persone non sono isole incomunicanti l'una contro l'altra armate, ma nemmeno particelle di una terraferma che riduce all'uniformità tutti gli individui. Gli individui con una personalità solida, sono penisole quando fondano la loro identità sull'appartenenza a una comunità, ma mantengono una propria identità peculiare, non riducibile a quella comunitaria, che è dotata di coerenza, continuità e distinzione. Avranno quindi la possibilità di relazionarsi con l'altro evitando sia il conflitto che la tolleranza e evitando anche l'identità liquida delle "comunità guardaroba" e il fondamentalismo.
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

FilosofoJoe: EMERGENZA NIETZSCHE!!! video introduttivo

Nietzsche è uno dei filosofi più affascinanti ed importanti della filosofia occidentale, ma a molti risulta decisamente oscuro. Dopo molte richieste
Gianfranco Marini's insight:
Un video introduttivo allo studio di Nietzsche realizzato da FilosofoJoe, Si tratta di una breve introduzione in cui FilosofoJoe, in 5 minuti, presenta Nietzsche utilizzando una mappa mentale suddivisa in 6 rami:
1. Chi è Nietzsche
2. La nascita della tragedia
3. Il Superuomo
4. Dio è morto
5. Il prospettivismo
6. L'eterno ritorno

Un modo simpatico e interessante per fissare alcuni concetti chiave introduttivi allo studio del filosofo tedesco
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Gabriella Giudici: Tzvetan Todorov, Sul buono e cattivo uso della natura umana

Gabriella Giudici: Tzvetan Todorov, Sul buono e cattivo uso della natura umana | AulaUeb Filosofia | Scoop.it

"Il saggio, dedicato alla ‘natura umana’, illustra le opposte radicalizzazioni di Montaigne [‘tutto è cultura’] e Diderot [‘tutto è natura’] dalla prospettiva rousseauiana che l’autore riafferma."

Gianfranco Marini's insight:
Gabriella Giudici pubblica sul suo blog l'ultimo intervento scritto di Tzevatan Todorov uscito postumo sul n° 3 del 2997 di Micromega e intitolato "Sul buono e cattivo uso della natura umana". Si tratta di una riflessione volta a esaminare la questione della fondazione della moralità attraverso la concezione della "natura umana" propria di Montaigne, Diderot e Rousseau.

Preferisco segnalare il testo di Todorov così come è pubblicato da Gabriella Giudici che la versione originale di Micromega, perché nel blog di Gabriella Giudici l'intervento di Todorov è impaginato meglio, accompagnato da immagini e il testo è formattato in modo da evidenziare citazioni e parole chiave, molto più adatto quindi a scopi didattici.

Chi volesse può trovare l'articolo originale di Micromega a questo indirizzo:

TRE OPZIONI
Se per Montaigne "tutto è cultura" e per Diderot "tutto è natura", l'approccio di Rousseau è differente, non rinuncia all'universalismo e a una sua fondazione come Montaigne per cui non vi è natura ma solo cultura e consuetudine; né cerca, come Diderot, di fondare la natura umana e la sua universalità sul fatto, ma assume la "socialità" della natura umana come fondamento della moralità.

MIO COMMENTO
Todorov è consapevole di utilizzare una categoria superata e condizionata da una visione metafisica assolutizzante, ma il suo problema è la possibilità di trovare uno spazio tra assolutismo e relativismo che eviti l'appiattimento dei valori sui fatti e l'impossibilità del giudizio morale e indagare su quali siano le condizioni per fondare in modo razionale la possibilità della convivenza e del valore.

Si tratta di un contributo interessante che può essere proposto agli studenti e costituire una "chiave di lettura" per interpretare il dibattito sulla morale e la politica nella formazione del pensiero moderno e del mondo moderno.
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Annaliside Arci:  video didattici di storia della filosofia, storia antica, letteratura - YouTube

Annaliside Arci:  video didattici di storia della filosofia, storia antica, letteratura - YouTube | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
"Come rane intorno ad uno stagno", (Platone, Fedone, 109a). Nel V secolo a.C. i Greci erano insediati in una zona ben più ampia della Grecia attuale; i
Gianfranco Marini's insight:
Annaliside Arci gestisce un canale YouTube in cui si possono trovare video didattici relativi a: filosofia, storia, letteratura greca e latina. Tutti i temi trattati nel video sono focalizzati sul mondo antico e medioevale e sulla cultura classica. Si tratta di un canale molto interessante e ricco di risorse utile nella didattica della storia, della storia della filosofia e della letteratura. 
Annaliside Arci pubblica anche un suo blog che si può leggere a questo indirizzo:

I VIDEO
Sono suddivisi in 7 playlist dedicate ai seguenti argomenti:
1. Corso di storia greca: 15 video
2. Metodo di studio: 14 video
3. la loggia di Annaliside: recensioni di libri
4. storia medievale: 4 video
5. storia della filosofia antica: 35 video
6. Le guerra puniche: 1 video
7. Agostino di Ippona: 2 video
more...
Jamin's curator insight, January 28, 4:58 AM
Annaliside Arci gestisce un canale YouTube in cui si possono trovare video didattici relativi a: filosofia, storia, letteratura greca e latina. Tutti i temi trattati nel video sono focalizzati sul mondo antico e medioevale e sulla cultura classica. Si tratta di un canale molto interessante e ricco di risorse utile nella didattica della storia, della storia della filosofia e della letteratura. 
Annaliside Arci pubblica anche un suo blog che si può leggere a questo indirizzo:

I VIDEO
Sono suddivisi in 7 playlist dedicate ai seguenti argomenti:
1. Corso di storia greca: 15 video
2. Metodo di studio: 14 video
3. la loggia di Annaliside: recensioni di libri
4. storia medievale: 4 video
5. storia della filosofia antica: 35 video
6. Le guerra puniche: 1 video
7. Agostino di Ippona: 2 video
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

santippe76: canale youtube dedicato alla "storia della filosofia in pillole" - YouTube

santippe76: canale youtube dedicato alla "storia della filosofia in pillole" - YouTube | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Microangolo culturale divulgativo. I fondamenti della storia della filosofia occidentale in pillole. Per giovani studenti alle prese con la disciplina o pe
Gianfranco Marini's insight:
Voglio segnalare il canale YouTube di santippe99 in cui sono presenti brevi video dedicati alla storia della filosofia occidentale e rivolti agli studenti allo scopo di offrire una "introduzione semplificata" alla conoscenza di autori e tematiche. Iniziativa riuscita. 
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Tempo di Scuola - Rosario Drago: organizzazione del tempo scolastico, taylorismo e fordismo della scuola italiana

Tempo di Scuola - Rosario Drago: organizzazione del tempo scolastico, taylorismo e fordismo della scuola italiana | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Gianfranco Marini's insight:
Una ricerca sul tempo scuola, realizzata da Rosario Drago nel 2005 e pubblicata sul sito dell'ADI, Associazione docenti e dirigenti scolastici italiani. Si tratta di un lavoro tuttora validissimo e attuale dato che nulla è cambiato nel frattempo, se non sulla carta. 

STORIA DEL TEMPO SCOLASTICO 
Manca una considerazione e analisi nell'ambito del scienze dell'educazione del tempo scolastico e mentre la concezione scientifica del tempo è andata rivoluzionandosi, il tempo - scuola risponde ancora alle visione newtoniana di un tempo uniforme e assoluto. Interessante la breve storia del "tempo scuola" dal XIX secolo ad oggi, dominata dall'idealismo di Giovanni Gentile. In realtà già agli inizi del XX secolo c'era chi riteneva assurdo costringere per anni i ragazzi ad assistere a lezioni frontali per 5 ore al giorno (Vailati)

IL TAYLORISMO SCOLASTICO 
L'esame della organizzazione giornaliera, settimanale, annuale del tempo scolastico mostra una piena aderenza ai principi del taylorismo: standardizzazione, divisione del lavoro, parcellizzazione, uniformità e universalità (tempi, intervalli, calendarizzazione sono uguali in tutti gli ordini e gradi di scuola). 

A tale struttura del tempo corrisponde una analoga struttura delle materie: chiuse, fondate sulla trasmissione e riproduzione di contenuti standardizzati e incorporati nel manuale. 
Il tutto accompagnato da: 
# graduale aumento orari di lezione 
# inesistenza di pause (1 per 5 o 6/7 ore di lezione) 
# concentrazione nella mattina del tempo scuola 
# aumento delle materie di insegnamento in una visione incrementale del curricolo (primitiva da un punto di vista sia epistemologico che pedagogico) 
# inesistenza di curricoli personalizzati sulle reali esigenze degli studenti

IL TEMPO E LA SCUOLA 
L'organizzazione del tempo scolastico è un punto di vista privilegiato per mettere a nudo la rigidità e chiusura complessive del nostro sistema scolastico fondato sul modello taylorista e fordista della produzione di massa standardizzata: 
# insegnamento e apprendimento sono uguali per tutti 
# a tutti viene insegnata la stessa cosa, nello stesso modo e nello stesso tempo (Howard Gardner) 
# gli orari settimanali sono rigidi sia per gli studenti che per i docenti 
# le materie chiuse e in-comunicanti 
# il numero di ore passate a scuola è enorme e senza pause 
# gli studenti lavorano individualmente 
# la trasmissione e riproduzione sono i paradigmi dominanti nell'insegnamento e nell'apprendimento 
Interessanti poi le proposte di modifica del calendario scolastico: 
# l'orario orizzontale (calendario annuale) dovrebbe variare per scuola, ciclo e clase 
# l'orario verticale (settimanale - mensile): variare unità oraria e durata minima unità di insegnamento

MIA OPINIONE
La classe anagrafica andrebbe abolita del tutto.

INDICE DEL LAVORO
Chi volesse farsi un'idea della ricerca di Rosario Drago può consultare l'indice degli argomenti.

Tempo di scuola 
1. Parte I
- La trasformazione della nozione di tempo 
2. Parte II 
- Il tempo scuola: la trasformazione negata 
- Una breve storia del tempo scuola un'analisi del tempo scuola 
3. Parte III 
- Gli insostenibili condizionamenti del tempo scuola 
- I vincoli 
- Gli interessi corporativi e le retoriche pedagogiche 
- Le strategie di autodifesa degli studenti 
4. Parte IV 
- Le sostenibili ragioni del cambiamento 
- Nuovi scenari 
- Alcuni obiettivi di breve, medio e lungo termine 
5. Bibliografia
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Rosa Carnevale: video lezione su Giordano Bruno

La relazione tra Dio e la Natura, il concetto di infinito, Degli eroici furori.
Gianfranco Marini's insight:
Una video lezione realizzata da Rosa Carnevale che ha come tema la filosofia di Giordano Bruno. In particolare vengono affrontati i seguenti argomenti:
1. la relazione tra dio e la natura
2. il concetto di infinito
3. il processo della conoscenza
Si fa particolare riferimento all'opera "Degli eroici furori".
La prima parte del video illustra sinteticamente la vita di Giordano Bruno. La spiegazione è facilitata dall'uso di immagini e schemi che facilitano la comprensione dei concetti e l'apprendimento del lessico.
Molto utile come guida allo studio di Giordano Bruno, ripasso dei temi e problemi centrali, risorsa per il Blended Learning.

SCHEDA VIDEO
Autore: Rosa Carnevale
Titolo: Giordano Bruno
Data Pubblicazione: 7/11/2017
Durata: 8:42
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Treccani Scuola: Playlist di FILOSOFIA - 240 video didattici di filosofia

Treccani Scuola: Playlist di FILOSOFIA - 240 video didattici di filosofia | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Gianfranco Marini's insight:
Nel canale YouTube di Treccani Scuola si possono trovare varie Playlist dedicate alle diverse discipline: fisica, latino, storia dell'arte, matematica, etc. 
Tra queste è reperibile anche una playlist intitolata FILOSOFIA, che contiene ben 240 video. 

LA PLAYLIST
Si tratta di video molto brevi, la durata è infatti compresa tra 1 e 2 minuti. Si possono trovare video relativi a tutti i principali autori e le più importanti  tematiche della storia della filosofia. Si tratta di una risorsa estremamente utile sia per fornire agli studenti materiali relativi al lessico filosofico e alle problematiche della disciplina, sia come materiali cui attingere per creare video quizzes o video commentati o da inserire in documenti multimediali più complessi.
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Pomponio Leto - canale YouTube: video lezioni di Psicologia, sociologia e pedagogia

Pomponio Leto - canale YouTube: video lezioni di Psicologia, sociologia e pedagogia | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Gianfranco Marini's insight:
Un canale YouTube che raccoglie circa 50 lezioni di Pedagogia, Psicologia e Sociologia realizzate da docenti e studenti del Liceo delle Scienze Umane "Pomponio Leto" di Taggiano (Sa).

LE VIDEO LEZIONI
Si tratta di video lezioni di storia della pedagogia o sociologia e qualche video lezione di psicologia. Le video lezioni sono interessante e ben realizzate e possono costituire un esempio da adottare in altri contesti scolastici, specie quelle realizzate dagli studenti.
Purtroppo non sono organizzate in playlist, cosa che renderebbe più semplice l'individuazione di quelle che interessano. Comunque un ottimo esempio di utilizzo del digitale e del web per la didattica.
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Mariarosaria Pranzitelli: Adotta una conferenza - gli studenti al Festival di Filosofia di Modena, Carpi e Sassuolo - 2017

Mariarosaria Pranzitelli: Adotta una conferenza - gli studenti al Festival di Filosofia di Modena, Carpi e Sassuolo - 2017 | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Festival della Filosofia sulle arti vai al link L’edizione 2017 del festival, in programma dal 15 al 17 settembre, è stata dedicata alle arti ed ha esplorato la radice comune con le tecniche, che s…
Gianfranco Marini's insight:
Un esempio interessante di buona pratica interdisciplinare documentato da Mariarosaria Pranzitelli nel suo blog e frutto di un'attività che ha coinvolto nel corso dell'estate e del primo mese dell'ano scolastico gli studenti di 3 classi quinte, titolo: "Adotta une conferenza".

IL COMPITO PER GLI STUDENTI
Gli studenti dovevano seguire autonomamente una conferenza, documentarsi su un libro loro assegnato, riferire la loro esperienza alla classe all'inizio dell'anno scolastico con l'ausilio di una documentazione multimediale da loro realizzata individualmente o in gruppo.
Oltre a Maria Rosaria Pranzitelli il progetto è stato realizzato dalle prof.sse: :
Maria Rita Gadaleta, 
Linda Fabbris 
Simonetta Caiumi.

IL POST
Nel post è documentata l'intera attività compresi i link ai documenti realizzati dagli studenti che hanno realizzato video o documenti testuali pubblicati online. I materiali realizzati dagli studenti sono in parte già pubblicati o in fase di pubblicazione.
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Giuseppe Longo: L’etica dei robot - Roboetica

Giuseppe Longo: L’etica dei robot - Roboetica | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Esaminiamo il concetto di “roboetica”, cercando di esplicitarlo nei suoi significati possibili. Dalle considerazioni fatte nei precedenti articoli emerge una prima accezione, molto generale: “roboetica” è semplicemente “l’etica nell’epoca dei robot”, cioè l’insieme dei comportamenti dell’umanità (e la valutazione di questi comportamenti) quando dell’ambiente in cui vivono gli uomini facciano parte anche i robot.
Gianfranco Marini's insight:
Un primo approccio alla "roboetica" in cui Giuseppe Longo cerca di tracciare i confini di questa nuova branca dell'etica. L'articolo è comparso su doppiozero il 09/11/2012.

COS'È LA ROBOETICA?
le coordinate per definire la roboetica individuate da Longo sono 4 e riguardano le relazioni tra umani - ambiente e robot.
L'origine delle problematiche connesse all'etica robotica sono da rintracciare nelle "tre leggi della robotica" di Isaac Asimov. inventate negli anni '40 del novecento, le tre leggi permisero ad Asimov di costruire numerosi intrecci narrativi basati proprio sull'ambiguità delle leggi, messe in crisi dal presentarsi di situazioni particolari in cui una decisione fondata su algoritmi è impossibile. 

CARATTERE SITUAZIONALE DELLA DECISIONE ETICA
Difficilmente si possono definire in modo univoco delle regole etiche universali, anche perché, tanto più sono universali e tanto più sono inefficaci come regole per la direzione dell'agire. 

Si pensi alla prima legge di Asimov basato su concetti come quelli di "danno", di "uomo" e di "robot": "Un robot non può recar danno a un essere umano e non può permettere che, a causa di un suo mancato intervento, un essere umano riceva danno."

Cos'è "dannoso"? E se il danno fosse qualcosa di soggettivo? Esiste una scala oggettiva per misurare la dannosità di qualcosa? Esistono "danni" morali o psichici? Sono più o meno gravi di quelli fisici?

E ancora: cos'è uomo? E se la razionalità fosse la caratteristica distintiva propria dell'uomo? E se i robot sviluppassero forme di razionalità superiori a quelle dell'uomo?  Allora i robot sarebbero molto gli "uomini" degli uomini? Come cambierebbe questo il senso delle tre leggi?
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Gabriella Giudici: L’identità e i processi di soggettivazione - testo scienze umane

Gabriella Giudici: L’identità e i processi di soggettivazione - testo scienze umane | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Une école où la vie s'ennuie n'enseigne que la barbarie
Gianfranco Marini's insight:
Un interessante risorsa dedicata ad un tema fondamentale delle scienze umane è quella realizzata e pubblicata da Gabriella Giudici sul tema della "costruzione del Sé", collettivo e individuale e dell'Altro. Titolo del lungo intervento: L’identità e i processi di soggettivazione.
Si tratta di un tema trans-disciplinare (psicologia, antropologia, sociologia, pedagogia) che è focalizzato sull'identità sociale, fisica e psicologica.

CONTENUTO
Si tratta di un lungo articolo, o meglio di una trattazione completa dell'argomento, che costituisce un ottimo testo da utilizzare nella didattica come "manuale". Il testo è corredato da un ricco repertorio di immagini, video, riferimenti ad autori e teorie.
Questo l'indice del testo:

1. La questione dell’identità 
1.1 Appartenenza e distinzione 
1.2 Il campanile e il palo sacro 

2. Il corpo 
2.1 La conoscenza incorporata 
2.2 Modellare il corpo, differenziarsi dalla natura 
2.2.1 Capelli 
2.2.2 Decorazioni temporanee e tatuaggi 
2.2.3 Modellamento 
2.2.4 Mutilazioni 
2.2.5 Vestirsi e svestirsi 

 2.3 Il caso del velo islamico 
2.4 Il mercato di organi: una forma di neocannibalismo contemporaneo 

3. In tutte le culture l’uomo è soggetto, solo per l’Occidente è individuo 
3.1 Sesso e genere 

4. Emozioni e sentimenti come elementi costitutivi del sé 

5. Identità e alterità collettive 
5.1 Hutu e Tutsi 
5.2 Classi e ceti 
5.3 Classi o caste nel Medioevo: la società dei tre ordini

Interessante integrare questo testo con un altro lungo articolo pubblicato da Gabriella Giudici: Le teorie della personalità:

MIO GIUDIZIO
Da un punto di vista didattico ritengo che il tema trattato e il modo in cui viene trattato siano fondamentali per affrontare in modo criticamente e scientificamente adeguato il tema della cittadinanza e dell'inclusione (senza ridurli a meri slogan).
 
Si tratta anche di un ottimo esempio di come utilizzare le tecnologie digitali e il web ponendoli al servizio della didattica, che non significa creare mirabolanti prodotti con l'ultima applicazione di tendenza, ma curare e creare contenuti al servizio di un apprendimento personalizzato e di una  formazione le cui finalità siano il pensiero critico e la costruzione di teste ben fatte. Lo sviluppo di persone consapevoli e capaci di riflettere in modo non banale e riduzionistico sui fenomeni sociali, etici e politici.
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Alessandro D'Avenia: La filosofia batte i tweet - Produzione o costruzione dell'io? Il "prendersi cura"

Alessandro D'Avenia: La filosofia batte i tweet - Produzione o costruzione dell'io? Il "prendersi cura" | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Quando l’anima è pronta allora anche le cose sono pronte. L’attenzione che i mezzi di comunicazione accordano all’esame di maturità è la conferma del fatto che rimane uno degli ultimi riti di passaggi
Gianfranco Marini's insight:
Un articolo di Alessandro D'Avenia pubblicato su lastampa.it il 23/06/2017 e intitolato "La filosofia batte i Tweet". 

UOMO MACCHINA 
L'articolo prende spunto dalle tracce della prima prova dell'esame di stato (maturità per tutti) ma pone dei problemi che, si sia o meno d'accordo con la tesi dell'autore, sono cruciali. La scuola diviene sempre più prestazionale e l'educazione si modella sulla macchina: la costruzione di un io che della macchina assume i criteri di funzionamento: efficienza, produttività, prestazione, etc. 

Lo stesso problema dell'essere e del relazionarsi dell'io con se, gli altri, il mondo, viene scartato come inutile perdita di tempo, chiacchiere da adolescenti. Interessante anche il fatto che sempre più insegnamento e apprendimento vengono concepiti come costruzione dell'io che "produce se stesso" e non come conoscenza e cura di se. 

PRENDERSI CURA 
Il pericolo di una simile impostazione è senz'altro quello di cadere nel dualismo delle due culture. D'altra parte nemmeno togliere l'opposizione tra le due culture, natura e spirito, scienza e humanitas, eliminando una delle due e instaurando la tirannide dell'altra, sembra una soluzione accettabile. In opposizione all'io che si costruisce ingegneristicamente come una macchina efficiente, D'Avenia delinea l'ideale della filosofia come Cura. 

Queste alcune suggestioni e immagini che ne danno il senso: 
1. Seneca: abitare il tempo e non illudersi di dominarlo è il solo modo di crescere 
2. come l'agricoltura è cura del campo così la filosofia è cura dell'anima: coltivare, avere pazienza, raccogliere i frutti 
3. Socrate: conoscere se stessi per prendersi cura di se stessi = filosofare 
4. Shakespeare: felicità come condizione dell'anima: "Quando l'anima è pronta, allora le cose sono pronte"
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Irene Storniolo: Il diavoletto di Maxwell e l'entropia

Irene Storniolo: Il diavoletto di Maxwell e l'entropia | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Versioni di latino e greco
Gianfranco Marini's insight:
Una breve trattazione incentrata sul rapporto tra il "diavoletto di Maxwell" e l'entropia. Nella formulazione di Maxwell il "diavoletto" opera al fine di ridurre l'entropia. 

CONTENUTO ARTICOLO
Si tratta in realtà di una tesina in cui il problema dell'entropia viene esposto in modo semplice e chiaro e può costituire un utile riferimento nella trattazioen di questo argomento nell'ambito della storia o delal filosofia della scienza.
Nel testo si esaminano diverse formulazione del secondo principio della termodinamica, si spiega il teorema di Carnot, si forniscono varie definizioni di entropia (misura del caos,), si esamina il concetto di sistema e sistema chiuso applicandolo all'universo, ci si sofferma sulla sfida lanciata da Maxwell con il suo diavoletto e si esaminano le possibili risposta a questo problema, mostrando come sia impossibile invertire o fermare l'entropia
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Annaliside: 35 video lezioni di Storia della Filosofia Antica - YouTube

Annaliside: 35 video lezioni di Storia della Filosofia Antica - YouTube | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
VIDEO DIDATTICI: lezioni frontali e podcast manualistici
Gianfranco Marini's insight:
Playlist in cui sono raccolte 35 video lezioni di storia della filosofia antica realizzate da Annaliside e che offrono un quadro completo della storia della filosofia greca da Anassimandro ad Aristotele.

Si tratta di una risorsa estremamente utile per docenti e studenti, le lezioni sono ben realizzate, accompagnate da immagini, schemi, testi che facilitano la comprensione degli argomenti.
La durata delle lezioni varia a seconda dell'autore e dell'argomento e va da pochi minuti fino a 50 minuti
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Susanna Mati: Filosofia versus Poesia: Platone e i poeti | ANTEREM

Susanna Mati: Filosofia versus Poesia: Platone e i poeti | ANTEREM | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Il sito ufficiale di ANTEREM, la Rivista di Ricerca Letteraria, e del Premio di poesia Lorenzo Montano
Gianfranco Marini's insight:
Un interessante contributo sulla questione del rapporto tra filosofia e poesia in quadrato a partire da come viene prospettata la questione in Platone.
Pubblicato su Antarem, rivista di critica letteraria, nel 2008, il testo è stato originariamente  pensato per un intervento orale nel corso della Biennale di poesia presso la biblioteca civica di verona, tenutosi il 15/11/2008

POESIA E FILOSOFIA
In sintesi la traccia dell'intervento parte dalla considerazione della Poesia come grande nemica della filosofia al punto che Platone esclude i poeti dalla sua città ideale.
L'autrice prende in considerazione i principali passi in cui Platone esamina la "questione estetica": lo Ione, il Fedro, il libro X della repubblica.

IL POETA MENTE
Il poeta mentitore: il poeta, come il sofista, ricrea la realtà falsificandola in base alla tecnica narrativa dell'illusione, indifferente alla verità, egli si piega al volere di Apate, dea dell'inganno, la cui cintura convinceva l'interlocutore che le menzogne pronunciate da chi parla fossero verità. Il poeta mente, ma mente conferendo alle sue menzogne l'apparenza del vero.

POESIA E MAGNETISMO
La forza della poesia è una forma di energia che si impossessa del poeta e lo muove e questa forza, come quella del magnete, si trasmette a chi ascolta il poeta. Quest'attrazione produce una catena che accomuna tutti i partecipanti all'esperienza estetica che sono invasati.

POETA E DIVINA MANIA
Come un vaso vuoto il poeta è riempito dalla forza del dio e così, per tramite suo, i suoi ascoltatori. L'uomo è qui un vaso da riempire, un essere inerte mosso dal dio, un burattino

SOSPENSIONE DELLA RAGIONE
La poesia è estatica, produce l'estasi ovvero porta "fuori da se stessi" e sospende la lucida e critica vigilanza dell'anima razionale. Presi dall'entusiasmo (presenza del dio entro di loro) gli uomini si disfano della loro razionalità e misura, di se stessi.

ADIKOS
Ogni ordine e equilibrio, ogni forma umana posta in essere per plasmare il caos dell'esistenza, viene sciolta nell'adikos cui conduce l'estasi estetica e la divina mania: l'individuo e la sua ragione si dissolvono nell'indeterminato e informe generando squilibrio e ingiustizia.

LA CONDANNA DELL'ARTE
L'arte viene condannata e i poeti cacciati dalla città ideale per due motivi:

1. ontologico: l'arte è menzogna e illusione nelle forme della verità

2. politico: l'arte priva l'uomo della sua razionalità e del suo equilibrio che rendono possibile la convivenza nella polis

Tra polis platonica e anima vi è una stretta corrispondenza, cacciare la poesia dalla città significa cacciarla dalla propria anima. Realizzare la giustizia nella città significa realizzare l'ordine della ragione e scegliere la filosofia., Platone recide la poesia dalla sua stessa anima: sceglie di essere filosofo e di rinunciare alla poesia e brucia tutte le tragedia che aveva composto.

Poesia e filosofia si contendono l'anima umana e sono antagoniste nella composizione del più bello dei drammi
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Rosa Carnevale: video appunti di storia e filosofia - YouTube

Rosa Carnevale: video appunti di storia e filosofia - YouTube | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Gianfranco Marini's insight:
Segnalo il canale YouTube di Rosa Carnevale in cui sono presenti circa 30 video lezioni dedicate alla storia e alla storia della filosofia utili per docenti e studenti del liceo.
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Gabriella Giudici: lezioni su KANT - YouTube

Gabriella Giudici: lezioni su KANT - YouTube | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Quattordici videolezioni sulla filosofia di Kant.
Gianfranco Marini's insight:
Una playlist formata da 9 video lezioni dedicate al criticismo di Kant e realizzate da Gabriella Giudici. Nel loro insieme costituiscono un corso completo sulla Critica della ragion pura. Molto utili per docenti e studenti e per l'apprendimento e l'insegnamento di Kant.

LE LEZIONI
Ogni video lezione è realizzata con molta cura e presenta i vari argomenti con l'accompagnamento di immagini, mappe concettuali, schemi, presentazioni, etc. L'uso degli elementi multimediali è molto efficace e le spiegazioni chiare. Ciascuna delle 9 video lezioni ha una durata media di circa 6 minuti.

INDICE LEZIONI
Questo l'indice delle lezioni:
# Introduzione a Kant 6:33 
# Kant 2. Gli scritti precritici (1755 - 1763) 8:07 
# Kant 3. Verso la svolta critica: gli scritti dal 1764 al 1770 8:00
# Kant 4. Il tribunale della ragione e la rivoluzione copernicana di 6:03 
#  Kant 5. La fondazione della conoscenza oggettiva: i giudizi sintetici a priori 5:32 
# Kant 6. L'Estetica trascendentale 6:52 
# Kant 7. L'Analitica trascendentale 
# 14:20 Kant 8. Fenomeno e noumeno 2:02 
#  Kant 9. La Dialettica trascendentale 
more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

L'Espresso, Wlodek Glodkon: Da Bauman a Diamanti, viaggio al termine della democrazia

L'Espresso, Wlodek Glodkon: Da Bauman a Diamanti, viaggio al termine della democrazia | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Avanza l’idea che con la globalizzazione sia finita un’epoca iniziata con l’Illuminismo. E dopo? Ecco le diagnosi)
Gianfranco Marini's insight:
Più che una approfondita analisi dell'attuale dinamica politica e della crisi della democrazia, l'articolo presenta un sintetico percorso in cui vengono messe insieme le opinioni di molti autori sull'attuale stato di salute della democrazia, la presente crisi della sovranità e le prospettive future che sembrano orientate verso sistemi politico - sociali autoritari, nazionalistici, chiusi e rigidi.

IL PROBLEMA
In poche parole il problema è sintetizzabile come segue:
la democrazia liberale è in crisi e indietro sembra impossibile ritornare e vanno affermandosi soluzioni semplificatorie alla crisi della sovranità e ai problemi del XXI secolo (immigrazione, globalizzazione, lavoro, etc.) basate sulla chiusura autoritaria della società, su forme di identità forti e rigide, sulla ricerca del capro espiatorio e dell'uomo forte.

GLI AUTORI
L'interesse, anche didattico, dell'articolo è nel percorso attraverso le opinioni di storici, sociologi, filosofi, che vengono proposte. Questi gli autori:

# Zygmunt Bauman con la sua categoria di "retropia" e la previsione dell'affermarsi di una società chiusa e autoritaria

# Chantal Mouffe: che di fronte al populismo propone il ritorno alla "sinistra antagonista"

# Pierre Rosvalon: per cui siamo già nell'epoca della post democrazia

# David Van Reybrouck,: che teorizza il ritorno al sorteggio in luogo del suffragio universale

# Donatella Di Cesare: che ritiene si debba cominciare a "mettere in discussione" la democrazia

# Jan Zielonka: per cui sta vincendo la controrivoluzione

# Emmanuel Tod: per cui storia dell'occidente e democrazia non corrispondono e che ritiene siano le élite a mettere in discussione la democrazia per paura del popolo

# Ilvo Diamanti: che ritiene importante il rapporto tra forme di potere e forme di comunicazione
more...
No comment yet.