Web Magazine: blogging and notizie (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera)
174 views | +0 today
Follow
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

IL MIO MONDO DELLA LETTURA: 30 SETTIMANE DI...DI LIBRI: IL 14^ APPUNTAMENTO CON "PERSUASIONE" DELLA AUSTEN ...e non solo !!!

IL MIO MONDO DELLA LETTURA: 30 SETTIMANE DI...DI LIBRI: IL 14^ APPUNTAMENTO CON "PERSUASIONE" DELLA AUSTEN ...e non solo !!! | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
Simo Fedele Vernia's insight:

 

Scritto tra il 1815 e il 1816, durante l'inizio della sua malattia, è l'ultimo romanzo della Austen. È forse il suo romanzo più autobiografico perché si possono cogliere nelle vicende, nei sentimenti e in certe frasi pronunciate dalla protagonista, alcune somiglianze con l'autrice. Anche in questo sono presenti i temi che contraddistinguono gli altri romanzi della cara Jane. In questo vi sono temi già presenti nei precedenti: la protagonista è posta davanti all'alternativa tra solitudine e matrimonio. Sin dalle prime pagine, con toni semplici, l'ironia e l'arguzia tipica della scrittrice, ci viene presentata la famiglia Elliot.

http://www.sparknotes.com/lit/persuasion/context.html


Libro diverso "Persuasione" ,  dagli altri della Austen: si potrebbe dire che inizia dove gli altri finiscono… non ci sono personaggi che si conoscono, si frequentano, si innamorano,  qui la storia d'amore c'è già stata, e quando il libro inizia è già finita.  È l'unico romanzo che mette in risalto, oltre il carattere, anche l'aspetto fisico dei personaggi, che comunicano più con i loro rossori, sguardi e sorrisi anziché con i dialoghi.


" Austen's novel portrays persuasion as a powerful tool, but doesn’t declare it to be either right or wrong – it depends on who uses it, and for what ends. Sometimes persuasion can act as helpful advice, but sometimes it can push a person towards a bad decision or a false belief. The question is, how can we tell the difference? What can we use to find a middle ground between the extremes of believing everything we hear or just tuning it all out? And how do we make up our minds when different sources are trying to persuade us to do or think different things? Persuasion doesn’t necessarily give us answers to these questions, but it does remind us that we need to keep asking them."     http://www.shmoop.com/persuasion/

 

Photos of filming locations from Pride & Prejudice and Persuasion set to Carl Davis' soundtrack from the former.  

http://www.youtube.com/watch?v=hPHDhZVh9Wo

 

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

Chiostro del Bramante | I MACCHIAIOLI. Le collezioni svelate

Chiostro del Bramante | I MACCHIAIOLI. Le collezioni svelate | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
Le collezioni svelate al Chiostro del Bramante di Roma presenta al pubblico per la prima volta importanti dipinti dei Macchiaioli e non solo, collocandoli nel contesto delle antiche collezioni che in origine li ospitarono. Le opere che appartenevano a grandi collezioni del passato – come quella di Cristiano Banti, Diego Martelli, Rinaldo Carnielo, Edoardo Bruno, Gustavo Sforni, Mario Galli, Enrico Checcucci, Camillo Giussani, Mario Borgiotti – oggi sono confluite per lo più in collezioni private e rappresentano un nucleo inedito del più importante movimento pittorico italiano del XIX Secolo.
Il sentimento del vero-

http://chiostrodelbramante.it/info/i_macchiaioli_il_sentimento_del_vero/

  Il Chiostro del Bramante è uno straordinario esempio di architettura rinascimentale. È opera di Donato Bramante (1444-1515) che, trasferitosi da Milano a Roma dopo la caduta di Ludovico il Moro, diventerà qui primo architetto di Papa Giulio II e sarà grande rivale di Michelangelo. Fa parte del complesso che comprende anche l’attigua Chiesa di Santa Maria della Pace in cui si trovano le famose Sibille di Raffaello.

http://chiostrodelbramante.it/info/chiostro_del_bramante/

Nove sezioni e centodieci opere che racconteranno la storia del movimento attraverso le collezioni private che ne ospitarono i capolavori-
Sezione I - La “galleria privata” di Cristiano Banti. I Macchiaioli allo specchio Sezione II - Diego Martelli, tra macchiaioli e impressionisti. Una testimonianza d’arte e di vita Sezione III – La Collezione di Rinaldo Carnielo Sezione IV – Un imprenditore innamorato della bellezza: la collezione di Edoardo Bruno Sezione V - Casa Sforni, le stanze delle meraviglie di un mecenate fiorentino Sezione VI - Mario Galli, “il più acuto e raffinato intenditore dei Macchiaioli” Sezione VII – Enrico Checcucci Sezione VIII - Non solo Macchiaioli, la collezione di Camillo Giussani Sezione IX – Per ricordare Mario Borgiotti e il suo “genio” per i Macchiaioli.

http://www.artemagazine.it/mostre/arte-moderna/item/597-al-chiostro-del-bramante-in-mostra-l-ottocento-dei-macchiaioli

Simo Fedele Vernia's insight:
Share your insight
more...
No comment yet.
Rescooped by Simo Fedele Vernia from Web Magazine: blogging and notizie (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera)
Scoop.it!

Salone del libro di Torino 2015 | Casa CookBook: cosa vedere e cosa no / 1

Salone del libro di Torino 2015 | Casa CookBook: cosa vedere e cosa no / 1 | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it

 

Al Salone del Libro di Torino,  al Lingotto, ci sono anche (ormai soprattutto) i libri di cucina, da tre anni al Padiglione n. 2 esiste CookBook.

http://www.gustoblog.it/post/169255/salone-del-libro-di-torino-gli-appuntamenti-di-casa-cookbook-del-14-maggio-2015

 

INOLTRE...

 

http://www.salonelibro.it/it/news/12833-il-tema-2015-le-meraviglie-d-italia-2.html

 

 

con Melania Mazzucco, la grande arte in  un racconto coinvolgente (Il Museo del mondo), con Cesare De Seta e Attilio Brilli ...per le strade del Grand Tour.  E  proprio l'occhio dei viaggiatori che arivvavano  in Italia per compiervi la loro formazione ha creato  quella che poi resterà l'identità italiana nell'immaginario collettivo degli Europei. Infine  Paolo Pejrone... in visita nei più bei giardini d'Italia.

 

 

 

 

 

 

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

IL MIO MONDO DELLA LETTURA: DESIGN ECO FASHION PER ABBIGLIAMENTO IN LINEA CON L'AMBIENTE NELLA Rubrica Verde del 14 maggio

IL MIO MONDO DELLA LETTURA: DESIGN ECO FASHION PER ABBIGLIAMENTO IN LINEA CON L'AMBIENTE NELLA Rubrica Verde del 14 maggio | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

H&M e i progetti Conscious Exclusive Collection: il trionfo della moda sostenibile.

H&M e i progetti Conscious Exclusive Collection:   il trionfo della moda sostenibile. | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
H&M ha raccolto la sfida di rendere sostenibile la moda e di rendere alla moda la sostenibilità.
Simo Fedele Vernia's insight:
Gucci e H & M a Copenhagen per discutere di moda sostenibile
more...
No comment yet.
Rescooped by Simo Fedele Vernia from Per Perec
Scoop.it!

How Benoit Mandelbrot Discovered Fractals: A Short Film by Errol Morris

How Benoit Mandelbrot Discovered Fractals: A Short Film by Errol Morris | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
Even if you know little of mathematics, you probably have some awareness of fractals. You’ve almost certainly heard them invoked, correctly or otherwise, to describe things that look or act the same at the large scale as they do at the small.

Via Marco Fulvio Barozzi
more...
Marco Fulvio Barozzi's curator insight, November 18, 2013 6:58 AM

Un documentario di 4:39 dedicato da Errol Morris a  Benoit Mandelbrot, il padre dei frattali. L’intervista fu rilasciata dal matematico franco-polacco alla fine di settembre del 2010, 19 giorni prima della sua morte. Una bella testimonianza prodotta dalla IBM, dove Mandelbrot lavorò per 35 anni.

Rescooped by Simo Fedele Vernia from Web Magazine: blogging and notizie (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera)
Scoop.it!

Are Mommy Bloggers Real Writers?

Are Mommy Bloggers Real Writers? | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
So I’m in the process of writing my own book. It’s about the decade of my life where my grandmother and I wrote letters each week to each other.
more...
Simo Fedele Vernia's curator insight, November 27, 2013 2:20 AM
MEDITATE MEDITATECronaca di una mamma blogger: “Una mamma da URL”, il romanzo di Patrizia Violi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

http://www.giovannagallo.it/una-mamma-da-url-recensione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.....scrivere è una scelta?

 

http://cronacadiunavitaintima.wordpress.com/

 

 

 

Mamma, Moglie, Scrittrice il tutto per passione.

 

http://leggonotutti.wordpress.com/2013/10/05/mamma-moglie-scrittrice-il-tutto-per-passione/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

da “mamma blogger” a “mamma scrittrice”. L’esperienza di Serena Sabella

 

http://www.udine20.it/da-%E2%80%9Cmamma-blogger%E2%80%9D-a-%E2%80%9Cmamma-scrittrice%E2%80%9D-l%E2%80%99esperienza-di-serena-sabella/

 

 

 

 

...questa superba “signora” delle lettere (potrebbe essere l’equivalente di un’anziana zia di cui non si sapeva nulla). Alice Munro una donna e una scrittrice che piace, una donna, nonostante gli anni che passano,  naturalmente spontanea.

 

http://it.paperblog.com/alice-munro-una-donna-e-una-scrittrice-che-piace-un-nobel-ben-assegnato-2006705/

 

 

 

Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

"Il manifesto del nuovo Umanesimo" Firmato Tzvetan Todorov.

"Il manifesto del nuovo Umanesimo" Firmato Tzvetan Todorov. | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
Libero riadattamento/citazione dall'articolo di G. Riva apparso sul sito dell'Espresso il 5 febbraio. Ci si può immaginare di camminare lungo le strade deserte di San Pietroburgo con il principe My...
Simo Fedele Vernia's insight:

 

Todorov cita Oscar Wilde, quanto apparentemente più lontano da lui: La funzione della letteratura è creare, partendo dalla materia bruta dell’esistenza reale, un mondo nuovo che sarà più meraviglioso, più duraturo e più vero di quello che vedono gli occhi della folla. E ancora: La vita imita l’arte ben più di quanto l’arte non imiti la vita (quante volte ci ho provato). Non nega affatto che esista una relazione tra le due. Creare un mondo più vero implica che l’arte non spezzi il suo legame con esso. Da qui dovremmo partire, per (re)innamorarci di nuovo.

Della gran quantità di libri che l'oggi inquieto produce che cosa rimarrà? È una domanda che viene da porsi dato che ogni epoca ha fatto le sue cernite, le sue selezioni. Ma la selezione sui libri di oggi su quali basi si fonderà?
Chi riuscirà a valutare la qualità? Forse sarà una selezione legata alla quantità, alla presenza, più che alla qualità. Forse rimarranno  quelli che si sanno vendere meglio e un giusto criterio di selezione sarà un'utopia. Che ne sarà del futuro? Se lo chiede  Todorov nel suo bel saggio La letteratura in pericolo che condanna lo spostamento dell'attenzione dal senso globale che un'opera trasmette a dettagli tecnici, abilità letterarie, giochi e virtuosismi che non rendono di necessità un libro una grande opera. E questo, sostiene Todorov, nasce anche da come i programmi sono impostati nella scuola.......


http://www.stilos.it/tzvetan_todorov_-_la_letteratura_in_pericolo.html


 

Nel suo saggio il celebre intellettuale punta il dito sui rischi che corre l' arte contemporanea allontanandosi dalla realtà:  strutturalismo addio, meglio la vita «Più che ai meccanismi del testo, si deve guardare alle sue relazioni con la società »

http://archiviostorico.corriere.it/2008/gennaio/30/Todorov_strutturalismo_addio_meglio_vita_co_9_080130037.shtml

 

...e ancora  

A scuola si deve apprendere cosa dicono le opere, non cosa dicono i critici. Tzvetan Todorov prende la distanze dallo strutturalismo per proporre la riscoperta della letteratura, perché i grandi autori parlano della condizione umana.

 

«La letteratura può molto. Può tenderci la mano quando siamo profondamente depressi, condurci verso gli esseri umani che ci circondano, farci comprendere meglio il mondo e aiutarci a vivere. Non vuole essere un modo per curare lo spirito; tuttavia, come rivelazione del mondo, può anche, cammin facendo, trasformarci nel profondo. La letteratura ha un ruolo vitale da giocare, ma può ricoprirlo solo se viene presa nell’accezione ampia e pregnante che è prevalsa in Europa fino alla fine del XIX secolo e che oggi è stata messa da parte, mentre sta trionfando una concezione assurdamente ristretta. Il lettore comune, continuando a cercare nelle opere che legge come dare un senso alla propria vita, ha ragione rispetto a insegnanti, critici e scrittori quando gli dicono che la letteratura parla solo di sé, o che insegna solo a disperare.

Se non avesse ragione, la lettura sarebbe condannata a scomparire nel giro di breve tempo»



Tzvetan Todorov, La letteratura in pericolo, Garzanti, Milano, 2008, pp. 65-66.

 

http://www.gliscritti.it/blog/entry/2232

 

Personalmente  quandp mi chiedo perché amo la Letteratura mi rispondo con spontaneità:  perché mi aiuta a vivere.

more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

Gino Paoli fa a pezzi il Valle occupato - Il Giornale

Gino Paoli fa a pezzi il Valle occupato - Il Giornale | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
Simo Fedele Vernia's insight:

Teatro Valle, scontro con la Siae
„Un incontro presso la struttura occupata dal titolo 'Tuteliamo gli autori o la Siae?'. La risposta del presidente dell'ente Gino Paoli: "La loro è concorrenza sleale"


Teatro Valle, scontro con la Siae

È scontro tra gli occupanti del Teatro Valle e la Siae. Da un lato un convegno tenutosi presso la struttura occupata a pochi passi da piazza Navona, in via del Teatro Valle: i 'Tuteliamo gli autori o la Siae?'. “Il monopolio che viene riconosciuto dalla legge alla Siae è illegittimo'' dicono gli occupanti. Dall'altra l'attacco dell'ente pubblico: “Operano da tre anni in un regime di piena illegalità”.

 

L'attacco degli occupanti del Teatro Valle   non è piaciuto al presidente Gino Paoli che ha dato una dura  risposta: ''Da 131 anni la Società Italiana Autori ed Editori, opera in regime di piena e totale legalità. Il nuovo Statuto è  in linea con la bozza di Direttiva Europea sulle Società di collecting. In tutti gli altri paesi del mondo, le Società di collecting hanno un monopolio di fatto” spiega Paoli. “La questione del monopolio è i da parte degli occupanti del Teatro Valle, un alibi per spostare i termini della questione” continua.

  

Dal mese di Settembre :Teatro Valle, un gran pasticcio. In ostaggio da ottocento giorni.Gli occupanti del teatro si costituiscono in Fondazione ma resta aperto il nodo dei costi mentre si aspetta il bando pubblico

In principio era il Valle. Inaugurato nel 1727, è il teatro più antico della Capitale. Seicento posti tra palchi e platea in confezione crema e oro, un gioiello che vide la prima assoluta, nel 1921, dei Sei personaggi in cerca d’autore di Pirandello. Dalla notte del 14 giugno 2011, il Valle ha dei singolari padroni di casa: gli occupanti che ne hanno preso possesso e vi hanno agito, indisturbati, fino ad oggi. Di chi si tratta? Nomi e cognomi non se ne sono mai fatti.
Sui media, solo gli artisti noti, ma di passaggio - da Elio Germano a Fabrizio Gifuni, da Luca Ronconi a Peter Brook, da Jovanotti a Capossela - chiamati a parlare o ad esibirsi su un palcoscenico offerto secondo criteri del tutto discrezionali.

L’obiettivo? Trasformare il Valle in “bene comune” e aprirlo a «nuovi modelli di gestione dello Spettacolo dal vivo»......

APPROFONDIAMO DA IL MESSAGGERO   http://www.ilmessaggero.it/spettacoli/teatro/teatro_valle_fondazione/notizie/327709.shtml

 


Potrebbe interessarti: http://www.romatoday.it/politica/teatro-valle-polemica-siae.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809

 


Potrebbe interessarti: http://www.romatoday.it/politica/teatro-valle-polemica-siae.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809

 

more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

sassovivo.it - ::Storia::

sassovivo.it - ::Storia:: | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
Simo Fedele Vernia's insight:
Il bosco a SASSOVIVO,  una scoperta con LA  VISITA ORGANIZZATA DALL' ASSOCIAZIONE CULTURALE  UNITRE TODI. 

Provare il piacere di passeggiare nel bosco, entrare dal sentiero che si nasconde tra le fronde degli alberi, avvertire il fresco abbraccio del sotto bosco attraverso cui filtrano i raggi di sole, respirare il profumo del muschio aggrappato alla roccia mescolato ai fiori che colorano il viottolo genera una straordinaria sensazione. I rumori della città vengono travolti dal silenzio austero e antico del bosco. La quiete del bosco rotto dal richiamo degli uccelli, dal fruscio delle fogli mosse dal vento, si alza imponente . Ogni spazio è occupato dal silenzio. Camminando ecco i grandi tesori dagli intensi colori che ci attraggono.
Ora un cespuglio spunta con grappoli di fiori bianchi sul nero selvatico delle more, avvolti da poderosi tralci di rovi, più in là spiccano rossi tondeggianti, sui margini del bosco, nascosti tra le foglie, dei bellissimi corbezzoli, in una radura soleggiata i mirtilli attendono pazientemente il calore del sole e ancora lamponi, sorbe, asparagi e tutti i piccoli frutti allevati pazientemente dal bosco.


LA MIA VISITA A SASSOVIVO CON UNITRE, ASSOCIAZIONE CULTURALE,  SEDE DI TODI


Abbazia arroccata in un impareggiabile paesaggio naturale, tra boschi di lecci e olivi secolari, incastonata in un meraviglioso  territorio naturale nel comprensorio di Foligno in direzione Camerino  lungo il fosso Renaro. Luogo incantato immerso nella natura, isolato,  si affaccia in posizione panoramica sulla sottostante Valle Umbra.

Più avanti uscendo dall' Abbazia, un’antica fonte contornata da alberi secolari, da quel punto si diramano  suggestivi sentieri che si inoltrano nella lecceta secolare di ampia estensione  fino a scendere alla  sorgente  dell’acqua di Sassovivo. 

http://www.umbriaearte.it/abbazia_sassovivo.htm

 

http://www.umbriaccessibile.com/citta-umbre/foligno/abbazia-di-sassovivo/?lang=en

 

 

TRA NATURA, ARTE,  E STORIA

 

L'Abbazia si eleva sulle pendici del Monte Serrone, in mezzo a  boschi di lecci, pini, ginepri e roverelle. In questa regione solitaria e incontaminata sorse intorno al 1000 e i monaci del tempo si organizzarono secondo la regola di San Benedetto. L'Abbazia si arricchì di donazioni e divenne  centro di studi di rilevante importanza per tutto il  '300. Nel secolo successivo iniziò una  lenta decadenza che culminò con il terremoto del 1832. Per lunghi anni abbandonata, e nel  1860  soppressa. Dal 1982 è abitata dalla comunità Jesus Caritas, fondata da padre Charles de Foucauld, ed è oggi centro religioso attivo dove i fratelli vivono l'ideale contemplativo e missionario del monaco francese con un costante impegno di preghiera, d'accoglienza e di condivisione con tutti laici.

 

http://www.youtube.com/watch?v=JWptnbg-jYQ

 

 

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

CESTIM - Materiali didattici

Simo Fedele Vernia's insight:
UN APPUNTAMENTO A.... "IL CAFFE' DELLE DONNE" CARI LETTORI, appuntamento a...IL "CAFFE' DELLE DONNE", UN TESTO MOLTO PARTICOLARE CHE PARLA DI DONNE, DI MONDO ORIENTALE...DI CAFFE' Il caffè delle donne - Widad Tamini-
Mondadori (collana Scrittori italiani e stranieri), 2012http://letturesenzatempo.blogspot.it/2013/11/un-appuntamento-il-caffe-delle-donne.html#gpluscommentshttp://www.centrocome.it/come_files/userfiles/File/MaterialiEStrumenti/Culture/per_fare_educazione_interculturale.pdf

INTERCULTURA E FIABE

 

Ovvero l’educazione all’altro

 

UOMO PLANETARIO

 

Sono uomo, minerale e pianta allo stesso tempo, rilievo del pianeta, pesce nell'aria,

un essere terrestre insomma. albero del Rio delle Amazzoni

le mie arterie,

la mia fronte è di Parigi, gli occhi del tropico

la mia lingua è americana e spagnola,

le palle di New York e Mosca,

però fissa, invisibile

la mia radice, alato corpicciolo

del pappagallo; professore di ontologia

della cavalletta e del colibrì,

miei infimi alleati naturali. (XVI )

 

Jorge Carrera Andrad

 

http://www.pimemilano.com/files/File/mondialita/Teoria/Fiabe%20e%20intercultura.pdf

more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

IL MIO MONDO DELLA LETTURA: AROUND WOR(L)DS sesto appuntamento

IL MIO MONDO DELLA LETTURA: AROUND WOR(L)DS sesto appuntamento | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
Simo Fedele Vernia's insight:

...è  importante essere  «fedeli" alla scrittura, se ci crediamo, cioè alla parte migliore di noi stessi. SIMO 2000


http://zeldawasawriter.com/



 

Cos’è la creatività: un altro modo di comunicare il proprio modo di vedere le cose. Si può esprimere in diverse forme, ma chi ha creatività riesce ad attirare l’attenzione per il modo di rendere unico un semplice foglio di carta, si pone continuamente delle domande, lascia spazio all’immaginazione e soprattutto emoziona.

http://books.google.it/books?id=JHv8nqTdhPQC&pg=PA17&lpg=PA17&;


http://creativityfairbergamo.com/2013/06/06/la-creativita-e-scoprire-chi-siamo-davvero-parola-alla-scrittrice-libanese-joumana-haddad/

 

 
more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

Una golosità per Ognissanti: i Maccheroni Dolci

Una golosità per Ognissanti: i Maccheroni Dolci | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
La ricetta tipica di Todi per la festa di Ognissanti: solo e sempre dolcetto...senza scherzetto!
Simo Fedele Vernia's insight:
PIATTI ANTICHI. Maccheroni dolci con le noci, un etrusco dolce per le feste

Erano di grano, dii farro (prima Triticum monococcum o “farro piccolo”, ma poi   dicoccum, “farro medio”), il grano più usato nell’Antichità.

http://zenzero2.blogspot.it/2008/10/umbriapiatto-per-virgilia-dei-santi-e.html

 

Ed erano lagane, cioè fettucce o lasagne, cotte al forno (in latino crustulae),  più tardi fritte (frictilia), come le  frappe di Carnevale ( anche cenci, chiacchiere, crostoli, galani, bugie, lingue, sfrappole, lasagne ecc.) che  sono le eredi, forse non bollite , almeno fino all’Alto Medioevo (1000-1200 d.C.). E volete sapere il paradosso, la vera “pastasciutta” (nome sbagliatissimo) storicamente  è rappresentata dalle frappe, non dai maccheroni, che sono proprio l’opposto: pasta umida, anzi bagnata.

http://www.petitchef.it/ricette/umbria-piatto-per-virgilia-dei-santi-e-natale-maccheroni-dolci-alle-noci-fid-166384

 

La parola maccherone proviene dal  greco makarios (felice) e aionios (eterno). Qualcosa del genere racconta anche Matilde Serao in Leggende napoletane. Makaria significa anche impasto di farina e acqua.

Quale migliore augurio di eterna  felicità al defunto, espresso sottoforma di pasto liturgico votivo, potevano essere  i maccheroni  consumati nell’antica Grecia, in presenza delle spoglie del  defunto? 

http://www.tipicamente.it/index.php/jurassic-maccheroni-dolci/

 

L’invito

Nun m’aricordo bene in che paesetto,
quanno che mòre un capo de famìa,
er parentado je fà compagnia,
facenno un pranzo intorno ar cataletto.

La tradizione vo’ che ’sto banchetto,
preparato durante l’agonia,
se faccia, senza tanta ipocrisia,
cor medico, cor prete er chierichetto.

Doppo li pianti la famìa se carma
e ar punto che la pasta viè servita,
se brinda a la salute della sarma.

Poi c’è l’invito pe’ nun faje un torto
e si a st’invito nun ritorna in vita,
significa ch’er morto è proprio morto.


Aldo Fabrizi


http://www.tipicamente.it/index.php/jurassic-maccheroni-dolci/


more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

Il tempo è un bastardo - Jennifer Egan - Recensioni di QLibri

Il tempo è un bastardo - Jennifer Egan - Recensioni di QLibri | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it


La presentazione e le recensioni di Il tempo è un bastardo, opera di Jennifer Egan edita da Minimum Fax.

Delizioso da leggere, versione italiana di A Visit from the Goon Squad,  romanzo con cui Jennifer Egan ha vinto il premio Pulitzer 2011 per la narrativa il cui  titolo originale ("Una visita della squadraccia") è ispirato da un brano di Elvis Costello. Una specie di postmoderno Decamerone, con narratori che si cimentano  in 13 novelle ambientate fra San Francisco e New York (più un' ambientazione africana e una, indimenticabile, a Napoli) nell'arco di quarant'anni (dagli ’80 al 2020, circa). Quadro psichedelico di una generazione malamente invecchiata.

Della struttura si è parlato tanto:" Una narrazione che rompe gli schemi classici, con cambi di prospettiva, balzi spaziotemporali, linguaggi che pescano dalla tecnologia e dai social media, e il discusso capitolo che si sviluppa come una serie di slide in power point, intitolato "le grandi pause del rock". Una sperimentazione che consente all'autrice di slegare la cronologia della narrazione tradizionale per rappresentare flussi di coscienza coesistenti, consentendo al lettore di determinarne autonomamente le connessioni. E ben venga ogni tipo di sperimentazione che stimoli l'intelletto dei lettori! "








more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

Se leggi sei più felice

Se leggi sei più felice | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
Simo Fedele Vernia's insight:

"La felicità di leggere" si chiama una ricerca commissionata da GeMS (Gruppo editoriale Mauri Spagnol) in occasione del proprio decimo compleanno e affidata a Cesmer, Centro di studi su mercati e relazioni industriali dell’Università di Roma Tre. La ricerca ha utilizzato diversi parametri mutuati dalla letteratura scientifica. Le differenze nelle vite dei lettori e dei non lettori sono state riportate su tre scale differenti (scala di Veenhoven, scala di Cantril e scala di Diener e Biswas-Diener) e i risultati coincidono: chi legge è più felice, prova una gamma maggiore di sensazioni positive e una minore di sensazioni negative e riesce a contenere la rabbia. Che sia stato un editore a commissionare questo studio la dice lunga su un aspetto che trovo centrale: non è importante solo valutare cosa si legge più spesso e soprattutto cosa si compra, ma sapere che chi pubblica libri, di qualunque genere e livello, sta lavorando per rendere un po’ più felici gli altri. Non c’è niente di più bello che sapere che il proprio lavoro possa contribuire alla felicità altrui. - http://espresso.repubblica.it/opinioni/l-antitaliano/2015/10/28/news/ecco-la-prova-se-leggi-sei-piu-felice-1.236346-

 

6 ragioni per cui dovremmo  leggere di più

 

PER CAPIRE MEGLIO GLI ALTRI

PER LIBERARSI DALLO STRESS

PERCHE’ FA BENE ALLA MENTE

PER DIVENTARE ADULTI INTELLIGENTI

PER ESSERE PIU' CORAGGIOSI NELL’AFFRONTARE L

A

VITA

PERCHE’ SARA’ PIU’ FACILE INNAMORARSI -http://www.huffingtonpost.it/2015/10/19/lettura-libri-gioco-del-lotto_n_8294522.html

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come trovare il tempo per leggere

 

"Internet pullula di liste di consigli tipo “Smetti di guardare la tv” oppure “Portati sempre dietro un libro”. Ma l’esperienza mi dice che usare questi metodi per ritagliarsi mezz’ora ogni tanto non funziona. Ti siedi a leggere, e intanto il volano dei pensieri legati al lavoro continua a girare, oppure sei talmente stanco che l’ultima cosa di cui hai bisogno è un libro impegnativo. Secondo Parks la mente moderna “tende eccessivamente alla comunicazione. Non è solo il fatto di essere interrotti: è che tendiamo all’interruzione”. Per immergersi a fondo nella lettura non occorre solo tempo, ma un tipo speciale di tempo che non si ottiene semplicemente diventando più efficienti."

 

-http://www.internazionale.it/opinione/oliver-burkeman/2015/04/07/tempo-lettura-libri-

 

"Qual è la soluzione? Forse vi sorprenderà sapere che è programmare orari regolari per la lettura. Potrebbe sembrare un metodo che favorisce un atteggiamento mentale efficientista, ma in realtà, osserva sempre Eberle, si tratta di uno di quei comportamenti ritualistici che ci aiutano a “uscire dal flusso del tempo” per entrare nel “tempo dell’anima”. Anche lo spazio può essere usato in modo rituale, per esempio leggendo sempre sulla stessa poltrona o sulla stessa panchina del parco. Le distrazioni si possono limitare leggendo solo libri cartacei, oppure su un dispositivo dedicato. Anche il famoso consiglio di “portarsi sempre dietro un libro” può funzionare, purché uno ci s’immerg

a abbastanza spesso da fare della lettura lo stato di default da cui risale a galla temporaneamente per occuparsi di lavoro e altre faccende, prima di ricaderci dentro. Se tutto va bene, non sembra più di ritagliarsi a fatica “il tempo per leggere”: sembra di leggere, e poi trovare il tempo per tutto il resto."

--http://www.internazionale.it/opinione/oliver-burkeman/2015/04/07/tempo-lettura-libri-

more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

Salone del libro di Torino 2015 | Casa CookBook: cosa vedere e cosa no / 1

Salone del libro di Torino 2015 | Casa CookBook: cosa vedere e cosa no / 1 | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it

 

Al Salone del Libro di Torino,  al Lingotto, ci sono anche (ormai soprattutto) i libri di cucina, da tre anni al Padiglione n. 2 esiste CookBook.

http://www.gustoblog.it/post/169255/salone-del-libro-di-torino-gli-appuntamenti-di-casa-cookbook-del-14-maggio-2015

 

INOLTRE...

 

http://www.salonelibro.it/it/news/12833-il-tema-2015-le-meraviglie-d-italia-2.html

 

 

con Melania Mazzucco, la grande arte in  un racconto coinvolgente (Il Museo del mondo), con Cesare De Seta e Attilio Brilli ...per le strade del Grand Tour.  E  proprio l'occhio dei viaggiatori che arivvavano  in Italia per compiervi la loro formazione ha creato  quella che poi resterà l'identità italiana nell'immaginario collettivo degli Europei. Infine  Paolo Pejrone... in visita nei più bei giardini d'Italia.

 

 

 

 

 

 

 

 

more...
No comment yet.
Rescooped by Simo Fedele Vernia from Web Magazine: blogging and notizie (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera)
Scoop.it!

H&M e i progetti Conscious Exclusive Collection: il trionfo della moda sostenibile.

H&M e i progetti Conscious Exclusive Collection:   il trionfo della moda sostenibile. | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
H&M ha raccolto la sfida di rendere sostenibile la moda e di rendere alla moda la sostenibilità.
more...
Simo Fedele Vernia's curator insight, May 14, 2014 6:41 AM
Gucci e H & M a Copenhagen per discutere di moda sostenibile
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

Boccaccio e Chaucer, due vite avventurose

Boccaccio e Chaucer, due vite avventurose | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
Simo Fedele Vernia's insight:


Per i cultori di letterature comparate, le opere di Boccaccio e di Chaucer sono una vera e propria miniera, ricca di sorprese. Tanto per cominciare, sia il Decamerone che i Racconti di Canterbury sono il primo, riuscitissimo tentativo di utilizzare il volgare come lingua letteraria nei rispettivi Paesi. I loro lavori, inoltre, presentano delle similitudini dovute al fatto che Chaucer, che ha subito l'influenza di Boccaccio, lo traduce e ne inserisce alcuni brani nelle proprie opere. Entrambi, infine, sono assai lontani dal prototipo dell'intellettuale, figura affatto sconosciuta fino ai tempi recenti: sono uomini veri, interessati alla vivida concretezza del mondo reale, a quella Commedia, non più divina ma umana, che descriveranno nelle loro opere.

Nato a Firenze nel 1313, Boccaccio è figlio illegittimo, ma presto legittimato, di un ricco mercante. In gioventù, Boccaccio viene mandato a Napoli, dove impara ad apprezzare la raffinatezza e la cultura della corte angioina. Con il sopraggiungere della crisi finanziaria, che ha dimensioni europee, torna a Firenze e moltiplica il suo impegno di scrittore. Incoraggiato dall'amicizia con Petrarca e con i primi umanisti fiorentini, Boccaccio alterna l'attività letteraria a quella politica. Muore nel 1375, dopo aver scritto molte opere e aver ricoperto numerosi e importanti incarichi pubblici.

 

Anche Chaucer nasce, nel 1343, in una famiglia di facoltosi mercanti, condizione che sa migliorare ulteriormente con un ottimo matrimonio. Partecipa alla spedizione in terra francese del 1359, dove viene fatto prigioniero e riscattato un anno dopo. Tornato in patria, partecipa su incarico reale a numerose missioni diplomatiche, che lo portano anche in Italia, dove forse incontra Petrarca. Ricopre vari, prestigiosi, incarichi pubblici fino alla morte, che avviene nel 1400.

 

http://www.treccani.it/scuola/lezioni/in_aula/lingua_e_letteratura/comparatistica/gallesi.html

 

« Umana cosa è l’aver compassione agli afflitti; e come che a ciascuna persona stea bene, a coloro è massimamente richiesto li quali già hanno di conforto avuto mestiere, e hannol trovato in alcuni: fra’ quali, se alcuno mai n’ebbe bisogno, o gli fu caro, o già ne ricevette piacere, io son uno di quegli. »
(Giovanni Boccaccio, Decameron – incipit.)

Giovanni Boccaccio è stato uno scrittore e poeta italiano. Boccaccio è stato uno fra i maggiori narratori italiani e europei del XIV secolo: con il suo Decameron, che venne subito tradotto in molte lingue, diviene infatti conosciuto ed apprezzato a livello europeo, tanto da influire, per esempio, anche nella letteratura inglese, con Geoffrey Chaucer. Da alcuni studiosi (tra i quali Vittore Branca) è considerato il maggiore narratore europeo e ha avuto un ruolo egemone nel panorama letterario del XIV secolo.

 

 

« Comincia il libro chiamato Decameron, cognominato Prencipe Galeotto, nel quale si contengono cento novelle in dieci dì dette da sette donne e da tre giovani uomini. »
(G. Boccaccio, Decamerone, incipit proemiale)

È considerata, nel contesto del Trecento europeo, una delle opere più importanti della letteratura, fondatrice della letteratura in prosa in volgare italiano. Ebbe larghissima influenza non solo nella letteratura italiana ed europea (si pensi solo alle Canterbury Tales di Geoffrey Chaucer), ma anche nelle lettere future, ispirando l'ideale di vita edonistica e dedicata al piacere ed al culto del viver sereno tipici della cultura umanista e rinascimentale.Nella tradizione italiana la prosa di Boccaccio assunse una funzione egemonica specialmente quando, nel Cinquecento, teorici e grammatici la indicarono come modello di riferimento.

 

Canterbury Tales. 1400.Geoffrey CHAUCER

 

Scritto in versi e in Middle English, già simile all’inglese moderno, ma con commistioni inglese-francese.
E’ stato paragonato al Decamerone di Boccaccio – che però è scritto in prosa - per realismo, tipo di comicità e anche tipo di struttura
Sia i Canterbury Tales sia il Decameron sono racconti con una cornice (frame). Un gruppo di persone si intrattengono raccontando storie: i rifugiati dalla peste nel caso del Decameron, il pellegrinaggio a Canterbury per Chaucer.   

 

more...
No comment yet.
Rescooped by Simo Fedele Vernia from Web Magazine: blogging and notizie (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera)
Scoop.it!

L’esperienza della lettura

In un mondo dominato dalla scienza e dalla tecnica, rischiamo di non capire più i grandi capolavori della letteratura.

more...
Simo Fedele Vernia's curator insight, November 23, 2013 1:46 AM

 

La lettura è, al pari della scrittura, uno strumento culturale basato sull’elaborazione di segni linguistici,  alfabetici o ideogrammatici. In linea di principio, almeno dal punto di vista evolutivo e storico, la lettura non è pensabile senza la scrittura, nata oltre 5.000 anni fa (ma l’alfabeto fonetico che è alla base, per esempio, della lingua italiana, data poco meno di 4000 anni) e da allora divenuta via via sempre più fondamentale per la gestione di molti aspetti della vita quotidiana. Anche se possiamo immaginare casi di persone che sappiano leggere senza saper scrivere, non riusciremmo a pensare a persone che sanno scrivere senza saper leggere - 1-, né tantomeno potremmo pensare alla lettura in assenza di testi scritti, che sono il risultato degli sforzi di persone alfabetizzate, capaci cioè di leggere e scrivere. Essendo uno strumento (o una tecnologia) fondamentale per la vita quotidiana – tanto da diventare una vera e propria ossessione per le società democratiche, impegnate a elaborare strategie e investimenti utili allo sviluppo della cosiddetta literacy in lettura -2-  – la lettura è alla base dei sistemi di apprendimento in uso nelle società cosiddette sviluppate o in via di sviluppo. Il libro, che è una delle tecnologie intellettuali più avanzate create dall’uomo per consentire la lettura e scrittura dei testi, rappresenta l’oggetto didattico per eccellenza, usato per condividere – o trasmettere, a seconda del modello di comunicazione che si vuole adottare – informazioni da una persona all’altra, di generazione in generazione. Il suo prestigio è tale da influenzare profon- damente, almeno in questa prima fase della cosiddetta rivoluzione digitale, la struttura dei nuovi strumenti, come per esempio l’e-book o libro elettronico, destinati a integrare e a modificare le funzioni del libro propriamente detto.
1. Fa eccezione almeno il caso dello scrittore Howard Hengel, colpito da alessìa, raccontato da Oliver Sacks (2011), pp. 65-91.

2. Secondo l’OCSE la literacy in lettura o reading literacy è “La capacità di un individuo di comprendere, di utilizzare e di riflettere su testi scritti al fine di raggiungere i propri obiettivi, di sviluppare le proprie conoscenze e le proprie potenzialità e di svolgere un ruolo attivo nella società” (OCSE, 2007, p. 17).

 


Io la penso come  Todorov, Todorov Tzvetan  La letteratura in pericolo 2008, p. 66):"Il lettore comune, continuando a cercare nelle opere che legge come dare un senso alla propria vita, ha ragione rispetto a insegnanti, critici e scrittori quando gli dicono che la letteratura parla solo di sé, o che insegna solo a disperare  Se non avesse ragione, la lettura sarebbe condannata a scomparire nel giro di breve tempo Come la filosofia e le scienze umane, la letteratura è pensiero e conoscenza del mondo psichico e sociale in cui viviamo  La realtà che la letteratura vuole conoscere è semplice- mente (ma, al tempo stesso, non vi è nulla di più complesso) l’esperienza umana "

 

«Siamo tutti fatti di ciò che ci donano gli altri: in primo luogo i nostri genitori e poi quelli che ci stanno accanto; la letteratura apre all'infinito questa possibilità d'interazione con gli altri e ci arricchisce, perciò, infinitamente.»

 

COSA NE PENSATE??

Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

Are Mommy Bloggers Real Writers?

Are Mommy Bloggers Real Writers? | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
So I’m in the process of writing my own book. It’s about the decade of my life where my grandmother and I wrote letters each week to each other.
Simo Fedele Vernia's insight:
MEDITATE MEDITATECronaca di una mamma blogger: “Una mamma da URL”, il romanzo di Patrizia Violi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

http://www.giovannagallo.it/una-mamma-da-url-recensione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.....scrivere è una scelta?

 

http://cronacadiunavitaintima.wordpress.com/

 

 

 

Mamma, Moglie, Scrittrice il tutto per passione.

 

http://leggonotutti.wordpress.com/2013/10/05/mamma-moglie-scrittrice-il-tutto-per-passione/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

da “mamma blogger” a “mamma scrittrice”. L’esperienza di Serena Sabella

 

http://www.udine20.it/da-%E2%80%9Cmamma-blogger%E2%80%9D-a-%E2%80%9Cmamma-scrittrice%E2%80%9D-l%E2%80%99esperienza-di-serena-sabella/

 

 

 

 

...questa superba “signora” delle lettere (potrebbe essere l’equivalente di un’anziana zia di cui non si sapeva nulla). Alice Munro una donna e una scrittrice che piace, una donna, nonostante gli anni che passano,  naturalmente spontanea.

 

http://it.paperblog.com/alice-munro-una-donna-e-una-scrittrice-che-piace-un-nobel-ben-assegnato-2006705/

 

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

L’esperienza della lettura

In un mondo dominato dalla scienza e dalla tecnica, rischiamo di non capire più i grandi capolavori della letteratura.

Simo Fedele Vernia's insight:

 

La lettura è, al pari della scrittura, uno strumento culturale basato sull’elaborazione di segni linguistici,  alfabetici o ideogrammatici. In linea di principio, almeno dal punto di vista evolutivo e storico, la lettura non è pensabile senza la scrittura, nata oltre 5.000 anni fa (ma l’alfabeto fonetico che è alla base, per esempio, della lingua italiana, data poco meno di 4000 anni) e da allora divenuta via via sempre più fondamentale per la gestione di molti aspetti della vita quotidiana. Anche se possiamo immaginare casi di persone che sappiano leggere senza saper scrivere, non riusciremmo a pensare a persone che sanno scrivere senza saper leggere - 1-, né tantomeno potremmo pensare alla lettura in assenza di testi scritti, che sono il risultato degli sforzi di persone alfabetizzate, capaci cioè di leggere e scrivere. Essendo uno strumento (o una tecnologia) fondamentale per la vita quotidiana – tanto da diventare una vera e propria ossessione per le società democratiche, impegnate a elaborare strategie e investimenti utili allo sviluppo della cosiddetta literacy in lettura -2-  – la lettura è alla base dei sistemi di apprendimento in uso nelle società cosiddette sviluppate o in via di sviluppo. Il libro, che è una delle tecnologie intellettuali più avanzate create dall’uomo per consentire la lettura e scrittura dei testi, rappresenta l’oggetto didattico per eccellenza, usato per condividere – o trasmettere, a seconda del modello di comunicazione che si vuole adottare – informazioni da una persona all’altra, di generazione in generazione. Il suo prestigio è tale da influenzare profon- damente, almeno in questa prima fase della cosiddetta rivoluzione digitale, la struttura dei nuovi strumenti, come per esempio l’e-book o libro elettronico, destinati a integrare e a modificare le funzioni del libro propriamente detto.
1. Fa eccezione almeno il caso dello scrittore Howard Hengel, colpito da alessìa, raccontato da Oliver Sacks (2011), pp. 65-91.

2. Secondo l’OCSE la literacy in lettura o reading literacy è “La capacità di un individuo di comprendere, di utilizzare e di riflettere su testi scritti al fine di raggiungere i propri obiettivi, di sviluppare le proprie conoscenze e le proprie potenzialità e di svolgere un ruolo attivo nella società” (OCSE, 2007, p. 17).

 


Io la penso come  Todorov, Todorov Tzvetan  La letteratura in pericolo 2008, p. 66):"Il lettore comune, continuando a cercare nelle opere che legge come dare un senso alla propria vita, ha ragione rispetto a insegnanti, critici e scrittori quando gli dicono che la letteratura parla solo di sé, o che insegna solo a disperare  Se non avesse ragione, la lettura sarebbe condannata a scomparire nel giro di breve tempo Come la filosofia e le scienze umane, la letteratura è pensiero e conoscenza del mondo psichico e sociale in cui viviamo  La realtà che la letteratura vuole conoscere è semplice- mente (ma, al tempo stesso, non vi è nulla di più complesso) l’esperienza umana "

 

«Siamo tutti fatti di ciò che ci donano gli altri: in primo luogo i nostri genitori e poi quelli che ci stanno accanto; la letteratura apre all'infinito questa possibilità d'interazione con gli altri e ci arricchisce, perciò, infinitamente.»

 

COSA NE PENSATE??

more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

Study shows brain training can increase multitasking abilities in older adults

Study shows brain training can increase multitasking abilities in older adults | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
A study published in the Sept. 4, 2013 edition of Nature.com found that older adults (ages 60 to 85) significantly increased their ability to multitask with a brain-training video game.The game, called NeuroRacer, created lasting results (measured...
Simo Fedele Vernia's insight:
Videogames per anziani, migliorano le capacità cognitive e multitasking

Videogiochi  anche benefici effetti sul cervello. Secondo uno studio statunitense migliorano la memoria e le capacità Quando si parla di videogiochi saltano subito in mente gli aspetti negativi ed alcuni effetti collaterali. Si parla di dipendenza che può creare  aggressività, ma anche di problemi fisici come  danni alla vista. Ma a quanto pare si possono creare dei videogame che possono invece aiutare il cervello a mantenersi allenato. E’ quello che hanno sperimentato gli studiosi dell’Università di San Francisco. Lo studio, pubblicato su Nature, ha verificato infatti che si possono creare dei giochi che possono ostacolare il declino cognitivo delle persone anziane. Per lo studio è stato testato un gioco in particolare, il "NeuroRacer" 

un videogame ideato proprio dai ricercatori. In sintesi, il giocatore è impegnato nella guida di un'automobile che si inerpica per una strada in salita ricca di curve. Tutte le volte che il gioco fa comparire un particolare cartello stradale il giocatore deve premere un pulsante.

 

    http://www.west-info.eu/it/neuroracer-vifeogames-anziani-capacita-cognitive/

 

 

«Il cervello anziano si rimodula»
Un videogioco per  non invecchiare

L'esperimento richiede di sapere essere «multitasking», ovvero di saper cambiare rapidamente situazione: una condizione che di solito genera interferenze nel cervello che minano le prestazioni, soprattutto con l'aumentare dell'età. Ma dopo aver ricevuto solo 12 ore di formazione sul gioco i partecipanti di età compresa fra 60 e 85 anni hanno migliorato le loro prestazioni fino a superare i partecipanti ventenni. Il tempo dedicato alla gara è stato un'ora al giorno, tre volte alla settimana per un periodo di quattro settimane.
Dopo questo periodo, negli sfidanti più anziani sono migliorate anche memoria e attenzione.

 

http://www.ecodibergamo.it/stories/La%20Salute/892764/

 

Attività  per la mente.

Fondamentale per l’anziano è fare esercizi che attivano le capacità intellettive e operative  mentali, pensare capire e ricordare. Più il cervello funziona, più lavora e meno si rovina, meno si deteriora. Bisogna farlo allenare in modo costante e continuo, come si fa con il movimento del corpo.   Come si fa?  Con un lavoro che si chiama operativo. In pratica la mente deve fare operazioni mentali di: confronto, associazione, elaborazione, assimilazione, seriazione, classificazione, rappresentazione. (Vedi nel blog gli articoli sul pensiero). Anche di memoria. Ma non solo come ricordo automatico di una cosa, ma di assimilazione cioè di  collegamento di un dato con altri dati. In pratica si tratta di trovare qualcosa in un ordine logico che si è dato. Bisogna ritrovare  una cosa in un ordine di una stanza. Se abbiamo tutto in ordine, armadi, cassetti, secondo una categoria specifica, allora riusciamo a ritrovare sempre quello che cerchiamo, anche se non lo vediamo più, anche se non lo ricordiamo più. Fare memoria significa quindi ritrovare l’ordine delle cose.


http://www.progetti-educativi.it/?tag=giochi-per-lanziano


more...
No comment yet.
Rescooped by Simo Fedele Vernia from Web Magazine: blogging and notizie (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera)
Scoop.it!

CESTIM - Materiali didattici

more...
Simo Fedele Vernia's curator insight, November 9, 2013 1:41 AM
UN APPUNTAMENTO A.... "IL CAFFE' DELLE DONNE" CARI LETTORI, appuntamento a...IL "CAFFE' DELLE DONNE", UN TESTO MOLTO PARTICOLARE CHE PARLA DI DONNE, DI MONDO ORIENTALE...DI CAFFE' Il caffè delle donne - Widad Tamini-
Mondadori (collana Scrittori italiani e stranieri), 2012http://letturesenzatempo.blogspot.it/2013/11/un-appuntamento-il-caffe-delle-donne.html#gpluscommentshttp://www.centrocome.it/come_files/userfiles/File/MaterialiEStrumenti/Culture/per_fare_educazione_interculturale.pdf

INTERCULTURA E FIABE

 

Ovvero l’educazione all’altro

 

UOMO PLANETARIO

 

Sono uomo, minerale e pianta allo stesso tempo, rilievo del pianeta, pesce nell'aria,

un essere terrestre insomma. albero del Rio delle Amazzoni

le mie arterie,

la mia fronte è di Parigi, gli occhi del tropico

la mia lingua è americana e spagnola,

le palle di New York e Mosca,

però fissa, invisibile

la mia radice, alato corpicciolo

del pappagallo; professore di ontologia

della cavalletta e del colibrì,

miei infimi alleati naturali. (XVI )

 

Jorge Carrera Andrad

 

http://www.pimemilano.com/files/File/mondialita/Teoria/Fiabe%20e%20intercultura.pdf

Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

Santuario di Rivotorto

Santuario di Rivotorto | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it

La chiesa di Santa Maria di Rivotorto, nota come il"Santuario di Rivotorto", si trova  presso l'omonimo abitato, pochi chilometri a sud del paese di Santa Maria degli Angeli. Il grande Santuario - eretto nel 1854 dopo il  disastroso terremoto che distrusse la precedente costruzione del Cinquecento - prende il nome dal ruscello "Rivotorto" che scorre nei pressi.

Simo Fedele Vernia's insight:

L’edificio è importante perché custodisce il "Tugurio" di San Francesco,  umile dimora del Santo e dei suoi seguaci, prima di ottenere dall'Ordine dei Benedettini il possesso della Porziuncola. Il Tugurio è all’interno della chiesa ,  ha  tre piccoli vani, di cui il centrale è adibito a cappella. La permanenza in questo luogo (1209-1211) di Francesco e dei suoi primi compagni di fede (tra i quali Bernardo da Quintavalle e Pietro di Cattaneo), rappresenta  una tappa fondamentale nella vita del Santo: qui Francesco detta la Prima Regola, approvata oralmente da Innocenzo III, e chiama Minori i suoi discepoli. Così dopo l'istituzione della prima comunità francescana, Francesco con i suoi frati comincia a  praticare la mortificazione interiore ed esteriore esortando   a seguire una vita dedita alla preghiera, al raccoglimento e al lavoro manuale.

QUI UNA BELLA TESTIMONIANZA MEDIANTE UN VIDEO

http://www.youtube.com/watch?v=fxNgkNunjng


"Hic Primordia Fratrum Minorum", ovvero "Qui gli inizi dei Frati Minori": è la scritta che campeggia, incisa sulla pietra, sopra l’ingresso principale del Santuario

 

NOTIZIE DAL TERRITORIO
"Quando il Signore mi diede dei fratelli — scrive Francesco nel suo Testamento — nessuno mi mostrava che cosa dovessi fare, ma lo stesso Altissimo mi rivelò che dovevo vivere a norma del santo Vangelo". Numerosi sono i testi delle fonti francescane che tramandano i primi passi della nuova forma di vita in fraternità.

http://www.folignocity.com/web/news-on.asp?id=11308

 

 

LE DECORAZIONI
Very beautiful it is the decoration of the door and that it represents the miracle of Rivortorto: St. Francis, while it was being waiting for to talk to the Bishop Guido II to Assisi, he is seen to fly on a wagon of light from the monks of Rivotorto.

 

http://www.assisiweb.com/assisi_rivotorto_en.html

 

 

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Simo Fedele Vernia
Scoop.it!

IL MIO MONDO DELLA LETTURA: ALL' INSEGNA DE JANE AUSTEN: GIVEAWAY CON il primo sequel austeniano della storia!

IL MIO MONDO DELLA LETTURA: ALL' INSEGNA DE JANE AUSTEN: GIVEAWAY CON il primo sequel austeniano della storia! | Web Magazine:  blogging and notizie   (cultura, news, letteratura, arte, ambiente...et cetera) | Scoop.it
Simo Fedele Vernia's insight:

In tutti i suoi romanzi attraverso le avventure dei suoi personaggi  scopriamo un’altra tematica fondamentale dell’autrice: quanto sia importante nella vita non confondere l’apparenza con la sostanza. Questo suo messaggio mi sembra di nuovo attualissimo oggi, dove tutto è “look”, aspetto esteriore, dove siamo portati ad avere e apparire piuttosto che ad essere, dove siamo cos“ “body conscious”, ma non “soul conscious” ricchi solo di PROSOPOPEA metaforicamente parlando !!!

more...
No comment yet.