Cibo per la mente
Follow
Find
270 views | +0 today
Rescooped by Giovanni Sonego from Geography Education
onto Cibo per la mente
Scoop.it!

Raccontare una perdita brutale? Ecco il monumento di Utøya per le vittime di Breivik

Raccontare una perdita brutale? Ecco il monumento di Utøya per le vittime di Breivik | Cibo per la mente | Scoop.it

"A slice of rock removed from the mainland near the island of Utoeya is the winning design for a memorial to commemorate the victims of Norwegian mass killer Anders Behring Breivik."


Via Seth Dixon
Giovanni Sonego's insight:

Il 22 luglio 2011 il fanatico cristiano Anders Breivik ha ucciso 69 ragazzi nell'isola di Utøya in Norvegia e procurato la morte di altre 8 persone in un attentato con esplosivo a Oslo. Una tragedia che ha colpito tutto il mondo e ha lasciato impietrita la civilissima Norvegia.

Per ricordare le vittime di questo massacro sarà creato un monumento. Questo il design selezionato. Un monumento che riesce a riprodurre in modo fisico il dolore procurato dall'esperienza di chi ha dovuto provare in prima persona la perdita improvvisa, brutale e permanente di tante persone care.

more...
Seth Dixon's curator insight, March 6, 2:52 PM

Monuments are not just in a place...they can create place and place can infuse added meaning to a memorial.  This is a great example of the interplay between memorials, place, artistic and cultural meanings. 

JoseMªRiveros's curator insight, March 7, 2:36 PM

Espectacular !!!!

Un trozo de roca retirado de la parte continental cerca de la isla de Utoya. 

Joseph Thacker 's curator insight, March 12, 11:32 AM

This is a creative and beautiful idea for a monument. I have never come across a design similar to this one. This is a great example of taking advantage of the surroundings around you, such as the water, rocks and trees. 

Cibo per la mente
Non ho ancora deciso cosa metterci qui dentro. Un contenitore ampio: film, libri, mostre... un po' di tutto
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Rescooped by Giovanni Sonego from Geography Education
Scoop.it!

Google Maps Smarty Pins

Google Maps Smarty Pins | Cibo per la mente | Scoop.it
Smarty Pins is a Google Maps based geography and trivia game.

Via Seth Dixon
Giovanni Sonego's insight:

Un gioco lanciato da Google che mette alla prova la conoscenza della geografia. 

Viene posta una domanda, che ha come risposta una località. Google più o meno fa vedere una porzione di mappa che comprende anche la città/risposta. Per rispondere si prende il PIN e lo si posiziona nel luogo corretto. 

Molto divertente, ma ci sono due difetti che spero vengano presto corretti. Innanzitutto ci sono un po' troppe domande sulle vicende inglesi. Ma che cavolo ne so io, di quale città era Duca un certo ceffo dell'inizio del '900? Suvvia... 

E poi, anche google, maledetti, posizionano la mappa in modo che la città/risposta si trovi in un raggio di 1000 miglia (o 1600 km e rotti). Ma si può? Ragazzi (dico a Google) guardate che il sistema metrico internazionale è quello decimale basato sul metro, mica su miglia, pietre, piedi, pertiche, pollici e pezzoloni!

more...
Beatrice Sarni's curator insight, July 7, 3:33 AM

looks like fun!

flea palmer's curator insight, July 7, 10:33 AM

This is really good fun - I got gold (14/15) not sure how many miles though!

Tom Franta's curator insight, July 10, 9:54 AM

An interesting way to get anyone interacting with Google Maps...

Scooped by Giovanni Sonego
Scoop.it!

Bomomo. Perché accontentarsi di un pennello semplice?

Bomomo. Perché accontentarsi di un pennello semplice? | Cibo per la mente | Scoop.it
The homepage of bomomo
Giovanni Sonego's insight:

Perché accontentarsi di un semplice pennello quando si possono avere almeno 16 pennelli strabilianti?

more...
No comment yet.
Scooped by Giovanni Sonego
Scoop.it!

Incredible 3D GIFs Created with a Simple Visual Effect

Incredible 3D GIFs Created with a Simple Visual Effect | Cibo per la mente | Scoop.it
Animated gifs seem to be everywhere these days, but some gif creators are taking the visual experience of viewing quick clips of silent motion to another leve…
Giovanni Sonego's insight:

Sappiamo tutti che riusciamo a percepire il mondo in tre dimensioni perché i nostri due occhi si trovano ad una certa distanza l'uno dall'altro, e quindi inviano al cervello 2 immagini diverse. Ma la visione tridimensionale dipende solo da quello o c'è dell'altro?

 

Questo sito dimostra come sia possibile creare un formidabile effetto di tridimensionalità semplicemente aggiungendo due barre verticali ad un'immagine in movimento.

more...
No comment yet.
Scooped by Giovanni Sonego
Scoop.it!

I 5 più grandi rimpianti delle persone in punto di morte

I 5 più grandi rimpianti delle persone in punto di morte | Cibo per la mente | Scoop.it
Un’infermiera australiana, Bronnie Ware ha rilevato quali sono i più grandi rimpianti che tutti abbiamo in comune, alla fine della nostra vita, assistendo i malati terminali nei loro ultimi giorni
Giovanni Sonego's insight:

Come diceva il poeta Henry David Thoreau: “Vivere con saggezza, vivere in profondità e succhiare tutto il midollo della vita, per sbaragliare tutto ciò che non era vita e non scoprire, in punto di morte, di non aver vissuto”

Viviamo. Prima che sia troppo tardi.

more...
No comment yet.
Rescooped by Giovanni Sonego from Internet (e anche un po' di tecnologia)
Scoop.it!

L’inno natalizio lo cantano i vecchi computer

L’inno natalizio lo cantano i vecchi computer | Cibo per la mente | Scoop.it

James Houston è un artista britannico che ama lavorare con le tecnologie ormai obsolete e che per questo Natale ha deciso di regalare al mondo degli specialissimi auguri, cantati da un coro di computer—un Commodore 64, uno ZX Spectrum, un Sega Mega Drive e dei vecchi Mac—a loro volta ricevuti in regalo quand’era ragazzino

Giovanni Sonego's insight:

Quali emozioni può regalare un inno natalizio cantato da vecchi computer? 

more...
Giovanni Sonego's curator insight, December 17, 2013 7:35 AM

Alcuni vecchi computer, coordinati da un appassionato di tecnologie obsolete, cantano una melodia natalizia degli anni 30, con un testo modificato per adatto alla "sensibilità" di un computer. 

 

La domanda che si pone l'autore dell'articolo è: un computer che canta, può emozionare? Lui dice di sì, la sua compagna invece no. E voi, che ne pensate?

Scooped by Giovanni Sonego
Scoop.it!

Italy

Italy | Cibo per la mente | Scoop.it

Elenco di lingue parlate in Italia

Giovanni Sonego's insight:

Fate un po' mente locale e provate a pensare quante lingue si parlano in Italia. L'Italiano, e vabbè, questo è ovvio. Poi in Alto Adige si parla il tedesco, e sono due. Vengono subito in mente il ladino più o meno nelle stesse zone, ma anche il francese della Val d'Aosta e lo Sloveno in Friuli Venezia Giulia, vicino al confine. Siamo arrivati a 5. Qualcuno più informato potrebbe ricordare che nel salento si parla il Grico e che ci sono in calabria, sicilia e in altre parti d'Italia antiche comunità albanesi. E siamo a 7. Beh sono molte di più. Alcune sono in espansione; altre dormienti; ci sono quelle che godono di ottima salute, altre che si stanno estinguendo. Qui qui trovate l'elenco completo: le lingue parlate in Italia sono 36. 

more...
No comment yet.
Rescooped by Giovanni Sonego from Curation & The Future of Publishing
Scoop.it!

Why Content Curation is the Ultimate Compliment to the Creator

Why Content Curation is the Ultimate Compliment to the Creator | Cibo per la mente | Scoop.it
Before today, imitation was the greatest form of flattery. If your idea was good enough to be copied, then you were golden. But now, with the state of the web in our lives, this balance is shifting.

Via Guillaume Decugis
Giovanni Sonego's insight:

Una volta c'erano le raccolte di link, come dmoz, yahoo e altre ancora. Essere presenti in una di queste raccolte era un punto d'onore per qualunque webmaster (o per qualunque autore). 

 

Poi si è attraversata la fase della copia pedissequa. C'era ch prendeva contenuti altrui e li riproponeva senza alcun intervento se non quelli SEO per conquistare un proprio posizionamento. Essere citati in questo modo faceva un po' arrabbiare gli autori che percepivano uno sfruttamento del proprio lavoro.

 

Adesso siamo nella fase della "content curation", cosa molto diversa dalla semplice copia o dalla creazione di un link . Il lavoro di curatore prevede selezione, valutazione e riproposizione di contenuti altrui. E' simile al lavoro dei critici che scelgono e commentano e aiutano i comuni mortali a districarsi tra milioni di informazioni e ci aiutano a scoprire contenuti sempre più pertinenti: libri, ristoranti, film...

Perciò, sostiene l'articolo, se un autore si accorge che un suo contenuto è stato curato non deve prendersela, anzi! Una corretta opera di curation è il massimo complimento che gli si possa rivolgere.

more...
Guillaume Decugis's curator insight, December 5, 2013 6:44 PM

Ever since we started Scoop.it, we've always cared a lot about content creators' best interests: by providing a framework, content curation platforms like ours have helped defined ethical content curation over the past few years by making it easy and automatic to link back, attribute, quote sources, extract quotes, etc... 


While some creators have had legitimate questions, it's a real satisfaction for us to see a growing number of bloggers, writers and media companies tell us they're seeing strong positive traffic, credibility or distribution benefits from seeing their work curated by our community. 

Giovanni Sonego's curator insight, December 15, 2013 1:36 PM

Una volta c'erano le raccolte di link, come dmoz, yahoo e altre ancora. Essere presenti in una di queste raccolte era un punto d'onore per qualunque webmaster (o per qualunque autore). 

 

Poi si è attraversata la fase della copia pedissequa. C'era ch prendeva contenuti altrui e li riproponeva senza alcun intervento se non quelli SEO per conquistare un proprio posizionamento. Essere citati in questo modo faceva un po' arrabbiare gli autori che percepivano uno sfruttamento del proprio lavoro.

 

Adesso siamo nella fase della "content curation", cosa molto diversa dalla semplice copia o dalla creazione di un link . Il lavoro di curatore prevede selezione, valutazione e riproposizione di contenuti altrui. E' simile al lavoro dei critici che scelgono e commentano e aiutano i comuni mortali a districarsi tra milioni di informazioni e ci aiutano a scoprire contenuti sempre più pertinenti: libri, ristoranti, film... 

Perciò, sostiene l'articolo, se un autore si accorge che un suo contenuto è stato curato non deve prendersela, anzi! Una corretta opera di curation è il massimo complimento che gli si possa rivolgere.

Rescooped by Giovanni Sonego from Geography Education
Scoop.it!

Spatial Navigation Before GPS

Spatial Navigation Before GPS | Cibo per la mente | Scoop.it

"Giant 70-foot concrete arrows that point your way across the country, left behind by a forgotten age of US mail delivery.  Long before the days of radio (and those convenient little smartphone applications), the US Postal service began a cross-country air mail service using army war surplus planes from World War I.  The federal government funded enormous concrete arrows to be built every 10 miles or so along established airmail routes they were each built alongside a 50 foot tall tower with a rotating gas-powered light. These airway beacons are said to have been visible from a distance of 10 miles high."


Via Seth Dixon
Giovanni Sonego's insight:

Adesso sembra incredibile che si usasse un sistema simile per guidare la posta aerea. Forse a quei tempi sembrava normale. 

more...
Marie-Pierre Estiot's curator insight, November 30, 2013 12:46 PM

des flèches... sans indiens !

Giovanni Sonego's curator insight, December 15, 2013 1:49 PM

Adesso sembra incredibile che si usasse un sistema simile per guidare la posta aerea. Forse a quei tempi sembrava normale. 

Steven Flis's curator insight, December 16, 2013 3:14 AM

I love articles like this one where they talk about the collide of different times. This article speaks of huge concrete arrows which were left from 1930's air mail routes. sadly most of the towers that were paired with the arrows have been dismantled but still really cool that these directional arrows from the past can still be found almost 90 years later.

Rescooped by Giovanni Sonego from Geography Education
Scoop.it!

Raccontare una perdita brutale? Ecco il monumento di Utøya per le vittime di Breivik

Raccontare una perdita brutale? Ecco il monumento di Utøya per le vittime di Breivik | Cibo per la mente | Scoop.it

"A slice of rock removed from the mainland near the island of Utoeya is the winning design for a memorial to commemorate the victims of Norwegian mass killer Anders Behring Breivik."


Via Seth Dixon
Giovanni Sonego's insight:

Il 22 luglio 2011 il fanatico cristiano Anders Breivik ha ucciso 69 ragazzi nell'isola di Utøya in Norvegia e procurato la morte di altre 8 persone in un attentato con esplosivo a Oslo. Una tragedia che ha colpito tutto il mondo e ha lasciato impietrita la civilissima Norvegia.

Per ricordare le vittime di questo massacro sarà creato un monumento. Questo il design selezionato. Un monumento che riesce a riprodurre in modo fisico il dolore procurato dall'esperienza di chi ha dovuto provare in prima persona la perdita improvvisa, brutale e permanente di tante persone care.

more...
Seth Dixon's curator insight, March 6, 2:52 PM

Monuments are not just in a place...they can create place and place can infuse added meaning to a memorial.  This is a great example of the interplay between memorials, place, artistic and cultural meanings. 

JoseMªRiveros's curator insight, March 7, 2:36 PM

Espectacular !!!!

Un trozo de roca retirado de la parte continental cerca de la isla de Utoya. 

Joseph Thacker 's curator insight, March 12, 11:32 AM

This is a creative and beautiful idea for a monument. I have never come across a design similar to this one. This is a great example of taking advantage of the surroundings around you, such as the water, rocks and trees. 

Scooped by Giovanni Sonego
Scoop.it!

Scopri le foreste del mondo con Global Forest Watch

Scopri le foreste del mondo con Global Forest Watch | Cibo per la mente | Scoop.it
Global Forest Watch (GFW) is a dynamic online forest monitoring and alert system that empowers people everywhere to better manage forests.
Giovanni Sonego's insight:

Global Forest Watch è un progetto che, utilizzando immagini satellitari e altre tecnologie, stima l'estensione delle foreste, il loro utilizzo, come cambia l'occupazione arborea e altre cose.

Queste stime sono sempre state fatte, ma elaborarle era piuttosto lento e di non facile accesso. Adesso, grazie ad una collaborazione tra Google, World Resource Institute e altri 40 partner, chiunque può vedere subito come si stanno evolvendo le foreste del mondo.

 

Non solo la grande foresta Amazzonica o Indonesiana, ma anche le foreste del proprio paese.

more...
No comment yet.
Rescooped by Giovanni Sonego from Geography Education
Scoop.it!

Gravity...

Gravity... | Cibo per la mente | Scoop.it

"The video clip shows the cliff where the fall initiated, near the ledge close to the skyline.  Then, below the ledge, you can see the talus cone, which are rocky bits along the slope. The really large boulders that fell down and ruined the house have carved out soil ruts as the boulders rolled downhill." http://geographyeducation.org/2014/01/30/gravity/


Via Seth Dixon
Giovanni Sonego's insight:

Una decina di giorni fa, il 21 gennaio 2014, è franato un torrione di roccia posto sopra un'abitazione a Termeno (Tramin), in Alto Adige.

 

Devastati campi, attrezzature, vigneti - a Tramin si produce i famoso Traminer - e tanta paura per la famiglia del sig. Herbert Trebo che ha visto uno dei massi fermarsi a pochi metri dalla casa. 

 

Qui trovate un filmato che riprende dall'alto la zona, evidenziando la zona del distacco e gli effetti devastanti dei massi rotolati e del terreno franato.

more...
YEC Geo's curator insight, January 31, 1:42 PM

Gravity-induced erosion in action.

Nevermore Sithole's curator insight, February 3, 2:04 PM

Gravity

Alison D. Gilbert's curator insight, February 5, 3:13 PM

There are some things that just cannot be avoided like this rock that gouged its way down a hill, destroying part of a home and the landscape. Will we ever be in time to predict their coming and avoid such disasters from happening?

Scooped by Giovanni Sonego
Scoop.it!

I figli sono più intelligenti dei genitori (grazie a Internet)

I figli sono più intelligenti dei genitori (grazie a Internet) | Cibo per la mente | Scoop.it
Credi che smartphone e social network stiano rimbecillendo i ragazzi? Ti sbagli
Giovanni Sonego's insight:

Non ancora letto questo articolo perché è un po' lungo, ma le premesse mi sembrano interessanti. Intanto lo salvo per leggerlo con calma in un altro momento. 

more...
No comment yet.
Scooped by Giovanni Sonego
Scoop.it!

Annamaria Testa. Perché due lingue sono meglio che una

Annamaria Testa. Perché due lingue sono meglio che una | Cibo per la mente | Scoop.it
Le persone che parlano due lingue sono più flessibili perché possono applicare strategie diverse di pensiero.
Giovanni Sonego's insight:

La sempre stimolante Annamaria Testa ci racconta in questo articolo perchè e meglio parlare due lingue, invece di una. Tra i vantaggi: maggiore creatività, capacità di concentrazione e fiducia in se stessi; facilità nel prendere le decisioni rapide e nel capire gli altri; si allontana di quasi 5 anni il rischio di Alzheimer; migliorano pure la memoria a la capacità di pensare multitasking...

 

Confortante scoprire che noi Italiani, da questo punto di vista, non siamo messi poi così male rispetto ad altri (per esempio degli anglofoni). Infatti seguendo uno dei link di questo articolo si vede che in Italia si parlano un gran numero di lingue http://sco.lt/7JlZgH ;


---

Nota: leggere gli articoli di Annamaria Testa è sempre un piacere. Non solo gli argomenti e le riflessioni sono interessanti, ma sono sempre corredati di collegamenti a fonti autorevoli e interessanti. Seguire i link dei suoi articoli è un vero e proprio godimento.

more...
No comment yet.
Rescooped by Giovanni Sonego from Geography Education
Scoop.it!

All the Countries That Contribute to a Single Jar of Nutella

All the Countries That Contribute to a Single Jar of Nutella | Cibo per la mente | Scoop.it
Turkish hazelnuts, Malaysian palm oil, Nigerian cocoa, Brazilian sugar, French vanilla...

 

Some 250,000 tons of Nutella are now sold across 75 countries around the world every year, according to the OECD. Nutella is a perfect example of what globalization has meant for popular foodstuffs: Not only is it sold everywhere, but its ingredients are sourced from all over the place too.


Via Seth Dixon
Giovanni Sonego's insight:

Non solo la nutella è un prodotto venduto in tutto il mondo, ma in ogni singolo barattolo ci sono ingredienti che provengono da diverse parti nel mondo. Altro che prodotto italiano... :)

more...
Marcelle Searles's curator insight, January 25, 4:35 AM

great for unit on globalisation and fair trade

Jessica Rieman's curator insight, January 28, 1:26 PM

Some things that we take for granted are and come from all over the world. As you said in last class just because something says that it is not made in China doesnt mean that their arent any resources that the company used to creat the item that didn't come from China or any other power house place. In this case the Palm Oil comesd from Malaysia, Hazelnut comes from Turkey, Cocoa from Nigeria, Vainilla from Brazil and, Vainilla and Sugar from France.

Mrs Parkinson's curator insight, February 12, 3:48 PM

GCSE Globalisation info - great case study

Rescooped by Giovanni Sonego from Società e Politica
Scoop.it!

“Inšallah, Madona, Inšallah” di Miljenko Jergović

“Inšallah, Madona, Inšallah” di Miljenko Jergović | Cibo per la mente | Scoop.it
Inšallah, Madona, Inšallah Ho iniziato da qualche giorno a leggere questo libro. "Inšallah, Madona, Inšallah" di Miljenko Jergović Avevo già letto
Giovanni Sonego's insight:

Il buon Jergović, ha ripreso un genere tradizionale di musica bosniaca, le sevdalinke, ne ha scelte un certo numero e ha provato ad esplorare, usando la forma del racconto, cosa sarebbe successo se la canzone fosse stata cambiata, se ciò che era stato raccontato in in musica a versi fosse stato riprodotto raccontando una storia diversa.

Jergović definisce questa costruzione remix e ci tiene a specificare che, pur indicando per ogni racconto la sevdalinka alla base della canzone, non ha voluto riportare i testi perché il remix è sorto “dalle canzoni dalle loro esecuzioni, dalla musica dalla voce, dalla fisarmonica, dal saz… Quindi la registrazione sonora sarebbe l’unica base adeguata”.

Allora, pure consapevole dei limiti di quanto stavo facendo (non so la lingua, non conosco la cultura, sono sostanzialmente un ignorante in materia) mi sono messo a cercare su youtube le sevdalinke che hanno fornito il materiale a Jergović

more...
Giovanni Sonego's curator insight, October 27, 2013 4:30 PM
Il buon Jergović, ha ripreso un genere tradizionale di musica bosniaca, le sevdalinke, ne ha scelte un certo numero e ha provato ad esplorare, usando la forma del racconto, cosa sarebbe successo se la canzone fosse stata cambiata, se ciò che era stato raccontato in in musica a versi fosse stato riprodotto raccontando una storia diversa. 

 

Jergović definisce questa costruzione remix e ci tiene a specificare che, pur indicando per ogni racconto la sevdalinka alla base della canzone, non ha voluto riportare i testi perché il remix è sorto “dalle canzoni dalle loro esecuzioni, dalla musica dalla voce, dalla fisarmonica, dal saz… Quindi la registrazione sonora sarebbe l’unica base adeguata”.

 

Allora, pure consapevole dei limiti di quanto stavo facendo (non so la lingua, non conosco la cultura, sono sostanzialmente un ignorante in materia) mi sono messo a cercare su youtube le sevdalinke che hanno fornito il materiale a Jergović

Scooped by Giovanni Sonego
Scoop.it!

Mosca, viaggi gratis in metropolitana se effettui 30 squat: l'iniziativa in vista delle Olimpiadi Invernali 2014

Mosca, viaggi gratis in metropolitana se effettui 30 squat: l'iniziativa in vista delle Olimpiadi Invernali 2014 | Cibo per la mente | Scoop.it
Viaggiare gratis in metropolitana? Si, a patto che si facciano 30 squat di fronte ai distributori di biglietti. E' questa la simpatica e brillante iniziativa
Giovanni Sonego's insight:

Purtroppo l'iniziativa durerà soltanto un mese, ma che bella idea! E mi sembra pure molto divertente. 

more...
No comment yet.