ToxNetLab's Blog
5.4K views | +0 today
Follow
ToxNetLab's Blog
Il web la più grande invezione targata anni '90 !!
Curated by Mr Tozzo
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Mr Tozzo
Scoop.it!

Come trasformare un’idea in un articolo

Come trasformare un’idea in un articolo | ToxNetLab's Blog | Scoop.it
Le idee sono preziose per il blogger. Perché con le idee puoi coccolare i tuoi lettori con nuovi articoli. Articoli veramente tuoi.
Mr Tozzo's insight:
Come trasformare un’idea in un articolo
more...
No comment yet.
Rescooped by Mr Tozzo from Training, eBook, Social Media & Web Design
Scoop.it!

Scrivere libri: come evitare l’abbandono dei lettori

Scrivere libri: come evitare l’abbandono dei lettori | ToxNetLab's Blog | Scoop.it

Roberto P. Tartaglia è giornalista e scrittore indipendente. Fondatore dei siti:

 

www.robertotartaglia.com (sito personale in cui trovare i suoi libri e in cui si esplora il mondo della scrittura, della linguistica e della comunicazione)

 

www.viverediscrittura.it (progetto online col quale insegna come diventare scrittori indipendenti grazie al self publishing).


Via ROBERTO P. TARTAGLIA, Marco Favero
Mr Tozzo's insight:
Scrivere libri: come evitare l’abbandono dei lettori
more...
ROBERTO P. TARTAGLIA's curator insight, July 16, 2013 5:05 AM

I fatti sembrano confermare quanto era già stato teorizzato negli scorsi anni, ossia, che il digitale non sta soltanto cambiando le abitudini di lettura dei consumatori, ma sempre di più incide sulle modalità con cui un libro viene scritto.

 

Poter accedere ai dati che analizzano il gusto dei lettori, addirittura il loro grado di interesse per un’opera mentre sono in procinto di sfogliarla, mette gli scrittori faccia a faccia con le proprie mancanze. Niente più autocommiserazione da geni incompresi, quindi.

 

Come si dice? La matematica non è un opinione e i dati parlano chiaro.


Secondo uno studio svolto dal social network dedicato alla lettura, Goodreads, tra i motivi ricorrenti per cui un libro viene abbandonato risultano:

 

- la lentezza del racconto (46,4%);
- una scrittura debole (18,8%)
- una trama inesistente (8,5%)

 

Tutto quello che si può fare, in quanto scrittori, è provare a prendere atto dei numeri e cercare sempre di migliorarsi.

 

Ad esempio, anche quando la trama, invece, c’è ed è abbastanza forte da invogliare i lettori a proseguire la lettura, non è detto che questa sia strutturata nel modo giusto (giusto per l’era digitale).

 

Spieghiamo.


Se i dati riportano che più del 27% degli utenti abbandona un libro una volta giunti tra le 50 e le 100 pagine e addirittura un 15% ne legge ancora meno di 50 pagine, per capire se è di suo gradimento, allora, è chiaro che se qualcosa deve accadere all’interno del racconto, è bene che accada lì, subito, entro le prime 50 o 100 pagine.

 

 

Leggi tutto: http://www.storiacontinua.com/scrittura-creativa/come-evitare-labbandono-dei-lettori/