Eugenio Agnello:  Un Blog Trip è una formula innovativa per promuovere un territorio con i social media, invitando dei giornalisti, esperti nel raccontare viaggi online, che non appartengono al territorio.

 

Sono spesso blogger appassionati di viaggi, che viaggiano, visitano territori e che li raccontano sui loro blog. Questa attività attira e connette fra loro tutte quelle persone interessate a viaggiare, che viaggiano, che vogliono conoscere i luoghi e sentirseli raccontare.

 

Ogni blogger quindi porta con se una comunità di persone molto interessate a scoprire le destinazioni e soprattutto a conoscere le esperienze che è possibile fare in quei luoghi.

 

L’interesse dei territori per le comunità-tribù dei travel blogger è molto alto, perché sono potenziali turisti di alto profilo qualitativo. Sono persone che si informano in rete, che sono colte, che vivono il territorio in maniera più consapevole, che si muovono in maniera più slow rifuggendo il mordi e fuggi, che di fatto è più giovane e che hanno una maggiore capacità di spesa.

 

Un Blog Trip (o Blog Tour) ha l’obiettivo di far conoscere un territorio, e siccome alle istituzioni è richiesto un preciso piano di investimento per realizzarlo, nasce la necessità di misurare gli effetti di breve termine che l’evento produrrà sui social media. Questo si ottiene cercando di valutare quanti utenti sono stati raggiunti e il grado di coinvolgimento (interazioni) dimostrato.

 

Proprio in questi giorni, sono stati pubblicati i resoconti di due Blog Trip, il Pisa Tour e il Gargano Eco Tour (quest'ultimo promosso da un B&B), che dimostrano proprio l’esigenza di creare dei punti di riferimento per stimare l’impatto di questi eventi sui social media e rendere conto a eventuali investitori.

 

Il resoconto del Pisa Tour è stato realizzato da Officina Turistica e prima di linkare le slide ho elencato alcuni, non tutti, strumenti e fattori che hanno utilizzato per le misurazioni:

 

• Google Analytics, per le visualizzazioni sui Blog interessati all’evento (travel blogger, partner e committenti)

 

• Le interazioni sui Blog interessati all’evento (travel blogger, partner e committenti)

 

• Facebook Insights tools, per le pagine Facebook coinvolte nell’evento (su Facebook non esiste una ricerca pubblica per hashtag come per Twitter) (definizione di hashtag qui) 

 

• TweetReach.com, per misurare l’impatto dell'evento su Twitter, attraverso l’hashtag ufficiale.

 

• Instagram, Flickr e Pinterest, con il loro motore di ricerca interno per hashtag

 

Io aggiungo una mia riflessione:

 

• Su Foursquare, non esiste una ricerca per hashtag e quindi l’impatto di un evento itinerante come un Blog Trip, su questa piattaforma non è misurabile. Anche se ci fosse, forse sarebbe poco interessante.

 

Secondo voi, i Blog Trip sono utili? E' giusto misurare l'impatto sui social media?

 

URL Slide:
http://www.slideshare.net/OfficinaTuristica/pisa-blog-2012-il-resoconto

 

 

Fine della prima parte.


Nella seconda parte una nota nel merito dell’evento Gargano Blog Trip di pochi giorni fa, e poi un riflessione sul tool TweetReach.com, il software online usato da entrambe i due blog trip, che misura, attraverso i dati di traffico di un hashtag l’impatto su Twitter.



Condividi: Twitter | Facebook | Google+ | Linkedin




Via Eugenio Agnello