I quattrocento colpi (Les Quatre Cents Coups) è un film del 1959 diretto da François Truffaut, al suo primo lungometraggio. Il titolo, in italiano, è la traduzione letterale del titolo del film in lingua francese, ma fa perdere il senso che, in francese, si riferisce all'espressione faire les quatre cents coups, che vuol dire "fare il diavolo a quattro".[1]

Il film fu girato dal 10 novembre 1958 al 3 gennaio 1959 a Parigi e fu proiettato in pubblico la prima volta il 4 maggio 1959 al 12º Festival di Cannes, dove vinse il Premio per la migliore regia.[2]

È il primo di una serie di film che hanno tutti per protagonista Antoine Doinel, alter ego del regista, sempre interpretato dallo stesso attore, Jean-Pierre Léaud, ripreso in fasi diverse della sua vita, dall'adolescenza alla maturità. I film successivi di questa "serie" sono: Antoine e Colette (1962, episodio del film collettivo L'amore a vent'anni) , Baci rubati (1968), Non drammatizziamo... è solo questione di corna (1970), L'amore fugge (1978).


Via Riccardo Ferri