Politica italiana
492 views | +0 today
Follow
Politica italiana
Quello che vale la pena di sapere
Curated by Luca Sognatore
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Perché si danno dei cretini da soli

Ma lo avete letto il megaricorso di B. a Strasburgo, preparato da Ghedini e Longo? È straordinario come il filo conduttore del tutto siano i presunti ‘bug’ della legge Severino, che secondo i ricorrenti è piena di errori: dal mancato rispetto delle scelte degli elettori fino alla natura discriminatoria della perdita del diritto all’elettorato passivo, dalla non appellabilità della delibera della Camera di appartenenza del reo fino al mancato coordinamento con altre norme dello Stato.

 

A leggrne le contestazioni, insomma, quella legge sembra essere stata fatta da un ubriaco.

 

Invece è stata votata, approvata e sbandierata anche da Berlusconi, Ghedini e Longo, rispettivamente nello loro vesti di leader e parlamentari del Pdl: gli stessi che oggi tentano di demolirla nelle vesti del condannato e dei suoi avvocati.

 

Ma perché si danno, quindi, dei cretini da soli?

 

Credo che non sfugga a nessuno che il ricorso non è stato presentato ieri a caso, visto che domani si riunisce la giunta: poteva essere presentato un mese fa o fra un mese, invece l’hanno buttato dentro ora sperando che abbia un effetto dilatorio tra i 23: insomma per far casino, prendere tempo, tirarla più in là possibile. [...]

 

Quanto tempo ci vuole? Qualche mese, almeno cinque o sei. Quanto basterebbe a Berlusconi (questo è il suo calcolo) per far cadere Letta, andare a nuove elezioni, vincerle a colpi di tivù e farsi al volo un paio di leggine su misura che lo rendano ‘invulnerabile’, insomma impunibile. [...]

 

Forse non sarebbe male se ci si rendesse conto in giro che tutta la povere alzata in questi giorni – le ipotesi di grazia, la Consulta, Strasburgo, Lussemburgo e via strologando – serve solo a nascondere questa roba qui.

 

Tratto da http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/09/08/perche-si-danno-dei-cretini-da-soli/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Rottamare o collezionare rottami?

Rottamare o collezionare rottami? | Politica italiana | Scoop.it

Dirigente nazionale del movimento giovanile Dc nei primi anni Ottanta, numero due di Franco Marini alla segreteria del Partito Popolare nel ‘97, poi sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con D’Alema, onorevole dal 2001, ex vicesegretario del Pd con Veltroni, ex segretario del Pd, capogruppo del Pd alla Camera, ora ministro per i Rapporti con il Parlamento.

 

Dario Franceschini è uno che sa cogliere bene il tempo e forse anche per questo adesso si è schierato, con tutta la sua corrente ex democristiana, in appoggio a Matteo Renzi.

 

Del resto Franceschini ha sicuramente dimostrato di saper cogliere il tempo almeno dal febbraio del 2009, quando è stato appunto eletto segretario del Pd al posto di Veltroni. [...]

 

Certamente Matteo Renzi, che non è uomo sciocco, è al corrente di tutto questo.

 

Quindi sa bene chi si è portato in casa, lui che vuole rottamare l’establishment del Pd e abolirne le correnti.

 

Tratto da http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/09/02/rottamare-o-collezionare-rottami/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Cosa ci dice Berlusconi al banchetto

Cosa ci dice Berlusconi al banchetto | Politica italiana | Scoop.it

Dalla vicenda di Berlusconi che firma contro le leggi su immigrazione e droga credo che possiamo trarre tutti un insegnamento (o meglio una conferma) ma anche qualche domanda.

La conferma è facile: la destra in questo Paese si è messa da vent’anni nelle mani di uno che non è di destra – e ovviamente nemmeno di sinistra e neppure di centro: è semplicemente, completamente, evidentemente prepolitico e basta.

Voglio dire: per salvare se stesso Berlusconi firmerebbe contro tutte le leggi che hanno prodotto i suoi governi, con le uniche eccezioni di quelle che servono a lui, tipo il falso in bilancio o l’indulto. Delle altre – ora è chiaro – se ne fotte totalmente. [...]

 

Continua a leggere su http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/08/31/cosa-ci-dice-berlusconi-al-banchetto/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Il buio oltre l'Imu

Le misure sull'Imu varate ieri dal Governo sono state dettate da esigenze politiche, poco sensate sul piano economico. Restano molte incertezze sulle coperture e sui finanziamenti ai comuni.

 

Leggi l'articolo su http://www.lavoce.info/imu-governo-letta-cdm/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Un quarto grado, purchessia

Un quarto grado, purchessia | Politica italiana | Scoop.it

L'idea di Violante di portare la condanna di Berlusconi davanti alla Corte di Lussemburgo è interessante perché offre una nuova e inedita chance di quarto grado di giudizio. [...]

 

Continua a leggere su http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/08/26/un-quarto-grado-purchessia/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Lo spettro della crisi migliora lo spread

Il tormentone di questa asfittica estate italiana continua ad essere quello del rischio di caduta del governo e di elezioni anticipate, a causa del braccio di ferro tra Pdl, che chiede ossessivamente la salvifica cancellazione dell’Imu prima casa, ed il Pd, con complemento del ministro dell’Economia, che ritengono l’operazione non particolarmente equa (infatti è e resta regressiva, anche se in molti continuano ad arrampicarsi sui vetri per sostenere il contrario). [...]

 

Continua a leggere su http://phastidio.net/2013/08/14/lo-spettro-della-crisi-migliora-lo-spread/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Allacciamoci le cinture

Allacciamoci le cinture | Politica italiana | Scoop.it

Se non ci fosse in ballo il futuro di questo Paese, sarebbe pure divertente lo scervellamento con cui stanno tentando di salvare Berlusconi.

 

[...] prepariamoci a un Vietnam parlamentare attorno a Berlusconi e ai suoi reati: niente di così nuovo, è quello che ha bloccato il Paese da vent’anni, solo più violento del solito perché questa volta c’è in ballo una condanna definitiva già emessa e la sua applicazione.

 

Tratto da http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/08/06/allacciamoci-le-cinture/

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Il falò degli autoinganni

Sapete quale è la cosa più disarmante di tutta questa vicenda? Che, anche in caso di annullamento della condanna, per il paese non sarebbe cambiato nulla. Questo è, resta e resterà l’uomo che per vent’anni ha convinto svariati milioni di italiani di essere la loro guida, il loro faro, colui che li avrebbe traghettati verso una “libertà” di malcerta definizione. L’uomo che è lungamente sopravvissuto a se stesso grazie alla polarizzazione che ha indotto e subìto. Questo non era Mosè, cari italiani, non lo è mai stato. Anche solo guardando la sua carta d’identità e quello che (non) ha fatto in questi vent’anni, l’uomo è consegnato alla abitualmente sghemba storia patria, dovesse pure risorgere domani mattina.

 

Continua a leggere su http://phastidio.net/2013/08/01/il-falo-degli-autoinganni/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Se il Corriere fa lo scoop ma lo nasconde agli italiani

Se il Corriere fa lo scoop ma lo nasconde agli italiani | Politica italiana | Scoop.it

Immaginiamo i tantissimi milioni di italiani che non leggono i giornali informandosi quotidianamente sui siti web, ascoltando la radio, intercettando pillole di news al bar, dai propri smarphone e tablet o, più tradizionalmente, ascoltando il telegiornale. Sono la stragrande maggioranza della popolazione e stasera andranno a letto senza aver saputo nulla della notizia bomba raccontata stamattina dal direttore del Corriere della Sera. Scrive de Bortoli, in un editoriale dal titolo Un delicato anniversario (riferendosi alla lettera della Bce recapitata il 5 agosto 2011, ndr): «L’episodio è inedito ma, nelle ore più drammatiche di quel tardo autunno (2011, ndr), un decreto di chiusura dei mercati finanziari era già stato scritto d’intesa con la Banca d’Italia. Quel decreto rimase in cassaforte — e speriamo che vi resti per sempre —, ma vi fu un momento nel quale temevamo di non poter più collocare sul mercato titoli del debito pubblico...». Per essere chiari, significa che le autorità italiane erano probabilmente ad un passo dal bloccare i prelievi agli sportelli, chiudere le banche e via elencando. Una situazione alla greca o alla cipriota per intenderci, non più solo paventata o vagheggiata bensì scritta e descritta in un decreto del governo.


Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/corriere-scoop-nascosto#ixzz2a3bogVSu
more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

“Ammazza blog”, il Pdl ci riprova: 5 anni di leggi contro l’informazione web

“Ammazza blog”, il Pdl ci riprova: 5 anni di leggi contro l’informazione web | Politica italiana | Scoop.it
Il ddl presentato dal senatore del Pdl, Salvatore Torrisi - che porterebbe i gestori a censurare anche i commenti ad articoli e post - è solo l'ultimo tentativo di mettere un bavaglio a internet. Stabilendo perentori obblighi di rettifica o estendendo i reati a mezzo stampa anche ai semplici blog

 

Leggi l'articolo su http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/07/24/ammazza-blog-pdl-ci-riprova-5-anni-di-leggi-contro-linformazione-web/664729/ via @nonleggerlo

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Berlusconi torna in Parlamento: e si addormenta

Mozione di sfiducia nei confronti di Angelino Alfano, Silvio Berlusconi - 99,81% di assenze in questa legislatura - si ripresenta in Senato. Il leader che tiene in pugno il governo italiano - da 20 anni a questa parte - versa nelle seguenti condizioni. [...] Continua su http://nonleggerlo.blogspot.com/2013/07/versa-in-queste-condizioni.html
more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Meglio piccoli operai che sismologi

Più leggo le vicende di cronaca di questi giorni più mi pare di vivere nel paese all’incontrario. È di questa mattina la notizia secondo cui l’OCSE stima che il 53 per cento dei giovani sotto i 25 anni in Italia ha un lavoro precario. E tuttavia mi salta agli occhi la bella proposta di Maurizio Sacconi.

 

Per contrastare la dispersione scolastica e rilanciare l’occupazione, l’idea geniale è ridurre l’obbligo scolastico da 16 a 14 anni. Fantastico no? Se poi si riuscisse a far passare un piccolo emendamento per ridurlo direttamente a 11, con la fine delle elementari, avremmo tanti bei ragazzini – precari, ça va sans dire – con le mani ancora abastanza piccole per essere competitivi sui mercati con i ragazzini pakistani così bravi a cucire palloni. Ovvero, mentre il mondo intero – inclusi i paesi in via di sviluppo – parla di società della conoscenza, noi pensiamo di far tornare i minori in fabbrica a 14 anni, con un bel salto indietro di mezzo secolo.

 

E poi, scusate, in fabbrica. Quali fabbriche? E pensare che è la stessa politica che ha assistito impotente, o peggio complice, alla delocalizzazione selvaggia di un trentennio, declamando il passaggio a una società post-industriale. E ora fa finta di non accorgersi che le fabbriche di cui vaneggia sono vuote da lustri. [...]

 

Continua a leggere su http://cattaneo-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/07/17/meglio-piccoli-operai-che-sismologi/ via @zante14081950

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Il PD di Schrödinger

Il PD di Schrödinger | Politica italiana | Scoop.it

Il PD può essere non diviso?
Una teoria innovativa basata su un paradosso tenderebbe ad affermare che in particolari condizioni, sarebbe ipotizzabile che il PD non presenti solo lo stato di diviso.

Pensiamo di preparare una scatola sigillata all'interno della quale ci sia un contatore Geiger con un piccola porzione di sostanza radioattiva, tale per cui in un tempo X potrebbe avere le stesse possibilità di decadere oppure no: nel caso in cui il contatore rilevasse il decadimento atomico, farebbe scattare un congegno che visualizza su una parete interna della scatola una qualsiasi notizia politica. [...]

 

Continua a leggere su http://www.francescolanza.net/il-pd-di-schr%C3%B6dinger via @skande

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Com’è di sinistra questo governo

Com’è di sinistra questo governo | Politica italiana | Scoop.it

Subito dopo l’uscita di Franceschini sul governo che «sta facendo molte cose di sinistra», si è saputo dove prenderanno i soldi per coprire il mancato introito dell’Imu nel 2013.

 

Allora:

300 milioni saranno tagliati alla manutenzione delle ferrovie.
250 milioni saranno tagliati al fondo per l’occupazione, cioè ai disoccupati.
300 milioni saranno tagliati allo sviluppo delle energie rinnovabili.
55 milioni saranno tagliati alle assunzioni nelle Forze dell’ordine.
30 milioni saranno tagliati all’attività dell’Agenzia delle entrate e al controllo sul lavoro nero.

 

Ancora incerti invece i 600 milioni che dovrebbero arrivare dal condono per i boss dell’azzardo: i re delle slot non vogliono pagare nemmeno quelli.

 

Ecco, queste sarebbero le ‘cose di sinistra’ [...]

 

Continua a leggere su http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/09/03/come-di-sinistra-questo-governo/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Una repubblica fondata sulla retroattività fiscale

Per la serie “che significa essere un paese in crisi fiscale”, anche il decreto sulla eliminazione dell’Imu prima casa (più cig, esodati e piano casa) contiene numerose sorprese, caratteristiche di una repubblica delle banane. Sembra incredibile che, nell’anno di disgrazia 2013, un paese occidentale e formalmente retto secondo principi democratici continui ad essere piagato da vessazioni fiscali tipiche di altre ere storiche ed altri ordinamenti statuali. [...]

 

Il punto è l’indecente e reiterato ricorso alla retroattività delle norme fiscali. Lo abbiamo detto e ripetuto, ma conviene non smettere: lo Statuto dei Contribuenti, che tale retroattività fiscale vieta, non vale la carta su cui è scritto, perché privo di denti, cioè di cogenza. Allo stato, solo la sua costituzionalizzazione potrebbe (forse) rendere vincolanti le sue previsioni. Ma anche in assenza di vincoli così forti, resta che i governi italiani continuano indefessi a infischiarsene del principio di non retroattività, e ad agire nel più assoluto arbitrio da brigantaggio, evidentemente contando sulla incultura finanziaria ma anche sull’analfabetismo liberale e democratico di un elettorato che riesce ad eccitarsi solo di fronte a quelle che sono fiabe truffaldine e, così distratto, finisce col farsi sfilare il portafoglio mentre guarda i talk show politici in tv. [...]

 

Tratto da http://phastidio.net/2013/09/01/una-repubblica-fondata-sulla-retroattivita-fiscale/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Questa è politica

C'è poco da aggiungere a quanto hanno scritto i vari commentatori a proposito dell'abolizione dell'IMU di ieri. Berlusconi e il PdL hanno vinto. Letta ha forse pareggiato, riuscendo a far durare il suo governo ancora un paio di mesi. Il PD ha perso malamente, non solo non facendo nessuna controproposta ma cercando anche di trovare delle scappatoie per non applicare la legge Severino. [...]

 

Continua a leggere su http://biforcazione.blogspot.com/2013/08/questa-e-politica.html

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Senza scadenza, ma molto scadente

Senza scadenza, ma molto scadente | Politica italiana | Scoop.it

[...] In sintesi e per chiarezza: il governo Letta ieri ha modificato le imposte di questo Paese alleggerendo i più ricchi e colpendo i più poveri; lo ha fatto perché ricattato dal Pdl, che stava usando questo casus come alibi per minacciare Letta e il Pd a seguito della questione decadenza di B. dal Senato.

Ora decida il lettore se in questa schifezza è più colpevole il ricattatore o il ricattato, o entrambi nello stesso modo.

 

Tratto da http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/08/29/senza-scadenza-ma-molto-scadente/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Una democrazia primitiva

Una democrazia primitiva | Politica italiana | Scoop.it

Che poi, a pensarci bene, è vero che la storia della decadenza che non si dovrebbe applicare a B perché B rappresenta i cittadini è roba da scompisciarsi: ma è altrettanto vero -più drammaticamente vero, mi pare- che quella rappresentanza B ce l’ha sul serio, cioè che milioni di persone continueranno allegramente a votarlo in barba al fatto che sia stato condannato.
Il che non può valere a disapplicare una legge dello Stato, ci mancherebbe: ma lascia in bocca la sensazione amara che il problema vero sia un altro, e che risolverlo con le leggi -ancorché condivisibili- sia un po’ come tentare di svuotare il mare con un secchiello.
In quale altro paese, mi domando, si troverebbero ad avere a che fare con una situazione del genere? In quale altro paese la sanzione politica che normalmente si ricollega a frangenti  simili, vale a dire la semplice, pacata, implacabile sottrazione del consenso da parte degli elettori, stenterebbe a manifestarsi come avviene dalle nostre parti? [...]

 

Continua a leggere su http://libernazione.it/una-democrazia-primitiva/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Di cosa parlano quando parlano dell’Imu

Di cosa parlano quando parlano dell’Imu | Politica italiana | Scoop.it

Com’è che un attimo dopo la condanna di B. è tornata così di moda l’Imu? [...]

 

Allora, ricapitoliamo: il 1 agosto condannano B. e lui è furioso come un puma.

 

Però in Parlamento c’è il Pd che gli ha sempre salvato le chiappe, perché non dovrebbe farlo questa volta che sono pure alleati? Tanto più che al Quirinale c’è Napolitano che alle larghe intese tiene moltissimo.

 

Allora il 4 agosto B. va in piazza e dice che il governo non cade. Ovviamente si aspetta riconoscenza, cioè una qualche forma di salvacondotto, si parla molto di amnistia.

 

Invece il 7 agosto il reggente piddino fa un’intervista a sorpresa in cui spiega che questa volta intende abbandonare B. al suo destino giudiziario [...]

 

Allora B. è ancora più furioso e soprattutto si sente tradito [...]

 

Ecco che allora bisogna alzare la pressione e minacciare di scassare tutto. Non c’è più altra scelta.

 

Già, ma quando aveva fatto il governissimo Berlusconi mica lo aveva detto in pubblico che serviva a garantire lui dalla cella, è ovvio: aveva detto che era ‘per il bene del Paese’, certo, e soprattutto per non farci pagare l’Imu. Cosa gradita alla maggioranza delle persone, è ovvio anche questo, nessuno è contento di pagare più tasse. [...]

 

In altre parole, lega furbescamente la sua salvezza personale ai 40 o 400 euro della nostra Imu.

 

Si sta comprando il salvacondotto: e lo sta comprando direttamente da noi – o meglio da chi fra noi possiede un immobile. [...]

 

Tratto da http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/08/12/di-cosa-parlano-quando-parlano-dellimu/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Aveva questo in pancia, non lo sapevate?

Eccola, la pacificazione.

 

Le minacce di guerra civile, la violazione assoluta della separazione dei poteri, il trattamento Mesiano per il giudice Esposito. E tutto il resto, da vomito.

 

Era questo che si portava in pancia Berlusconi, non lo sapevate? 

 

No, dico, quando ci dicevate che le “larghe intese” erano una scelta responsabile, anzi l’unica scelta responsabile in nome del ‘bene del Paese’, quando ci spiegavate che l’alleanza con il Pdl era come la ‘grosse koalition tedesca, né più né meno?

 

Continua a leggere su http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/08/03/aveva-questo-in-pancia-non-lo-sapevate/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

B. pregiudicato, Letta nel polmone artificiale

B. pregiudicato, Letta nel polmone artificiale | Politica italiana | Scoop.it

Vedremo, naturalmente: vedremo quanto dura, adesso, la pagliacciata della 'larghe intese' con un criminale giudicato tale in via definitiva.

Però tre o quattro cosucce si possono già dire. [...]

 

Terzo, il primo che dice «si vuole eliminare Berlusconi per via giudiziaria» va semplicemente sommerso da un coro di pernacchie: in uno Stato di diritto la legge è uguale per tutti e questo principio elementare trascende ogni altra considerazione, così come la trascenderebbe anche se Berlusconi avesse preso non otto ma ottanta milioni di voti. [...]

 

Quinto, con il rinvio a Milano per ricalcolare la ‘pena accessoria’ dell’interdizione dai pubblici uffici, a Letta e al Pd hanno messo il polmone artificiale, il sondino e l’alimentazione forzata per un po’. Mi pare perfettamente coerente con tutto il governo del rinvio e del tirare a campare, non vi sembra?

 

Tratto da http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/08/01/b-pregiudicato-letta-nel-polmone-artificiale/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Lo status quo obbligatorio

Non so se l’avete notato, ma più passano i giorni, più si alza il volume del coro.

 

I cui cantori non sono le abituali seconde file dei partiti, ma Napolitano («le elezioni anticipate sono una patologia») e Grasso («bisogna garantire la stabilità quale che sia la sentenza su Berlusconi»), con l’inevitabile controcanto di Letta (che minaccia il suo stesso partito, «a me non ci sono alternative»). [...]

 

C’è insomma puzzaccia di regime, cioé di unanimismo (anche “divisivo” è un insulto trendy, anzi ormai è quasi sinonimo di “terrorista”), oltre tutto peggiorato dal suo contenuto ricattatorio (o mangi questa minestra…). [...]

 

Tratto da http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/07/25/lo-status-quo-obbligatorio/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Un Paese senza speranza

Prima il Governo Letta sceglie di farsi ampiamente compatire sulla vicenda del wi-fi libero, poi la Commissione Bilancio della Camera decide di sfrondare di 20 milioni i pochi denari che il decreto Crescita di Monti dedicava al digital divide strutturale, lasciando contemporaneamente intatti i fondi riservati alle Tv private. Se a questo aggiungiamo la vasta e frequentissima campagna ideologica sui temi della diffamazione e della libertà di espressione in rete da parte di alte cariche dello Stato e parlamentari vari che producono ormai settimanalmente interviste e progetti di legge deliranti, dovremmo dedurne che siamo un Paese senza speranza. [...]

 

Continua a leggere su http://www.mantellini.it/2013/07/24/un-paese-senza-speranza/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

La spina di un sistema guasto

[...] Bisogna certamente riconoscere che questo governo si trova ad agire in condizioni non solo molto gravi ma pure surreali. Ad esempio, è ostaggio delle pulsioni propagandistiche del Pdl. Il quale, dopo un decennio di miserabili fallimenti in politica economica, ha deciso che è giunto il momento di tagliare la pressione fiscale, senza fornire uno straccio di proposte di copertura, “perché quelle spettano a Saccomanni”; il quale però agli occhi del Pdl sbaglia qualunque cosa faccia, ad esempio ricordando che il Pil del paese continua a contrarsi, e pure con velocità di caduta in accelerazione, e quindi è difficile tagliare tasse quando si aprono nuovi buchi. Poi, il governo è destabilizzato dal cupio dissolvi del Partito democratico, che le spara assai meno grosse del Pdl ma è in campagna congressuale permanente e subisce pure una feroce forza centrifuga per opera di suggestioni a creare improbabili alleanze etico-gabelliere con Sel mentre c’è ancora qualcuno, nel Pd, che si illude sia possibile creare alleanze con la setta chiamata M5S. Il tutto nella più completa assenza di proposte di politica economica che siano anche solo lontanamente praticabili e non rigorosamente confinate alla sfera onirica.

 

[...] il comportamento dei partiti italiani, in una simile contingenza, sembra indicare l’assenza più completa di consapevolezza della gravità della situazione o, più verosimilmente, un mix tra analfabetismo economico e cinismo elettoralistico, dove quest’ultimo trae comunque alimento dal primo. [...]

 

Tratto da http://phastidio.net/2013/07/18/la-spina-di-un-sistema-guasto/

more...
No comment yet.
Scooped by Luca Sognatore
Scoop.it!

Il falso ricatto della responsabilità

Oggi è tutto un gran parlare di “responsabilità”, la parola magica con cui si perpetua lo status quo.

 

Lo fa il Corrierone con l’editoriale di Ostellino, lo fa ovviamente Enrico Letta di ritorno dalla City, lo fa come sempre il presidente Napolitano, lo fanno un po’ tutti quelli affezionati a questo governo e alle lorde intese che lo sorreggono.

 

Si tratta, ovviamente, di un ricatto: o ci teniamo questo esecutivo o chissà quali catastrofi annienteranno il Paese, dalle aste deserte dei Bot giù giù fino all’invasione delle cavallette. [...]

 

In sostanza, siamo al potere fondato sulla paura (di quello che potrebbe succedere dopo) e sull’immobilismo (ogni ipotesi di decisione viene bloccata dai veti reciproci, quindi rinviata). [...]

 

Tratto da http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/07/18/il-falso-ricatto-della-responsabilita/

more...
No comment yet.