PaginaUno - Società
Follow
Find
2.1K views | +0 today
PaginaUno - Società
La cultura della resistenza, la resistenza della cultura
Curated by Pagina Uno
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Tour Operator - Pizza e bombe in crociera

Tour Operator - Pizza e bombe in crociera | PaginaUno - Società | Scoop.it

Diritti Globali a cura di Sergio Segio - Un articolo di Giulio marcon su "Il manifesto"

Pagina Uno's insight:

Eppure l'Italia si meriterebbe veramente qualcosa di meglio: di non buttare con la Legge di Stabilità più di 2 miliardi di euro per le navi da guerra Freem e di utilizzarli invece per il lavoro; di non spendere 23,6 miliardi nel 2014 per la difesa, ma di destinare il 20% delle spese militari alla scuola e al welfare; di non fare più nel 2014 gli F35 e magari comprare con gli stessi soldi una ventina di Canadair per spegnere gli incendi estivi. 
È questa la "strada giusta" che il paese dovrebbe seguire, non quella della crociera della Cavour che farà felice solo alcune aziende belliche, un po' di affaristi e tutti coloro che le armi le useranno per fare le prossime guerre.

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Euro e Merkel, non sono i soli colpevoli - ControLaCrisi.org

Euro e Merkel, non sono i soli colpevoli - ControLaCrisi.org | PaginaUno - Società | Scoop.it
Il crescente malessere sociale che colpisce le popolazioni europee ha trovato nell'euro un capro espiatorio unitamente al ruolo giocato da Bruxelles nel tenere in ostaggio le economie nazionali.
Pagina Uno's insight:

In breve, possiamo ben dire che in Italia l'alibi europeo - ce lo chiede l'Europa! - ha funzionato per far passare politiche neoliberiste che hanno impoverito il paese, sotterrato il movimento sindacale, smantellato il welfare. In effetti, i nostri "tecnici" per fare della buona macelleria sociale sono stati molto bravi sul piano della comunicazione, riprendendo una tradizione radicata tra i politici meridionali : la colpa è sempre di Roma che non finanzia, che si mangia i soldi, mai loro! C'è sempre un nemico esterno che giustifica le nefandezze del potere che governa un paese o una regione. Non è un caso che i movimenti nazionalisti anti-euro siano spesso cavalcati dalle forze economiche più oscure dei singoli paesi. Forse è arrivato il momento di finirla, di dare al Cesare quel che di Cesare. L'Unione europea va rifondata, le politiche economiche radicalmente cambiate, ma non dimentichiamoci le responsabilità gravissime di chi sta governando questo paese da molto, troppo, tempo.

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

MafiaLeaks: nasce il sito antimafia

MafiaLeaks: nasce il sito antimafia | PaginaUno - Società | Scoop.it
Ispirandosi a Wikileaks ma facendo tesoro della vicenda Snowden, apre oggi un sito italiano dedicato al contrasto alle mafie. Per ...
Pagina Uno's insight:

Per noi è di grande interesse anche tutto ciò che è relativo a traffico di droga, armi, riciclaggio di denaro, corruzione, individuazione di pubblico ufficiale al soldo della mafia, traffico di rifiuti, turbativa di gara d’appalto, omicidio, intimidazione, evasione, estorsione, usura e così via.

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Sinistra - Un passo oltre la palude

Sinistra - Un passo oltre la palude | PaginaUno - Società | Scoop.it
Pagina Uno's insight:

Oppure si parla della crisi e delle sue conseguenze rovinose per milioni di individui, che sono poi le rovinose conseguenze di questa forma di società, in cui il pubblico è rigorosamente asservito al privato. Fingendo – tutti: dal presidente della Repubblica all’ultimo cronista – di ignorare che la crisi non è un’anomalia o un incidente di percorso, ma il prodotto più tipico del meccanismo che presiede alla riproduzione del modello. Nella fattispecie, del fallimento di finanziarie e banche specializzate nella speculazione sulla pelle degli ultimi e poi salvate a spese dello Stato, con la più spettacolare socializzazione delle perdite private che la storia del capitalismo ricordi. Se non ci fosse stata, la si sarebbe dovuta inventare questa crisi. Occasione preziosa per assestare alle masse degli ignari e dei subordinati l’ennesimo colpo basso e per inchiodarle alla colpa di «aver vissuto al di sopra delle loro possibilità». Di qui il lasciapassare per altri colossali saccheggi attraverso la leva fiscale, le privatizzazioni, i nuovi tagli al reddito e ai diritti sociali, l’aumento dell’orario di lavoro, l’abbattimento dei diritti e delle tutele, la riduzione dell’occupazione…

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Datagate: crisi diplomatica, tranne che in Italia

Datagate: crisi diplomatica, tranne che in Italia | PaginaUno - Società | Scoop.it
La Merkel chiama Obama, in tutta Europa scoppia una crisi diplomatica. In Italia invece no. Per quale motivo?
Pagina Uno's insight:

C’è questa tendenza a rassicurare tutti, ma nessuno è in grado di dire che questa sorveglianza di milioni di mail e telefonate sia limitata alla sola Francia. Anzi, la logica ci porta a dire che possa essere successo in altri paesi, compreso il nostro. Minniti si è detto disponibile a incontri regolari al Copasir, e ne prendiamo atto positivamente. Così come è positivo che sia passato il concetto per il quale non ci si può accontentare della mera assicurazione cartolare: siccome non risulta vuol dire che non esiste? Significa soltanto che non si è cercato. Si fa comunque sempre più evidente la strada europea come possibile strumento di pressione. L’Italia è sempre stato un paese a sovranità limitata, soprattutto quando si tratta degli Stati Uniti. Noi siamo un bambino e loro un gigante.


more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Lettera aperta a Laura Boldrini sull’AgCom

Lettera aperta a Laura Boldrini sull’AgCom | PaginaUno - Società | Scoop.it
Sulla pirateria alcune proposte di legge e una commissione d'inchiesta imporrebbero la sospensione del regolamento: l'appello alla presidente della Camera.
Pagina Uno's insight:

Le tecnicalità possono risultare difficili, ma in realtà il concetto alla base è molto semplice: l’AgCom ha un potere amministrativo non sufficiente per gestire la violazione del diritto d’autore nelle sue delicate implicazioni giuridiche e di salvaguardia della difesa e della libertà di espressione. 


more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Il 12 in piazza anche per difendere la salute

Il 12 in piazza anche per difendere la salute | PaginaUno - Società | Scoop.it
Pagina Uno's insight:

Le Regioni avrebbero dovuto essere le principali garanti dell’art 32 ma sono state un disastro da ogni punto di vista morale, politico, organizzativo, economico. Esse sulla sanità non sono riuscite ad essere «Regioni» cioè all’altezza dei loro sconfinati poteri. Non è un caso se oggi proprio loro sono le vere controparti dei piani di rientro, della spending review, dei tagli lineari . Certo esistono le «eccezioni» ma colpisce che proprio queste oggi tentino sottobanco di scaricare la domanda sulle mutue integrative, di spingere la gente verso il low cost, e comunque di restringere le tutele. 

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Muore Lizzani. Il maestro del neorealismo salta nel vuoto come Monicelli - ControLaCrisi.org

Muore Lizzani. Il maestro del neorealismo salta nel vuoto come Monicelli - ControLaCrisi.org | PaginaUno - Società | Scoop.it
È morto come Mario Monicelli, con un salto nel vuoto a 91 anni, Carlo Lizzani, tra i padri del neorealismo e del nostro cinema del dopoguerra.
Pagina Uno's insight:

Sempre pronto a qualsiasi dibattito storico e politico, sempre attento ai cambiamenti e alle novità del cinema, generoso nel ricostruire la Storia del nostro cinema sotto ogni aspetto, Lizzani è una figura abbastanza anomala di uomo di cultura che non voleva farsi ingabbiare in facili etichette. E seppe uscire dalle tante che gli si potevano dare, con film spesso spiazzanti e più interessanti di come alla prima visione sembrassero. Il tempo sarà galantuomo con Carlo Lizzani come lui lo è stato sempre nella vita. 

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

La catastrofe moderata

La catastrofe moderata | PaginaUno - Società | Scoop.it
Non dirò certo che la caduta del governo Letta era prevedibile. Profezia troppo facile per chi l’ha avversato prima ancora che nascesse. Quel che è da capire è altro e più importante per l’avvenire.
Pagina Uno's insight:

Certo, per decoro istituzionale si poteva chiedere ai ministri del Pdl di prendere le distanze dal loro Capo e di rispettare con atto formale la sentenza della magistratura. Non avevano giurato costoro, all’atto di formazione del governo, fedeltà alla Costituzione? E quale fedeltà c’è nel rifiutare, come essi continuano a fare, la sentenza definitiva di un potere costituzionale dello Stato? Ma questo passo non è stato compiuto. Con danni incalcolabili all’onore della Repubblica, all’etica civile del nostro paese. Con l’instaurazione di prassi imbarazzanti e al limite della legalità: quando Alfano si recava dal Capo dello Stato entrava nelle stanze del Quirinale come ministro o come messo servente di un pregiudicato? E quanto controproducente è stato imporre un governo che tradiva il voto degli elettori, che vedeva alleato quanto resta di una grande tradizione politica con il partito-azienda di un uomo che milioni di italiani considerano la più grave sciagura degli ultimi 20 anni?

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Giustizia, referendum in forse.

Giustizia, referendum in forse. | PaginaUno - Società | Scoop.it
Pagina Uno's insight:

I dati sono questi. Saranno poi gli amici di Forza Italia a dover capire se si è trattato di una sottovalutazione dell’importanza della campagna oppure di un messaggio preciso mandato allo stesso Berlusconi. Certo, a vedere quanto sta accadendo in queste ore, si può forse comprendere il perché del totale disimpegno degli ormai ex ministri».

more...
No comment yet.
Rescooped by Pagina Uno from The Jazz of Innovation
Scoop.it!

Why We're More Creative When We’re Tired...

Why We're More Creative When We’re Tired... | PaginaUno - Società | Scoop.it
You may be hardwired as an introvert or an extrovert. But don't worry there are ways to change how our brains work.

Via Peter Verschuere
Pagina Uno's insight:

"Sono sempre stato abbastanza certo del fatto che siamo in grado di essere 'multitasking'. Ebbene, secondo gli ultimi studi di ricerca, è letteralmente impossibile per il nostro cervello di gestire due attività contemporaneamente." (?)

more...
Les Howard's curator insight, September 25, 2013 8:05 AM

This article had many interesting implications for how to think better and live better. I found the section on creativity very interesting and not what I expected. I came away thinking how important it is to "go with the flow" more.

Anthea Willey 's curator insight, September 25, 2013 8:31 AM

A lot to think about in this article.

Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Diritti Globali - La decadenza della Costituzione

Diritti Globali - La decadenza della Costituzione | PaginaUno - Società | Scoop.it
Diritti Globali a cura di Sergio Segio
Pagina Uno's insight:

Come spiegare a noi stessi prima che al paese e al nostro popolo democratico che ci accingiamo a riscrivere la nostra legge fondamentale insieme a chi si rifiuta in ogni modo e con ogni mezzo di onorare i più elementari principi cardine dell'ordinamento: lo Stato di diritto, la separazione dei poteri, l'uguaglianza dei cittadini davanti alla legge? C'è un limite alla finzione e all'ipocrisia. Del resto, nessuno riuscirà a levarmi di testa che la ragione di tanta leggerezza e della sorprendente sordità del Pd al dissenso di studiosi e associazioni impegnate a difesa della Carta e tradizionalmente a noi vicini sia originata dal retropensiero che sia tutta un'ammuina, che tanto non se ne farà nulla, che l'ambaradan che si è voluto mettere su solo per allungare il brodo del governo finirà in un nulla di fatto. Non esattamente un auspicio responsabile.

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Il partito piglia-tutto

Il partito piglia-tutto | PaginaUno - Società | Scoop.it

Diritti Globali a cura di Sergio Segio - Articolo di Piero Bevilacqua da Il Manifesto di sabato 9 novembre 2013

Pagina Uno's insight:

La posizione di Renzi è dunque doppiamente rivelatrice. Appare come l'ultimo tratto di definitiva dissoluzione della identità dei partiti e al tempo stesso viene a coincidere con il populismo di Berlusconi in un punto fondamentale: il privilegiamento della vittoria elettorale come scopo supremo dell'azione politica. Il fine è interamente assorbito e cancellato dal mezzo. Si partecipa alla lotta politica come al campionato mondiale di calcio: per vincere. Quel che si fa poi con la vittoria è poco importante. Perché il ceto politico gioca essenzialmente per sé stesso, per rafforzare le condizioni della sua sopravvivenza e del suo successo. E quel che accade nel paese che ospita il campionato è poco importante, ed è comunque sempre subordinato allo scopo supremo della riproduzione delle élites .

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Guai ai vecchi

Guai ai vecchi | PaginaUno - Società | Scoop.it
Il traghetto carico di turisti è giunto nel porto e sta ormeggiando. I passeggeri si affollano lungo la stretta scalinata che conduce ai vari livelli del garage.
Pagina Uno's insight:
Specialmente in periodi di crisi e recessione, il pregiudizio e la discriminazione in ragione dell’età avanzata possono sommarsi a quelli in base al genere, all’origine, allo status, alla condizione sociale, producendo effetti drammatici. La svalorizzazione della vecchiaia, la rappresentazione di giovani e anziani quali unità sociali distinte e rivali è un inganno utile a occultare le fratture di classe e di potere, le crescenti ineguaglianze sociali, l’isolamento dei più deboli, la disoccupazione e l’impoverimento di massa.
more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Debito pubblico, decido anch’io

Debito pubblico, decido anch’io | PaginaUno - Società | Scoop.it
Una rete per decidere cosa fare dei nostri soldi. Per ricordare a tutti gli italiani che dal 1992 abbiamo tagliato 672 miliardi di euro in spese e investimenti.
Pagina Uno's insight:

Controllando i numeri ci accorgiamo che l’Italia in austerità c’è dal 1992, come dimostrano gli avanzi primari che da allora produciamo ogni anno. Detta in un altro modo, dal 1992 le nostre spese per servizi e investimenti sono sempre state al di sotto del gettito fiscale. Ciò non di meno continuiamo a ripetere come un mantra che siamo indebitati perché abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità e che i sacrifici a cui siamo sottoposti sono la giusta punizione per i nostri stravizi.
Qualcuno dovrà ben raccontarlo agli italiani che dal 1992 abbiamo risparmiato 672 miliardi di euro e se abbiamo oltrepassato i 2000 miliardi di debito non è per effetto delle nostre serate galanti, ma degli interessi che dal 1980 ci sono costati 2230 miliardi di euro. Ma chi lo farà? Non certo i partiti, le televisioni o i giornali. A loro i cittadini servono acefali.

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Diritti Globali - La comunità dell'impresa

Diritti Globali - La comunità dell'impresa | PaginaUno - Società | Scoop.it
Diritti Globali a cura di Sergio Segio
Pagina Uno's insight:

Siamo uno strano paese, che butta via i bambini e conserva gelosamente l'acqua sporca. I bambini erano le straordinarie opportunità che si aprirono al nostro paese fra gli anni '50 e '60. Olivetti, Mattei, lo straordinario livello della nostra ricerca scientifica e tecnologica. L'acqua sporca è una classe dirigente politica ed economica che ha sempre messo al primo posto il controllo rispetto allo sviluppo, e che ha sacrificato le possibilità che si aprivano al mantenimento delle proprie certezze e del proprio potere consolidato, piccolo o grande che fosse. Anche a sinistra. Per dirla con Castells abbiamo sistematicamente sacrificato il potere delle tecnologie alle tecnologie del potere.

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Un’opposizione per la nostra Europa

Un’opposizione per la nostra Europa | PaginaUno - Società | Scoop.it
Diritti civili e sociali, revisione dei vincoli finanziari, riconversione ambientale della produzione, una nuova classe dirigente. E il filo rosso dei beni comuni.
Pagina Uno's insight:

Ovviamente, con il coinvolgimento delle comunità di riferimento e di governi locali sottratti al giogo del patto di stabilità e di sindaci e giunte sottratti ai richiami del business; cominciando dalla requisizione dei beni contesi. Ma solo grandi lotte e grandi mobilitazioni potranno avere questo esito. E' un progetto di lunga lena, ma andiamo incontro a tempi difficili che richiederanno soluzioni estreme; sottometterlo oggi a un pubblico dibattito è un buon punto di partenza.

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Diritti Globali - L'ordinaria follia dentro l'Università

Diritti Globali - L'ordinaria follia dentro l'Università | PaginaUno - Società | Scoop.it
Diritti Globali a cura di Sergio Segio
Pagina Uno's insight:

Perché il Grande Racconto del neoliberismo si rivolge direttamente all'individuo, fa leva sull'affermazione individuale, sulla capacità dei singoli scoraggiando la loro cooperazione, sull'importanza del successo (sempre individuale) e del merito. 
La cooperazione (fondamentale per la ricerca) tra ricercatori diventa pericolosa e inutile, vale di più scrivere in lingua inglese su riviste accreditate secondo i criteri dell'Anvur (Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca). Così la controffensiva liberista senza alcun bisogno di spargimento di sangue, senza alcun bisogno di atteggiamenti autoritari e senza alcun bisogno del rogo dei vecchi libri ha compiuto il suo delitto perfetto, è dilagata come un fiume in piena, a livello molecolare, dentro le cittadelle universitarie che gli hanno spalancato i cancelli d'ingresso, salutata come la fine del vecchio potere dei baroni. Non è stata la Gelmini (anzi...) a sconfiggere i baroni universitari, è stata l'egemonia liberista a declassarli al rango di vecchi strumenti di un potere già sconfitto, roba da rigattiere. Semmai la Gelmini e i suoi illustri predecessori al Ministero (a partire da Luigi Berlinguer) ne hanno solo facilitato la marcia trionfale; ma il gioco era già fatto.

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

SCANDALOSO: Nuovo regalo di 125miliardi alle banche italiane

SCANDALOSO: Nuovo regalo di 125miliardi alle banche italiane | PaginaUno - Società | Scoop.it
Di Franco Fracassi Soldi degli italiani su cui si pagano anche interessi all’Esm. Una doppia truffa. L’accusa di un’economista canadese «L’Italia si è
Pagina Uno's insight:

«L’Italia si è definitivamente consegnata nelle mani del Fondo monetario internazionale. Oramai si è quasi totalmente grecizzata. Il governo Monti ha fatto molto in questo senso. Ma quello Letta si è superato. Nemmeno i più ottimisti tra i liberisti avrebbero mai immaginato che il governo in carica potesse abdicare al liberismo con tale servilismo».

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

La Tav, il Pd e la sinistra - ControLaCrisi.org

La Tav, il Pd e la sinistra - ControLaCrisi.org | PaginaUno - Società | Scoop.it
C'è una ragione fondamentale di opposizione alla Tav in Val di Susa, che emerge poco nella discussione, mai nelle argomentazioni dei suoi intrepidi fautori.
Pagina Uno's insight:

La crisi, dunque, è oggi un'occasione di pulizia intellettuale e di onestà politica. E' finita l'epoca dei minestroni elettoralistici, grazie ai quali il discorso pubblico può essere infarcito di tutto e del suo contrario. Occorre smascherare sistematicamente chi inganna l'opinione pubblica mettendo insieme obiettivi inconciliabili. E' evidente che chi caldeggia l'acquisto degli F-35 lavora per sottrarre risorse alla scuola e all'Università e non è più autorizzato a parlare di "futuro" e dell'"avvenire dei nostri giovani". Cosi come chi è favorevole al nostro "impegno di pace" in Afghanistan - che ci costa diverse decine di milioni di euro al mese - non può affermare di essere favorevole al potenziamento della sanità pubblica e al pagamento di pensioni decenti per i nostri vecchi. Questo è il terreno su cui i dirigenti del Pd dovrebbero confrontarsi e dividere. 
Per nostra fortuna, la sinistra, in Italia, non finisce col Pd. Di sicuro, la sua parte culturalmente più alta e più avanzata, più onesta, sta fuori di esso. Questa parte, com'è noto, ha trovato di recente una forma organizzata nell'iniziativa di Rodotà e Landini (e di altri che non cito per brevità) La via maestra, che mette al centro della sua azione la difesa della Costituzione e la sua attuazione. Il 12 ottobre, a Roma, essa darà prova della sua forza con una grande manifestazione nazionale. 

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Costituzione e lavoro ritrovano la piazza

Costituzione e lavoro ritrovano la piazza | PaginaUno - Società | Scoop.it
Può succedere, in un paese come il nostro, che nell’anno definito dal Cnel come il «peggiore della storia dell’economia italiana nel secondo dopoguerra»; con la disoccupazione giovanile a livelli record e così pure l’incremento dei rapporti di lavoro...
Pagina Uno's insight:

La manifestazione del 12 ha quindi un problema di qualità, prima ancora che di quantità, poiché quest’ultima dipende dalla prima. Se il messaggio che passa è solo quello della legalità e dell’osservanza costituzionale è troppo poco per mobilitare ampi settori popolari. Particolarmente ora, dentro una crisi politica dai contorni e esiti del tutto oscuri. Nella prima conferenza stampa tenuta dai cinque promotori, Landini ha fatto bene a dire con forza che non ci si mobilita per difendere la Costituzione – non solo – ma per applicarla integralmente. Intendendo quindi che parti di essa sono rimaste lettera morta e altre sono sotto tiro sul piano della organizzazione materiale della società prima ancora che su quello dei testi scritti.

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Tg1, l'autocandidatura e il sistema 'feudale' italiano: intervista a Wolfgang Achtner

Tg1, l'autocandidatura  e il sistema 'feudale' italiano: intervista a Wolfgang Achtner | PaginaUno - Società | Scoop.it
Il corrispondente estero ci parla della sua autocandidatura al Tg1, ignorata dalla Rai e oscurata dai media tradizionali.
Pagina Uno's insight:

L'Italia è a tutti gli effetti un sistema oligarchico feudale che con la democrazia ha poco a che fare; in questo paese c’è un gruppo unico politico/economico che gestisce il potere, e lo fa limitando l'accesso a istruzione, finanziamenti, informazione e lavoro.
Non è certo un mistero che il sistema italiano viola tutte le leggi del libero mercato: infatti, tutte le più importanti aziende italiane fanno parte del gruppo privilegiato alla testa di questo sistema feudale e, ognuna di esse tramite Mediobanca, possiede un piccolo pacchetto di azioni di ognuna delle altre aziende che, di fatto, costituisce – in violazione ad ogni norma anti-trust – un unico grande gruppo che, ignorando ogni norma sull’insider trading è messo in condizione di conoscere ogni cosa che riguarda le aziende che fanno parte di questo super gruppo e – in violazione delle norme che vietano l’insider trading, compra e vende le azioni in condizioni di assoluto vantaggio rispetto a tutti gli altri azionisti.
Prima che Berlusconi facesse approvare una legge che depenalizzasse il falso in bilancio perché faceva comodo a lui – tra parentesi, in America, un personaggio che disprezza le regole e pensa di poter violare impunemente ogni norma che non gli fa comodo, starebbe in galera da anni – 64 degli imprenditori italiani più importanti, gli avevano inviato una lettera pregandolo di approvare questa norma. Se vai a vedere i nomi dei firmatari, ci sono tutti i principali nomi dei businessmen italiani e allora capisci che la realtà italiana, in cui violazioni gravissime sono spacciate per normalità, è fuori dal mondo.

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

NO TAV - Chi ha bisogno di evocare i fantasmi

NO TAV - Chi ha bisogno di evocare i fantasmi | PaginaUno - Società | Scoop.it
Terrorista a chi? A Fabio Zita, dirigente dell'assessorato all'ambiente della regione Toscana (in più, «mascalzone, bastardo e stronzo»). A definirlo...
Pagina Uno's insight:

La democrazia richiede infine solidarietà e soprattutto volontà e capacità di costruire qualcosa di nuovo: e da queste lotte è nata una nuova identità condivisa di tutta la Valle; e anche, con l'associazione Etinomìa che raggruppa oltre 300 imprese, un approccio all'economia locale ecologico e solidale. Quest'associazione ha convocato gli "Stati Generali". Se i media dedicassero a questo incontro anche solo un decimo dello spazio che riservano al presunto ritorno del terrorismo, porterebbero un contributo alla chiarezza e non, come fanno, un incoraggiamento al paventato ritorno del terrorismo. Sono tutte cose da ricordare e mettere al centro dell'attenzione in queste settimane, in vista della mobilitazione a difesa della democrazia e della Costituzione del 12 ottobre. Se, come dice Cacciari, il Tav Torino-Lione «è un'opera sbagliata», non si capisce perché «ormai dobbiamo realizzarla». La democrazia, tanto quella rappresentativa, così lontana oggi dal sentire della popolazione, quanto quella partecipata che si pratica in Valle, è sì (anche) diritto di sbagliare. Ma sopravvive e mantiene la sua legittimità solo se, di fronte a evidenze tanto grandi degli errori compiuti, ha la capacità di correggersi.

more...
No comment yet.
Scooped by Pagina Uno
Scoop.it!

Letta taglia ma non sprechi e corruzione

Letta taglia ma non sprechi e corruzione | PaginaUno - Società | Scoop.it
Arriva la bestia nera della selettività, sparisce il malato che ha diritto e compare quello che ha «effettivamente bisogno». Il governo Letta, ma c’era da aspettarselo ridimensiona l’universalismo.
Pagina Uno's insight:

Supponendo un residuo di dignità istituzionale, difronte a questo Def le Regioni dovrebbero andare dal Presidente della Repubblica a restituire il mandato sulla sanità per tre fondamentali motivi: 1)Il Def dà un colpo mortale alle loro titolarità in materia sanitaria, quindi apre surrettiziamente una grave questione istituzionale contro riformando di fatto il Titolo V della costituzione. 2)Per dare una disponibilità al paese per un rinnovamento morale. 3)Per trovare un equilibrio tra le necessità finanziarie impellenti del sistema e un progetto che inizi sul serio a riformarlo.
L’accordo va trovato non sul rifinanziamento dell’invarianza come sino ad ora è stato fatto con i “patti per la salute”, ma sulla riformabilità del sistema cioè proponendo un progetto di cambiamento vero sul terreno della governance, della moralità pubblica, del sistema dei servizi e del lavoro in questi servizi. Se le Regioni bevono il Def addio universalismo ma anche addio Regioni…dal momento che senza diritti non ci sarebbero più motivi per lasciare loro i poteri per tutelarli.

more...
No comment yet.