News from Fashion
164 views | +0 today
Follow
News from Fashion
A place where you can find news from fashion system
Curated by Jacopo Ficarra
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

Nasce a Parigi la prima guida online dedicata al lusso sostenibile

Nasce a Parigi la prima guida online dedicata al lusso sostenibile | News from Fashion | Scoop.it

Nasce a Parigi la prima guida online dedicata al lusso sostenibile"

more...
No comment yet.
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

Multiscreen e abitudini degli utenti: tutte le novità in uno studio di Google : NEXT TV

Multiscreen e abitudini degli utenti: tutte le novità in uno studio di Google : NEXT TV | News from Fashion | Scoop.it
Il portale di informazioni che ti aggiorna sul futuro della televisione.
more...
No comment yet.
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

Come vestirsi per avere un lavoro e una vita migliore? Per le donne in difficoltà c'è "Dress for success"

Come vestirsi per avere un lavoro e una vita migliore? Per le donne in difficoltà c'è "Dress for success" | News from Fashion | Scoop.it
Vestiti giusti per costruire un'immagine migliore di sé e trovare un lavoro.
more...
No comment yet.
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

La storia di “Keep Calm and Carry On”

La storia di “Keep Calm and Carry On” | News from Fashion | Scoop.it
Da dove arriva il popolare manifesto britannico protagonista da anni di parodie e imitazioni online, e perché ha così tanto successo
more...
No comment yet.
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

Tecnologia ed emozioni: il vestito diventa trasparente!

Tecnologia ed emozioni: il vestito diventa trasparente! | News from Fashion | Scoop.it
Il vestito trasparente è un concept dello studio Roosegaarde. La particolarità: quando il battito sale, il vestito diventa progressivamente trasparente!
more...
No comment yet.
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

IMPAZZA SU EBAY IL RICICLO DEI REGALI NATALIZI: GIÀ 5 MILIONI DI ITALIANI PENSANO A COME NON SPRECARE I DONI NON GRADITI

IMPAZZA SU EBAY IL RICICLO DEI REGALI NATALIZI: GIÀ 5 MILIONI DI ITALIANI PENSANO A COME NON SPRECARE I DONI NON GRADITI | News from Fashion | Scoop.it
Jacopo Ficarra's insight:

Secondo un’indagine condotta da TNS Italia per eBay.it, primo sito di ecommerce in Italia, sono ben 13 milioni gli italiani che hanno intenzione di riciclare i regali inutili ricevuti a Natale.Di questi, oltre 5 milioni li venderà su eBay, fenomeno in netta crescita rispetto agli anni passati. 

 

I regali meno azzeccati sono quelli donati dagli amici, che guidano la classifica di sbaglia regalo (54%), seguiti dai parenti (46%) e dai colleghi (9%). Qualche particolarità del riciclo “all’italiana”? Il sud Italia ha la percentuale più alta di regali inutili trovati sotto l’albero, oltre che il primato per chi li ricicla di più; al nord ovest sono soprattutto i parenti a sbagliare dono, mentre il centro è il più predisposto a ricavare qualche soldo vendendo i regali non graditi su eBay. Non è ancora arrivata l’Epifania e già si fanno i primi bilanci dei regali ricevuti e si pensa a come riciclare quelli inutili e imbarazzanti che inevitabilmente ogni anno ci ritroviamo sotto l’albero. Da un’indagine di Tns Italia per eBay.it*, è infatti emerso che l’Italia è un Paese dedito al riciclo…di regali! Sono infatti 13 milioni gli italiani che vorrebbero riciclare i regali ricevuti quest’anno e tra questi, 5 milioni hanno intenzione di venderli utilizzando come canale preferenziale eBay.it, fenomeno in netta crescita rispetto agli anni passati, in cui i nostri connazionali che si rivolgevano all’ecommerce per riciclare i doni erano 1 milione. Sarà per via del periodo economico particolarmente difficile, ma tra i principali motivi per cui gli italiani pensano di riciclare i regali inutili al primo posto, con il 47%, c’è il risparmio, il 33% pensa invece di utilizzare i proventi della vendita per regalarsi ciò che desidera, mentre il 18% si pagherebbe le spese natalizie. Chi pensava che gli amici avessero più gusto della vecchia zia o che fossero le persone a conoscere meglio i desideri dei destinatari, si sbagliava: nel 54% dei casi sono proprio loro a rifilarci i regali meno graditi e più imbarazzanti, seguiti al secondo posto dai parenti (46 %) e al terzo dai colleghi di lavoro per il 9% dei casi. Dopo soli tre giorni dal Natale, sono già oltre 8000 i regali non graditi o risultati doppi apparsi su www.ebay.it. La tendenza è sempre in crescita: l’anno scorso, lo stesso giorno, se ne contavano circa 6.000, mentre nel 2007 erano 4.000 e nel 2006 addirittura meno di 2.000. Al momento, la categoria dove maggiormente si ricicla di più su eBay.it è Abbigliamento e Accessori subito seguita da Telefonia e Cellulari e Casa e Arredamento. “I dati della ricerca confermano come eBay rappresenti un ottimo strumento per dare comunque valore ad un regalo che non si utilizzerebbe, grazie alla possibilità di venderlo facilmente online. – afferma Irina Pavlova, Responsabile Comunicazione eBay.it – Il post-Natale è anche un ottimo momento per fare grandi affari su eBay, tante occasioni e prezzi scontati. Quest’anno, il 19 Gennaio è il giorno in cui prevediamo il maggior numero di inserzioni di regali riciclati, in particolate nelle categorie Libri, Abbigliamento e Accessori e Computer”. Guardando all’anno scorso, secondo un’indagine di Tns Internazionale, estesa a livello europeo**, l’Italia si conferma al primo posto tra i Paesi con il maggior numero di regali inutili: su 6 regali ricevuti almeno 1 era inutile ed è costato ai nostri connazionali in media 44 euro. Davvero interessante è la reazione degli italiani alla vista di un regalo che non piace: oltre la metà mente, fingendo stupore positivo (56%), soprattutto per quanto riguarda le donne (60% vs 52% degli uomini), il 40% preferisce ringraziare senza troppi entusiasmi, il 7% addirittura non reagisce. Ma gli italiani sono solo al secondo posto, con austriaci e inglesi, nella classifica europea dei più bravi a mentire: è l’Irlanda infatti ad avere il primato, con il 71% che finge di essere soddisfatto del dono. Non vale lo stesso per Spagna e Germania, dove il 9% è disposto ad ammettere che il regalo non era esattamente quello che si aspettava. Ma chi sono i più “facili al riciclo” d’Italia? E’ il sud ad avere il primato assoluto, sia per i regali meno azzeccati che per il maggior numero di persone che si dedicano al riciclo subito dopo le feste. Il Nord Ovest si distingue invece, per la percentuale più alta di parenti che sbagliano dono e il Centro è il più tecnologico, perché si disfa dei doni poco graditi facendo ecommerce su eBay.

more...
No comment yet.
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

H&M, anche il low cost segna meno nel trimestre

H&M, anche il low cost segna meno nel trimestre | News from Fashion | Scoop.it
H&M - I negozi del colosso svedese dell'abbigliamento low cost, H&M, risentono della crisi, e frenano ancora nell'ultimo quarto dell'anno...
Jacopo Ficarra's insight:

I negozi del colosso svedese dell’abbigliamento low cost, H&M, risentono della crisi, e frenano ancora nell’ultimo quarto dell’anno. Nel 2011, i tre mesi settembre novembre avevano chiuso con vendite in calo del 3 per cento. Quest’anno, lo stesso trimestre ha registrato un calo dell’1%, più contenuto ma sempre inaspettato e indicativo per questo tipo di insegna.

Il periodo dal 1 settembre al 30 novembre 2012, invece, le vendite tornano in positivo considerando i numerosi negozi che si sono aggiunti nel corso dell’anno: le vendite in questo modo hanno segnato un +9%. Nel 2011, infatti, i negozi erano 2.472, oggi sono 2.776.

Il solo mese di novembre ha segnato un -1% a perimetro costante ma un +7% a parametri correnti.

In valore il trimestre, inclusa l’Iva, ha raggiunto 37,928 miliardi di corone svedesi (4,3 miliardi di euro) rispetto ai 36,191 miliardi dello stesso periodo del 2011. Esclusa l’Iva le cifre si attestano a 32,497 miliardi di corone rispetto ai 30,952 miliardi del 2011.

more...
No comment yet.
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

Il verde smeraldo colore del 2013

Il verde smeraldo colore del 2013 | News from Fashion | Scoop.it

The color emerald green is being unveiled today as the next Pantone color of the year.

 

The annual color proclamation is closely followed by the design industry, and emerald is already starting to show up across a wide swath of products—clothes, dishes, furniture and even cars.

Pantone unveil its color of the year. On Lunch Break, Pantone's Leatrice Eiseman explains the choice and WSJ's Christine Binkley looks at what it will mean for people's wardrobes, homes and lifestyle this year and next.

Deep greens took off on fashion runways in the spring 2013 collections at labels including Valentino, Dolce & Gabbana, Marni and Roland Mouret. Emerald is a major color for JCP's bedding collections, Le Creuset's cookware, and Waterford glassware. It is a new paint color for Tollens, a popular brand of paint in France, and it is popping up in Oliver Peoples sunglasses and Hublot watches. General Motors GM -1.61% unveiled a Chevrolet Camaro convertible ZL1 concept car in Las Vegas this fall in a rich color the company calls "unripened green."

Getty Images
Akris was among many labels that showed emerald looks in spring 2013 collections.

Emerald is emerging from a long hibernation. Yellow-greens like chartreuse have been trendy for the past decade, but emerald hasn't touched the zeitgeist since Ronald Reagan was president. "It's really a throwback to the 1980s," says Leatrice Eiseman, Pantone's color specialist. The color looked just fusty enough to feel retro-fresh when Angelina Jolie, Mila Kunis, and Catherine Zeta-Jones all donned emerald gowns for the 2011 Golden Globes. Their much-publicized images may have played a role in green's return.

Enlarge Image

Oliver Peoples
Oliver Peoples Benedict aviators with green polarized glass.

This rich shade—number 17-5641 in Pantone LLC's numerical lexicon—is the color of a four-leaf clover. It is the color of the emerald Van Cleef & Arpels necklace that may or may not be wrapped up under your tree. It is the color of growth, luck and riches. The Emerald City is the shining capital of the Wizard of Oz. Little wonder that marketers have been embracing this gemstone shade, with its message of total renewal.

For marketers, of course, renewal means consumers shopping to replace outmoded things—such as products in tangerine tango, the 2012 Pantone Color of the Year. The vivid orange—which was in line with the mod '60s feel of some décor and apparel styles—popped up in coats, couches, dishware and rugs. But now, is that fiery color starting to look too much like forced good cheer?

Enlarge Image

Getty Images
Angelina Jolie wore an emerald green gown to the 2011 Golden Globes, giving the color a boost.

The more relaxing emerald "is absolutely the opposite of 2012's Color of the Year," says Ms. Eiseman. Pantone doesn't seek a pattern in its color choices from year to year, but it does vary the colors, because it wants them to spark interest and feel fresh.

Gamma-Rapho via Getty Images
A model walks the runway at the Dolce & Gabbana Spring/Summer 2013 fashion show in Milan, Italy.

Pantone, whose parent company X-Rite Inc. was purchased last April by Danaher Corp., DHR +0.19% sells codes that manufacturers use to replicate colors precisely on a variety of materials, from plastic to paint. The company has named thousands of colors—often with culturally resonant names like "solar power," a yellow with a hint of orange, and "stretch limo," one of more than 20 shades of black in its color guide.

Pantone determines the "it" color each year in a process that is more survey work than prognostication. It polls industrial, fashion, interior and other designers and brands about the colors they're already working with. A color committee made up of Pantone executives and clients makes a pick based on the surveys, sales of color swatches, and the educated opinion of people like Ms. Eiseman. By the time Pantone unveils the colors, many brands are rolling the products out in stores.

Enlarge Image

Tiffany & Co.
A Tiffany ring

Hence Le Creuset is already selling a full range of cast iron, ceramic and silicone cookware in a deep green it calls "fennel" that makes emerald a bit softer and more flattering to food. The color "was launched as 'farm fresh,' " says Judy Baker, the cookware maker's director of marketing. "A lot of people use cookware and tea kettles as fashion for their kitchen," she notes.

JCP is investing in emerald as it rebrands itself as a more chic version of JC Penney JCP -1.41% . Emerald will be a key factor in the relaunch of JCP's home departments next spring. The company says it will sell comforter sets, sheets, bath towels, rugs and bath accessories in emerald. The shade will appear on marketing pieces, signs and the "featured bed" on display in stores. Paul Rutenis, JCP's general merchandise manager for its home division, says the color is expected to help "completely transform" JCP's houseware brand next year.

Some people find emerald fashions startling, possibly because the color has been out for so long. Yet it is also a deeply elegant hue that is a standout for evening wear and dressy silk blouses—and it is more broadly flattering than people think.

Business historian Regina Lee Blaszczyk says colors have been trending in and out of style since before the French Revolution, when pastels were a hit. After Queen Victoria wore a mauve gown to her daughter's wedding in 1858, new chemical dyes allowed the proletariat to copy the look. The color became so popular that the 1860s came to be known as the "mauve decade," Ms. Blaszczyk says in "The Color Revolution," a history of the relationship between color and commerce published this year by MIT Press. Wearing purple then," she says, "showed you knew what was cool."

These days, fashion marches on more quickly. At the March 2013 home-industry trade show in Chicago, Le Creuset is launching yet another color, chosen to complement its fennel collection. By its wall of green roasters, casseroles and pot scrapers, says Ms. Baker, will be kitchenware in a shade of yellow that will be announced just after Christmas.

Write to Christina Binkley at christina.binkley@wsj.com or follow her on Twitter: @BinkleyOnStyle

more...
No comment yet.