Milan | Milano
17 views | +0 today
Follow
Milan | Milano
Eventi a Milano
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Roberta Donato PR
Scoop.it!

Le impertinenze di Alessandro Bergonzoni | Artribune

Le impertinenze di Alessandro Bergonzoni | Artribune | Milan | Milano | Scoop.it
Autore, attore, artista: Alessandro Bergonzoni è una personalità vasta e poliedrica. Un negoziatore contemporaneo che si esplicita attraverso differenti linguaggi e necessarie contaminazioni.

TUTTO TORNA COME DOPO

mercoledì 12 dicembre 2012
Fabbri Contemporary Art
OPENING DALLE 18.30


"Dove sta scritto che tutto deve tornare come prima?
E il prima è sempre un quando, o può e deve diventare un cosa?
Pezzi: di prima, (da prima), divisioni solo cronologiche, interamente tratte, e già l’intero sapeva d’esser fatto, a pezzi, quando lo si costruiva.....
E allora ecco l’esempio degli arancioni, delle loro lamiere e dei loro cementi, il muro contro muro (arco di tempo circolare), grondaie da leggere, scrittura piovana (il pensiero per l’imbuto), la parte scheletrica del volo pindarico che due finestre bloccano, tra se e se, piccioni compresi.
Quel dopo del sismico che continua a muovere, già prima del previsto.
Si sa che i lassi staccano delle parti, e il tutt’uno è già qualcos’altro, anche appena unito.
E se l’intatto fosse un senso che non abbiamo mai avuto?”
(Alessandro Bergonzoni)


TUTTO TORNA COME DOPO è la prima esposizione personale milanese di Alessandro Bergonzoni, artista visionario, resiliente, bulimico, possente e delicato, poverista e post-produttivo nel recupero di ciò in cui inciampa “con la coda dell’occhio” e che riabilita attraverso altre modalità duttili e possibili. In TUTTO TORNA COME DOPO le opere - che abitano tangenti i luoghi della residualità, lo spazio delle cose e le architetture della galleria Fabbri Contemporary Art - raccontano di vite emigrate altrove. In questa mostra da annusare e accarezzare Alessandro Bergonzoni genera un cortocircuito dolce, ancora un TUTTO TORNA COME DOPO colmo di una leggerezza che è in verità simulazione, eccesso di più verità e per questo colta solo dalla mano agile e sapiente dell’arte, ma donata come un fiore reciso che, come ogni essere vivente, ambisce a tornare come dopo.



la mostra prosegue fino al 30 gennaio 2013
more...
No comment yet.
Scooped by Roberta Donato PR
Scoop.it!

Daniela Cavallo | Mystic World

Daniela Cavallo | Mystic World | Milan | Milano | Scoop.it
Dopo il grande successo per la partecipazione al video di lancio di SKY ARTE HD, il primo canale italiano interamente dedicato all'arte, Daniela Cavallo, giovane artista che tratta il linguaggio fotografico con un criterio pittorico, presenta un nuovo progetto personale, inedito ed emozionante, presso la Galleria Il Milione di Milano.
Intitolata Mystic World, la mostra ci introduce nel mondo poetico dell’artista, caratterizzato da una “scrittura mistica” che si esprime attraverso una complessa procedura tecnica di rielaborazione digitale delle immagini.


Inaugurazione: Giovedì, 13 Dicembre, 2012 - 18:30


Mystic World | Daniela Cavallo
13 dicembre 2012 - 10 febbraio 2013

Galleria Il Milione
Via Pietro Maroncelli, 7 - 20154 Milano
Tel. +39 02 29063272
info@galleriailmilione.com
10.30 - 13.00 | 15.30 - 19.00 sabato su appuntamento

Mostra in collaborazione con:
SPUTNIK ARTS PROJECT

Per info e immagini:
www.sputnikartsproject.com
info@sputnikartsproject.com
more...
No comment yet.
Scooped by Roberta Donato PR
Scoop.it!

bösediva - SCHÖNHEITSMASCHINE

bösediva - SCHÖNHEITSMASCHINE | Milan | Milano | Scoop.it
scatolabianca(etc.) - Opening: 18 dicembre 2012 ore 19:00

scatolabianca presenta:
bösediva (Robin Detje/Elisa Duca)
SCHÖNHEITSMASCHINE

Installazione/Performance
Installazione sonora: Jochen Arbeit (Einstürzende Neubauten)

18 dicembre 2012 
Orari performance: 19.00 e 21.00
---

Il 18 dicembre scatolabianca(etc.), Milano, presenta live Installazione e performance SCHÖNHEITSMASCHINE di bösediva (Robin Detje/Elisa Duca). L'azione si svolgerà per due volte nell'arco della serata: ore 19.00 e ore 21.00.

L'installazione SCHÖNHEITSMASCHINE fa parte del programma culturale ed espositivo che l'associazione di promozione sociale “scatolabianca” propone per l'anno 2012/201
SCHÖNHEITSMASCHINE esplora lo spazio tra arte visiva e arte scenica. Il teatro esiste nello scorrere del tempo, è processo, le arti visive invece presentano oggetti.Partendo da questa riflessione bösediva estrapola gesti e azioni dal contesto teatrale e li trapianta nel contesto dell'arte visiva: ciò che era processo diventa oggetto. Le regole teatrali vengono infrante: le azioni presentate sono sgradevoli, il performer è troppo vicino allo spettatore, non c'è trama, climax o catarsi. Ma se a teatro infrangere le regole e provocare il pubblico è ormai diventata convenzione, i gesti e le azioni teatrali, presentati in un chiaro contesto artistico, assumono una condizione diretta e cruda.

L'installazione utilizza registrazioni in digitale della performance come uno specchio, come mezzo di reificazione. Il processo è stilizzato, straniato. In un processo dal vivo lo sguardo sceglie dove indirizzare l'attenzione, nel video l'inquadratura è predefinita come da un artista nervoso che dipinge con mano poco ferma. Il video allora diventa una tecnologia che gioca con il tempo. Le azioni e i gesti diventano immagini; superfici denaturate e astratte. Trama e colore. Il vero interesse degli artisti è diretto a quel luogo-di-mezzo invisibile, quel ronzio che si produce tra il processo e la sua rappresentazione, quel gap che non riusciamo ancora a registrare e riprodurre.

Per ulteriori info:
www.scatolabianca.com
more...
No comment yet.
Rescooped by Roberta Donato PR from Contemporary Art, Creativity & Stuff I Love
Scoop.it!

WhoCares?: 01 Martina Cavallarin - Manuela Pacella

WhoCares?: 01 Martina Cavallarin - Manuela Pacella | Milan | Milano | Scoop.it

scatolabianca(etc.) "Who CARES?" - Opening: 06 dicembre 2012 ore 18:30

 

scatolabianca(etc.)

Via Ventimiglia (angolo Via Privata Bobbio)

20144 Milano

 

 

Giovedì 6 dicembre 2012 scatolabianca inaugura il suo primo appuntamento di Who CARES? nella sede milanese scatolabianca(etc.).

 

Who CARES?: Il titolo si riferisce a una tipica espressione anglosassone che significa “A chi importa?”, ma al contempo l’accezione prevede anche la domanda sul “chi è interessato”, quindi “chi se ne cura” e per questo è legato alla figura professionale che gestisce, progetta e fa crescere un evento d’arte. Stimolante è evidenziare e sviscerare il punto di vista personale del critico e/o del curatore: criterio di scelta della mostra, misurazione e metodologia di misurazione del lavoro dell’artista, selezione ragionata delle opere, punti di vista concentrici su pluralità, visioni, interferenze prima e durante una mostra d’arte contemporanea o la stesura di un testo critico.

 

Ciò che ci interessa é l'indagine del cono d'ombra, quella parte di ricerca del critico e/o curatore meno nota, non ancora sottoposta al controllo, la pagina d'appunti prima che questa sia cristallizzata nella sua forma definitiva. Vorremmo illuminare per una sera il tavolo del suo studio portandone alla luce un frammento.


A Who CARES? ci sará un tavolo bianco sul quale verrá chiesto, ai due interlocutori, di depositare un oggetto, un qualsiasi oggetto (una foto, una nota, un cimelio, un detonatore, un francobollo, una parola) che dia l'accesso alla cassaforte, che sia la chiave, una chiave o una delle chiavi possibili.

---

 

Who CARES?: 01 - Manuela Pacella | Martina Cavallarin

 

Manuela Pacella:
a. 2010: My Generation. Dentro Roma II - Artisti under 35, Museo Pietro Canonica a Villa Borghese, Roma.
b. 2012: Patria Interiore, Golden Thread Gallery, Belfast; Les Intermittences du coeur, Ex Elettrofonica, Roma.

 

Martina Cavallarin:
a. 2008: critica e curatrice aggiunta di Lóránd Hegyi, La Sostenibile leggerezza dell’essere (The Bearable Lightness of Being), Palazzo Pesaro Papafava,
Collateral 11° Mostra Internazionale di Architettura di Venezia Out There: Architecture Beyond Building.
b. 2012: critica e curatrice undici allunaggi possibili, Cà Zenobio, Venezia.

---

 

Manuela Pacella, critica e curatrice indipendente. I suoi interessi possono dividersi in due grandi aree: quello della fotografia storica (con particolare riguardo al rapporto tra arte e fotografia e alla fotografia di famiglia) e quello delle arti visive contemporanee, dagli anni Settanta ad oggi ma con particolare riguardo alle giovani generazioni e a tematiche concernenti la memoria, sia collettiva che privata.
Collabora con riviste di settore, con gallerie private ed istituzioni. Dal 2007, come storica della fotografia, lavora presso l’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione.

 

Martina Cavallarin, critica e curatrice indipendente, direttrice artistica di scatolabianca. Si occupa di arti visive contemporanee con uno sguardo che spazia tra differenti linguaggi e necessarie contaminazioni. Il senso è quello di esplorare possibilità, processi in progressione, espansione dell’errore, indagini sulle imperfezioni, memoria e atemporalità, mutazioni, esplorazioni relazionali, sociali e ecocompatibili, della ricerca espressa dai talenti più emergenti e trasversali del panorama artistico, prevalentemente italiano.


---

 

scatolabianca
Comitato Scientifico: Martina Cavallarin - Federico Arcuri - Roberta Donato - Gianni Moretti

 

Contatti:
www.scatolabianca.com
info@scatolabianca.com
press@scatolabianca.com
facebook.com/scatolabianca
twitter.com/scatolabianca
pinterest.com/scatolabianca


 

more...
No comment yet.