La cefalea cronica rappresenta la principale causa di disabilità e di impiego dei servizi, è riconducibile al 30% di visite specialistiche neurologiche e costa circa 6 miliardi di euro all'anno: ben venga quindi la presentazione da parte dell'agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (AGENAS) delle “Linee guida nazionali di riferimento per la prevenzione e la terapia della cefalea nell’adulto” [ http://alturl.com/kruen ]. Almeno una volta nella vita il 76% delle donne e il 61% degli uomini soffre di mal di testa, tanto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito la cefalea tra le 20 patologie più invalidanti per le donne tra i 15 e i 45 anni.

Essenzialmente su due fronti operano le linee guida dell'AGENAS: da una parte mirano all’aggiornamento dello specialista e alla formazione del medico di medicina generale; dall'altra intendono supportare il cittadino nell'individuare il percorso diagnostico più appropriato per questa patologia.