Mangialafoglia
269 views | +0 today
Follow
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by mangialafoglia
Scoop.it!

Serra Lidl Florabest: pronti con la semina!

Serra Lidl Florabest: pronti con la semina! | Mangialafoglia | Scoop.it
Mangia la Foglia
mangialafoglia's insight:

La semina è una delle esperienze più interessanti del giardinaggio. A parte il fatto che ci si sente genitori, onnipotenti, impegnati e responsabili, ci permette di risparmiare molti soldi a fronte, però di un grande impegno. Grande perchè i semi vanno conosciuti e, una volta piantati, vanno seguiti e anche un pò amati. Visto che, come dico sempre, il giardinaggio non aspetta, i semi soprattutto nei primi tempi vanno seguiti giornalmente; non possono essere lasciati a se stessi, a meno di avere una struttura che garantisca giusta acqua, temperatura e luce autonomamente. Ma forse il bello della semina è proprio questo: poter regalare, o anche semplicemente interrare in giardino, piante realmente “nostre”, frutto di nottate in cui si pensa “ma avranno freddo??”.

more...
No comment yet.
Scooped by mangialafoglia
Scoop.it!

Giardinaggio per tutti: Beatrice, 2 anni

Giardinaggio per tutti: Beatrice, 2 anni | Mangialafoglia | Scoop.it

Il rapporto con il giardinaggio, secondo me, varia tantissimo con l’età.
Se si tratta di bambini, poi, ogni anno si può vedere come l’approccio al verde cambi in modo sostanziale. L’età di un bambino è, quindi, la variabile fondamentale. Parlo di giardinaggio “a tappe”, in cui il passare degli anni corrisponde a una scelta sempre più ampia di lavori da fare insieme. Se a 10 anni il bambino può interessarsi alla scelta di acquisto, a 8 anni è affascinato dagli insetti, mentre a 6 anni vuole assolutamente collaborare nella semina. E quando è più piccolo?

more...
No comment yet.
Scooped by mangialafoglia
Scoop.it!

La Calceolaria, il fiore invernale più bello

La Calceolaria, il fiore invernale più bello | Mangialafoglia | Scoop.it
Mangia la Foglia
mangialafoglia's insight:

La Calceolaria è il mio acquisto invernale, l’ho comprata al Lidl la prima settimana di gennaio. Esistono oltre 300 specie di Calceolaria , ma la stragrande maggioranza di quelle comunemente coltivate sono ibridi di Calceolaria crenatiflora .
Il nome di questa pianta deriva da Calceolus=pantofola, per la forma particolarissima dei suoi fiori. Anche se il portamento e le foglie sono gradevoli, è nei fiori che risiede tutta la bellezza di questa specie. E’ conosciuta anche come Pocketbook Plants o come Pouch, proprio per la forma dei fiori, che ricorda una borsa, un portamonete.
Appartenente alla famiglia delle Scrofulariacee, proveniente dall’America, questa pianta è presente dei garden e nella grande distribuzione in inverno e in primavera. Devo dire che non è la varietà più gettonata, però è abbastanza facile trovarla.
Si tratta di una pianta invernale, perchè non sopporta il caldo estivo: se la comprate, dovete garantirle un ambiente fresco e tenerla al riparo dei raggi diretti del sole. Se la piantate in giardino, devono essere coltivate in un luogo che goda di ombra parziale; va benissimo farle prendere il sole del mattino.
Le foglie della rosetta basale sono grandi, larghe, ovali e arrotondate, di colore verde uniforme; quelle dei fusti floreali sono più piccole. I fusti corti portano dei grappoli densi di fiori composti da due labbri, quello superiore, molto piccolo, e quello interno largo e arrotondato. A seconda dell’ibrido, i fiori possono essere di diversa dimensione, da 2-3 cm fino a 5-6 cm di diametro. Si possono presentare compatti, macchiettati o tigrati, in una grande varietà di colori accesi, dal giallo scuro, dall’arancione al rosso acceso.

La fioritura
La fioritura appare nel periodo dicembre-gennaio oppure aprile-maggio, ma generalmente, se la pianta si trova in un ambiente riscaldato, non dura più di due mesi. Mettetela in una posizione molto luminosa, ma mai al sole diretto. La fioritura apparirà più corta se la luce è scarsa e la temperatura elevata. Mantenere anche all’interno una temperatura fresca, tra i 15 e i 18°.

Le annaffiature
Annaffiate generosamente durante la fioritura, ma non lasciate che l’acqua ristagni nel sottovaso. Per sostenere la fioritura, ogni 8-10 giorni, aggiungete del fertilizzante ordinario. Se il terreno è secco, il fogliame si affloscia: immergete allora il vaso in un recipiente riempito di acqua in modo da imbibire il terreno.
Ricordate: mai bagnare fusto, fiori e foglie, soffre facilmente di marciume radicale.

La moltiplicazione
La riproduzione avviene per seme o per talea. Di solito è consigliata la talea, ma diciamo che non è l’esempio più semplice per iniziare a riprodurre piante attraverso questo tipo di tecnica. Per quanto riguarda la semina, è necessaria tanta luce quindi, a differenza di altre specie, è bene non coprire il semenziaio. Primavera e autunno sono i periodi giusti per la semina all’esterno, se invece volete farla crescere come pianta da appartamento, potete provare in qualsiasi momento. La germinazione richiede 5-10 giorni, ma è bene mantenere una temperatura alta lungo l’arco del periodo. Come per gli altri semi, vale anche qui la regola del terreno umido: non lasciate mai che la terra si asciughi completamente.
Le talee invece si prelevano a fine estate: assicuratevi che le punte di steli prelevate non abbiano già fiorito.

more...
No comment yet.
Scooped by mangialafoglia
Scoop.it!

Orto appeso: piante come scarpe

Orto appeso: piante come scarpe | Mangialafoglia | Scoop.it
Mangia la Foglia
mangialafoglia's insight:

Come fare un orto appeso a costo 0? Leggilo sul blog www.mangialafoglia.it

more...
No comment yet.
Rescooped by mangialafoglia from Japanese Gardens
Scoop.it!

Famous Japanese Garden Designs at Japan Blog

Famous Japanese Garden Designs at Japan Blog | Mangialafoglia | Scoop.it
Japanese gardens are some of the world's most beautiful. They're designed for special purposes with certain traditions being applied and most of the time, they appear as mini landscapes with clean lines.

Via Zenibo Publishing
more...
No comment yet.
Scooped by mangialafoglia
Scoop.it!

Piante da interno: tutti i consigli

Piante da interno: tutti i consigli | Mangialafoglia | Scoop.it

Mangialafoglia insegna a curare le piante indoor con consigli pratici e utili. Oggi la prima puntata: annaffiatura e collocazione.

 

mangialafoglia's insight:

Le piante d’appartamento sono un buon terreno di prova su cui potete esercitare il vostro pollice nero. Non vi sto consigliando di acquistare piante indoor e ucciderle, ma vi consiglio di leggere questo post in cui sono contenuti alcuni semplici consigli per la cura del verde.
Se volete farvi un’idea di alcune piante da interni, alcune molto particolari, che potete coltivare nelle vostre case, guardate il sito di Bakker, il vivaio online che da oltre 65 anni fa vendita per corrispondenza. Ci sono L’Orchidea airone, la Palma delle Hawaii o la Dionaea muscipula tra le più scenografiche.
Vediamo, in questo primo articolo, alcuni semplici accorgimenti da adottare, in particolare su collocazione e annaffiatura. Nel prossimo post vi racconterò di più su concime e parassiti.

more...
No comment yet.
Scooped by mangialafoglia
Scoop.it!

L’Almanacco Barbanera

L’Almanacco Barbanera | Mangialafoglia | Scoop.it

I nonni lo conoscono, alcuni genitori pure. I figli e i nipoti, come me, si sono fatti tramandare questa conoscenza. L'Almanacco Barbanera compie 252 anni e dedica l'edizione 2014 a biodiversità e sostenibilità.

Per chi non lo conoscesse, si tratta di una bellissima raccolta di saperi, proverbi, consigli e ricette, tutto tramandato secondo la tradizione.

more...
No comment yet.
Scooped by mangialafoglia
Scoop.it!

Zafferano, lo coltivo anche io!

Zafferano, lo coltivo anche io! | Mangialafoglia | Scoop.it

Da dove deriva lo zafferano? Dal Crocus Sativus, una bulbosa di facile coltivazione!

Scopri come coltivarla su www.mangialafoglia.it

 

mangialafoglia's insight:

Se pensate che a settembre non ci siano più lavori da fare in giardino, vi sbagliate di grosso! C’è una pianta che vi aspetta al rientro dalle ferie e di cui magari non conoscevate nemmeno la provenienza. Si tratta del Crocus Sativus.

Da dove viene lo zafferano? Semplicemente viene da un bulbo che, udite udite, potrete coltivare anche voi. Nella vostra fantasia, diventerete ricchi producendo zafferano. Nella realtà, magari riuscirete a cucinare almeno un risotto a km 0. In questo tutorial ci occupiamo di come acquistare e mettere a dimora i bulbi.

more...
No comment yet.
Scooped by mangialafoglia
Scoop.it!

Con HOH! appendi il verde in casa

Con HOH! appendi il verde in casa | Mangialafoglia | Scoop.it

La moda del verde verticale, sta dilagando. Si moltiplicano i prodotti e le soluzioni dedicate a chi vuole sperimentare in casa e cimentarsi con la creazione di un quadro o una parete verde.  Tra le tante proposte ce n’è una secondo me tra le migliori: si tratta di HOH! ed è l’innovativo complemento d’arredo vegetale ideato e realizzato da Ortisgreen.
Perchè la consiglio? Perchè Ortisgreen è un’azienda specializzata in pareti verticali di un certo “spessore”, quindi sa come si fa! La consiglio perchè l’azienda è giovane e sta correndo come un treno con nuovi progetti e collaborazioni importanti. E infine, la consiglio perchè il prezzo è abbordabile (meno di 40 euro): è il regalo giusto in questo Natale di austerity, da donare per fare bella figura con un prodotto davvero originale, “nuovo nuovissimo”.
Al suo interno, HOH! ha già tutto. Mancano solo, per ovvi motivi, le piante. Vi potete sbizzarrire nella scelta, potete presentarvi con il regalo già assemblato, oppure lasciare libertà di scelta. Ci sono piante più adatte di altre per questi “esperimenti” di verde appeso o verticale.

 

Leggi l'articolo su www.mangialafoglia.it

more...
No comment yet.