Le Marche un'altra Italia
150.2K views | +22 today
Follow
Le Marche un'altra Italia
Le Marche: il gioiello nascosto nel negozio di tesori d'Italia.
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Luoghi dimenticati: l'Abbazia di Santa Croce al Chienti

Luoghi dimenticati: l'Abbazia di Santa Croce al Chienti | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Sorge nei pressi della confluenza tra il Chienti e l’Ete Morto nel pressi di Casette d’Ete. L’Abbazia imperiale di Santa Croce al Chienti, consacrata nell’887, un tempo era tra le più importanti e potenti delle Marche tanto da godere della protezione di imperatori come Carlo III, Ottone I, e Federico II. La struttura era imponente, praticamente una piccola cittadina con la chiesa, il monastero e i magazzini agricoli. Oggi purtroppo rimane solo la chiesa circondata da fabbricati agricoli che ne hanno parzialmente stravolto l’aspetto. La chiesa è stata di recente restaurata ma [...]

Mariano Pallottini's insight:

http://www.associazionesantacroce.it/

Il 14 settembre 887 segna la data della cerimonia di consacrazione dell’Abbazia avvenuta alla presenza del vescovo di Fermo Teodosio e dell’imperatore Carlo III il Grosso, nipote di Carlo Magno. Successivamente gli imperatori Ottone I (968) e Ottone II (981) e lo stesso Federico II di Svevia (1219 e 1242) e i papi come Celestino III (1197) e Gregorio IX (1236), tanto per citarne alcuni ...

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Basilica Imperiale di Santa Croce al Chienti - Casette d'Ete - Fermo

Basilica Imperiale di Santa Croce al Chienti  - Casette d'Ete - Fermo | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Nella fantasia popolare la nascita dell’Abbazia di Santa Croce è legata alla romantica e tragica storia di un amore tanto tenero quanto contrastato: quello di Lotario e Imelda. In realtà verso la fine del IX secolo nelle vicinanze del punto in cui il fiume Ete Morto confluisce nel Chienti, probabilmente sui resti di una preesistente basilica cristiana del V secolo, nasce un piccolo cenobio benedettino. Il luogo è considerato strategico e di vitale importanza tanto che il vescovo di Fermo Teodosio e l’imperatore Carlo III il Grosso investono sul piccolo cenobio che si trasformerà ben presto in una delle prime e più potenti abbazie marchigiane. L’Abbazia di Santa Croce al Chienti, prima,sarà la punta di diamante di un sistema di difesa teso a bloccare una possibile, stabile presenza saracena lungo la ricca valle del Chienti e poi un saldo e fedele punto di appoggio per gli imperatori e i loro vassalli che elargivano donazioni e protezioni.

Le pergamene e i documenti conservati nell’Archivio Storico del Comune di Sant’Elpidio a Mare ed altri custoditi nel Fondo Fiastrense presso l’Archivio di Stato di Roma attestano la potenza economica, sociale, culturale e il ruolo di preminenza che l’Abbazia ha svolto nel nostro territorio dal IX al XIII secolo.
Il 14 settembre 887 segna la data della cerimonia di consacrazione dell’Abbazia avvenuta alla presenza del vescovo di Fermo Teodosio e dell’imperatore Carlo III il Grosso, nipote di Carlo Magno. Successivamente gli imperatori Ottone I (968) e Ottone II (981) e lo stesso Federico II di Svevia (1219 e 1242) e i papi come Celestino III (1197) e Gregorio IX (1236), tanto per citarne alcuni tra i più importanti, misero sotto la loro protezione l’Abbazia confermando donazioni e protezioni ed elargendone altre.
Con la fine delle “lotte per l’investitura” e il prevalere del potere papale su quello imperiale, Santa Croce, da sempre fedele all’imperatore, perde un importante punto di appoggio e protezione: è l’inizio di una crisi che sarà irreversibile e la porterà alla fine. Cambiano le condizioni storiche e politiche e di conseguenza quelle economiche; i castelli vicini crescono e diventano sempre più autonomi e l’economia comunale, più viva e aperta, soppianterà quella curtense. D’ora in avanti saranno i comuni, ed in particolare quello di Sant’Elpidio, il punto di riferimento politico, economico e religioso.

Leggi Tutto

Mariano Pallottini's insight:

Storia, Pubblicazioni ed altri Scritti: http://www.associazionesantacroce.it/ 

Foto dell'Abbazia : Nicola Pezzotta

Perché l'Abbazia non è ancora aperta al Pubblico? Leggi l'articolo di Luca Craia

more...
No comment yet.