Le Marche un'altr...
Follow
Find
81.9K views | +108 today
Scooped by Mariano Pallottini
onto Le Marche un'altra Italia
Scoop.it!

Fare impresa nel 2013: Finanziamenti a fondo perduto Marche

Fare impresa nel 2013: Finanziamenti a fondo perduto Marche | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Come fare nel 2013 per ottenere finanziamenti a fondo perduto dalla regione Marche per l'apertura di nuove attivita; per la tua idea, per la tua impresa

Alcuni esempi:

  • Contributo fino a € 5.500 per imprese che assumono con contratti di apprendistato
  • Bando inail - contributi a fondo perduto pari al 50% per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro
  • Contributo del 50% a fondo perduto per l'avvio di ditte individuali fino ad un massimale di 25.000 euro + iva
  • Nuove societa' di persone: 50% contributi a fondo perduto e 50% finanziamento agevolato
  • Contributi fino a € 6.000 dal ministero dello sviluppo economico per la registrazione di marchi comunitari e internazionali




Mariano Pallottini's insight:

http://www.ContributiRegione.it Come ottenere contributi europei a fondo perduto per finanziare la tua idea d'impresa.
Contributi a fondo perduto per start up d'impresa. Scarica la sintesi dei bandi agevolati.


ENGLISH VERSION:
How to get government grants to fund your business idea.
How to get your idea backed by THE Italian Government.
Get reimbursed by the Italian Government for up to 50% of your business expenses.

more...
No comment yet.
Le Marche un'altra Italia
Le Marche: il gioiello nascosto nel negozio di tesori d'Italia. Più contenuti di qualità su http://www.lifemarche.net
Your new post is loading...
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Un parco fluviale sul fiume Potenza

Un parco fluviale sul fiume Potenza | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Un parco fluviale sul fiume Potenza, occasione per una nuova riqualificazione urbana e territoriale.
Il tratto di fiume interessato da questo intervento è quello che scorre all’interno del comune di Macerata. L’area urbana che si trova a più stretto contatto con il corso d’acqua è la frazione di Villa Potenza: primo fronte cittadino che si incontra provenendo da Nord verso il Capoluogo di Provincia, con un ruolo centrale rispetto alla principale rete infrastrutturale della vallata.
Il progetto ha come obiettivi quello di far emergere nel paesaggio il segno del fiume, spina dorsale del territorio a livello funzionale e percettivo, di recuperare il carattere identitario della frazione attraverso il suo rapporto privilegiato col fiume, di utilizzare lo strumento del parco fluviale per ricucire e collegare le realtà presenti sul territorio attraverso una nuova mobilità, di valorizzare nel parco la presenza dell’area archeologica per una riqualificazione urbanistica che doni nuova qualità all’abitare. [...]

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Oliva Ascolana del Piceno DOP

Oliva Ascolana del Piceno DOP | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Il territorio Piceno nell’antichità doveva essere disseminato da ricche piantagioni di olivo, almeno stando a quanto asserisce un autore minore latino nel poema epico “le Puniche”. In quell’epoca bastava dire “olive picenae” per identificare le olive che giungevano a Roma da quella provincia. Plinio le riteneva migliori fra tutte quelle italiane. Non si può pensare che sotto il nome di Picenae si confondessero altre varietà di olive da mensa perché precise testimonianze del Columella, nel suo Trattato di Agricoltura, mettono in luce dieci varietà di olive da tavola fra cui la Picena. [...]

Mariano Pallottini's insight:

Conosciamo meglio la nostra amica Oliva Ascolana. Un patrimonio gastronomico ancora tutto da valorizzare. Avete mai apprezzato un Olio Extravergine di Oliva Monovarietale di Ascolana Tenera dopo una molitura nelle 24h dalla raccolta di olive all'ottimo grado di invaiatura, in impianto continuo, coi sentori di pomodoro e un piccante pronunciato?

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Il Cavallo di Fuoco, spettacolo da non perdere

Il Cavallo di Fuoco, spettacolo da non perdere | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Ai primi del 1800 fu il marchese Filippo Bruti Liberati a descrivere per primo quello storico avvenimento verificatosi per la prima volta il 10 maggio 1682, di cui oggi possiamo vivere ancora, dopo oltre trecentotrenta anni, la rievocazione: stiamo parlando del Cavallo di Fuoco, straordinaria manifestazione che si svolge a Ripatransone nell’Ottava di Pasqua e quindi, quest’anno, il 27 aprile. [...]

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Il Caffè Meletti e la sua storia

Entriamo nel Caffè Meletti, luogo simbolo della vita culturale e sociale di Ascoli Piceno
more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Da Urbino la Ricetta Pasquale

Da Urbino la Ricetta Pasquale | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

In un angolo incontaminato a 12 km da Urbino, caratterizzato da laghetti e alberi secolari, lo Chef Stefano Ciotti propone la sua cucina, da sempre in grado di tramandare tradizione e sapori autentici.
Per Pasqua consiglia Uovo in crosta di pecorino, abbinato al Verdicchio “Vigna delle Oche” – Fattoria San Lorenzo

INGREDIENTI

  • 4 uova bollite per 4 min e raffreddate in acqua
  • gr 200 di pane grattato
  • gr 100 di farina
  • 2 uova sbattute
  • 8 asparagi
  • gr 150 di piselli freschi puliti
  • 2 carciofi
  • 3 cipollotti
  • gr 100 di bietolina fresca
  • gr 100 di pomodori datterini confit


Istruzioni

Mariano Pallottini's insight:

TENUTA Ss. Giacomo e Filippo > URBINO DEI LAGHI Ristorante e Naturalmente Pizza
Via San Giacomo in Foglia 15 – Loc. Pantiere – Urbino - T. 0722 589426 – www.urbinodeilaghi.it 

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Vivere una favola a Urbino

Vivere una favola a Urbino | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Abbazia, tenuta agricola, oasi faunistica, giardino botanico, laghetti, coltivazioni biologiche, maneggio, ippoturismo, bird watching, ma anche cultura e benessere in un Sito di interesse comunitario (SIC) della provincia di Pesaro Urbino, situato nel Montefeltro, ai piedi di Urbino... che dire di più di una delle più belle strutture di accoglienza delle Marche?
Ecco in tutto il suo splendore l’Urbino Resort, miscellanea di tradizione rurale marchigiana, eco sostenibilità, benessere, design, colture biologiche e natura.
Alto esempio di sapiente ristrutturazione per un totale di 32 unità abitative, fra camere e suites, dove i protagonisti indiscussi sono i materiali naturali, sia per gli arredi che per i tessuti decorativi, secondo un appassionato restyling di Interior Design, che caratterizza in modo diverso ogni edificio.[...]

Leggi tutto su Life Marche Magazine

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Giovanni Allevi al Concerto di Pasqua nel Duomo di Orvieto (19 Aprile)

Giovanni Allevi al Concerto di Pasqua nel Duomo di Orvieto (19 Aprile) | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Sabato 19 aprile, in occasione del Festival Orvieto Musica e Cultura 2014, Giovanni è stato invitato ad esibirsi su un palco di eccezionale e suggestiva bellezza: il Duomo di Orvieto

Il concerto si svolgerà il pomeriggio del Sabato Santo (19 aprile), alle ore 17. L'ingresso è gratuito, fino ad esaurimento posti.
more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Anticipazioni dall'edizione 2014 dell'Infinito Wine&Seafood festival di Recanati

Anticipazioni dall'edizione 2014 dell'Infinito Wine&Seafood festival di Recanati | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Conto alla rovescia per l’appuntamento con la kermesse che celebra le eccellenze dell’enogastronomia marchigiana. DALLE VIGNE AL MARE. È questo il tema dell’edizione 2014 dell’Infinito Wine & Seafood Festival che si svolgerà a Recanati sabato 3 e domenica 4 maggio. [...]

Mariano Pallottini's insight:

http://www.infinitowinefestival.it/

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

La Crazy Color Run alla Festa dei Folli 2014

La Crazy Color Run alla Festa dei Folli 2014 | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

I ragazzi del Gruppo Storico “Combusta Revixi” non potevano organizzare la Festa dei Folli senza una grande novità, il 25 aprile ci sarà la Crazy Color Run.

Nel giorno di festa nazionale che ricorda la liberazione della nostra Italia, il pomeriggio sarà incentrato sulla folle e divertente corsa colorata corinaldese, dove tutti i partecipanti seguiranno un percorso di 5 km di corsa, volendo anche a passeggio, intorno le mura del Borgo più Bello d’Italia. La Crazy Color Run è stata pensata e organizzata prendendo spunto dalla celebre Color Run, nata negli USA è una corsa nata per esaltare la felicità, il benessere e la pace, dove tutti i partecipanti non gareggiano per vincere ma per stare insieme in amicizia e in un clima di vera festa.

Alla partenza e durante il percorso i partecipanti si cospargeranno di polveri naturali colorate, il tutto a ritmo di musica e animazione; la corsa si concluderà con la consegna di premi folli e buffet di dolci finale, ad ogni partecipante al momento della iscrizione verrà data una maglietta bianca e un sacchetto di polvere colorata. La Festa dei Folli che inizierà quindi il 25 aprile con la Crazy Color Run, proseguirà poi fino a sabato 26, con la Parata Nazionale della Bandiera Under18, musica, animazione, discoteca, laboratori e giochi per i bambini, stand gastronomici con i nostri piatti tipici e tantissimo divertimento per tutti i gusti. [...]

Mariano Pallottini's insight:

Siete degli sportivi, amanti della fotografia, volete divertirvi e siete un poco folli? Allora la Crazy Color Run di Corinaldo fa per voi

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Il vino cotto marchigiano

Il vino cotto marchigiano | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

La storia del vino cotto inizia nel IV secolo a. C. con i greci che portarono in Italia, oltre alle viti, anche la tecnica per la produzione di questa deliziosa bevanda. Furono comunque i Piceni a rendere famoso questo prodotto enologico… imperatori, papi e nobili romani usavano già degustare questo succulente vino al termine dei loro fastosi banchetti.
Grazie ai contadini ascolani e maceratesi la tecnica della preparazione del vino cotto è rimasta invariata nel tempo e consiste, ancora oggi, nel pigiare il mostro di uve bianche e rosse, farlo poi bollire per circa 10/12 ore in una caldaia di rame con legna a fuoco diretto e metterlo infine in botti di rovere ad invecchiare per almeno due insieme a parte del vino cotto prodotto negli anni precedenti.
Il vino cotto, generalmente consumato come dessert, ha un grado alcolico del 14% circa e può essere dolce o secco. [...]

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Andrea Pazienza in mostra a Roma con "Un segno indelebile"

Andrea Pazienza in mostra a Roma con "Un segno indelebile" | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

E’ stata inauguata venerdì 4 aprile la mostra “Un segno indelebile”, dedicata al celebre disegnatore e fumettista Andrea Pazienza. La mostra è stata allestita presso la galleria dell’Associazione culturale “La Farandola”, nel quartiere di Centocelle a Roma.

Manifesti, scritti, pensieri, schizzi, appunti, video e fotografie, questo il prezioso contenuto della mostra, realizzata grazie al supporto della sorella di Andrea, Mariella Pazienza. Un percorso per parole e  immagini, dall’infanzia fino alla maturità, di uno degli artisti più geniali e controversi della scena underground bolognese del ’77, dove trascorse gran parte della sua gioventù.  [...]

Mariano Pallottini's insight:

Andrea Pazienza è nato a San Benedetto del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, il 23 maggio del 1956, figlio di Enrico Pazienza, professore di educazione artistica, e di Giuliana Di Cretico. Cresce a San Severo, in provincia di Foggia, la città natia del padre. All'età di dodici anni, nel 1968, Pazienza si trasferisce per studio a Pescara, tornando quasi ogni fine settimana a San Severo, dove continua a frequentare gli amici di sempre e a lasciare tracce della sua genialità, tra l'altro realizzando le scenografie di alcuni spettacoli presso il Teatro Verdi. Nella città abruzzese si iscrive al liceo artistico e stringe amicizia con l'autore di fumetti Tanino Liberatore. [wikipedia]

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Urbino, la città ideale del Rinascimento

Urbino, la città ideale del Rinascimento | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Urbino è la città del Rinascimento, non c'è che dire. Il suo centro storico, perfettamente conservato, dal '98 è stato inserito dall'Unesco nel patrimonio dell'Umanità. Situata in collina, nel basso Montefeltro, questa cittadina ha goduto dell'intelligenza, della lungimiranza e della generosità del duca Federico da Montefeltro. Questo straordinario e indimenticato mecenate riuscì a convogliare nel suo ducato, nei 40 anni della sua reggenza, artisti e intellettuali contemporanei rendendo Urbino il fulcro vivace e stimolante della cultura rinascimentale. Ancora oggi, i visitatori passeggiando tra i suoi vicoli, i bastioni, i palazzi, le chiese possono avvertire le atmosfere di metà '400, ammirando un intatto patrimonio architettonico e quell'impianto urbanistico di "città ideale" caro a Federico. Iniziamo il nostro tour? [...]

Mariano Pallottini's insight:
  • Palazzo Ducale
  • Galleria Nazionale delle Marche
  • Scuderie della Data e Rampa elicoidale
  • la Cattedrale
  • Oratorio della Grotta
  • Oratorio della Morte
  • Oratorio di San Giovanni
  • Oratorio di San Giuseppe
  • Casa Santi
  • il camminamento panoramico, da via Bramante a Pian del Monte
  • Chiesa di San Bernardino
more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

La Grotta della Sibilla e l'interpretazione della leggenda

La Grotta della Sibilla e l'interpretazione della leggenda | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Sui monti Sibillini ci sono molti luoghi segnati dalla leggenda delle fate (oltre alla Grotta della Sibilla, ci sono le Fonti delle fate, i Sentieri delle fate e la Strada delle fate) e a Pretare, Ascoli Piceno, ancora oggi, una rappresentazione, la discesa delle fate, custodisce e rievoca la memoria della presenza di queste affascinanti creature. 

Leggete tutto su Life Marche Magazine

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Colmurano, il regno delle ''Paccucce''

Colmurano, il regno delle ''Paccucce'' | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Una tradizione antichissima, riscoperta grazie ad un giovane sindaco di Colmurano. Le ''Paccucce'' sono spicchi di mela, preferibilmente mela rosa, messe ad essiccare al sole o al forno e conservate per l'inverno immerse nella sapa, per essere utilizzate in vario modo, in particolare nella preparazione di dolci e crostate. Da tempo immemorabile gli abitanti di Colmurano sono soprannominati "paccuccià", produttori di paccucce: lo ricorda nei suoi scritti Giovanni Ginobili (1892-1973), studioso delle tradizioni e del folclore marchigiano. L'esperto racconta di un soprannome consolidato nel tempo, il che fa pensare che la tradizione risalga a prima del diciannovesimo secolo. Colmurano ha lanciato una serie di iniziative per ottenere il riconoscimento di Deco per questo prodotto. Un disciplinare è già stato già trasmesso alla Regione Marche, e in questi giorni è allestita una mostra con opere realizzate da artisti locali e studenti. Oltre ai quadri, con ''paccucce'' vere o stilizzate, sono esposti bozzetti di etichette e catenine e orecchini ispirati agli spicchi di mela. La mostra resterà aperta fino al 4 maggio. [...]

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

La marchigianità sul Colosseo. Iniziano a vedersi gli effetti Della Valle

La marchigianità sul Colosseo. Iniziano a vedersi gli effetti Della Valle | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Dicono che quando Russell Crowe vide per la prima volta il Colosseo versione computerizzata in 3D, la voglia di combattere sul serio nell’arena lo colse all’improvviso, irrefrenabile. Scemò nel momento in cui vide quello vero, annerito dai gas di scarico delle auto della più grande rotatoria dell’universo e ferito dall’incuria dei manutentori praticamente assenti. Così, grazie all’amore per la storia (e uno spiccato fiuto affaristico) di Diego Della Valle di Casette d’Ete (uno dei pochi imprenditori italiani a fare shopping all’estero), forse a Russell Crowe tornerà la voglia di combattere nell’arena simbolo dell’Impero Romano.  [...]

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Cesane: Il sentiero 138 ed il villaggio di San Bartolomeo di Gaifa

Cesane: Il sentiero 138 ed il villaggio di San Bartolomeo di Gaifa | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Per la prima escursione di questa stagione, ho deciso di tornare sui dolci e familiari colli delle Cesane, ad esplorare quegl'angoli di foresta e di campagna che ancora mi sono sconosciuti. L'itinerario di questa passeggiata è quindi ricaduto sul versante suo-occidentale di queste colline, dove il bosco si fonde con gli antichi villaggi rurali in un unico ambiente che pare sospeso ed immutabile nel tempo.
Una tiepida domenica piena di sole raggiungo il borgo di San Lazzaro, lungo la statale Flaminia, nel comune di Fossombrone e lascio l'auto in prossimità di un casello ferroviario in disuso. [...]

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Cossignano: Art Walk With Wine

Cossignano: Art Walk With Wine | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Bioculture è un progetto pilota che accompagna e valorizza le storie del nostro territorio, la Regione Marche, e di un consorzio di vitivinicoltori biologici, Terroir Marche, che condivide con noi l´attenzione alla qualità dei processi e dei prodotti, l´ascolto del paesaggio e dell´individuo, la passione e il rispetto per il proprio lavoro. Bioculture comincia cercando artisti che vogliano esplorare e raccontare il nostro territorio in una residenza artistica nomade. Per saperne di più vai alla Call for artists!
Bioculture propone una residenza d´artista nomade per raccontare l´entroterra marchigiano - le sue persone, la sua cultura e il suo ambiente rurale - attraverso lo sguardo di cinque artisti under 35, di cui quattro residenti o domiciliati nella Regione Marche e uno residente o domiciliato in Gran Bretagna. Gli artisti sono invitati a presentare progetti che esplorino il territorio attraverso le performing arts, le arti visive e multimediali, la fotografia, la musica e il paesaggio sonoro, l´arte pubblica e relazionale. Gli artisti selezionati parteciperanno, a settembre 2014, ad una camminata di venti giorni tra i sentieri più o meno battuti della Regione per sviluppare il progetto selezionato.

Scadenza per la presentazione di progetti: 8 giugno
Compenso per ciascun artista: 2000 euro + spese di viaggio, vitto e alloggio

Scarica e leggi il bando per partecipare!

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Palazzo Sgariglia Ascoli - Fondo HS Italia Centrale

Palazzo Sgariglia Ascoli - Fondo HS Italia Centrale | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Il progetto Palazzo Sgariglia firmato dal Fondo HS Italia Centrale prevede il recupero del noto edificio storico “Palazzo Sgariglia”, ubicato in corso Mazzini in pieno centro.
Abbandonato da anni e in stato di avanzato degrado, il palazzo cinquecentesco tornerà a nuova vita grazie a un intervento di social housing che permetterà di offrire a famiglie e studenti 24 alloggi a canone calmierato.
Un restauro intelligente per rivitalizzare un edificio storico e consegnare ad Ascoli un nuovo polo di iniziative in pieno centro, attraverso una rifunzionalizzazione abitativa e la promozione di attività commerciali e spazi di aggregazione.
Il progetto è destinato a:
Giovani coppie Studenti e/o giovani
Come partecipare:
In prossimità della fine dei lavori verranno definite le modalità e i criteri di assegnazione degli alloggi. 
I tempi e le modalità di assegnazione verranno comunicate anche sul sito internet del Fondo HS Italia Centrale, sulla pagina Facebook e sul profilo Twitter.
I tempi del cantiere:
22 mesi circa dall’inizio del cantiere.

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

La ex casa del balilla di Civitanova Marche, tassello futurista tra la città ed il mare

La ex casa del balilla di Civitanova Marche, tassello futurista tra la città ed il mare | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

La Biblioteca Comunale “Silvio Zavatti” di Civitanova Marche è ospitata dal 1998 nella ex Casa del Balilla, edificio di notevole interesse storico sia perché può vantare come paternità la genialità di Adalberto Libera (1903-1963), massimo esponente del Movimento Italiano per l’Architettura Razionale, sia perché si colloca in uno dei periodi più prolifici e rivoluzionari della storia dell’architettura italiana ed europea.
Anche alle Marche fu destinata una buona percentuale della spesa nazionale che Mussolini aveva stanziato nel ventennio fascista per la costruzione di opere pubbliche, e tra gli edifici che restano oggi a testimonianza di tali iniziative spicca sicuramente quello di Civitanova Marche.
Il Ministero dell’ Educazione Nazionale incarica l’allora già affermato architetto Adalberto Libera di progettare la casa del Balilla per Civitanova Marche. L’edificio, inaugurato nel 1935, è progettato secondo i nuovi principi dell’architettura razionale, diffusa in Italia dal Gruppo 7, di cui Libera faceva parte a partire dal 1927. [...]

Mariano Pallottini's insight:

Architettura razionale del periodo Fascista, esempi di architettura "Italiana" nelle Marche... Leggete tutto su Life Marche Magazine

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Comunicazione delle Marche in Cina | il Summer Jamboree 2013 di Senigallia sulla rivista Fashion World

Comunicazione delle Marche in Cina |  il Summer Jamboree 2013 di Senigallia sulla rivista Fashion World | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

La rivista mensile cinese Fashion World (Shenzhen) ha pubblicato un ampio reportage sul Summer Jamboree 2013, con richiamo in copertina che è uscito nell’autunno scorso. [...]

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Spirito Marche: Le Marche terra di Elisir, Liquori e Distillati

Spirito Marche: Le Marche terra di Elisir, Liquori e Distillati | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Abbiamo conosciuto le Marche come terra di calzature, terra di mobili di qualità, terra di yacht super-lusso, terra di vini straordinari, non molti sanno però che le Marche sono terra di distillatori e produttori di liquori capaci di conquistare tutti i mercati per la qualità dei prodotti.

Da sud a nord ecco le aziende più conosciute:

Meletti - Ascoli Piceno AP

Fabbrica Liquori Carsetti - Camerino MC

Varnelli - Muccia MC

Liquori Baldoni - Ancona AN

Marasco Liquori - Corinaldo AN

Tenute Collesi - Apecchio PU

Giuliano Berloni - Tavernelle di Serrungarina PU

Major Liquori - Acqualagna PU

Vediamo ora i prodotti.

Fra quelli tradizionali abbiamo i liquori a base d'anice come il Mistrà (liquore secco ottenuto dalla distillazione dei semi di anice verde e anice stellato con lontanissime origini Greche) e l'Anisetta (distillato di semi di anice e altri aromi naturali provenienti dal territorio Piceno, prodotto secondo l’originale ricetta creata nel lontano 1870 dal Cav. Silvio Meletti), l'Archermes (elisir molto usato da tempo nelle Marche ma con lontane origini Toscane a base di acido carminico estratto da un particolare tipo di cocciniglia), il liquore al caffè (che ha le sue origini nel XIX° secolo nella regione Marche ed in particolare nella città di Ancona), ma anche il vino di visciole.

Sono specialità Marchigiane riscoperte e prodotte nuovamente il Liquor d'Ulivi (a base di foglie e corteccia di ulivo) e il Liquore di Moretta Fanese (una miscela di caffè, anice, rum e brandy, approssimativamente in parti uguali, la dolce, calda sferzata dei marinai fanesi)

Poi ci sono tutta una serie di produzioni meno tradizionali ma storiche come la Sambuca, il Maraschino, liquore d'assenzio o le grappe prodotte da moltissimo tempo sul territorio, oggi disponibili nelle varianti che portano il nome dei vitigni tipici delle Marche: Grappa di Lacrima, Grappa di Bianchello, Grappa di Verdicchio

Molti sono gli amari ottenuti mediante macerazione di numerose erbe aromatiche che crescono spontanee sulle colline marchigiane.

Di storico, ampio e diffuso uso invernale sono i Punch e i Rhum.

A parte il limoncino, spulciando fra i siti forniti sopra troverete tutta una serie di liquori (o creme liquorose), curiosi per il territorio come: vodka, vodka frutti, liquore alla liquirizia, alla banana, all'arancia, al mandarino, amaretto, pistacchino, amaro tartufo e miele, crema whisky, cioccolato, gin, Liquore di pesche invecchiato oltre 30 anni, acquavite di ciliegia visciola, cioccolato bianco, cioccolato alla cannella, cioccolato al peperoncino, cioccolato al tartufo, meloncino, crema di melone.

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Storia dell'Ancona Calcio

Storia dell'Ancona Calcio | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

L’Unione Sportiva Anconitana nacque nel marzo del 1905 in un magazzino dello storico teatro cittadino “delle Muse”. Come accadde quasi dovunque, furono i marinai inglesi che giungevano nel porto marchigiano ad introdurre il gioco del calcio, o meglio del football, praticandolo sul molo e sfidando la gente del posto. Determinante, poi, per lo sviluppo dell’attività calcistica ad Ancona, fu il giovane Pietro Recchi, che, recatosi in Inghilterra per motivi lavorativi, tornò in città conundici casacche rosse. Il ragazzo, infatti, aveva assistito, innamorandosene, ad una partita del Liverpool e aveva deciso di acquistare le stesse divise che avrebbero dovuto vestire la squadra della sua città. I primi incontri erano, come anticipato, delle sfide fra l’Anconitana e i marinai inglesi. La prima partita di cui si ha memoria, risale al 19 febbraio 1911: avversari dei marchigiani furoni i marinai inglesi del piroscafo Britannia (l’incontro si concluse in parità). [...]

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Tra kebab e sogni di etnopower a Senigallia

Tra kebab e sogni di etnopower a Senigallia | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Islam Shafiqul ispira subito simpatia. E’ un giovanotto del Bangladesh di 31 anni, gli ultimi 8 dei quali passati a Senigallia. Dopo svariati lavori e lavoretti come operaio da poco ha deciso di fare il salto mettendosi in proprio con una kebabberia. Nel video che segue ci racconta della sua personale scalata sociale. Del suo piccolo sogno che si sta realizzando. Nulla di clamoroso, per carità. Non è certo questo uno di quei casi di imberbi divenuti miliardari dall’oggi all’indomani inventandosi una “app.”. I sogni hollywodiani lasciamoli al grande schermo. L’etnopower è un processo di lungo respiro, non è proibito sognare, ma i sogni, prima di farli librare, meglio passarli al vaglio di un sano pragmatismo.
Anche un po’ di leggerezza e d’ironia non guastano.

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Palazzo Buonaccorsi a Macerata

Palazzo Buonaccorsi a Macerata | Le Marche un'altra Italia | Scoop.it

Un palazzo come il settecentesco Buonaccorsi, alle porte del centro storico, proprietà del Comune dal 1967 e sede dell’Accademia di Belle Arti fino al 1997. Oggi ospita il Museo della Carrozza (aperto a dicembre 2009) e la raccolta d’arte antica e moderna.
Il piano nobile propone la raccolta di arte antica attraverso un percorso ordinato cronologicamente, a partire dalle testimonianze artistiche quattrocentesche, tra cui l’opera più nota della collezione, la Madonna con bambino di Carlo Crivelli. Le sale ospitano altre opere di grande pregio, tra cui quelle di Giovanbattista Salvi, Michele Rocca detto il Parmigiano, Domenico Corvi, Alessandro Turchi l’Orbetto, Federico Zuccari e molti altri. [...]

more...
No comment yet.
Scooped by Mariano Pallottini
Scoop.it!

Turba - Il racconto di una passione

Quando in Cantiano, cittadina dell'alto Pesarese, l'ombra dei monti si fa meno cupa, i venti spirano più leggeri e il clima perde l'asprezza invernale; quando dai "focaroni" accesi l'essenza del ginepro odora la sera e l'assiolo fa udire il suo richiamo regolare e profondo di tra i rami appena indorati dei pioppi; quando si fanno turgide e brillano al sole le gemme degli ippocastani e tutto annuncia l'inizio della primavera, la gente, obbedendo ad un misterioso richiamo, si scuote, si cerca, si aduna, discute a lungo e decide: è ora di agire, è tempo di Turba. (Dante Bianchi)

more...
No comment yet.