Italy Italia
54 views | +0 today
Follow
Italy Italia
Best place for me.
Curated by Anna Molino
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Rescooped by Anna Molino from Italia Mia
Scoop.it!

From Dubai to Italy: a travel diary of new tourists

From Dubai to Italy: a travel diary of new tourists | Italy Italia | Scoop.it

: With the Dubai summer exodus well underway, we packed our bags and headed west to Italy for a couple of weeks. We’d hired a car and would be travelling from north to south, starting off in Milan and finishing up in Rome, taking in the Lakes, a wedding, Maranello, Bologna, Florence, and Pisa in between. [...]


Via Mariano Pallottini
more...
No comment yet.
Scooped by Anna Molino
Scoop.it!

Rome Travel Guide: Pizza making - A People Shaped Travel video by Expedia.co.uk

Rome is one of the food capitals of the world and home to self proclaimed 'street artist', Gabriele Bonci who has re-invented the pizza. In this episode of h...
more...
No comment yet.
Rescooped by Anna Molino from Le Marche un'altra Italia
Scoop.it!

La prova del cuoco - Piemonte vs Marche

Matteo Sormani e Ivan Konstanciuk - colleghi della locanda "Walser Schtuba"- Formazza (Verbania)

"riso al latte e castagne affumicate ai chiodi di garofano"""patata rosa farcita allo zigher e guanciale croccante" 

Contro 
Le Sorelle Mascia Luciani e Natascia Luciani del  Ristorante "Jolly" di Sant'Elpidio a Mare in provincia du Fermo nelle Marche

stracciatella in brodo di capponefritto misto all'ascolana
Via Mariano Pallottini
more...
Mariano Pallottini's curator insight, December 20, 2012 6:19 PM

http://www.jollyristorante.com/ 

Giacomo Nigro's curator insight, December 22, 2012 2:53 AM

Il mio Piemonte contro la regione che mi piace per le mie vacanze! La cucina italiana vince dovunque!

Rescooped by Anna Molino from Vivere in Italia
Scoop.it!

Sua Maestà la Polenta Bianca di Ormea

Sua Maestà la Polenta Bianca di Ormea | Italy Italia | Scoop.it

Detta anche polenta saracena, la polenta bianca è un piatto tradizionale di Ormea, comune in provincia di Cuneo che si trova in Alta Val Tanaro, al confine tra il Piemonte e la Liguria di ponente. La polenta bianca è un piatto povero fatto di patate e farina di grano saraceno.
Le patate sono un alimento fondamentale nella cucina locale: infatti la “patata di Ormea” è un prodotto unico per sapore e consistenza poiché risente positivamente della coltivazione ad alta quota grazie anche a un terreno particolarmente idoneo. L’impiego del grano saraceno, invece, deve le sue origini al passaggio dei saraceni nel X secolo.
La preparazione di questo piatto è piuttosto semplice: bisogna pelare le patate, metterle in una pentola con acqua fredda, fino a coprirle di un centimetro, salare. A questo punto distribuire la farina sull’acqua, lasciando un buco in mezzo che fungerà da camino durante la cottura. Portare a ebollizione per trenta minuti coprendo ma lasciando il coperchio leggermente sollevato, altrimenti è un disastro sui fuochi… io ve lo dico!
Quando le patate saranno cotte, quasi sfatte, amalgamatele con la farina, nella loro acqua di cottura. Per la realizzazione di questo piatto servirebbe il pistun, un pestello grosso di legno ma, se come me non lo avete, un normalissimo schiacciapatate andrà benissimo lo stesso. Alla fine dovrà risultare un impasto omogeneo, senza grumi, molto simile alla polenta tradizionale.
La polenta saracena viene poi condita con un sugo a base di porri soffritti in olio e burro, fino a che diventano morbidi e trasparenti, ai quali si aggiungono i funghi porcini secchi fatti precedentemente rinvenire nell’acqua, latte alla bisogna, e panna per terminare la cottura. Aggiustare di sale e pepe e tenere in caldo fino all’ultimo.
La tradizione vuole che la polenta venga rovesciata su un tagliere e tagliata a fette con il filo, poi su ogni fetta distribuito il Parmigiano Reggiano e infine il sugo di porri e funghi a innaffiare il piatto. Mia nonna invece la serve a cucchiaiate, direttamente nel piatto, schiacciandole per distribuirla meglio, in modo che si formino le irregolarità e tutte quelle conchette che, secondo noi, raccolgono meglio il sugo. Oppure potete aiutarvi con un anello coppapasta (leggermente oliato per sformarla meglio) e servirla a forma di tortino o di torretta.

Leggi tutto


Via Mariano Pallottini
more...
No comment yet.
Rescooped by Anna Molino from www.consulenteturisticolocale.it
Scoop.it!

Turismo enogastronomico di montagna in Piemonte: integrazione tra cibo e territorio

Turismo enogastronomico di montagna in Piemonte: integrazione tra cibo e territorio | Italy Italia | Scoop.it

Via Luca Marcelli
more...
Luca Marcelli's curator insight, April 8, 2013 2:39 PM

Valorizzare l’autenticità gastronomica del territorio montano, creare un collegamento stretto con l’innovazione e promuoverla nel modo giusto: è questa la chiave per venire incontro alle nuove esigenze del turismo di montagna? La Tavola Rotonda organizzata da Uncem Piemonte, Unione Nazionale Comuni, Comunità ed Enti montani e da Contesti Turistici il 16 aprile 2013 a Torino, presso la sede dell’Uncem, in Via Gaudenzio Ferrari, 2, su “I prodotti alimentari e l’enogastronomia sono una leva per lo sviluppo turistico montano?” offrirà spunti importanti su come il cibo e il vino possano essere fattori trainanti e motivazioni sostanziali per un turista che si avvicina ai territori di montagna. Il Piemonte delle Comunità montane, ricco di bellezze paesaggistiche e straordinarie tipicità alimentari, può, attraverso il prodotto enogastronomico, diventare un territorio in grado di attirare turismo?

Rescooped by Anna Molino from La Cucina Italiana - De Italiaanse Keuken - The Italian Kitchen
Scoop.it!

fratello & sorella - Pasta al pesto – pasta met pesto

fratello & sorella - Pasta al pesto – pasta met pesto | Italy Italia | Scoop.it

Zelf pesto maken is helemaal niet moeilijk en veel lekkerder dan wat je in een potje koopt. Je moet alleen wel verse basilicum kunnen vinden. Pesto is een gerecht uit de regio Ligurie, in het noorden van Italie met als hoofdstad het schitterende Genua. Donata, de zus van Anna, woont in die streek en is expert op het gebied van pesto. Haar tip is: Maak een heleboel pesto maar zonder het ingrediënt Parmezaanse kaas. De andere ingrediënten bederven minder snel en kunnen zonder problemen in de ijskast worden bewaard. Als je een hoeveelheid pesto wilt gebruiken neem dan uit de voorraadpot wat je nodig hebt en voeg er op het laatste moment de kaas bij.


Via Good Things From Italy
more...
No comment yet.
Scooped by Anna Molino
Scoop.it!

Fazio: "Fico è brutto". E scatta l'unico applauso della serata!

Fabio Fazio invita Roberto Fico a "Che Tempo Che Fa". Dire che l'informazione in questo Paese fa schifo a chi l'ha fatta per decenni è come entrare in una bi...
more...
No comment yet.
Scooped by Anna Molino
Scoop.it!

Recensioni prodotti italiani – La Pasta secca di Benedetto Cavalieri - Il Fatto Quotidiano

Recensioni prodotti italiani – La Pasta secca di Benedetto Cavalieri - Il Fatto Quotidiano | Italy Italia | Scoop.it
Il Fatto Quotidiano
Recensioni prodotti italiani – La Pasta secca di Benedetto Cavalieri
Il Fatto Quotidiano
«Perché su alcuni vostri pacchi di pasta si legge che quantità di proteine è solo di 12,5 gr/ 100 gr?
more...
No comment yet.
Rescooped by Anna Molino from Finanza, reti e internazionalizzazione per PMI
Scoop.it!

Piemonte: Piano Verde 2013, contributi in arrivo per le Pmi agricole

Piemonte: Piano Verde 2013, contributi in arrivo per le Pmi agricole | Italy Italia | Scoop.it
La Regione Piemonte approva il Piano Verde 2013, il programma per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti contratti da imprenditori agricoli, singoli o associati, e dalle cooperative agricole per esigenze di conduzione aziendale.

Via Cinzia Coppola
more...
No comment yet.
Rescooped by Anna Molino from Vivere in Italia
Scoop.it!

Turismo del vino: Toscana ai vertici, ma la Sicilia è la regione più sognata

Turismo del vino: Toscana ai vertici, ma la Sicilia è la regione più sognata | Italy Italia | Scoop.it

Il risultato della prima tranche del sondaggio effettuato dal Movimento Turistico Vino e presentato nel corso di Vinitaly: 'Vota le destinazioni turistiche del cuore'.
Con il 21 per cento delle preferenze la Toscana si piazza al primo posto tra le regioni vitivinicole più gettonate. Seguono la Puglia con il 14 per cento e il Piemonte con l'11, favorito per il vino e i pacchetti all'insegna di enogastronomia e benessere.
Quarta la Campania, con il 10 per cento, che conquista la postazione anche sull'onda del successo dei suoi vini nella top 100 di Robert Parker.
Più a Sud, invece, la Sicilia avanza e si afferma come la meta più sognata (18 per cento) in cui gli enoappassionati desiderano andare al più presto.

Leggi Tutto


Via Mariano Pallottini
more...
No comment yet.
Rescooped by Anna Molino from La Cucina Italiana - De Italiaanse Keuken - The Italian Kitchen
Scoop.it!

Week 15: Bollito misto uit Lombardije - De Smaak van Italië

Week 15: Bollito misto uit Lombardije - De Smaak van Italië | Italy Italia | Scoop.it

De keuken van Lombardia wordt gekenmerkt door voedzame gerechten, zoals het geval is bij alle keukens uit het noorden van Italië. Deze bollito misto is een waar genot voor de liefhebber van vlees. Je kan flink variëren met de vleessoorten. In Lombardia gebruiken ze allerlei soorten en dan ook nog eens bijna alle delen van de dieren. Je kan het simpeler houden en de bollito misto zelfs helemaal aanpassen aan je eigen wensen.


Via Good Things From Italy
more...
No comment yet.
Rescooped by Anna Molino from Le Marche un'altra Italia
Scoop.it!

Santuari nelle Marche

Santuari nelle Marche | Italy Italia | Scoop.it

Monastero Di Fonte Avellana
Le sue origini risalgono alla fine del primo millennio e sono strettamente legate alla storia della congregazione dei Camaldolesi. L'eremo fu forse fondato da san Romualdo nel 980. Notevole impulso diede all'abbazia l'opera di san Pier Damiani, che qui divenne monaco nel 1035 e Priore dal 1043, non solo per l'ampliamento delle costruzioni originarie ma anche per un forte sviluppo culturale e spirituale che fece dell'eremo un punto riferimento religioso e sociale.La tradizione riporta il numero di 76 santi e beati vissuti nell'eremo. L'Eremo viene citato nella Divina Commedia (Paradiso, canto XXI) da Dante Alighieri, il quale sembra che ne sia stato anche ospite.
Santuario Beato Benedetto
Il Convento fu edificato nel XV secolo. Vi visse a lungo e vi morì Marco Passionei, che prese il nome di Frà Benedetto da Urbino. Attualmente è luogo di spiritualità sia per i pellegrinaggi alla tomba del Beato, sia per i ritiri religiosi che vi vengono organizzati. Il complesso conventuale e la Chiesa sono stati restaurati recentemente. Vi si conservano alcune opere d'arte di un certo pregio. Nella Cappella di sinistra sono custodite le reliquie del Beato Benedetto Passionei.
Santuario Della Madonna Del Pianto
Il Santuario della Madonna del Pianto si trova nella Basilica di S.Angelo in Vado, sorto per un voto fatto nel 1855, quando in città imperversava il colera. Fatto il voto iniziò la costruzione che durò quasi trent'anni: il Santuario fu inaugurato l'8 settembre 1885.
Santuario Della Madonna Della Rosa
La festività dell'Incoronazione si tiene il 1 settembre . Apertura del Santuario ore 7-12 e 15-18. Il Santuario Madonna della Rosa si trova in via Madonna della Rosa, 18 60010 OSTRA Tel.071.68027 (diocesi di Senigallia). COME SI RAGGIUNGE In auto: autostrada A14 Ancona-Pesaro, uscita a Senigallia, poi SS360, a Pongelli deviazione per Ostra. In Treno: linea Ancona-Pesaro, stazione di Senigallia, poi pullman.
Santuario Della Santa Casa Di Loreto
Il Santuario della Santa Casa a Loreto, in provincia di Ancona, è un luogo sacro molto conosciuto, meta di numerosi pellegrini da tutto il mondo. Al suo interno, infatti, si trova la Santa Casa della Vergine, dove Maria ricevette l'Annunciazione.
Santuario Madonna Del Soccorso
Il Santuario sorge isolato su un altopiano tra il Monte Ercole e S.Agata sull'antico percorso della strada che da Sarsina per S.Agata portava a Perticara e Rimini. Anticamente nel luogo sorgeva una Celletta dedicata alla Vergine, ed era detta la località "Serra della Sconfitta", perché qui gli agatensi avrebbero, col soccorso della Vergine, ricacciato e sconfitto un esercito di invasori. Da qui anche il nome "Madonna del Soccorso".
Santuario Madonna Della Quercia
Il Convento dei Passionisti di Morrovalle sorge seminascosto tra il verde delel querce e degli ulivi, nella pace della collina marchigiana, nella vallata del Chienti. Fu un illustre cittadino di Morrovalle, Alessandro Collaterale, che verso il 1650 fece dipingere su tela l'immagine di Maria che, posta sul tronco di una quercia, sostiene amabilmente il Bambino Gesù.
Santuario Madonna Delle Grazie
La storia del santuario di S. Maria delle Grazie di Pesaro iniziò durante il dominio di Alessandro Sforza. Di fronte al mare, fra la Porta del Sale ela Porta Fanestra, nelle vicinanze della Rocca, c'era un'antica chiesa dedicata a S. Marco evangelista. In questa chiesa, già prima del 1478, era venerata un'immagine della Madonna dipinta su tavola, la "beata Vergine Maria delle Grazie di Pesaro".
Santuario Santa Maria A Mare
Antica e prodigiosa è la storia di S.Maria a Mare. Verso il 1100 esisteva già una Chiesa, fondata dagli Agostiniani, che fu devastata e più volte saccheggiata dai pirati che provenivano dall'Adriatico. Verso il 1400 fu trasformata e completata con l'edificazione del Convento. Il culto si diffuse però soprattutto nel 1630 quando, in seguito ad una terribile pestilenza, i fermani ricorsero alla protezione della Madonna, chiamata "Stella Maris".


Via Mariano Pallottini
more...
No comment yet.