Il gioco d’azzardo: uscirne è possibile | Fidélitas | Scoop.it
Per molte persone il gioco si configura inizialmente come un passatempo per socializzare e divertirsi con altri, riuscendo con coscienza a capire quando è il momento di fermarsi. Quando invece si passa alla fase del gioco compulsivo addirittura d’azzardo, non si è più in grado di controllare i propri comportamenti ed il gioco diventa un bisogno irrefrenabile e incontrollabile. La conseguenza è che quando si perde, si innesca il meccanismo psicologico di voler ritentare per recuperare i soldi persi; mentre se si vince si ha la scusa che quello è il giorno fortunato e pertanto bisogna approfittarne fino a rischiare di perdere tutto a fine giocata. Il gioco diventa una malattia, un problema per i familiari del giocatore, che costantemente sotto stress devono controllarlo e pedinarlo per cercare di fargli togliere questo brutto vizio. Tutto ciò è difficile da gestire, ma è possibile ricorrere a persone esterne, che ispezionano i comportamenti e le abitudini del familiare giocatore. 

 Informazioni commerciali e Investigazioni private: www.fdfidelitas.com Agenzia investigazioni Salerno: www.fdfidelitas.it