Fashion Model Innovation
79 views | +0 today
Follow
Fashion Model Innovation
Nuovi modi di vedere la moda
Curated by Jacopo Ficarra
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

Export e innovazione, i ricavi delle start up accelerano del 35%

Export e innovazione, i ricavi delle start up accelerano del 35% | Fashion Model Innovation | Scoop.it
Le start up ad alta tecnologia che hanno saputo investire in innovazione di prodotto e sui mercati esteri hanno visto crescere i ricavi del 35% nel
Jacopo Ficarra's insight:

Le start up ad alta tecnologia che hanno saputo investire in innovazione di prodotto e sui mercati esteri hanno visto crescere i ricavi del 35% nel periodo 2007-2010 e reagiscono meglio alla crisi anche oggi. L'analisi è stata condotta dall'Osservatorio "Rita" del Politecnico di Milano. Le imprese che non hanno adottato nessuna delle due strategie hanno perso invece oltre l'8% del business.

more...
No comment yet.
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

Social Commerce: l’ultima frontiera della multicanalità

Social Commerce: l’ultima frontiera della multicanalità | Fashion Model Innovation | Scoop.it
Social Commerce: l’ultima frontiera della multicanalità. Cos'è il social commerce.
more...
No comment yet.
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

Federconsumatori: calano del 16% le vendite natalizie di moda

Federconsumatori: calano del 16% le vendite natalizie di moda | Fashion Model Innovation | Scoop.it

Federconsumatori: calano del 16% le vendite natalizie di moda.

Quest’anno gli acquisti per le festività natalizie di abbigliamento e calzature caleranno del 16% rispetto al 2011. Lo afferma l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, che ha elaborato le risposte del proprio campione (dislocato al Nord, Centro e Sud Italia, nelle piccole e grandi città) in merito alle intenzioni di shopping in vista del Natale 2012.

I risultati del sondaggio sono negativi: la spesa totale delle famiglie si attesterà sui 3,5-3,8 miliardi di euro, con una flessione dell’11-12% rispetto allo scorso anno. Pertanto il budget medio per nucleo si attesterà sui 148 euro circa. Non si potrà stanziare di più per i regali, considerata la riduzione del potere di acquisto delle famiglie italiane, stimata da Federconsumatori in un -13,2% dal 2008.

Altri settori, oltre la moda, subiscono le conseguenze dalla contrazione dei consumi: mobili, arredamento ed elettrodomestici risultano in calo del 26% questo Natale, il turismo del 9%, il settore della profumeria e della cura alla persona dell’8%. Arretrano anche giocattoli ed elettronica di consumo, entrambi -3%. Per il food si spenderà l’1% in meno, mentre a sorpresa si mantiene sugli stessi livelli dello scorso anno l’editoria, ossia libri e cd.

Elena Azzola

more...
No comment yet.
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

Ecco iKnowBrainer il brainstorming mobile

Ecco iKnowBrainer il brainstorming mobile | Fashion Model Innovation | Scoop.it

The iKnowBrainer app for iPhone and iPod is a powerful, proven brainstorming tool that has an excellent pedigree - the award winning KnowBrainer card deck, which is now in its fifth edition. This app incorporates all of the content from the physical version, and adds some cool new capabilities, too.

The iKnowBrainer presents the user with hundreds of proven questions, words, quotes and images for inspiration. But these are not random stimuli; they have been vetted by developer Gerald Haman, the president of SolutionPeople, as the stimuli most likely to generate creative ideas.

What also makes the iKnowBrainer unique is that it utilizes a proven four-step ideation process that helps you to clearly define your problem or challenge, develop potential ideas to solve it, evaluate them and put the winning ideas into action. It's much more than a random word generator, which is what most idea-generation apps are today. Each of the four stages is represented by 10 questions to stimulate answers, 10 nouns to suggest what we should know, 10 verbs to suggest how we should think, five quotes for inspiration and five images to spark your imagination.

How it works

When you first open the iKnowBrainer, you are presented with a screen that asks if you want to start a new ideation project or return to the one you were working on. If you start a new project, the app prompts you with three potential ideation methods:

Manual, where you select one or more cards you want to use for brainstorming. You can scroll through the cards, one at a time, by swiping your finger to flip from one card to the next by using the navigation bar at the bottom of the screen - which can jump you between the four stages as well.
Automatic, where the app walks you through the cards, one at a time, "playing" them (you can pause the progression of stimuli if you want to focus on one).
Shuffle, where the app displays cards at random.
I experimented with all three brainstorming modes, but discovered that both automatic and shuffle seem to function the same. Shuffle is supposed to offer random stimuli, but it just walks you through the cards in order, just like automatic mode does. Perhaps this bug will be fixed in a future version.

To use the iKnowBrainer, you need to have a specific challenge or problem that you want to solve, and some way to record the ideas you generate from using it - either pen and paper or another text-based app. You cannot store ideas within this app.

Options for sharing the iKnowBrainer's stimuli

The iKnowBrainer enables you to share cards that inspire you with others; you can send the contents of individual cards via e-mail, Facebook, Twitter and LinkedIn. The e-mail option simply opens the e-mail app on the iPhone and copies and pastes the wording from the card ("What should people THINK?" for example) into the body of the message.

When I tried to send the contents of a card to Facebook, the iKnowBrainer first asked me to connect with Facebook, but then gave me an error message. Twitter is ideally suited to sharing the contents of iKnowBrainer cards; the stimuli in the iKnowBrainer are very brief, which makes them fit very well within the popular social media platform's 140-character limit. The LinkedIn integration works in a similar way: The content of the card is replicated as text in a status update, along with the name of its source and the app's URL.

I'm not sure how much I would actually use the social media sharing capabilities, but the e-mail integration could come in very useful if you want to inspire your team member with a brainstorming prompt of the day or if you're trying to get them moving on generating ideas for a new project.

Conclusion

If you've read InnovationTools.com for any length of time, you know that I've long been a fan of the KnowBrainer. It's unique among creativity tools because its content has been refined by Haman over time, through extensive research. This app isn't just a random collection of stimuli. It is a well-refined business tool that is based on Haman's ongoing research. It's also unique because of the variety of stimuli it offers. It's not just a random word generator, but also provides questions, quotes and images to help jump-start your creative muse.

It has been a real treat to see the KnowBrainer transition to the iPhone platform, and to see the new capabilities it has picked up along the way. I especially like the sharing capability - I just wish it worked better.

The iKnowBrainer isn't cheap; at US$99, it's the most expensive brainstorming tool in the Apple AppStore. But I believe you get what you pay for. A lot of thought has gone into creating and refining this ideation platform, and ensuring that it will generate high-value ideas. I'm confident you'll be able to use it to develop ideas that are worth many times what you have invested in it.

more...
No comment yet.
Rescooped by Jacopo Ficarra from News from Fashion
Scoop.it!

H&M, anche il low cost segna meno nel trimestre

H&M, anche il low cost segna meno nel trimestre | Fashion Model Innovation | Scoop.it
H&M - I negozi del colosso svedese dell'abbigliamento low cost, H&M, risentono della crisi, e frenano ancora nell'ultimo quarto dell'anno...
more...
Jacopo Ficarra's curator insight, December 17, 2012 8:11 AM

I negozi del colosso svedese dell’abbigliamento low cost, H&M, risentono della crisi, e frenano ancora nell’ultimo quarto dell’anno. Nel 2011, i tre mesi settembre novembre avevano chiuso con vendite in calo del 3 per cento. Quest’anno, lo stesso trimestre ha registrato un calo dell’1%, più contenuto ma sempre inaspettato e indicativo per questo tipo di insegna.

Il periodo dal 1 settembre al 30 novembre 2012, invece, le vendite tornano in positivo considerando i numerosi negozi che si sono aggiunti nel corso dell’anno: le vendite in questo modo hanno segnato un +9%. Nel 2011, infatti, i negozi erano 2.472, oggi sono 2.776.

Il solo mese di novembre ha segnato un -1% a perimetro costante ma un +7% a parametri correnti.

In valore il trimestre, inclusa l’Iva, ha raggiunto 37,928 miliardi di corone svedesi (4,3 miliardi di euro) rispetto ai 36,191 miliardi dello stesso periodo del 2011. Esclusa l’Iva le cifre si attestano a 32,497 miliardi di corone rispetto ai 30,952 miliardi del 2011.

Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

Quando le PMI giudicano le banche

Quando le PMI giudicano le banche | Fashion Model Innovation | Scoop.it

Quando le PMI giudicano le banche

 

Lo hanno sempre fatto, ma mai come oggi le banche fanno pesare il loro giudizio sulle piccole e medie imprese. Un giudizio che determina la volontà di continuare a concedere credito, la quantità del credito, la durata e le garanzie necessarie per averlo. Un giudizio che, ribadito mille volte, si sintetizza in un numero o un codice che esprime la valutazione del modello di rating usato dalla banca. In questo senso il manico del coltello sta sempre dalla parte del fornitore (di credito) e sembra rovesciarsi soltanto quando la situazione è compromessa al punto che il problema è della banca che deve recuperare con fatica il credito concesso.

Come tutti i fornitori di servizi anche le banche dovrebbero imparare a farsi giudicare dalle imprese per capire cosa va bene e cosa dovrebbe cambiare. Non è che non ci siano gli strumenti, sono molte le banche che fanno indagini presso i propri clienti sulla loro soddisfazione, ma sono troppe quelle che non vogliono guardare in faccia i risultati e tirano conclusioni affrettate gettandosi alle spalle un prezioso investimento per evitare di cambiare. Unicredit è una delle banche italiane che per prima ha dato un senso e un valore alla customer satisfaction, spende molti denari in indagini annuali e cerca di inserire il grado di soddisfazione dei clienti anche nei sistemi premianti del suo personale. E’ così trasparente da pubblicare i risultati di alcune indagini e renderle disponibili a tutti. Lo ha fatto anche nella sua recente pubblicazione focalizzata su micro e piccole imprese, l’Osservatorio Piccole Imprese 2012. Non si è messa completamente a nudo pubblicando i dati della ricerca su cosa pensano le PMI delle banche, i dati sono riferiti al sistema bancario, non a Unicredit, ma sono dati comunque interessanti per osservare quanto ancora sia lontano il modello di servizio verso le PMI da un livello accettabile.

Vi mostro alcune delle tavole contenute nel rapporto:

Soddisfazione sui servizi bancari

Sono solo 2 su 10 le piccole e medie imprese che giudicano positivamente i servizi offerti dalle banche. La definizione ‘normali’ non può appartenere, qualsiasi sia la scala, a livelli di eccellenza e soddisfazione e inoltre tra il 30% e il 40% da un giudizio completamente negativo. Cominciamo a dire che non esistono altri settori, ad eccezione di quello assicurativo, con questi tassi così elevati di insoddisfazione.

La concessione di credito
La prossima tavola parla di credito, ma non di quanto credito viene concesso (su questo i giudizi sarebbero duri in tempo di stretta creditizia), ma di quanto facile o complicato sia ottenerlo usando i processi offerti e usati dalle banche.

In questo caso quasi il 60% dei clienti-imprese ritiene che le banche abbiano un processo ‘complesso’, quindi troppo difficile e lento. E non ci sono stati miglioramenti dall’anno precedente, ma forse neppure negli ultimi 10 anni. E’ un’altra misura delle riforme mille volte promesse e mai consegnate da parte del sistema bancario. Vogliamo semplificazione dicono le imprese, dallo Stato ma anche dalle banche.

La comprensione dei piani delle imprese
L’utlima fotografia che vi mostro è la più importante, in questo momento di crisi e di bilanci in perdita o magri. Mostra l’opinione dei piccoli imprenditori sulla capacità delle banche di includere nei loro giudizi il futuro delle loro imprese, i piani di sviluppo o di ristrutturazione.

Un terzo delle PMI intervistate pensano che le banche non capiscono proprio le prospettive future e la metà da un giudizio di normalità, che a mio parere in questo momento storico è nuovamente insufficiente. Eppure è proprio questa capacità di giudizio che può permettere al sistema bancario di selezionare chi ‘ce la fa’ da chi non ha prospettive, come l’ex banchiere Passera, il governatore Visco e altri con loro hanno più volte sottolineato per giustificare la stretta creditizia in atto.

Senza questa capacità di guardare nel futuro, la selezione delle PMI rischia di essere gravemente viziata dalle cicatrici che la crisi ha lasciato sui bilanci, aggravata oltretutto dall’aumento dei costi di finanziamento partiti dalla fine del 2011.

Organizzazione sbagliata
Se volete sapere cosa ne penso di questo quadro (che in fondo non sorprende nessuno) da ex-bancario, vi darò un’opinione precisa e rivoluzionaria.

L’errore che conduce a questi risultati insoddisfacenti per un intero settore bancario è nel modello organizzativo. La separazione storica -e sempre richiesta dall’autorità di vigilanza- tra rete commerciale e funzione crediti, la distanza tra vendite e marketing da un lato e crediti dall’altro non ha alcuna logica in un’attività rivolta alle imprese nella quale il credito pesa forse per l’80% nel giudizio di qualità del cliente e quindi nel servizio. Fare credito e vendere servizi alle imprese sono la stessa cosa, oppure se vi piace di più sono due facce della stessa identica medaglia. Invece nelle banche ci sono responsabili commerciali e responsabili crediti, normalmente si parlano troppo poco, hanno obiettivi diversi e non condivisi; così uno va a destra e l’altro tira a sinistra e il CEO crede che questa ‘tensione organizzativa’ sortisca il migliore bilanciamento tra ricavi e rischi. E’ una vera sciocchezza. Chi può sostenere che chi ‘vende’ crediti non possa essere buon giudice del rischio? Certo non tutti i bancari, ma alcuni di loro potrebbero coprire benissimo entrambe le responsabilità. Vendere ‘male’ il credito ha sempre un ritorno negativo; è necessario misurare i risultati nel medio periodo e non i risultati di un solo anno.

Di sicuro i responsabili commerciali non hanno mai avuto la possibilità di modificare la complessità dei processi di credito (tempi, procedure), per adattarli alla domanda dei loro clienti, ma solo obblighi di raggiungere budget di vendita e una generica responsabilità di non prendere rischi e perdite indebite. Questo non ha impedito di vendere male derivati e mutui, a quanto pare. Il processo del credito è rimasto proprietà indiscussa dell’area crediti che, pur preparatissima su aspetti tecnici e legali, ha un vizio di origine: non vede quasi mai i clienti. Giudica sulla base di carte e numeri, non è interessata alla soddisfazione della clientela in base agli obiettivi che ha ricevuto (minimizzare il rischio).

Solo riunificando in capo a un’unica responsabilità credito e vendita potranno verificarsi seri miglioramenti nel processo di credito, inclusa la possibilità di giudicare il futuro di un’impresa, e pesarlo almeno quanto il passato, cosa che oggi -non me ne vogliano tutti coloro che si occupano di credito e modelli di rating- è solo una chimera o una dichiarazione d’intenti senza fatti concreti nella stragrande maggioranza dei casi delle piccole e medie imprese.

Cambiate organizzazione, mettete sul tavolo di una sola persona la responsabilità di fare bene il credito e di dare allo stesso tempo servizi e risposte alla clientela e le cose cambieranno. Forse anche la Banca d’Italia rinuncerebbe alla sua richiesta storica di indipendenza delle due funzioni che, almeno a quanto si vede dagli ultimi bilanci del sistema bancario, non ha sortito grandi effetti comunque. Il problema non è separare le funzioni, ma piuttosto trovare i manager all’altezza del compito, bravi a intrattenere relazioni con le imprese e quindi bravi a giudicare le imprese e il rischio prospettico, perché le due cose sono intimamente collegate. Non ci può essere una relazione commerciale a prescindere da un giudizio sul rischio, condiviso e discusso con il cliente (questo oggi avviene pochissimo con le PMI).

Ho detto che questo è un pensiero rivoluzionario, perciò se mi chiedete se potrà mai avvenire, la mia risposta è un secco no.

more...
No comment yet.
Scooped by Jacopo Ficarra
Scoop.it!

Fashion gaffe per Valentino: capisce Prada per Primark

Fashion gaffe per Valentino: capisce Prada per Primark | Fashion Model Innovation | Scoop.it

Fashion gaffe per Valentino: capisce Prada per Primark,

 

Valentino Garavani non ha dimestichezza con prezzi scontati e abiti mass market delle grandi catene delle "high street". La prova l'ha data lo stesso couturier italiano che, in occasione dell'inaugurazione della mostra in suo onore a Londra, non ha saputo rispondere a una domanda sul marchio low cost Primark, confuso addirittura - visto il suono vagamente simile - con Prada.

A rivelare l'aneddoto è la versione inglese di Vogue.com che riporta come Valentino, interrogato su cosa pensasse di Primark, abbia risposto: "Prada, mi ha chiesto di Prada?".

Dopo un rapido ragguaglio sulla natura della marca di abbigliamento in questione, famosa anche in Italia per i prezzi scontati, lo stilista si è affrettato a rispondere: "Io non sono in grado di fare cose che costano poco. Le catene che si trovano nelle grandi vie commerciali fanno benissimo quello che fanno. Copiano fantasticamente. Ma copiano me".

more...
No comment yet.
Rescooped by Jacopo Ficarra from Design your Business
Scoop.it!

A Business Model Is The Place To Start From: Not a Business Plan - Steve Blank

A Business Model Is The Place To Start From: Not a Business Plan - Steve Blank | Fashion Model Innovation | Scoop.it

Where did the idea that startups write business plans come from?

 

In the early days of venture capital, investors and entrepreneurs were familiar with the format of business plans from large companies and adopted it for startups. Without much thought it has been used ever since.

 

A business plan is the execution document that existing companies write when planning product-line extensions where customer, market and product features are known. The plan is an operating document describes the execution strategy for addressing these “knowns.”

 

A startup is not about executing a series of knowns. Most startups are facing a series of unknowns – unknown customer segments, unknown customer needs, unknown product feature set, etc.

 

That means that writing a static business plan first adds no value to starting a company, as the plan does not represent the iterative nature of the search for the model.

 

From the Wall Street Journal article intro: "A retired eight-time serial entrepreneur, Steve’s insight that startups are not small versions of large companies is reshaping the way startups are built and how entrepreneurship is taught. His observation that large companies execute business models, but startups search for them, led him to realize that startups need their own tools, different than those used to manage existing companies."

 

 

Bio & Books: http://blogs.wsj.com/accelerators/steve-blank/

 

Free & Near Free Tips: http://steveblank.com/2012/11/27/open-source-entrepreneurship/ ;

 

 

 


Via Peter Hoeve, Robin Good, Beople
more...