Un autore trasforma i suoi problemi con la bilancia in un romanzo di fantascienza | FantaScientifico ! | Scoop.it

Si chiama Massimo Mongai, di Roma. Vincitore nel '97 del premio Urania, in rete un suo nuovo romanzo scaricabile come eBook che affronta il tema dei chili di troppo e della dieta per smaltirli in modo originale

 

Ci sono autori autoreferenziali e autori che trasfigurano il proprio vissuto trasformandolo in materiale da fiction.

 

Philip K Dick è sicuramente un autore che ha parlato di se stesso attraverso il genere: leggete Un oscuro scrutare, per me rimane uno dei romanzi sulla tossicodipendenza più belli mai scritti.

 

Recentemente ho scoperto un autore italiano di fantascienza che, fatte le debite distanze, ha lo stesso dono di Dick di mescolare l’autobiografismo alla fiction più straniante. Si tratta di Massimo Mongai, di cui ho già parlato in questo blog.

 

Mongai ha recentemente inserito online, in formato ebook, un romanzo dal titolo Una tuta spaziale taglia 48 [1], edizioni Il segnalibro. In una breve introduzione, l’autore scrive: ”Spero che quando questa introduzione sarà letta, ci sia un po’ meno di me. Nel senso che mi sono messo a dieta.

 

E se pensare che in questa storia ci sia qualcosa di autobiografico, ebbene avete ragione. Il personaggio di questa storia, se avete letto la quarta di copertina, ha più di 50 anni e deve perdere 30 chili. Io sto messo peggio, ne ho 62 e nemmeno vi dico quanti chili dovrei perdere”.

 

[1] http://www.amazon.it/Una-Tuta-Spaziale-Taglia-ebook/dp/B009VRAUOE