Educational Technology
9.0K views | +0 today
Follow
 
Rescooped by Marco Pozzi from Learning Technology News
onto Educational Technology
Scoop.it!

Transition from Tradition: 9 Tips for successfully moving your face-to-face course online

Let's face facts. A computer screen offers students neither the warm comfort of peers nor the imposing brow of an instructor to encourage them to show up. We have to manufacture that motivation elsewhere to inspire students to virtually attend class and provide a means for them to be proactive in their learning.

 


Via Nik Peachey
Marco Pozzi's insight:
How Do You Control The Chaos?
more...
sshsoluae's comment, August 2, 2013 8:31 AM
SMS Marketing
http://www.sshsol.com/sms-marketing.html
Ray Tolley's curator insight, August 3, 2013 5:30 AM

Reminds me of a document that I wrote some six years ago:

http://issuu.com/efoliouk/docs/the_joy_of_e-learning

Dean Mantz's curator insight, August 7, 2013 9:22 AM

I truly feel that teachers at the secondary level should consider "Blending" their curriculum courses in some facet.  This article provides some discussion and thought starting points.

 

Thanks to Nik Peachey for sharing it on scoop.it. 

Educational Technology
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Rescooped by Marco Pozzi from Science ouverte - Open science
Scoop.it!

Open access - the rise and fall of a community-driven model of scientific communication

Open access - the rise and fall of a community-driven model of scientific communication | Educational Technology | Scoop.it
•In 25 years, open access, i.e. free and unrestricted access to scientific information, has become a significant part of scientific communication. However, its success story should not conceal a fundamental change of its nature.
•Open access started, together with the Web, at the grassroots, as a bottom-up, community-driven model of open journals and repositories. Today the key driving forces are no longer community-driven needs and objectives but commercial, institutional and political interests.
•This development serves the needs of the scientific community insofar as more and more content becomes available through open journals and repositories. Yet, the fall of open access as a community-driven model is running the risk of becoming dysfunctional for the scientists and may create new barriers and digital divides.

Via Florence Piron
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from Professional Learning for Busy Educators
Scoop.it!

'Teachers must embrace new technology or risk becoming obsolete'

'Teachers must embrace new technology or risk becoming obsolete' | Educational Technology | Scoop.it
One undeniable fact about teaching is that teachers not only need to be masters of content within their subject area, but they must also be masters of education as a subject. Another undeniable fact is that neither of those subject areas looks the same as when any teacher first mastered them.

One effect of the integration of technology into our society is that change in almost everything is happening at a pace never before experienced by mankind. As much as some people may yearn for the simpler times of the past, life will continue to move forward as the natural order of society requires.

The influence of additional information on any subject often affects how we deal with that subject. Once we had more information on the effects of smoking, smoking habits of millions of people changed. Once we learned what we now understand about the benefits of physical activity, several sports related industries were spawned. Once we learned what we now know of communication, music and print industries disappeared while being replaced with better in many ways.

Via John Evans
more...
Rosemary Tyrrell, Ed.D.'s curator insight, June 24, 12:14 PM
Great article. Worth a read. 
Victor Ventura's curator insight, June 24, 2:39 PM
All of today's(and tomorrow's) teachers have to have and use a full technological toolbox. Technology expertise should be required as much as content and pedagogy skills.
Rescooped by Marco Pozzi from Moodle and Web 2.0
Scoop.it!

A Simple Rubric for Determining Website Credibility

A Simple Rubric for Determining Website Credibility | Educational Technology | Scoop.it
This rubric inspired by a presentation on EasyBib takes you through a short but effective checklist for determining website credibility.

Via Nik Peachey, Juergen Wagner
more...
Nik Peachey's curator insight, June 22, 11:20 AM

Useful but a bit basic.

Rescooped by Marco Pozzi from 21st Century Learning and Teaching
Scoop.it!

Virtual reality could be an ethical minefield – are we ready? | #VR #Ethics

Virtual reality could be an ethical minefield – are we ready? | #VR #Ethics | Educational Technology | Scoop.it
Thomas Metzinger is a philosopher at the Johannes Gutenberg University in Mainz, Germany, who specialises in the philosophy of mind and neuroscience. He is co-author, with Michael Madary, of a paper calling for a code of conduct for virtual reality.

Why do we need an ethical code of conduct for virtual reality?

Virtual reality headsets like Oculus Rift and HTC Vive will hit the consumer market this year and suddenly millions of people will be using them. VR can induce strong illusions of embodiment, where you feel as if you own and control another body. We do not know what the psychological consequences will be.

What are the risks?

There may be a risk of depersonalisation, where after an extended immersion in a virtual environment, your physical body may seem unreal to you. Fully immersive experiences have a bigger and more lasting impact on people’s behaviour and psychology. We know from the rubber hand illusion that our brains can be fooled into thinking that an inanimate rubber hand is our own. In VR environments, we can be fooled into thinking that we are our avatars.Consumers must understand that not all of the risks are known in advance. There may be a tiny percentage of the population that has a certain psychiatric vulnerability such that binging on VR may result in a prolonged psychotic episode. One can only speculate.

 

Learn more / En savoir plus / Mehr erfahren:

 

http://www.scoop.it/t/21st-century-learning-and-teaching/?tag=Virtual+Reality

 

http://www.scoop.it/t/21st-century-learning-and-teaching/?tag=Ethics

 


Via Gust MEES
more...
Gust MEES's curator insight, June 22, 11:22 AM
Thomas Metzinger is a philosopher at the Johannes Gutenberg University in Mainz, Germany, who specialises in the philosophy of mind and neuroscience. He is co-author, with Michael Madary, of a paper calling for a code of conduct for virtual reality.

Why do we need an ethical code of conduct for virtual reality?

Virtual reality headsets like Oculus Rift and HTC Vive will hit the consumer market this year and suddenly millions of people will be using them. VR can induce strong illusions of embodiment, where you feel as if you own and control another body. We do not know what the psychological consequences will be.

What are the risks?

There may be a risk of depersonalisation, where after an extended immersion in a virtual environment, your physical body may seem unreal to you. Fully immersive experiences have a bigger and more lasting impact on people’s behaviour and psychology. We know from the rubber hand illusion that our brains can be fooled into thinking that an inanimate rubber hand is our own. In VR environments, we can be fooled into thinking that we are our avatars.Consumers must understand that not all of the risks are known in advance. There may be a tiny percentage of the population that has a certain psychiatric vulnerability such that binging on VR may result in a prolonged psychotic episode. One can only speculate.

 

Learn more / En savoir plus / Mehr erfahren:

 

http://www.scoop.it/t/21st-century-learning-and-teaching/?tag=Virtual+Reality

 

http://www.scoop.it/t/21st-century-learning-and-teaching/?tag=Ethics

 

Rescooped by Marco Pozzi from 21st Century School Libraries
Scoop.it!

Educational Technology and Mobile Learning: A Good Infographic Featuring 30 Web Tools for Teacher Librarians

Educational Technology and Mobile Learning: A Good Infographic Featuring 30 Web Tools for Teacher Librarians | Educational Technology | Scoop.it

Via Bookmarking Librarian
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from Learning & Mind & Brain
Scoop.it!

Comprehensive Guide to Concept Mapping

This guide covers everything you need to know about concept maps, from definitions and key features to use cases and history.

Via Miloš Bajčetić
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from Education 2.0 & 3.0
Scoop.it!

SOCIAL AND EMOTIONAL LEARNING: EQUIPPING STUDENTS FOR THE DIGITAL ECONOMY | 21st Century Learning and Teaching

SOCIAL AND EMOTIONAL LEARNING: EQUIPPING STUDENTS FOR THE DIGITAL ECONOMY | 21st Century Learning and Teaching | Educational Technology | Scoop.it
In the report ‘New Vision for Education: Fostering Social and Emotional Learning through Technology', the World Economic Forum explores how "character qualities" such as collaboration, communication and critical thinking will equip students to...
Via Yashy Tohsaku
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from Future of corporate learning
Scoop.it!

6ème édition des Digital Learning Excellence Awards - E-learning

6ème édition des Digital Learning Excellence Awards - E-learning | Educational Technology | Scoop.it
Le Groupe Cegos a organisé la sixième édition des Digital Learning Excellence Awards, dont la cérémonie a eu lieu le mardi 14 juin 2016 à Paris, dans le cadre du …

Via Simon Vuillaume
more...
Simon Vuillaume's curator insight, June 16, 3:05 AM
Greatest digital Learning solutions bringing outstanding business impacts are  developed by smart teams of people passionate about helping their colleagues and about improving their company's performances
Rescooped by Marco Pozzi from Creative teaching and learning
Scoop.it!

Forty recommended extensions for teachers, research, and language learners | Tech Learning

Forty recommended extensions for teachers, research, and language learners | Tech Learning | Educational Technology | Scoop.it

"Did you know a web browser has many free incredible extensions (Chrome/Safari)/add-ons (Firefox)/plugins(IE) to support teachers and learners? Teach your students how to enhance their reading, writing, literacy, studying, and research skills with these powerful web browser tools ..."


Via Leona Ungerer
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from Learning & Mind & Brain
Scoop.it!

Gamification Taxonomy

Gamification Taxonomy | Educational Technology | Scoop.it
We have conducted extensive empirical research over the last 4 years as part of a university PhD program to develop the world’s first comprehensive enterprise gamification taxonomy. Our taxonomy has been peer reviewed and is built on our database of over 300 enterprise gamification projects. This has now become a globally recognised tool that helps designers and organisations to plan, develop and implement a gamification initiative.

There are several elements in the taxonomy that help to guide you as you navigate through your options:

Market Elements: These elements identify your target audience (5 key types), the primary purpose (17 key types) and geographic/cultural location.

Technology Elements: These elements identify your technological options which include up to 6 primary types and several other secondary or supporting technologies.

Design Elements: These elements include gameful elements such as gameplay and game mechanics, both digital and analogue.

Via ThePinkSalmon, Antonio Bartolome, Evelina Alor, Rui Guimarães Lima, Miloš Bajčetić
more...
elearning at eCampus ULg's curator insight, June 13, 4:44 AM
An interesting taxonomy designed to help instructors to bring their game on
Josi Sierra's curator insight, June 15, 3:31 AM
Gamifikazioaren Taxonomia interesgarri bat daukagu bat
Ricard Lloria's curator insight, June 18, 3:12 AM
Share your insight
Rescooped by Marco Pozzi from iGeneration - 21st Century Education (Pedagogy & Digital Innovation)
Scoop.it!

Free Technology for Teachers: Open Source Software Explained by @CommonCraft

Free Technology for Teachers: Open Source Software Explained by @CommonCraft | Educational Technology | Scoop.it

Via Tom D'Amico (@TDOttawa)
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from Learning with MOOCs
Scoop.it!

Top 8 MOOC That Will Help You Design Your Own Mba

MOOCs are boon to people, who like to do things on their own. One such thing is designing your own MBA using the available online courses. Based on my 'Zero Cost MBA' experiences, I have written an article on The Hindustan Times providing list of essential courses.


Via ColinHickie
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from Learning & Mind & Brain
Scoop.it!

The 5G Revolution: The Internet of Things Meets Everything

The 5G Revolution: The Internet of Things Meets Everything | Educational Technology | Scoop.it
More than 12 billion devices are already connected to the Internet of Things—and by 2020, that number could surge to 30 billion, says Simona Jankowski of Goldman Sachs Research. She explains how 5G technology is enabling the revolution and where it’s headed next.

Via Marc Wachtfogel, Ph.D., Stephania Savva, Miloš Bajčetić
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from Smart Cities & The Internet of Things (IoT)
Scoop.it!

The Future of The 'Smart City'

The Future of The 'Smart City' | Educational Technology | Scoop.it
Over 85 percent of the world’s population will live in a city by the end of the century. In

Via judycurtis
more...
judycurtis's curator insight, June 24, 1:10 PM
...and the city of Columbus, Ohio is the official winner of the U.S. Department of Transportation Smart City Challenge and $140 million in innovation grants.
Rescooped by Marco Pozzi from Edtech PK-12
Scoop.it!

New Visual on Bloom's Digital Taxonomy for iPad ~ Educational Technology and Mobile Learning

New Visual on Bloom's Digital Taxonomy for iPad ~ Educational Technology and Mobile Learning | Educational Technology | Scoop.it

Via Cindy Rudy
more...
Cindy Rudy's curator insight, June 24, 9:19 AM

via @Marta Torán

Rescooped by Marco Pozzi from iGeneration - 21st Century Education (Pedagogy & Digital Innovation)
Scoop.it!

An Interesting Infographic Featuring 12 Good Chrome Extensions for Research Students via @medkh9

An Interesting Infographic Featuring 12 Good Chrome Extensions for Research Students via @medkh9 | Educational Technology | Scoop.it

Via Tom D'Amico (@TDOttawa)
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from Learning Technology News
Scoop.it!

The Science of Happiness - Lessons in Digital Literacy

The Science of Happiness - Lessons in Digital Literacy | Educational Technology | Scoop.it
This lesson is based on an infographic about happiness and the factors that effect our happiness.In the lesson students will explore their views of what makes them happy and discover some of the science behind what happiness is and the factors that creat

Via Nik Peachey
more...
Nik Peachey's curator insight, June 22, 8:43 AM

My lesson plan to help develop critical thinking and digital literacy skills.

Rescooped by Marco Pozzi from Learning with MOOCs
Scoop.it!

Copyright Challenges in a MOOC Environment

Copyright Challenges in a MOOC Environment | Educational Technology | Scoop.it
The intersection of copyright and the scale and delivery of MOOCs highlights the enduring tensions between academic freedom, institutional autonomy, and copyright law in higher education.

Via ColinHickie
more...
elearning at eCampus ULg's curator insight, June 22, 2:29 AM
One of the most important issue to deal with during the design phase
Rescooped by Marco Pozzi from Connectivism
Scoop.it!

Connectivism - Emerging Perspectives on Learning, Teaching and Technology

Connectivism - Emerging Perspectives on Learning, Teaching and Technology | Educational Technology | Scoop.it

Via Dr. Susan Bainbridge
more...
DNL's curator insight, June 20, 5:05 AM
Share your insight
Rescooped by Marco Pozzi from Creative teaching and learning
Scoop.it!

Three free virtual and augmented reality apps for the classroom

Three free virtual and augmented reality apps for the classroom | Educational Technology | Scoop.it

"Using virtual or augmented reality at just the right teachable moment can create a powerful, even moving, experience for students ..."

©


Via Leona Ungerer
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from Tecnologie Educative - TIC & TAC
Scoop.it!

Gianni Marconato: Cosa resterà delle tecnologie nella didattica? Didattica, Innovazione e Tecnologie

Intervento al convegno "Orientamenti e disorientamenti negli usi didattici delle tecnologie. Castel del Piano - 28 maggio 2016

Via Gianfranco Marini
more...
Gianfranco Marini's curator insight, June 11, 1:10 AM
Una presentazione in 34 slides realizzata da Gianni Marconato e pubblicata su Slideshare il 28/05/2016 con il titolo "Cosa resterà delle tecnologie nella didattica?" sottotitolo: Orientamenti e disorientamenti negli usi didattici delle tecnologie. La presentazione è stata utilizzata nel corso di una conferenza tenuta a Castel del Piano il 28 maggio 2016. 

SCUOLA E TECNOLOGIE
La consapevolezza che il problema delle tecnologie digitali nella scuola sia stata mal post (da decenni) si allarga sempre di più, non si tratta tanto di rifiutare in quanto sbagliato il Piano Nazionale Scuola Digitale, quanto di riconsiderarne le premesse, ridefinirne il contesto e ridimensionarne l'importanza. 

Le tecnologie sono sempre state utilizzate nella scuola e fuori dalla scuola e fanno parte della sfera cognitiva e mentale degli esseri umani da sempre. 

NON SONO LE TECNOLOGIE CHE FANNO UNA BUONA SCUOLA
Il problema della scuola, ciò che rende "buona" l'educazione e la formazione che essa impartisce, non dipende dalle tecnologie, ma dalla didattica. 

L'errore è, quindi, che sarebbe servito in primo luogo un Piano Nazionale per la Didattica e l'innovazione didattica. Voler rovesciare la questione facendo dipendere la buona didattica dalle tecnologie digitali, se non nelle dichiarazioni di intento, però nei fatti; significa non aver tratto alcun insegnamento dagli errori (clamorosi ed eclatanti) dei precedenti PNSD e piani per l'innovazione digitale e tecnologica. Questo, detto per inciso, non pare una gran bella cosa per chi di insegnamento si occupa.

LA PRESENTAZIONE
La presentazione di Gianni Marconato contribuisce a far chiarezza su queste questioni in modo equilibrato, non rinnega l'uso delle tecnologie nella didattica e non cade nella trappola di una contrapposizione manichea tra sostenitori e detrattori delle tecnologie (digitali e non), semplicemente propone di rimettere il treno deragliato della scuola nei giusti binari, quelli della didattica, per poterlo far transitare lungo il suo percorso. 

Il tutto è reso più interessante dal fatto che la presentazione non propone formule salvifiche e miracolose medicine, ma si limita a ricollocare nel suo giusto contesto la problematica delle tecnologie, sollevando una serie di questioni e ponendo domande pertinenti. 

Il "giusto contesto" è quello che vede le tecnologie come strumento di una dinamica le cui finalità, i cui metodi, le cui dimensioni, non sono dettate dalle tecnologie stesse, ma da un paradigma educativo e da un apparato didattico.

TIC / TAC
Per questo motivo preferisco parlare non di TIC o ICT, ma, per rimanere nel gioco degli acronimi, di TAC: Tecnologie dell'Apprendimento e della Conoscenza, espressione in cui l'accento cade sulla subordinazione delle tecnologie alla didattica e alla pedagogia e si sa quanto sia importante mettere l'accento nel "posto" giusto ché altrimenti àncora diventa ancor e rùbino diventa rubino e càpito diventa capito, capito?

STRUTTURA PRESENTAZIONE 
Mi limito a riportare i titoli delle diverse sezioni in cui si articola la presentazione: 
1. Non riesco a immaginare una scuola senza tecnologie 
2. Le tecnologie a scuola sono (ancora) un problema ma il problema della scuola non sono le tecnologie 
3 Gli errori strategici e concettuali dell'innovazione tecnologica 
4. Questioni Aperte 
5. Alcune (modeste) idee per dare lunga vita alle tecnologie didattiche
Rescooped by Marco Pozzi from Workplace Learning
Scoop.it!

@Downes : New Trends in Online Learning

This presentation outlines six major trends in online learning technology: machine learning and artificial intelligence; handheld and mobile computing; badges …

Via Klaus Meschede
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from Ebook and Publishing
Scoop.it!

Do Books Have a Future in Tomorrow’s Classroom? 

Do Books Have a Future in Tomorrow’s Classroom?  | Educational Technology | Scoop.it
In my last post, I wrote about an agreement McGraw-Hill Education has reached with a supplier of Open Educational Resources (OER) that will make hundreds of thousands of digital assets available to educators and students within McGraw-Hill’s learning platform. What was notable about this deal is that McGraw-Hill’s customers will have to pay for access to the OER assets, which are available elsewhere free of charge.

The point I made was that in this case, the publisher’s value-add is less that it is making content available to customers than that it is presenting the content tagged and organized in a way that it is useful to them. In the age of OER, I wrote, curation — not content — is king.

Via Chuck Hitchcock, Marianela Camacho Alfaro
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from Creative teaching and learning
Scoop.it!

Tech Tips for Teachers: Three ways to use QR codes in the classroom

Tech Tips for Teachers: Three ways to use QR codes in the classroom | Educational Technology | Scoop.it

"By making lengthy links more shareable, QR codes help teachers distribute educational resources, student work and parent surveys ..."


Via Leona Ungerer
more...
No comment yet.
Rescooped by Marco Pozzi from EDUCATIONAL TECHNOLOGY
Scoop.it!

12 tra le migliori applicazioni per annotare e prendere appunti: Evernote, OneNote, Keep, Simplenote, Quip, etc.

12 tra le migliori applicazioni per annotare e prendere appunti: Evernote, OneNote, Keep, Simplenote, Quip, etc. | Educational Technology | Scoop.it
A blog about productivity, workflow automation, company building and how to get things done with less work.

Via Gianfranco Marini, Giovanna Bruno
more...
Giovanna Bruno's curator insight, March 10, 6:43 AM
COSA SONO E A COSA SERVONO
Le applicazioni per annotare o notebook app sono strumenti che consentono di organizzare le informazioni che troviamo e ci sono necessarie in modo da poterle riutilizzare e da averle sempre disponibili per ogni eventuale esigenza. Si tratta di applicazioni che rendono capace una archiviazione intelligente delle risorse che reperiamo sul web in quanto: 
# consentono di conservare informazioni di vari formati (immagini, link, pagine web, documenti, audio, video, etc)
# consentono di classificarle / categorizzarle organizzandole in cartelle / taccuini tematici e di taggarle con parole chiave
# consentono di sincronizzare il nostro archivio di note su differenti dispositivi rendendolo sempre disponibili in qualunque momento e da qualsiasi luogo 
# è possibile realizzare annotazioni utilizzando diversi media: testo, immagini, audio, video, etc.
# Grazie ai sistemi di classificazione e categorizzazione è possibile reperire facilmente le note che si sono prese
L'ARTICOLO
L'articolo presenta 12 applicazioni diverse per funzionalità e sistema operativo, classificate in tre gruppi:
1. le migliori applicazioni per prendere appunti
2. le migliori applicazioni per scrivere manualmente
3. le migliori applicazioni per annotare
LE APPLICAZIONI PER PRENDERE APPUNTI E ORDINARLI

# Evernote
iOS, Android, Mac, Windows, Web
Il più noto strumento per gli appunti digitali perché molto semplice e molto potente, è un sistema di creazione e gestione completo di informazioni, annotazioni, risorse, che possono essere rapidamente create "al volo" tramite dispositivo mobile e conservate. Consente anche di archiviare informazioni dal web, salvando per usi futuri tutte le risorse che ci possono interessare. Ogni nota può essere rielaborata con aggiunta di testo,   
immagini, audio, video, formattazione, etc. Il sistema di organizzazione delle note e di ricerca è semplice da usare e molto efficace. Si possono creare taccuini tematici entro i quali inserire note e risorse, categorizzandole con l'uso di tags o parole chiave. Tra gli aspetti più interessanti di Evernote il "web clipper", pulsante installabile nella barra degli strumenti del browser che permette di salvare i contenuti interessanti che troviamo navigando sul web, annotandoli e taggandoli e inserendoli in un taccuino. Si può salvare il solo link, la pagina in versione completa o semplificata, un segnalibro, etc.  
Piani Abbonamento: la versione free consente di archiviare fino a 65MB di informazioni al mese. Vi sono poi versioni a pagamento che offrono più spazio e ulteriori funzionalità aggiuntive a quelle di base. Qui i vari piani di abbonamento:  
video corso su Evernote in italiano formato da 8 video tutorial 

# OneNote
iOS, Android, Windows, Mac, Web
Fa parte della suite di Microsoft Office d è un'applicazione per prendere appunti simile a un taccuino per gli appunti cartaceo. Permette di organizzare le informazioni attraverso appunti e sezioni di nota. Si possono catturare immagini, note, etc. all'interno di un "taccuino" e salvare   
qualsiasi elemento dal web nelle proprie note. Le note possono essere salvate e archiviate in un sistema che prevede: pagine, sotto pagine, sezioni e
taccuini. Ogni elemento annotato può essere digitato, si possono inserire immagini e allegare file aggiungere liste, elenchi, etc. E' possibile anche
includere audio, video, schizzi e disegni. E' possibile condividere pagine specifiche o un intero taccuino  per poter collaborare. One Note è molto flessibile nell'uso, permette di annotare le immagini, utilizzare l'audio e il testo insieme. Si tratta di uno strumento multi piattaforma (iOS, Android, Windows, Web). La versione base è free, per la versione completa il coso è di $ 69/anno.  
Video corso in italiano sull'uso di OneNote
questo è il primo dei 10 video in cui si articola il corso.

# Google Keep
iOS, Android, Web
Google Keep è molto minimalista nella grafica che è quella delle sticky notes (biglietti adesivi), ma si tratta di una applicazione molto versatile e potente, ideale per annotare idee, creare liste, checklist, elenchi, etc. Meno ricca di funzionalità e complessa rispetto a Evernote e OneNote, ma molto più semplice e rapida da utilizzare in modo efficiente. Consente di scrivere nuove note, vedere note in anteprima, modificare le note con google   
doc. Molto utile la possibilità di usare la trascrizione audio, infatti si può sia archiviare registrazioni della propria voce, che trascrivere in forma
testuale una registrazione audio. Si tratta di uno strumento free.
video tutorial google Keep in inglese
video tutorial in italiano

# Simplenote
iOS, Android, Mac, Web
la funzione di annotazione è ridotta all'essenziale, l'applicazione offre uno "spazio bianco" in cui digitare le proprie note di solo testo senza alcuna funzionalità aggiuntiva, solo scrittura veloce di testo e funzioni di ricerca in tutta la collezione di note. Utile la "storia" delle nostre annotazione che permette di ripristinare annotazioni cancellate per sbaglio. Possibile condividere le note. Non è paragonabile a Evernote o OneNote, ma è molto più   
efficace quando ci si deve limitare a scrivere note rapidamente. Free.
video tutorial in inglese

# Quip
iOS, Android, Mac, Windows, Web
Caratteristica principale è che permette di combinare le note con documenti e fogli di calcolo e supporta l'attività collaborativa e di team. Quip non è una tipica applicazione per prendere appunti. Si parte dalle annotazioni per creare documenti, fogli di calcolo e chattare in gruppo. Si può lavorare  in gruppo utilizzando differenti dispositivi. L'ambiente è graficamente semplice e gradevole e combina docuimenti e messaggistica in un flusso di   thread in modo da rendere la collaborazione e il lavoro più semplici. Lo scopo è rendere possibile la condivisione di documenti, liste, etc. in uno spazio unico dotato di strumenti per collaborare. 
E' possibile creare e formattare i documenti attraverso "stili di documento", modelli pre impostati che si applicano con un semplice clic. Le note possono essere pubblicate sul web o salvate come PDF e condivise in un secondo momento. Le modifiche vengono salvate per poter essere visualizzate in una "storia" e sapere i contributi dei diversi collaboratori. 
Si possono "aggiungere persone" ad un documento per lavorare insieme, la chat si avvia rapidamente digitando nella barra laterale destra Quip è free per un uso personale, i vari piani prevedono poi costi da $ 10/mese fino a $25/mese. Per visualizzare i vari piani cliccare qui: 
video dimostrativo: 

Nell'articolo vengono anche segnalati e rencensiti:
# Dropbox Paper
# Hackpad
# Box Note
# Apple Note
Che evito di tradure per motivi di tempo.

PPLICAZIONI PER ANNOTARE E DISEGNARE A MANO LIBERA
L'articolo segnala e recensisce anche tre applicazioni che si possono utilizzare sui dispositivi mobili per annotare e disegnare a mano libera. Si tratta di: 
# Paper, per iPhone e iPad
# Penultimate, per iPad
# Squid, per Android e Windows
Mi limito a tradurre la recensione di Squid
# Squid: applicazione per annotare a mano libera su dispositivi Android e Windows. Si può disegnare con la pressione del dito su qualsiasi documento o immagine, si possono anche importare documenti in PDF e immagini per poi annotarle e successivamente esportarle in PDF e inviarle a chiunque. Include i principali strumenti per la formattazione del testo. Free. Il costo è di $3 per usufruire delle piene funzionalità di esportazione e sincronizzazione dei propri appunti
rim ben ayed chemima's curator insight, March 10, 6:54 AM
COSA SONO E A COSA SERVONO
Le applicazioni per annotare o notebook app sono strumenti che consentono di organizzare le informazioni che troviamo e ci sono necessarie in modo da poterle riutilizzare e da averle sempre disponibili per ogni eventuale esigenza. Si tratta di applicazioni che rendono capace una archiviazione intelligente delle risorse che reperiamo sul web in quanto: 
# consentono di conservare informazioni di vari formati (immagini, link, pagine web, documenti, audio, video, etc)
# consentono di classificarle / categorizzarle organizzandole in cartelle / taccuini tematici e di taggarle con parole chiave
# consentono di sincronizzare il nostro archivio di note su differenti dispositivi rendendolo sempre disponibili in qualunque momento e da qualsiasi luogo 
# è possibile realizzare annotazioni utilizzando diversi media: testo, immagini, audio, video, etc.
# Grazie ai sistemi di classificazione e categorizzazione è possibile reperire facilmente le note che si sono prese
L'ARTICOLO
L'articolo presenta 12 applicazioni diverse per funzionalità e sistema operativo, classificate in tre gruppi:
1. le migliori applicazioni per prendere appunti
2. le migliori applicazioni per scrivere manualmente
3. le migliori applicazioni per annotare
LE APPLICAZIONI PER PRENDERE APPUNTI E ORDINARLI

# Evernote
iOS, Android, Mac, Windows, Web
Il più noto strumento per gli appunti digitali perché molto semplice e molto potente, è un sistema di creazione e gestione completo di informazioni, annotazioni, risorse, che possono essere rapidamente create "al volo" tramite dispositivo mobile e conservate. Consente anche di archiviare informazioni dal web, salvando per usi futuri tutte le risorse che ci possono interessare. Ogni nota può essere rielaborata con aggiunta di testo,   
immagini, audio, video, formattazione, etc. Il sistema di organizzazione delle note e di ricerca è semplice da usare e molto efficace. Si possono creare taccuini tematici entro i quali inserire note e risorse, categorizzandole con l'uso di tags o parole chiave. Tra gli aspetti più interessanti di Evernote il "web clipper", pulsante installabile nella barra degli strumenti del browser che permette di salvare i contenuti interessanti che troviamo navigando sul web, annotandoli e taggandoli e inserendoli in un taccuino. Si può salvare il solo link, la pagina in versione completa o semplificata, un segnalibro, etc.  
Piani Abbonamento: la versione free consente di archiviare fino a 65MB di informazioni al mese. Vi sono poi versioni a pagamento che offrono più spazio e ulteriori funzionalità aggiuntive a quelle di base. Qui i vari piani di abbonamento:  
video corso su Evernote in italiano formato da 8 video tutorial 

# OneNote
iOS, Android, Windows, Mac, Web
Fa parte della suite di Microsoft Office d è un'applicazione per prendere appunti simile a un taccuino per gli appunti cartaceo. Permette di organizzare le informazioni attraverso appunti e sezioni di nota. Si possono catturare immagini, note, etc. all'interno di un "taccuino" e salvare   
qualsiasi elemento dal web nelle proprie note. Le note possono essere salvate e archiviate in un sistema che prevede: pagine, sotto pagine, sezioni e
taccuini. Ogni elemento annotato può essere digitato, si possono inserire immagini e allegare file aggiungere liste, elenchi, etc. E' possibile anche
includere audio, video, schizzi e disegni. E' possibile condividere pagine specifiche o un intero taccuino  per poter collaborare. One Note è molto flessibile nell'uso, permette di annotare le immagini, utilizzare l'audio e il testo insieme. Si tratta di uno strumento multi piattaforma (iOS, Android, Windows, Web). La versione base è free, per la versione completa il coso è di $ 69/anno.  
Video corso in italiano sull'uso di OneNote
questo è il primo dei 10 video in cui si articola il corso.

# Google Keep
iOS, Android, Web
Google Keep è molto minimalista nella grafica che è quella delle sticky notes (biglietti adesivi), ma si tratta di una applicazione molto versatile e potente, ideale per annotare idee, creare liste, checklist, elenchi, etc. Meno ricca di funzionalità e complessa rispetto a Evernote e OneNote, ma molto più semplice e rapida da utilizzare in modo efficiente. Consente di scrivere nuove note, vedere note in anteprima, modificare le note con google   
doc. Molto utile la possibilità di usare la trascrizione audio, infatti si può sia archiviare registrazioni della propria voce, che trascrivere in forma
testuale una registrazione audio. Si tratta di uno strumento free.
video tutorial google Keep in inglese
video tutorial in italiano

# Simplenote
iOS, Android, Mac, Web
la funzione di annotazione è ridotta all'essenziale, l'applicazione offre uno "spazio bianco" in cui digitare le proprie note di solo testo senza alcuna funzionalità aggiuntiva, solo scrittura veloce di testo e funzioni di ricerca in tutta la collezione di note. Utile la "storia" delle nostre annotazione che permette di ripristinare annotazioni cancellate per sbaglio. Possibile condividere le note. Non è paragonabile a Evernote o OneNote, ma è molto più   
efficace quando ci si deve limitare a scrivere note rapidamente. Free.
video tutorial in inglese

# Quip
iOS, Android, Mac, Windows, Web
Caratteristica principale è che permette di combinare le note con documenti e fogli di calcolo e supporta l'attività collaborativa e di team. Quip non è una tipica applicazione per prendere appunti. Si parte dalle annotazioni per creare documenti, fogli di calcolo e chattare in gruppo. Si può lavorare  in gruppo utilizzando differenti dispositivi. L'ambiente è graficamente semplice e gradevole e combina docuimenti e messaggistica in un flusso di   thread in modo da rendere la collaborazione e il lavoro più semplici. Lo scopo è rendere possibile la condivisione di documenti, liste, etc. in uno spazio unico dotato di strumenti per collaborare. 
E' possibile creare e formattare i documenti attraverso "stili di documento", modelli pre impostati che si applicano con un semplice clic. Le note possono essere pubblicate sul web o salvate come PDF e condivise in un secondo momento. Le modifiche vengono salvate per poter essere visualizzate in una "storia" e sapere i contributi dei diversi collaboratori. 
Si possono "aggiungere persone" ad un documento per lavorare insieme, la chat si avvia rapidamente digitando nella barra laterale destra Quip è free per un uso personale, i vari piani prevedono poi costi da $ 10/mese fino a $25/mese. Per visualizzare i vari piani cliccare qui: 
video dimostrativo: 

Nell'articolo vengono anche segnalati e rencensiti:
# Dropbox Paper
# Hackpad
# Box Note
# Apple Note
Che evito di tradure per motivi di tempo.

PPLICAZIONI PER ANNOTARE E DISEGNARE A MANO LIBERA
L'articolo segnala e recensisce anche tre applicazioni che si possono utilizzare sui dispositivi mobili per annotare e disegnare a mano libera. Si tratta di: 
# Paper, per iPhone e iPad
# Penultimate, per iPad
# Squid, per Android e Windows
Mi limito a tradurre la recensione di Squid
# Squid: applicazione per annotare a mano libera su dispositivi Android e Windows. Si può disegnare con la pressione del dito su qualsiasi documento o immagine, si possono anche importare documenti in PDF e immagini per poi annotarle e successivamente esportarle in PDF e inviarle a chiunque. Include i principali strumenti per la formattazione del testo. Free. Il costo è di $3 per usufruire delle piene funzionalità di esportazione e sincronizzazione dei propri appunti
Paolo Aghemo's curator insight, March 14, 4:30 AM
COSA SONO E A COSA SERVONO
Le applicazioni per annotare o notebook app sono strumenti che consentono di organizzare le informazioni che troviamo e ci sono necessarie in modo da poterle riutilizzare e da averle sempre disponibili per ogni eventuale esigenza. Si tratta di applicazioni che rendono capace una archiviazione intelligente delle risorse che reperiamo sul web in quanto: 
# consentono di conservare informazioni di vari formati (immagini, link, pagine web, documenti, audio, video, etc)
# consentono di classificarle / categorizzarle organizzandole in cartelle / taccuini tematici e di taggarle con parole chiave
# consentono di sincronizzare il nostro archivio di note su differenti dispositivi rendendolo sempre disponibili in qualunque momento e da qualsiasi luogo 
# è possibile realizzare annotazioni utilizzando diversi media: testo, immagini, audio, video, etc.
# Grazie ai sistemi di classificazione e categorizzazione è possibile reperire facilmente le note che si sono prese
L'ARTICOLO
L'articolo presenta 12 applicazioni diverse per funzionalità e sistema operativo, classificate in tre gruppi:
1. le migliori applicazioni per prendere appunti
2. le migliori applicazioni per scrivere manualmente
3. le migliori applicazioni per annotare
LE APPLICAZIONI PER PRENDERE APPUNTI E ORDINARLI

# Evernote
iOS, Android, Mac, Windows, Web
Il più noto strumento per gli appunti digitali perché molto semplice e molto potente, è un sistema di creazione e gestione completo di informazioni, annotazioni, risorse, che possono essere rapidamente create "al volo" tramite dispositivo mobile e conservate. Consente anche di archiviare informazioni dal web, salvando per usi futuri tutte le risorse che ci possono interessare. Ogni nota può essere rielaborata con aggiunta di testo,   
immagini, audio, video, formattazione, etc. Il sistema di organizzazione delle note e di ricerca è semplice da usare e molto efficace. Si possono creare taccuini tematici entro i quali inserire note e risorse, categorizzandole con l'uso di tags o parole chiave. Tra gli aspetti più interessanti di Evernote il "web clipper", pulsante installabile nella barra degli strumenti del browser che permette di salvare i contenuti interessanti che troviamo navigando sul web, annotandoli e taggandoli e inserendoli in un taccuino. Si può salvare il solo link, la pagina in versione completa o semplificata, un segnalibro, etc.  
Piani Abbonamento: la versione free consente di archiviare fino a 65MB di informazioni al mese. Vi sono poi versioni a pagamento che offrono più spazio e ulteriori funzionalità aggiuntive a quelle di base. Qui i vari piani di abbonamento:  
video corso su Evernote in italiano formato da 8 video tutorial 

# OneNote
iOS, Android, Windows, Mac, Web
Fa parte della suite di Microsoft Office d è un'applicazione per prendere appunti simile a un taccuino per gli appunti cartaceo. Permette di organizzare le informazioni attraverso appunti e sezioni di nota. Si possono catturare immagini, note, etc. all'interno di un "taccuino" e salvare   
qualsiasi elemento dal web nelle proprie note. Le note possono essere salvate e archiviate in un sistema che prevede: pagine, sotto pagine, sezioni e
taccuini. Ogni elemento annotato può essere digitato, si possono inserire immagini e allegare file aggiungere liste, elenchi, etc. E' possibile anche
includere audio, video, schizzi e disegni. E' possibile condividere pagine specifiche o un intero taccuino  per poter collaborare. One Note è molto flessibile nell'uso, permette di annotare le immagini, utilizzare l'audio e il testo insieme. Si tratta di uno strumento multi piattaforma (iOS, Android, Windows, Web). La versione base è free, per la versione completa il coso è di $ 69/anno.  
Video corso in italiano sull'uso di OneNote
questo è il primo dei 10 video in cui si articola il corso.

# Google Keep
iOS, Android, Web
Google Keep è molto minimalista nella grafica che è quella delle sticky notes (biglietti adesivi), ma si tratta di una applicazione molto versatile e potente, ideale per annotare idee, creare liste, checklist, elenchi, etc. Meno ricca di funzionalità e complessa rispetto a Evernote e OneNote, ma molto più semplice e rapida da utilizzare in modo efficiente. Consente di scrivere nuove note, vedere note in anteprima, modificare le note con google   
doc. Molto utile la possibilità di usare la trascrizione audio, infatti si può sia archiviare registrazioni della propria voce, che trascrivere in forma
testuale una registrazione audio. Si tratta di uno strumento free.
video tutorial google Keep in inglese
video tutorial in italiano

# Simplenote
iOS, Android, Mac, Web
la funzione di annotazione è ridotta all'essenziale, l'applicazione offre uno "spazio bianco" in cui digitare le proprie note di solo testo senza alcuna funzionalità aggiuntiva, solo scrittura veloce di testo e funzioni di ricerca in tutta la collezione di note. Utile la "storia" delle nostre annotazione che permette di ripristinare annotazioni cancellate per sbaglio. Possibile condividere le note. Non è paragonabile a Evernote o OneNote, ma è molto più   
efficace quando ci si deve limitare a scrivere note rapidamente. Free.
video tutorial in inglese

# Quip
iOS, Android, Mac, Windows, Web
Caratteristica principale è che permette di combinare le note con documenti e fogli di calcolo e supporta l'attività collaborativa e di team. Quip non è una tipica applicazione per prendere appunti. Si parte dalle annotazioni per creare documenti, fogli di calcolo e chattare in gruppo. Si può lavorare  in gruppo utilizzando differenti dispositivi. L'ambiente è graficamente semplice e gradevole e combina docuimenti e messaggistica in un flusso di   thread in modo da rendere la collaborazione e il lavoro più semplici. Lo scopo è rendere possibile la condivisione di documenti, liste, etc. in uno spazio unico dotato di strumenti per collaborare. 
E' possibile creare e formattare i documenti attraverso "stili di documento", modelli pre impostati che si applicano con un semplice clic. Le note possono essere pubblicate sul web o salvate come PDF e condivise in un secondo momento. Le modifiche vengono salvate per poter essere visualizzate in una "storia" e sapere i contributi dei diversi collaboratori. 
Si possono "aggiungere persone" ad un documento per lavorare insieme, la chat si avvia rapidamente digitando nella barra laterale destra Quip è free per un uso personale, i vari piani prevedono poi costi da $ 10/mese fino a $25/mese. Per visualizzare i vari piani cliccare qui: 
video dimostrativo: 

Nell'articolo vengono anche segnalati e rencensiti:
# Dropbox Paper
# Hackpad
# Box Note
# Apple Note
Che evito di tradure per motivi di tempo.

PPLICAZIONI PER ANNOTARE E DISEGNARE A MANO LIBERA
L'articolo segnala e recensisce anche tre applicazioni che si possono utilizzare sui dispositivi mobili per annotare e disegnare a mano libera. Si tratta di: 
# Paper, per iPhone e iPad
# Penultimate, per iPad
# Squid, per Android e Windows
Mi limito a tradurre la recensione di Squid
# Squid: applicazione per annotare a mano libera su dispositivi Android e Windows. Si può disegnare con la pressione del dito su qualsiasi documento o immagine, si possono anche importare documenti in PDF e immagini per poi annotarle e successivamente esportarle in PDF e inviarle a chiunque. Include i principali strumenti per la formattazione del testo. Free. Il costo è di $3 per usufruire delle piene funzionalità di esportazione e sincronizzazione dei propri appunti