Ecosistema XXI
Follow
Find
4.0K views | +1 today
 
Scooped by Gino Tocchetti
onto Ecosistema XXI
Scoop.it!

7 social network italiani di successo e i consigli per lavorare al meglio online

7 social network italiani di successo e i consigli per lavorare al meglio online | Ecosistema XXI | Scoop.it

Che noi italiani siamo un popolo di inventori è cosa nota, la storia ce lo insegna. Che però lo siamo anche sul fronte digitale è meno risconosciuto, ma assai rilevante. 

 

[...] 

Emergono sulla scacchiera della rete social network legati agli ambiti della ristorazione, dello sport, della musica e del tempo libero. Qualche settimana fa ho raccontato questo fenomeno dalle colonne di Nòva24 del Sole24Ore. Oggi vorrei proporvi una mappa dei casi di successo, una bussola per orientarvi tra i social network nostrani, con brevi schede realizzate con i fondatori di queste startup che spero possano fornire stimoli per lavorare in rete.

 

- 2Spaghi

- Kanito

- Vinix

- Fubles

- Zazie

- Blablacar

- Twoorty

 
more...
No comment yet.
Ecosistema XXI
Digital Social and Business Ecosystems in the XXIth century [formerly Ecosistema 2.0]
Curated by Gino Tocchetti
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Manifattura digitale, ecco come il Veneto sta facendo avanguardia nazionale

Manifattura digitale, ecco come il Veneto sta facendo avanguardia nazionale | Ecosistema XXI | Scoop.it
Con queste due iniziative il Veneto si propone sulla ribalta nazionale tra i territori più attivi nell’ambito della manifattura digitale. Non si tratta solo di sottolineare i numeri di una densità sicuramente senza pari rispetto alle altre regioni (se si pensa che al momento le ultime analisi contano circa una ottantina di FabLab  su tutto il territorio regionale) ma l’attivazione di fatto  di una nuova infrastruttura abilitante in grado di “contaminare” in modo profondo le persone, le imprese e le istituzioni dei singoli territori. In questi spazi maker, artigiani, imprenditori, autoproduttori, appassionati, giovani studenti ed esperti “diversamente giovani” potranno conoscere ed imparare le potenzialità della fabbricazione digitale, progettare e realizzare prototipi, sperimentare e testare nuovi prodotti e servizi, sviluppare nuove ed originali business idea etc. tutto in modo molto operativo, interattivo e partecipativo. Questi venti laboratori per la fabbricazione digitale dovrebbero diventare la “base” e il punto di riferimento di tutte quelle persone, imprese ed istituzioni che vorranno “mettersi in gioco” per cogliere le opportunità della terza rivoluzione industriale.

Siamo quindi di fronte a una nuova infrastruttura per la competitività del territorio? Dopo avere investito per anni in quelle materiali (come ad esempio strade, porti, aereoporti etc) e immateriali (reti di centri di Ricerca e Sviluppo, reti per il trasferimento tecnologico, reti di telecomunicazioni etc) ora si apre una nuova fase.

La rete dei laboratori per la fabbricazione digitale rappresenta sicuramente un’infrastruttura sia materiale (macchinari, stampanti etc) sia immateriale (condivisione della conoscenza,) ma anche “sociale”. Nel senso che il successo di questa infrastruttura passa decisamente attraverso il coinvolgimento, l’ attivazione e l’entusiasmo di una comunità ampia e diversificata che dovrà diventare la vera protagonista di questi spazi fornendo spunti, idee e suggestioni per contaminare ed innovare i tradizionali settori dell’economia, cosi in Veneto con in tutti gli altri territori. Una sfida tutta da cogliere ( e da studiare): in cui il punto di partenza è certo – ovvero avvio dei fablab – mentre il punto di arrivo e di ricaduta è veramente nelle mani dei protagonisti.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Le foto colorate su Facebook per il matrimonio gay erano un esperimento sulle emozioni?

Le foto colorate su Facebook per il matrimonio gay erano un esperimento sulle emozioni? | Ecosistema XXI | Scoop.it
E in maniera diversa da quanto avviene con le foto virali di gattini e simili. Lì, a una vasta imitazione nel breve periodo, corrisponde un altrettanto rapido sgonfiarsi del fenomeno. Qui, invece, forse perché si tratta di temi più delicati, le persone si prendevano il loro tempo per decidere, ma il sostegno cresceva lento e sicuro nel tempo, via via che sempre più persone, incoraggiate dall’esempio degli amici, decidevano di schierarsi.  
Di scelta meditata appunto si tratta, e questo contribuisce a fugare uno dei principali dubbi che da sempre circonda l’attivismo online: che si tratti invece di un modo comodo per illudersi di contribuire a un cambiamento, quando invece tutto ciò che si fa è pigiare un bottone, comodamente sdraiati sul divano. Alcuni studiosi chiamano questo tipo di approccio “slacktivism”.  
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Jeremy Rifkin: la terza rivoluzione industriale è digitale

Jeremy Rifkin: la terza rivoluzione industriale è digitale | Ecosistema XXI | Scoop.it
È una trasformazione radicale, da consumatori a prosumer, produttori e consumatori allo stesso tempo; dopo quella del vapore e dell’elettricità, la Terza rivoluzione Industriale passa per il digitale e l’economia della condivisione. Nasceranno mestieri completamente diversi da quelli attuali: Rifkin immagina un giorno in cui «dovremo spiegare ai nostri nipoti come mai c’è stato un tempo in cui qualcuno guidava un camion per otto ore al giorno su una strada ogni giorno, e loro si chiederanno perché». Le macchine si guideranno da sole, come la Google Car che a breve comincerà a circolare nelle strade della California. Non avrà più importanza il possesso, quello che conterà sarà poter accedere ai servizi. 
 
Ma attenzione agli equivoci: «Uber, che per molti è un esempio di sharing economy, adotta una struttura verticale tradizionale», osserva Rifkin. «Quanto tempo ci vorrà perché gli autisti decidano di costituirsi in cooperative e offrire direttamente i loro servizi su base locale, tenendo per loro tutti i guadagni? Quella sarà la terza Rivoluzione Industriale: collaborativa, orizzontale, aperta».
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

L’automazione dal volto umano » First Draft

L’automazione dal volto umano » First Draft | Ecosistema XXI | Scoop.it
In tutti questi settori la via italiana all’utilizzo del digital manufacturing non prevede necessariamente la nascita di “fabbriche automatiche”, senza uomini, che tanto entusiasmo avevano ricevuto in Italia già nella seconda metà degli anni ’80.  Segnala piuttosto la necessità di trovare un nuovo modello di integrazione fra competenze tipiche del Made in Italy e utilizzo di strumenti particolarmente efficaci in fasi come la prototipazione e la produzione di pezzi su misura. Questa integrazione contribuisce a consolidare le scelte strategiche promosse da tante nostre medie imprese che hanno rinunciato alla produzione di grandi serie per concentrarsi su strategie di varietà (tanti prodotti diversi di grande qualità) e strategie di personalizzazione (prodotti su misura per il cliente).

Quanto è realistico pensare a una rapida diffusione di questi strumenti (e di questa nuova cultura gestionale) all’interno del nostro sistema industriale? Una ricerca avviata dall’Università di Brescia proprio su queste tematiche suggerisce un cauto ottimismo. Lo studio, condotto su imprese di media dimensione (fatturato superiore ai 30 milioni di Euro),
segnala una crescente attenzione verso il potenziale della stampa 3D, conosciuta in modo superficiale o approfondito da più del 60% degli intervistati, e una maggiore difficoltà a
esplorare il mondo della robotica e dei sistemi esperti (in questo caso il 75% degli intervistati dichiara di non avere alcuna conoscenza a proposito). In generale le aziende intervistate segnalano un aumento della qualità dei prodotti e dei servizi offerti legato all’introduzione delle nuove tecnologie e una crescente reattività rispetto alle richieste del mercato, con benefici spesso superiori alle attese.

Rimane da capire come promuovere un percorso virtuoso che consenta all’Italia di avviare quanto la Germania ha saputo innescare sviluppando una propria strategia di Industria 4.0. Il problema è legato, in parte, allo sviluppo di un’offerta di tecnologie innovative capaci di affiancare e potenziare (non di sostituire) il lavoro umano. A questo proposito le sperimentazioni avviate da diversi centri di ricerca italiani  riflettono un’attenzione particolare verso una robotica “umanistica”, innovativa proprio perché capace di espandere le capacità del lavoro umano.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Design, When Everybody Designs | The MIT Press

Design, When Everybody Designs | The MIT Press | Ecosistema XXI | Scoop.it
Gino Tocchetti's insight:

Manzini distinguishes between diffuse design (performed by everybody) and expert design (performed by those who have been trained as designers) and describes how they interact. He maps what design experts can do to trigger and support meaningful social changes, focusing on emerging forms of collaboration. These range from community-supported agriculture in China to digital platforms for medical care in Canada; from interactive storytelling in India to collaborative housing in Milan. These cases illustrate how expert designers can support these collaborations— making their existence more probable, their practice easier, their diffusion and their convergence in larger projects more effective. Manzini draws the first comprehensive picture of design for social innovation: the most dynamic field of action for both expert and nonexpert designers in the coming decades.

more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Cookie Law: s', abbiamo dormito, ma adesso sveglia!

Perché la direttiva europea che ha messo in moto questo sconvolgimento è del 2009. La norma italiana che la recepisce è del 2012. Il provvedimento con cui il Garante della Privacy Antonello Soro ne ha dato attuazione è del 13 maggio 2014. Un anno fa. Un anno per mettersi in regola. E nel frattempo c’è stata una consultazione pubblica imponente, sono stati sentiti tutti o quasi. Vi va bene? Proponete correttivi? Dire che c’è stata una gigantesca sottovalutazione del fenomeno è un eufemismo. Non abbiamo capito quanto fossero importanti e diffusi i cookie e quanto fosse complicato fermarli, soprattutto se gestisci un piccolo blog amatoriale
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Le connessioni di George

Le connessioni di George | Ecosistema XXI | Scoop.it
Il concetto di connettivismo (connectivism) si deve a George Siemens che definisce la sua teoria intorno a tre idea guida principali: i) saper fare qualcosa significa sapere dove trovare le informazioni che servono per farla; ii) è la cura delle connessioni, la capacità di essere presente con il proprio nodo nella rete della conoscenza a rendere possibile l’accesso, a determinare processi di inclusione; iii) i processi di apprendimento sono riferibili all’ambito della socialità più che a quello dell’informazione.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Amazon cambia rotta: pagherà più tasse in Europa. Ecco come

Amazon cambia rotta: pagherà più tasse in Europa. Ecco come | Ecosistema XXI | Scoop.it
Amazon, anticipando le mosse dell'Ocse e rispondendo alle sollecitazioni dei singoli Stati, cambia rotta e, come ha reso noto ieri, dal 1 maggio ha aperto in Europa (in Italia, in Inghilterra, In Germania, in Spagna; prossimamente anche in Francia) delle stabili organizzazioni, intese come filiali della sede lussemburghese Amazon EU Sarl, che gestiranno direttamente il business negli specifici mercati.

La decisione presa dal colosso dell'e-commerce, però, a differenza di quanto è stato scritto anche da autorevoli testate internazionali, non ha nulla a che fare né con l'inchiesta della Commissione Ue su presunti aiuti di Stato né con le nuove regole europee sul trattamento Iva dell'e-commerce. E, per essere chiari, sotto questo profilo comporterà per il cliente solo alcuni cambiamenti operativi. Al contrario, per le casse dell'erario la modifica strutturale potrebbe far emergere nuove basi imponibili e potrebbe generare nuove entrate fiscali. Insomma, è prevedibile che Amazon d'ora in avanti paghi più tasse, anche in Italia.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Google to Test Bubble-Shaped Self-Driving Cars in Silicon Valley

Google to Test Bubble-Shaped Self-Driving Cars in Silicon Valley | Ecosistema XXI | Scoop.it
SAN FRANCISCO — The world is one step closer to the day when people can, in good conscience, drive to work while sipping coffee, texting with a friend and working on a laptop computer.

On Friday, Google announced that sometime this summer several prototype versions of its self-driving cars are set to hit the streets of Mountain View, Calif., the search giant’s hometown. The move is still just another round of testing but it is a significant step toward a pilot program in which regular consumers could ride in self-driving cars.

Google has long been testing its self-driving car technology with a fleet of Lexus sport utility vehicles that have driven about a million miles on public roads, and that continue to put in 10,000 miles each week.

Traditional automakers are also pushing the envelope of driverless tech with on-the-road testing of their own autonomous prototypes, and the industry predicts that by 2020 those dreams could come true.

Getting there is now much more about software than hardware. The systems of radar, lasers and cameras currently used by Google and automakers have grown so sophisticated that the vehicles can easily monitor the road in all directions — even beyond what the eye can see. The tough part is figuring out what to do with all that information.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

How 3-D Printing Is Saving the Italian Artisan

How 3-D Printing Is Saving the Italian Artisan | Ecosistema XXI | Scoop.it
This spirit of experimentation is palpable in Verona, the traditional center of Italy’s quality printing business. Like much of the rest of the country’s industry, it’s been gutted—the small-scale workshops are unable to compete with digital printing and faster, cheaper competition. “The traditional printers worked with their heads down for 30 years, and when they looked up, the world had changed,” says Nicola Zago, 33, one of the founders of Lino’s Type, a rare startup in the tradition-bound world of printing. With his business partner, Tommaso Cinti, 33, Zago bought a set of 1950s-era printing presses, made by the German company Heidel­berg, from an artisan who used to set many of his prints by hand. For a complex project, he might have spent days arranging letters taken from drawers, using technology not much changed since the time of Gutenberg.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Managing millennials

Managing millennials | Ecosistema XXI | Scoop.it
The very different work traits of hoodies, old fogies, and everyone in between
Gino Tocchetti's insight:

entrepreneurial, a way to be

more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Tesla unveils battery storage system for home, business and utility use

Tesla unveils battery storage system for home, business and utility use | Ecosistema XXI | Scoop.it
The Tesla home battery system hinted at by CEO Elon Musk several months ago has finally been unveiled by Musk himself at the company’s design studio in Hawthorne, California. Dubbed the Powerwall, the stationary home battery offers 10 kWh of storage capacity for the relatively modest price of US$3,500. A smaller unit is also available at 7 kWh for $3,000, and homeowners can stack multiple units if needed.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Un patto per il turismo rurale - Verona

Un patto per il turismo rurale - Verona | Ecosistema XXI | Scoop.it
Il centro urbano di Verona è una delle maggiori realtà turistiche d’Italia: il ricco contesto rurale delle valli che lo circonda, con le produzioni vinicole della Valpolicella e quelle casearie della Lessinia, offre un potenziale per ampliare l’offerta a un turismo rurale che oggi riscuote sempre più successo. Un convegno ne discute il 9 maggio, alle ore 10.30 in Piazza Bra, per definire una serie d’iniziative coordinate tra il capoluogo e le sue Valli a Nord, che miri a allargare l’attrattività e ne promuova le eccellenze.
L’evento è il risultato di due anni di lavoro svolto dal progetto europeo “RURBANCE” sviluppato dai Comuni di Verona, Negrar, Grezzana e Roverè Veronese, con il coordinamento della Regione Veneto. Durante questi due anni sono stati organizzati 10 incontri pubblici con un totale di più di 400 partecipanti. Gli incontri hanno dato come esito il progetto di una sistema d’itinerari ciclabili che collega il centro storico di Verona con le Valli veronesi. Intorno a questa ciclopista si è andato formando un “Patto per il turismo rurale”, che sarà firmato dalle Amministrazioni pubbliche e coinvolgerà anche i privati, per attivare interventi di promozione sul territorio.
L’incontro del 9 maggio è un momento di sintesi e confronto fra esperti di ambiti diversi: gastronomi e sommelier, agronomi e urbanisti, amministrazione pubbliche, riuniti a discutere le attività per valorizzare il potenziale del turismo rurale legato a Verona.
Il convegno fa parte degli eventi inseriti nel programma di Expo 2015 ed è accreditato presso la Federazione degli Ordini degli Architetti.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

THE KNOWLEDGE ECOSYSTEM: Quando si lavora bene, la terra ti ripaga sempre

THE KNOWLEDGE ECOSYSTEM: Quando si lavora bene, la terra ti ripaga sempre | Ecosistema XXI | Scoop.it
Sembra legittimo vederci un esempio del perduto contatto tra economia e finanza da un lato, e la società civile dall'altro, dal quale è logica conseguenza l'incapacità di dialogo e quindi di sviluppare una narrativa fluida e convincente. L'impresa (e l'imprenditore) avevano in questo caso un preciso ruolo sociale, ma prigioniero di una logica di investimenti e remunerazione del capitale investito, che ha privato il sostegno proprio nel momento di massimo impatto sociale. L'impatto benefico sul piano sociale avrebbe potuto proseguire, con energie liberate dall'operatività in azienda, e in maniera tale da riempire di senso gli ultimi anni di vita di qualunque protagonista di ben altre imprese. Eppure ha prevalso (forse) l'annichilimento di un allontanamento forzato; la bocciatura finale di un percorso possibile solo grazie ad un grande talento e tenacia; la freddezza di una valutazione economica e finanziaria, proprio nel momento in cui quel capitolo andava chiudendosi naturalmente. Chiediamoci se non sia urgente riconsiderare con maggiore attenzione il ruolo sociale delle imprese, da parte di tutti gli stakeholder coinvolti, e dunque un maggiore equilibrio ed una più naturale continuità tra economia e società, sia a livello di singole imprese e mercati, che a livello più generale, ecosistemico. E quindi anche a livello personale.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Squinzi: ora un welfare sostenibile

Squinzi: ora un welfare sostenibile | Ecosistema XXI | Scoop.it
È il prossimo traguardo che riguarda il mercato del lavoro in tutti i suoi aspetti. Ed è il «terreno più sfidante» delle moderne relazioni industriali. «Sarebbe utile lavorare in sintonia e costruire un nuovo sistema di welfare più equo e solidale». L’obiettivo di Giorgio Squinzi è questo: una revisitazione del modello di welfare, un passo necessario se si vuole mantenere la «sostenibilità del nostro modello sociale. Il problema del welfare è uno dei più importanti che abbiamo da risolvere. Se non troviamo il modo di renderlo sostenibile sarà una catastrofe per il nostro paese». Su questi argomenti Confindustria si è già messa in moto: «Abbiamo elaborato un documento inviato all’attenzione del Primo ministro, venerdì o questa mattina (ieri). Credo si tratti di un dibattito fondamentale per il futuro del paese», ha continuato Squinzi. Il testo riguarda una «riflessione che include pensioni e sanità. Di fronte ad un paese che non cresce vedo sempre più vicino quello scenario di cui mi aveva parlato un ex presidente dell’Inps, e cioè che o cresciamo del 2% all’anno o rischiamo il default dell’Inps stessa».
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Le stategie dormienti - L'Impresa

Le stategie dormienti - L'Impresa | Ecosistema XXI | Scoop.it

Il paradosso, sempre più evidente in questi ultimi anni, è che le strutture più robuste nei confronti dei pericoli prevedibili si dimostrano essere le più fragili di fronte a situazioni impreviste. John Doyle, scienziato del California Institute of Technology, ha coniato il termine “robust-yet-fragile” (“robusto-ma-fragile”) o “RYF” per descrivere l’architettura di sistemi di questo tipo, in grado di resistere di fronte ai pericoli previsti ma estremamente fragili rispetto a minacce impreviste. I sistemi RYF sono quelli più diffusi nel nostro ambiente economico e sociale: sono efficienti ed affidabili, spesso dando l’illusione di poter durare per sempre.”

more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Brera 'laurea' Enzo Mari, il maestro del design: "Milano ti odio, pensi solo al denaro"

Brera 'laurea' Enzo Mari, il maestro del design: "Milano ti odio, pensi solo al denaro" | Ecosistema XXI | Scoop.it
"In testa abbiamo tutti la stessa insana accozzaglia. La differenza è nella capacità di produrre determinazione, che ha un costo altissimo. E non parlo del maledetto denaro, per fare il quale basta sfruttare i poveri. Parlo degli anni, anche 10, che servono a trovare la giusta soluzione a ciascun problema di progetto. E poi etica, leggete Platone, abbiate senso del prossimo. Si lavora sempre per 7 miliardi di esseri umani. Lo dico da tutta la vita ma lo ha capito il 5 per cento degli allievi. Quindi ho fatto il conto: 100 anni e il 5 per cento sarà maggioranza". Mari accende il toscano e attende
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

How to run a company with (almost) no rules

How to run a company with (almost) no rules | Ecosistema XXI | Scoop.it
What if your job didn’t control your life? Brazilian CEO Ricardo Semler practices a radical form of corporate democracy, rethinking everything from board meetings to how workers report their vacation days (they don’t have to). It’s a vision that rewards the wisdom of workers, promotes work-life balance — and leads to some deep insight on what work, and life, is really all about. Bonus question: What if schools were like this too?
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Stretti tra il Grande-Wow e l'Enorme-Chissenefrega

Stretti tra il Grande-Wow e l'Enorme-Chissenefrega | Ecosistema XXI | Scoop.it
Il passaggio-chiave che sarebbe invece necessario è la diffusione di una consapevolezza strategica, appunto, sulle reali opportunità offerte agli italiani dalla rivoluzione digitale, basata sulla saldatura originale e tutta da inventare tra i settori nei quali gli italiani eccellono e le strutture economiche emergenti nel contesto dell’internazionalizzazione scientifica, tecnologica e digitale. Il che significa rimettere in questione molti pregiudizi, pensare in grande, lavorare sodo, studiare molto, investire tanto in ricerca, crederci e pensare al lungo termine. Con ottimismo ma senza iperboli.

Questo potrebbe avvenire se ci mettessimo sul serio a criticare il modello finanziario dell’economia degli ultimi decenni, se ci concentrasimo su quello che sappiamo fare bene e possiamo fare meglio, se riprendessimo in mano il ragionamento sull’economia della felicità, se ci dotassimo di un pensiero autentico e non di un’imitazione del pensiero altrui. Sulla base magari di una narrazione ecologica e non consumistica dell’innovazione. Con in testa grandi progetti e non piccole operazioni di facciata.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

È l’autoproduzione la nuova strada sostenibile nel design? Le risposte da Open Design Italia, mostra-mercato che alla quinta edizione si sposta a Trento | Artribune

È l’autoproduzione la nuova strada sostenibile nel design? Le risposte da Open Design Italia, mostra-mercato che alla quinta edizione si sposta a Trento | Artribune | Ecosistema XXI | Scoop.it
A che punto è l’affermazione dell’autoproduzione in Italia e nel mondo? C’è un’economia di settore che inizia a fare fatturato? I diversi attori della filiera, in primis makers e designer, stanno imparando a collaborare secondo visioni realmente progettuali? A fare il punto di una situazione promettente quanto confusa ci pensa Open Design Italia, mostra-mercato di design autoprodotto e insieme piattaforma privilegiata per osservare il fermento di un settore ancora instabile seppur in rapida e incontenibile espansione. Giunto alla sua quinta edizione, Open Design Italia si sposta a Trento dopo le tappe di Bologna e Venezia: un’occasione, ci dice Laura Succini, co-curatrice del progetto insieme a Elena Santi (con la direzione scientifica di Valentina Croce) per approfondire le opportunità e le specifiche produttive di un nuovo territorio, tipicamente legato alla lavorazione del legno e della pietra.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Amazon lancia il servizio di consegne in un’ora. Con i droni? No, con la vecchia rete della metropolitana

Amazon lancia il servizio di consegne in un’ora. Con i droni? No, con la vecchia rete della metropolitana | Ecosistema XXI | Scoop.it
Il futuro probabilmente saranno le consegne con i droni. Ma nel presente c’è la cara vecchia metropolitana. È questa la “nuova” frontiera che Amazon sta utilizzando per spingere le consegne istantanee di prodotti, una fascia di mercato dove da sempre i retailer online sono in sofferenza.

Da dicembre, come riporta il Financial Times, la società guidata da Jeff Bezos e quotata a Wall Street con una capitalizzazione di 200 miliardi di dollari, ha lanciato il servizio “Prime Now”, pensato appunto per offrire consegne istantanee ai propri clienti.

Come funziona? I fattorini abbandonano la macchina e scendono in metropolitana per sfuggire al traffico di Manhattan che rende arduo mantenere l’impegno preso con i clienti di effettuare consegne ultra-rapide. Con la metropolitana invece è possibile mantenere la parola data ai clienti: consegna entro un’ora al prezzo di 7,99 dollari oppure gratis entro due ore. Il servizio viene utilizzato in particolare per la consegna articoli popolari e poco ingombranti come come caricabatterie del telefono, sapone e cibo per animali.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

5 trend che porteranno alla scomparsa degli uffici tradizionali (secondo Talent Garden)

C’è una possibilità piuttosto alta che in questo momento siate seduti in uno spazio di coworking. Perché? Negli ultimi anni almeno tre nuovi spazi di coworking sono stati aperti ogni giorno e la media del numero dei coworkers è cresciuta al ritmo di duecento ogni 24 ore. E ci sono 5 semplici ragioni che stanno portando gli uffici tradizionali ad essere rimpiazzati dagli spazi di coworking.

1. Siamo nell’era del co-

2. L’evoluzione degli ambienti lavorativi: network, skills, risorse and vita sociale

3. Le opportunità che offre l’affitto di un posto

4. Gli sviluppi nel mercato immobiliare

5. La generazione dei nomadi digitali

more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

Interview with Brunello Cucinelli, the king of cashmere

Interview with Brunello Cucinelli, the king of cashmere | Ecosistema XXI | Scoop.it
The self-made billionaire greeted me at the door as if I was his long-lost friend. I felt as if I had known him all of my life, just hadn’t met him. I had bought two of his sweaters almost seven years ago, when I had lost a lot of weight (which I have since regained), but his clothes aren't really part of my wardrobe. And yet I have admired them, as well as his stores and his ethics. For example, he gives 20 percent of his company's profits to his charitable foundation in the name of “human dignity” and pays his workers wages that are 20 percent higher than the industry standard, mostly because it allows his company to encourage and continue the Italian craftsman traditions. Cucinelli also pays for an artisan’s school in Solemeo: Young people are free to work either at his company or for another Italian company. The on-campus cafe is way more beautiful than Google Cafe or Facebook’s facilities. And the pasta is really heavenly. The company, which trades on the Milan Stock Exchange, is doing well: about 356 million euros in revenues in 2014. Brunello is part businessman, part philosopher and part monk. He is not Jeff Bezos or Larry Page. He certainly isn’t chief executive of an oil company. He is the anti-LVMH, and that is what makes him interesting. We were supposed to meet for 30 minutes but ended up spending a few hours talking about everything from Marcus Aurelius to Barack Obama to Steve Jobs to his father, a farmer. Here is a snapshot of our rambling two-hour conversation, facilitated by an Italian translator. There are so many lessons here for founders, especially the importance of giving back.
more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

End of the car age: how cities are outgrowing the automobile

End of the car age: how cities are outgrowing the automobile | Ecosistema XXI | Scoop.it

Gilles Vesco calls it the “new mobility”. It’s a vision of cities in which residents no longer rely on their cars but on public transport, shared cars and bikes and, above all, on real-time data on their smartphones. He anticipates a revolution which will transform not just transport but the cities themselves. “The goal is to rebalance the public space and create a city for people,” he says. “There will be less pollution, less noise, less stress; it will be a more walkable city.”

Vesco, the politician responsible for sustainable transport in Lyon, played a leading role in introducing the city’s Vélo’v bike-sharing scheme a decade ago. It has since been replicated in cities all over the world. Now, though, he is convinced that digital technology has changed the rules of the game, and will make possible the move away from cars that was unimaginable when Vélo’v launched in May 2005. “Digital information is the fuel of mobility,” he says. “Some transport sociologists say that information about mobility is 50% of mobility. The car will become an accessory to the smartphone.”

Vesco is nothing if not an evangelist. “Sharing is the new paradigm of urban mobility. Tomorrow, you will judge a city according to what it is adding to sharing. The more that we have people sharing transportation modes, public space, information and new services, the more attractive the city will be.”

more...
No comment yet.
Scooped by Gino Tocchetti
Scoop.it!

La Biennale apre agli artisti-artigiani

La Biennale apre agli artisti-artigiani | Ecosistema XXI | Scoop.it
Un po’ come l’Angelus Novus di Paul Klee, la Biennale internazionale d’arte, in collaborazione con il Victoria ed Albert Museum di Londra, entra nel futuro dedicando il Padiglione Venezia agli artigiani digitali (e non) del Veneto.

Una piccola rivoluzione culturale, con le storie, i prodotti e i volti di artisti-artigiani della manifattura made in Italy. «Nove storie esemplari del Veneto, il primo passo di una ricerca alla quale la Biennale intende dedicare parte delle sue energie» dice Paolo Baratta. Sembra una frase buttata lì, ma è come se fosse l’ultimo colpo di piccone sul muro che separa la sapienza artigianale dall’arte, l’una la continuazione dell’altra, come sanno benissimo gli esperti della materia, ma non fino al punto di spalancare le porte del tempio più formale e anticonvenzionale dell’esibizione artistica - la Biennale, appunto - ai prodotti del saper fare italiano.
more...
No comment yet.