Diventa editore d...
Follow
Find tag "sondaggi"
55.0K views | +4 today
Diventa editore di te stesso
Come scrivere, pubblicare, promuovere i tuoi libri e il tuo blog senza editore.
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by ROBERTO P. TARTAGLIA
Scoop.it!

Self publishing e sondaggi: 4+1 strumenti per crearne a bizzeffe

Self publishing e sondaggi: 4+1 strumenti per crearne a bizzeffe | Diventa editore di te stesso | Scoop.it
ROBERTO P. TARTAGLIA's insight:

Il metodo migliore per scrivere sempre ciò che i tuoi lettori vorrebbero leggere è…sapere cosa vorrebbero leggere.

 

Si, è vero, bisogna scrivere prima per se stessi, e io ne sono fermamente convinto. Ho più e più volte ribadito che, per me, scrivere è soprattutto terapeutico. Ma ciò non vuol dire evitare ogni punto di incontro con le esigenze dei tuoi lettori.

 

In fondo, se scrivi anche per vendere, un compromesso devi pur trovarlo. Scrivi e pubblichi in self publishing ciò che dà piacere a te, ma anche ciò che rende felici i tuoi lettori.

 

Il primo passo per farlo è, certamente, quello di pensare come lui, come il lettore modello. Creati una sua immagine e pensa come lui. Cosa vorrebbe leggere nei tuoi libri? Che esigenza ha? Cosa si aspetta?

 

Il secondo passo, più semplice, è quello di chiedere loro direttamente cosa vorrebbe leggere e dove migliorerebbe i tuoi libri. Per farlo, basta mettere su un sondaggio.

 

Ed esistono diversi strumenti online che ti permettono di farlo. Oggi te ne presento 4.

 

 

Leggi tutto e commenta su: http://www.viverediscrittura.it/self-publishing-e-sondaggi-41-strumenti-per-crearne-a-bizzeffe/

 

more...
No comment yet.
Scooped by ROBERTO P. TARTAGLIA
Scoop.it!

Self publishing: l’importanza dell’essere professionali

Self publishing: l’importanza dell’essere professionali | Diventa editore di te stesso | Scoop.it
ROBERTO P. TARTAGLIA's insight:

 

“C’era davvero bisogno di scrivere questo post, Roby? È chiaro che bisogna essere professionali!”

 

Già, è chiaro. Ma cosa vuol dire in pratica? Cercherò di spiegartelo in questo post un po’ diverso dal solito, più discorsivo e filosofico, per così dire, senza link o suggerimenti su quale programma utilizzare o quale sito visitare. E spero di riuscirci.

 

Dunque, ci sono molte persone che credono di essere professionali solo perché sparano qualche parolone o qualche bell’inglesismo da manager.

 

O, magari, perché trattano il proprio cliente/collega con freddezza, distacco e un’ostentata superiorità. Nulla di tutto ciò ha a che fare con la professionalità.

 

Essere professionali, al contrario, e specie nell’era del Web, vuol dire saper far bene il proprio mestiere e saper pensare con la mente del fan, del lettore, nel nostro caso, vuol dire saper stringere e mantenere buoni rapporti interpersonali, nonché coltivare l’umiltà.

 

L’esatto opposto di ciò che fanno molti “professionisti” old style in giacca e cravatta, mentre esibiscono il loro ultimo tablet e rispondono: “Mi scusi, ora sono troppo impegnato per ascoltare le sue lamentele”.

 

Il Web, come ormai noto, pone il professionista di qualunque settore in una condizione più confortevole e rilassata rispetto al passato, lo mette davanti a una serie di rapporti interpersonali molto più informali.

 

Come, forse, saprai, nel Webnon si dà mai del Lei a qualcuno, ma del Tu. Proprio perché il Web si basa su princìpi di parità e uguaglianza.

 

 

Leggi tutto: http://blogs.youcanprint.it/il-self-publishing-e-limportanza-della-professionalita

 

 

a cura di ROBERTO P. TARTAGLIA: giornalista e scrittore indipendente. Fondatore di www.viverediscrittura.it, il primo sito per imparare a diventare scrittori indipendenti. Il suo sito personale dove trovare i suoi libri e i suoi videopost è http://www.robertotartaglia.com.

more...
No comment yet.