Diventa editore d...
Follow
Find tag "google"
55.8K views | +9 today
Diventa editore di te stesso
Come scrivere, pubblicare, promuovere i tuoi libri e il tuo blog senza editore.
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by ROBERTO P. TARTAGLIA
Scoop.it!

Self publishing: diventare uno scrittore di successo con la giusta nicchia

Self publishing: diventare uno scrittore di successo con la giusta nicchia | Diventa editore di te stesso | Scoop.it
ROBERTO P. TARTAGLIA's insight:

È proprio così: la giusta nicchia di lettori può trasformarti in breve tempo in uno scrittore di successo, che tu ci creda o no.

 

Al di là di cosa tu intenda per “successo” (la mia idea latrovi qui), partiamo dal presupposto che farebbe piacere a tutti gli appassionati di scrittura essere apprezzati per ciò che si scrive e riuscire a trasformare la propria passione in un lavoro.

 

Prendiamo, dunque, questa come idea generale di successo. Come ci si può riuscire?

 

Semplice: trovando la giusta nicchia di mercato e facendosi valere.

 

Come ti ho spiegato la volta scorsa, e come illustro più approfonditamente nella guida gratuita dedicata, che invio via newsletter, uno dei più importanti lavori da svolgere prima di intraprendere la strada dell’autopubblicazione, ètrovare la propria nicchia di lettori.

 

Parti da ciò che ami scrivere e cerca di capire come puoi adattare questa tua passione agli interessi di lettura di una particolare tribù di lettori.

 

La via migliore è quella di cercare su Google quanto interesse si celi dietro ogni tua idea, quanta concorrenza ci sia in giro (altri scrittori che scrivono dello stesso argomento) e quanto tu sia capace di raggiungere alti livelli qualitativi in quel genere.

 

Riuscire in questo lavoro ti potrebbe assicurare il successo in poco tempo. Non è l’unico elemento chiave, ovvio, ma è uno di essi.

 

Perché? Ecco perché.

 

 

Leggi tutto e commenta su: http://www.viverediscrittura.it/self-publishing-diventare-uno-scrittore-di-successo-con-la-giusta-nicchia/

more...
No comment yet.
Scooped by ROBERTO P. TARTAGLIA
Scoop.it!

Posizionare il proprio sito nei motori di ricerca: introduzione alla Social Seo

Posizionare il proprio sito nei motori di ricerca: introduzione alla Social Seo | Diventa editore di te stesso | Scoop.it
ROBERTO P. TARTAGLIA's insight:

La Google Social Search (o Social Seo) è un concetto relativamente recente a cui dovremo abiutuarci.

 

Tra i principali artefici di questa rivoluzione ci sono sicuramente i Social Network, uno fra tutti Google+ che influisce ed influirà sempre di più nella SERP.

 

Come sostiene Jordan Kasteler di Search Engine Watch “a site can jump from #30 to #3 in the SERPs just because someone in your Google+ circles shared the link” oppure “getting an RT from The Huffington Post can jump your blog post from #8 to #1”.

 

Non è sufficiente postare ogni tanto qualche articolo ma è indispensabile definire un piano editoriale per comprendere che tipologia di interventi che si possono fare per creare engagement.

 

1. Propri articoli

2. Articoli scritti da altri blogger ma ritenuti interessanti

3. Commenti senza link su faccende che ci hanno incuriosito

 

La domanda che ci dobbiamo porre adesso è quali sono i Social più influenti lato Seo? La domanda è molto semplice: Google Plus.

 

Anche se molti di voi non apprezzano molto questo strumento dal punto di vista del posizionamento nei motori di ricerca è molto influente in particolare in riferimento alla Google Authorship che premia (o andrà a premiare) quegli autori che sono riusciti a creare engagement.

 

Gli altri Social sono senza dubbio , Twitter, Facebook, LinkedIN (e gruppi associati al proprio settori di appartenenza) e per ultimo Pinterest.

 

 

Leggi tutto: http://www.adseo.it/introduzione-alla-social-seo-657/?goback=.gde_1776163_member_207666209

 

more...
No comment yet.
Scooped by ROBERTO P. TARTAGLIA
Scoop.it!

Come indicizzare il proprio blog su Google nel 2013?

Come indicizzare il proprio blog su Google nel 2013? | Diventa editore di te stesso | Scoop.it
ROBERTO P. TARTAGLIA's insight:

Quelli che vogliono capire profondamente le dinamiche SEO (ottimizzazione di un sito per i motori di ricerca) e sono interessati ai fattori più importanti e influenti che condizioneranno le SERP (pagina di risultati ricerca) di Google nel 2013, si devono mettere in testa di cambiare approccio.

 

La chiave del successo: l’Authorship.

 

Le novità si basano soprattutto sul modo di attribuire “autorità” a ciò che pubblichiamo. Infatti, i concetti che si sono già pienamente affermati in questo anno, e lo faranno sempre di più nel 2013, saranno essenzialmente basati sull’Authorship.

 

Ma cos’è l’Authorship?

 

Dall’inglese “Fonte”, è il sistema con cui si può dichiarare come proprio un determinato contenuto web. Questo sistema è stato sponsorizzato da Google e può essere implementato seguendo direttamente le loro linee guida (https://plus.google.com/authorship).

 

Il futuro della SEO nel 2013 si baserà sul riconoscimento non soltanto di ciò che abbiamo già “dichiarato” essere nostro, ma delle diverse risorse che abbiamo prodotto e produrremo nel web: prima siamo passati all’ancoraggio dei nostri contenuti, ovvero del nostro sito, adesso passiamo all’ambiente esterno e alla identificazione degli autori.

 

L’Authorship è la prima cosa da sviluppare, quindi.

 

Cercate sempre di citare anche il vostro profilo di Google+ quando pubblicate un contenuto al di fuori del vostro sito: questo, semplicemente, rimarcherà il fatto che “voi” siete stati tirati in causa in quell’argomento e di conseguenza si suggerirà a Google un’identità.

 

Utilizzate sempre il nome del vostro profilo di Google Plus: cambiare nome, diversificando l’anchor text come facciamo nella link popularity è una cosa sbagliata, perché in questo caso vogliamo proprio che il testo rispecchi esattamente la nostra autorità.

 

 

Leggi tutto: http://francescogavello.it/seo-authorship?+Blogosfera)

 

 

a cura di ROBERTO P. TARTAGLIA: giornalista e scrittore indipendente. Fondatore di www.viverediscrittura.it, il primo sito per imparare a diventare scrittori indipendenti. Il suo sito personale dove trovare i suoi libri e i suoi videopost è http://www.robertotartaglia.com.

more...
web writing's curator insight, January 21, 2013 5:46 AM

Ottima analisi su come l'indicizzazione di un blog su Google sta cambiando. Parola d'ordine: "essere autorevoli", con tutte le implicazioni del caso... 

Stefano Laborius's curator insight, January 21, 2013 6:49 PM

Dall'articolo: "l futuro della SEO nel 2013 si baserà sul riconoscimento non soltanto di ciò che abbiamo già “dichiarato” essere nostro, ma delle diverse risorse che abbiamo prodotto e produrremo nel web: prima siamo passati all’ancoraggio dei nostri contenuti, ovvero del nostro sito, adesso passiamo all’ambiente esterno e alla identificazione degli autori!"

ROBERTO P. TARTAGLIA's comment, January 22, 2013 4:42 AM
Finalmente, dopo un periodo in cui l'attenzione s'è focalizzata più sul mezzo di trasmissione, ora si sta tornando a considerare il contenuto dell'informazione. La sua qualità. Ripeto: finalmente!
Scooped by ROBERTO P. TARTAGLIA
Scoop.it!

Il mondo contro Google: è la grande guerra 2.0

Il mondo contro Google:  è la grande guerra 2.0 | Diventa editore di te stesso | Scoop.it

Nelle mie strategie di autopromozione e personal branding non mi affido mai alla "bontà" di colossi come Google o Facebbok. Ed è un consiglio che do sempre.

 

Ecco un altro caso che mi fa pensare che faccia bene a comportarmi così.

 

Lo Spiegel ha recentemente documentato alcuni casi singolari che si verificano su Google Maps, da quando l'azienda californiana ha raggiunto un accordo con la compagnia ferroviaria nazionale tedesca, Deutsche Bahn, per offrire, con le mappe, anche percorsi ferroviari.


Se, ad esempio, volete viaggiare da Cottbus a Goerlitz, nell'est del paese, vi sentite offrire un lungo tour, con cambio di treno in una stazione polacca, per un totale di 4 ore 32 minuti.


Non una parola - a quel 90 per cento di internauti che si rivolge a Google - sul fatto che, servendosi di un concorrente privato di Deutsche Bahn, lo stesso tragitto può essere percorso in un'ora, senza scendere mai dal vagone.

Le indagini sull'abuso di posizione dominante e su supposte manipolazioni alla neutralità dell'algoritmo di ricerca sono, probabilmente, le insidie più velenose che Google ha di fronte, perché ne corrodono il brand e l'immagine. Ma non sono le uniche.

 

 

Leggi tutto: http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/12/19/news/il_mondo_contro_google_la_grande_guerra_2_0-49058679/

ROBERTO P. TARTAGLIA's insight:

Giornalista e scrittore indipendente. Fondatore diwww.viverediscrittura.it, il primo sito per imparare a diventare scrittori indipendenti. Il suo sito personale dove trovare i suoi libri e i suoi videopost è http://www.robertotartaglia.com.

more...
No comment yet.
Scooped by ROBERTO P. TARTAGLIA
Scoop.it!

Self publishing e blogging: 17 contenuti che faranno felice Google

Self publishing e blogging: 17 contenuti che faranno felice Google | Diventa editore di te stesso | Scoop.it
ROBERTO P. TARTAGLIA's insight:

Ci si chiede sempre come accrescere la propri acomunità, come far felici i propri lettori sul Web, ma anche come render efelice Google e fargli prendere in buona considerazione il nostro blog.

 

Ecco, in questo ottimo post si parla proprio dei contenuti che, più degli altri, accresceranno la nostra fama e la nostra reputazione.

 

A questa lista aggiungi le regole base del blogging, ovvero: scrivere in un italiano corretto ed essere sempre originale.

 

Ecco la lista dei contenuti più apprezzati:

 

1. Le interviste2. Le liste3. Gli aggregatori di risorse4. I canali social5. I sondaggi6. Gli aggiornamenti7. Le recensioni8. I confronti9. Le novità10. Le case histories11. Le critiche12. Le storie13. Le previsioni14. “E se…”15. Le cose stupide e divertenti16. I contest17. I prezzi

 

 

Leggi tutto: http://www.ninjamarketing.it/2013/04/16/contenuti-google/

 
more...
No comment yet.
Scooped by ROBERTO P. TARTAGLIA
Scoop.it!

Search Engine Marketing: come posizionare bene la landing page del tuo blog su Google

Search Engine Marketing: come posizionare bene la landing page del tuo blog su Google | Diventa editore di te stesso | Scoop.it
ROBERTO P. TARTAGLIA's insight:

Sono cambiate molte cose sull’algoritmo di Google nel 2012 per chi lavora sul posizionamento sui motori di ricerca. Ci sono stati dei grossi cambiamenti, anche se, in realtà, non sono poi così drastici e drammatici come ce li vogliono far sembrare.

 

Google si impegna sempre di più a cercare di far capire agli spammer e a chi cerca di modificare i risultati della parte organica, che non c’è posto per loro, ma in realtà, fino a che il posizionamento nelle serp (pagine con i risultati di ricerca) si baserà prevalentemente su di un algoritmo e quindi qualcosa dinon umano, sarà inevitabile che qualche volta compariranno dei risultati forzati.

 

Detto questo, anche dopo tutto il terrorismo psicologico che Google ha fatto per convincere gli esperti di SEO che ormai ci si basa solo sulla qualità del contenuto, in realtà le tecniche vecchie, di un paio di anni, funzionano ancora, basta solo stare un po’ più attenti a non esagerare perché si rischia di venire penalizzati con facilità.

 

Quindi, sì, è ancora possibile posizionare delle landing page su Google, anche nel 2013, io ho ottenuto questo risultato in diversi modi che bisogna scegliere a seconda del caso.

 

Nel caso non lo sapessi, le landing page sono le pagine più importanti in un sito, perché sono quelle dove l’utente deve compiere l’azione che serve per il nostro business.

 

Una landing page, in breve, è quindi una pagina super-ottimizzata a livello di copywriting (scrittura persuasiva) per fare in modo che l’utente compri un prodotto, compili un modulo o si iscriva alla newsletter.

 

Come fare?

 

 

Leggi tutto: http://blog.tagliaerbe.com/2013/01/posizionamento-landing-page.html

  

 

a cura di ROBERTO P. TARTAGLIA: giornalista e scrittore indipendente. Fondatore di www.viverediscrittura.it, il primo sito per imparare a diventare scrittori indipendenti. Il suo sito personale dove trovare i suoi libri e i suoi videopost è http://www.robertotartaglia.com.

more...
No comment yet.
Scooped by ROBERTO P. TARTAGLIA
Scoop.it!

Promuovere i propri libri con un blog: i benefici di sottoscrivere il proprio link in una directory

Promuovere i propri libri con un blog: i benefici di sottoscrivere il proprio link in una directory | Diventa editore di te stesso | Scoop.it

Se hai intenzione di accrescere la popolarità del link del tuo sito web, uno dei primi passi da compiere è quello di sottoscrivere il tuo dominio ad una Directory.

 

Questa semplice prassi molto sottovalutata porta molti benefici per un sito web, in questo post vengono affrontati uno alla volta, partendo dai più importanti.

 

Inviare e pubblicare il tuo sito web all’interno di una Directory, aumenta la popolarità del link.

 

Se vuoi piazzare il tuo sito web in alto nel ranking di Google, è molto importante avere molti (anche se è Google valuta anche la qualità) link in entrata.

 

 

Leggi tutto: http://www.michelepapaleo.it/seo-benefici-link-directory/

ROBERTO P. TARTAGLIA's insight:

Giornalista e scrittore indipendente. Fondatore di www.viverediscrittura.it, il primo sito per imparare a diventare scrittori indipendenti. Il suo sito personale dove trovare i suoi libri e i suoi videopost è http://www.robertotartaglia.com.

more...
No comment yet.