"No Slot" - gioco d'azzardo patologico | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Spesso le persone si ritrovano a doversi confrontare con problematiche, tentazioni e comportamenti che non riescono a reprimere, che possono trasformarsi in vere e proprie dipendenze e che possono creare un disagio sociale. Tra queste problematiche con cui l'uomo, soprattutto negli ultimi anni, si è dovuto confrontare, vi è la ludopatia, malattia di cui si sente parlare poco, ma che sta distruggendo la vita di molte persone.

 

Il Ministero della Salute ha definito la ludopatia ( o gioco d'azzardo patologico) come “ l'incapacità di resistere all'impulso di giocare d'azzardo o fare scommesse, nonostante l'individuo che ne è affetto sia consapevole che questo possa portare a gravi conseguenze. Per continuare a dedicarsi al gioco d'azzardo e alle commesse, chi è affetto da ludopatia trascura lo studio o il lavoro e può arrivare a commettere furti o frodi. Questa patologia condivide alcuni tratti del disturbo ossessivo compulsivo, ma rappresenta un'entità a sé”.

 

La ludopatia può esporre il soggetto a notevoli e gravi conseguenze personali, sociali e finanziarie: può comportare una modifica della personalità, problemi economici e compromissione dei rapporti sociali, nonché perdita del lavoro, sviluppo di dipendenza da droghe o da alcol fino ad arrivare al suicidio.

 

Il soggetto dipendente dal gioco d’azzardo costruisce attorno al gioco il proprio mondo, tutto ruota intorno al gioco e tutto viene svolto in funzione del gioco: ripensa spesso alle esperienze di gioco pregresse, programma nuove giocate, si indebita e si ostina a trovare il denaro, ciò che gioca non gli basta e pertanto è portato ad aumentare la posta per eccitarsi, sfarnetica e costruisce delle scuse per sopperire ai dubbi e alle perplessità della famiglia, la quale spesso non si accorge del problema in conseguenza della bravura a mentire del giocatore.

 

 Di recente, il DDL 13/9/2012 n. 158 (art. 5), ha inserito la ludopatia nei livelli essenziali di assistenza (Lea), con riferimento alle prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette da questa patologia.

 

La ludopatia è cresciuta in maniera esponenziale con la diffusione delle slot machine, macchine infernali che ormai si trovano in diversi locali ( dai bar ai locali adibiti proprio a questo genere di gioco), a cui è sempre più facile accedere e che diventano una trappola in cui molte persone cadono facilmente.

 

È’ importante effettuare una prevenzione di questo disturbo diffondendo nel miglior modo possibile le informazioni relative al gioco d’azzardo e al modo in cui si può instaurare questa dipendenza. E’ importante mettere a disposizione delle fonti che possano aiutare chi non riesce ad uscirne, ma soprattutto sarebbe opportuno formare a livello professionale coloro che lavorano in quest’ambiente, addestrandoli a riconoscere i sintomi del gioco d’azzardo patologico.

 

A cura di:
www.federicobaranzini.it