Rigidità e dicotomia: la personalità ossessiva | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

La personalità ossessiva si muove all'interno dell'asse rigidità- dicotomia: per il soggetto ossessivo la propria vita è fatta di precisione, di regole, di pensieri e comportamenti di cui è consapevole, ma che non riesce a controllare, è costantemente orientato alla perfezione ed è determinato nel perseguirla. Rappresenta una personalità dicotomica poichè si muove tra il tutto ed il nulla, fra contraddizioni morali, di pensiero e di comportamento.

 

Personalità ossessiva e relazioni

All'interno delle relazioni interpersonali che il soggetto ossessivo instaura, egli si mostra estremamente scrupoloso, non delega a qualcuno ciò che dovrebbe fare in quanto ciò potrebbe provocare ansia, nessuno potrebbe usare la sua stessa precisione e non è disposto ad abbandonare il controllo e le regole. Si mostra critico, giudicante verso coloro che non fanno dei suoi schemi il proprio stile di vita.

 

Personalità ossessiva e emozioni

Tende ad esercitare il proprio controllo anche sulla sfera emotiva nascondendo la fragilità personale. Manifesta difficoltà nel fare emergere o mostrare le emozioni vissute e provate, in quanto ciò potrebbe rappresentare un elemento di vulnerabilità, di debolezza e di perdita del controllo, andando a contrastare con i propri schemi e regole mentali.

 

Personalità ossessiva e autostima

Il soggetto ossessivo tende  a svalutare non soltanto l'operato e la vita delle altre persone, priva dei suoi stessi schemi ossessivi, ma tende ad auto-criticarsi, auto-svalutarsi e a mettere in dubbio le proprie capacità.

 

Cosa fare

Bisognerebbe aiutare il soggetto con personalità ossessiva ad abbandonare i propri pensieri e comportamenti disfunzionali, a lasciarsi andare alle sensazioni e alla naturalezza degli eventi della vita abbandonando l'estremo controllo che lo caratterizza. Bisognerebbe aiutarlo ad aumentare la fiducia verso gli altri e verso se stesso, ridurre i livelli di critica e migliorare l'autostima.


A cura di:
www.federicobaranzini.it