Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano
3.7K views | +0 today
Follow
Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano
News e aggiornamenti per la cura dei disturbi d'ansia. Psicologia e Psicoterapia dell'Ansia a Milano e Online. www.psicoterapeuta-a-milano.it
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Attacchi di panico: derealizzazione e depersonalizzazione - NeuroNews24.it

Attacchi di panico: derealizzazione e depersonalizzazione - NeuroNews24.it | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

I sintomi tipici e che tutti noi conosciamo degli attacchi di panico e dell’ansia sono tachicardia, palpitazioni, vertigini, mal di testa, senso di soffocamento: ne esistono però altri due, molto più complessi e pochi conoscono, la depersonalizzazione e la derealizzazione di sé.

 

La depersonalizzazione e la derealizzazione sono due termini che indicano, in realtà, un insieme di sintomi definiti come dissociativi e che si ritrovano non solo nelle persone affette da attacchi di panico, ma anche in ha o ha avuto episodi di psicosi o disturbi dell’umore.

 

La diagnosi precoce è il miglior modo per riuscire a curare questi disturbi che, spesso, hanno un decorso molto lungo. Uno psicoterapeuta, uno psicologo o psichiatra sono le figure di riferimento in caso si incorra in questi sintomi. In alcuni casi vi si associa la giusta terapia farmacologica.

 

A cura del Dott Federico Baranzini

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

I meccanismi di amplificazione della nostra ansia

I meccanismi di amplificazione della nostra ansia | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Secondo il terapeuta Radle C., specializzato nella cura di ansia e autostima presso l'Eddins Counseling Group a Houston nel Texas, può accadere che sia il soggetto stesso, con le sue interpretazioni e i suoi significati attribuiti agli eventi, a far scaturire eccessiva ansia. Esistono, infatti, tre modalità con cui individualmente si arriva ad amplificare la propria ansia:


- Considerare i nostri dubbi, fatti.

Può capitare di farsi influenzare dalle proprie insicurezze e ,con esse, leggere e narrare gli eventi ai quali si attribuisce una chiave di lettura negativa, senza alcun dato reale. Es. Ci troviamo ad uscire con una persona che ci piace. Noi la invitiamo ad un nuovo appuntamento, ma se, dopo un pò di ore, non riceviamo alcun segnale, inziamo ad interpretare gli eventi con questo tipo di pensiero: "Non è interessato/a a me, non vuole vedermi mai più. Io non sono abbastanza per lui/lei. Come ho potuto essere così stupido/a nel pensare che qualcuno di così meraviglioso potesse stare con uno/una come me?"

- Prevedere il peggio.

Può capitare di interpretare un evento in modo catastrofico. Es. Arrivare a lavoro e sentirsi chiamare dal proprio capo, il quale vuole un incontro con noi, senza spiegarci il motivo. Si potrebbe leggere l'evento in chiave negativa con il seguente pensiero: "Finirò nei guai, il mio capo vuole licenziarmi, già lo so".

- Ignorare le nostre esigenze

Trascurare i nostri bisogni di base può rinforzare l'ansia


Sulla base di quanto suggerito da Radle, sarebbe utile:

- Fare a noi stessi dei discorsi di incoraggiamento e parlarci con un tono maggiormente compassionevole

- Considerare, quando non conosciamo interamente i fatti, molteplici scenari, evitando di riempire i pezzi mancanti in modo da realizzare una narrativa che rafforzi il pensiero ansioso

-  Quando ci accorgiamo di saltare a conclusioni affrettate o di tentare la lettura delle menti altrui, ricordarci che sono cose che non possiamo proprio conoscere

- Onorare i nostri bisogni: dormire abbastanza, prendersi delle pause, impegnarsi in attività divertenti, rispondere alle proprie esigenze fisiche, emotive, mentali e spirituali

- Stabilire dei confini e denunciare apertamente quando essi vengono superati da qualcuno. Dobbiamo comunicarli in modo chiaro e, se necessitiamo di chiarimenti, non dobbiamo avere paura di chiedere


Accanto a questi accorgimenti, se si sente la necessità, è importante non esitare a richiedere aiuto o supporto ad un terapeuta.


A cura del Dott Federico Baranzini

www.psicoterapeuta-a-milano.it


more...
No comment yet.
Rescooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it from Uscire dal panico e dalle fobie
Scoop.it!

Aiutare i famigliari dei pazienti con un Disturbo d'Ansia: suggerimenti e strategie

Aiutare i famigliari dei pazienti con un Disturbo d'Ansia: suggerimenti e strategie | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Nel momento in cui viene diagnosticato un disturbo d'ansia, spesso ci si concentra solo sul soggetto che manifesta i sintomi sottovalutando gli effetti del disturbo che si possono manifestare sulle persone che gli stanno vicine. Esse possono sentirsi frustrate, cariche di responsabilità, impotenti per aver provato di tutto senza ottenere grandi risultati. Anche i familiari vanno supportati, sostenuti e ,soprattutto, informati su cosa fare, dire o non nel momento in cui una persona cara soffre di un disturbo d'ansia.

 

Cosa fare e cosa può essere opportuno dire:

- Cercare di avere un atteggiamento di sostegno senza colpevolizzare

- Considerare una conquista una piccola parte dell'obiettivo raggiunto dal soggetto e non un fallimento

- Sostenere l'autostima del soggetto

- Mostrare pazienza rimandando l'idea che la terapia può avere tempi lunghi prima di ottenere degli effetti

- Non preoccuparsi della propria ansia nel momento in cui la persona che ci sta vicino sta male. L'ansia dei familiari è giustificata

- "Dimmi di cosa hai bisogno in questo momento", "Lo so che ciò che stai provando ora è doloroso, ma non pericoloso", "Tu sei coraggioso", "Puoi farcela"

 

Cosa non fare e cosa non dire: 

- Non interpretare i bisogni della persona con ansia, ma chiedere direttamente di cosa ha bisogno

- Negoziare la possibilità di fare anche un piccolo passo in avanti piuttosto che rinforzare l'evitamento della situazione temuta

- Non lasciarsi prendere dal panico

- Non assecondare il soggetto con ansia nel momento in cui vorrebbe interrompere il percorso di psicoterapia

- Non sacrificare la propria vita accumulando risentimenti per ciò che si ritiene di non poter fare a causa del disturbo del familiare

- "Non essere ansioso", "Calmati", "Devi reagire", "Vediamo se riesci a farcela", "E' solo colpa tua"

 

Ulteriori accorgimenti che il familiare di una persona con disturbo d'ansia potrebbe utilizzare e che potrebbero portare alla riduzione delle tensioni e dei contrasti familiari, ma che non sono risolutivi, sono i seguenti:

- Non modificare drasticamente la routine della famiglia poichè avere intorno a sè un ambiente normale per il soggetto può aiutarlo a cimentarsi nella ricerca dell'equilibrio che momentaneamente ha perso

- Sostenere il percorso di psicoterapia in quanto se la famiglia si mostra in una posizione di sfiducia, aumenteranno le probabilità che il soggetto con ansia interrompa o che i tempi di reazione alla terapia si allunghino

- Non perdere l'ironia. Con ciò non si intende prendere in giro il soggetto con ansia, ma rendere alcuni suoi comportamenti meno importanti sdrammatizzandoli

- Diventare parte integrante della psicoterapia, soprattutto quando al soggetto viene chiesto di esporsi gradualmente alle situazioni temute, in cui il familiare assume il ruolo di accompagnatore durante le prime uscite

 

A cura del Dott. Federico Baranzini

www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

 


Via Psicologo Milano www.faustogirone.com
more...
Psicologo Milano www.faustogirone.com's curator insight, July 7, 2015 5:43 PM

Consigli e strategie per aiutare chi soffre di attacchi di panico 

Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Cervello, scoperto "l'interruttore" che accende ansia e terrore

Cervello, scoperto "l'interruttore" che accende ansia e terrore | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Uno studio condotto al Cold Spring Harbor Laboratory e pubblicato su Nature ha cercato di indagare i processi alla base dei disturbi d'ansia ed in particolare, come agisce il meccanismo dell'ansia e il suo ricordo che compare quando si scatena il terrore. 

 

Secondo Bo Lì, autore dello studio: "La paura viene memorizzata in una specifica regione del cervello, l'amigdala centrale, e attivata da una molecola già conosciuta, il Bdnf (Brain derived neurotrophic factor)".

Il ruolo di "nascondiglio delle ansie" è stato associato ad un gruppo di neuroni che si trovano nel nucleo paraventricolare del talamo (Ptv). Secondo gli scienziati, la connessione tra amigdala e Ptv è il Bdnf, di cui si è riscontrato un cambiamento nei soggetti con disturbi d'ansia. 

A tal proposito, gli autori dello studio hanno verificato come l'aggiunta di Bdnf all'amigdala attivi i neuroni innescando una risposta di spavento nei topi che non sono stati esposti a nessuno stimolo pauroso.

Gli studiosi hanno concluso affermando: " Abbiamo stabilito che il Bdnf è un messaggero chimico che permette al Ptv di esercitare il controllo sull'amigdala, quindi il prossimo obiettivo è sviluppare un trattamento "ad hoc" per i disturbi d'ansia".

 

A cura del Dott Federico Baranzini

www.federicobaranzini.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Terapia di Efficacia Sociale (SET): utile per superare l'ansia sociale

Terapia di Efficacia Sociale (SET): utile per superare l'ansia sociale | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Il disturbo d'ansia sociale o fobia sociale è un disturbo caratterizzato da paura e ansia provati nel momento in cui il soggetto deve esporsi in situazioni che prevedono la presenza di altre persone e la paura nell'essere giudicato negativamente per ciò che dice o fa in pubblico.

Diverse sono le terapie utili per fronteggiare questo disturbo, come ad esempio la Terapia di esposizione e la Terapia di efficacia sociale, quest'ultima considerata come un approccio di trattamento multicomponenziale composto da un trattamento psicoeducativo, social skill training, esposizione in vivo e/o immaginativa e pratica programmata. L'efficacia di quest'ultima terapia, per la riduzione dei sintomi di ansia sociale, è stata dimostrata da uno studio condotto da D. Beidel e colleghi.

 

Studio

L'obiettivo dello studio è stato quello di mettere a confronto l'efficacia dell'una e dell'altra terapia.

I soggetti partecipanti alla ricerca sono stati 106, ognuno con Disturbo d'ansia sociale e sottoposti alcuni a Terapia di esposizione, altri a Terapia di efficacia sociale ed un gruppo di controllo in attesa.

Gli strumenti utilizzati nella ricerca sono stati: questionari self- report, valutazioni cliniche in cieco e valutazioni del comportamento sociale in cieco.

 

Risultati

Dall'analisi dei risultati è emerso che, entrambe le forme di terapia hanno ridotto significativamente lo stato di ansia dei soggetti partecipanti, ma la Terapia di efficacia sociale ha prodotto risultati migliori per quanto riguarda le competenze sociali e lo stato clinico generale, producendo maggiori effetti positivi.

 

A cura del Dott. Federico Baranzini

www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Ansia e attacchi di panico. Trascurarli è pericoloso

Ansia e attacchi di panico. Trascurarli è pericoloso | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

L'ansia non è un fenomeno anormale. Rappresenta un'emozione di base funzionale all'individuo poichè aumenta i livelli di attivazione e permette al soggetto di individuare il pericolo. Nel momento in cui l'attivazione del sistema di ansia è eccessiva, ingiustificata o sproporzionata rispetto alle situazioni, ci troviamo di fronte ad un disturbo d'ansia, che può diventare invalidante, influenzare la vita del soggetto rendendolo incapace di affrontare anche le situazioni più comuni.

 

Tra i disturbi d'ansia diagnosticabili vi sono le fobie specifiche, gli attacchi di panico, l'agorafobia, il disturbo ossessivo compulsivo e il disturbo post- traumatico da stress.Questi disturbi possono essere accompagnati da sintomi fisici e cognitivi come aumento del battito cardiaco, sudorazione, vertigini, tremore, difficoltà di concentrazione, irritabilità, disturbi del sonno, risposte di evitamento o di fuga e alterazioni comportamentali in generale. Tali disturbi sono tra i più frequenti nella popolazione.

 

In particolar modo gli attacchi di panico spesso vengono descritti come episodi terribili, improvvisi e inaspettati. Soprattutto quando si presentano per la prima volta, il timore di un nuovo attacco diventa forte e dominante originando la cosiddetta "paura della paura".

 

Spesso si fa ricorso a trattamenti farmacologici, i quali, però, mirano a ridurre ed agiscono sui sintomi senza rendere il soggetto artefice del fronteggiamento del problema e senza agire sulle cause sottostanti. Per questo spesso i disturbi d'ansia non rispondono a questi trattamenti. Sarebbe opportuno intraprendere un percorso di psicoterapia che insegni al soggetto a gestire in maniera autonoma il disturbo, che lo renda più razionale nei confronti di esso e che permetta di indagare e gestire le cause sottostanti. Un'ottima alternativa sarebbe un trattamento combinato che faccia riferimento all'utilizzo di farmaci e di sedute di psicoterapia, soprattutto nei casi in cui il disturbo viene percepito come estremamente difficile da gestire.

 

A cura di Federico Baranzini

www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Il disturbo post-traumatico da stress (DPTS)

Il disturbo post- traumatico da stress rappresenta un disturbo d'ansia che si manifesta in seguito all'esposizione ad un evento stressante e traumatico vissuto in prima persona o a cui il soggetto ha assistito.

Tra gli eventi critici che possono generare il disturbo si riscontrano: essere stati protagonisti di un abuso o aver assistito ad esso, incidenti, catastrofi naturali come inondazioni, terremoti.

 

I sintomi del disturbo post- traumatico da stress possono manifestarsi dopo alcune settimane dall'esposizione all'evento traumatico, oppure anche dopo diversi mesi o addirittura, in minore percentuale, anche dopo anni, e possono perdurare per molto tempo. Essi possono riguardare: ansia, disturbi della concentrazione, disturbi del sonno, incubi notturni, paura, apatia, evitamento delle situazioni che possono far riaffiorare e ricordare il trauma, ritiro sociale e ipervigilanza. 

In particolar modo, i soggetti con disturbo post- traumatico da stress, spesso tendono a rivivere il trauma sia durante la giornata che di notte, attraverso i sogni, oppure attraverso immagini, suoni, odori scatenati da eventi normali che si possono riscontrare nella vita di tutti i giorni.  Durante il riaffiorare del trauma, il soggetto potrebbe perdere il contatto con la realtà e avere l'impressione di rivivere in quel preciso istante l'evento.

 

Tra gli interventi terapeutici che vengono applicati per la trattazione del disturbo post- traumatico da stress vi sono la farmacoterapia e la psicoterapia (in particolare la psicoterapia cognitivo comportamentale  e le terapie psicoanalitiche). 

 

A cura di Federico Baranzini

www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Disturbo post-traumatico da stress, meglio scegliere la cura

Disturbo post-traumatico da stress, meglio scegliere la cura | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Alcune volte si pone poca attenzione alle preferenze del soggetto che mostra un disagio o un disturbo, in riferimento a quali percorsi vorrebbe seguire e a quali trattamenti vorrebbe sottoporsi, ricorrendo alle terapie standardizzate o più utilizzate.

 

Uno studio dell'Università di Washington, guidato dalla Dottoressa Zoellner, ha dimostrato che, dare la possibilità al paziente con disturbo post- traumatico da stress di scegliere il percorso ed il trattamento da intraprendere, comporta notevoli effetti positivi tra cui un miglioramento della qualità della vita ed una riduzione delle spese. 

Per lo studio sono stati presi in considerazione 200 soggetti tra i 18 ed i 65 anni, divisi in due gruppi. A un gruppo è stata data la possibilità di scegliere il percorso da intraprendere, scegliendo tra la psicoterapia e la farmacoterapia, mentre il secondo gruppo è stato sottoposto al trattamento prescelto dagli esperti, assegnandolo di volta in volta alla prima o alla seconda terapia.

I risultati hanno confermato una riduzione delle spese in quanto per i soggetti che hanno scelto il proprio trattamento veniva investito meno annualmente e costavano meno rispetto coloro ai quali è stato definito a priori dagli esperti il trattamento.

 

A cura di

www.federicobaranzini.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Terapie cognitivo-comportamentali. Così guariscono le ferite profonde

Terapie cognitivo-comportamentali. Così guariscono le ferite profonde | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Il disturbo post-traumatico da stress viene collocato all'interno della grande categoria dei disturbi d'ansia e si manifesta, di solito, in seguito all'esposizione ad un evento traumatico. Tra i diversi traumi a cui si può essere sottoposti vi è il fenomeno della violenza sulle donne. I dati ISTAT affermano che quasi il 32% della popolazione femminile ha subito violenze nel corso della vita: oltre il 23% violenze sessuali (stupro o tentato stupro) e quasi il 19% ha subito altre forme di violenze fisiche.

 Qualora dovessero manifestarsi sintomi di malessere dopo tre mesi dall'esposizione al trauma, così come sintomi specifici tra cui disturbo post-traumatico da stress, episodio depressivo, abuso di alcol, ideazioni suicidarie, sarebbe opportuno intraprendere un percorso di psicoterapia ed eventualmente una terapia farmacologica.

 

In particolare, per il disturbo post-traumatico da stress si è rivelato efficace l'approccio terapeutico cognitivo- comportamentale, con particolare rilievo della tecnica di desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari, EMDR. Questa tecnica, messa a punto dalla psicologa F. Shapiro prevede il ricordo, insieme al terapeuta, delle scene traumatiche e contemporaneamente lo spostamento dello sguardo orizzontalmente. Il movimento oculare sembra capace di ridurre l'intensità emotiva negativa connessa al ricordo.

Alcuni studiosi, però, ritengono che l'associazione con i movimenti oculari sarebbe frutto del caso e il vero elemento terapeutico sarebbe la desensibilizzazione del vissuto emotivo, per la continua esposizione al ricordo traumatico.

 

L'EMDR rappresenta una tecnica in fase di sperimentazione nel panorama italiano, la quale richiede un adeguato intervento formativo prima della sua applicazione.

 

www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

COSA NON DIRE AD UNA PERSONA CON ATTACCO DI PANICO

COSA NON DIRE AD UNA PERSONA CON ATTACCO DI PANICO | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

La gestione dell'attacco di panico rappresenta un problema e crea timore in chi lo vive,ma anche in chi si trova accanto alla persona nel momento in cui sopraggiunge. Spesso non si trovano le parole, si ha paura di dire qualcosa di sbagliato o si sottopone l'amico o il familiare in questione a delle asserzioni di rassicurazione che in quel momento non sono indicate per tranquillizzarlo. E' importante, quindi, sapere cosa dire o fare per aiutare il soggetto a superare questa fase e a ripristinare uno stato di benessere perso.

 

Cosa non dire?

- Evitare di dire frasi del tipo: "Guarda che è tutto nella tua testa". Trasmetteremmo l'idea che ciò che prova per noi non è altro che una sua fantasia e lo sottoporremmo ad una condizione di difetto o di non comprensione. Sarebbe meglio dire: "Sono qui per te".

 

- Un'altra frase da evitare è: " Cerca di calmarti e controllarti". Non si tratta di un disturbo che con un atteggiamento razionale scompare in un attimo ed esortarlo a calmarsi potrebbe trasmettergli l'idea di essere in imbarazzo più di lui.Sarebbe più utile porre domande del tipo: "Come posso aiutarti?", in modo che il soggetto percepisca la nostra voglia di aiutarlo e supportarlo.

 

- Un'altra frase da evitare è: " Stai esagerando", ed è utile sostituirla con: "Stai facendo il meglio che puoi". L'essere incoraggianti porta il soggetto a sentirsi apprezzato per ciò che fa per affrontare la situazione.

 

- Evitare di diffondere sensi di colpa che lo porterebbero ad alzare i livelli di ansia e di stress.

 

L'aspetto più importante in ogni caso è quello di cercare di essere il più possibile empatici con la persona che sta vivendo l'attacco di panico, senza farla sentire giudicata, attaccata o debole.

 

www.federicobaranzini.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Fumo, smettere migliora anche ansia e depressione

Fumo, smettere migliora anche ansia e depressione | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Quando si parla di sigarette, si tende a preoccuparsi dei danni che esse ed il fumo possono creare alla salute fisica, sottovalutando gli effetti che il fumo può provocare anche a livello della salute mentale. Si pensa solo che le sigarette aiutino a rilassarsi, a tranquillizzarsi e a contenere gli sbalzi d'umore, sottovalutando una loro certa influenza negativa sul piano psichico.

 

E' stato condotto uno studio il cui campione era composto da 4.800 fumatori dalla Washington University School of Medicine che ha analizzato il legame tra benessere psichico e lo smettere di fumare.

 

Dallo studio sono emersi i seguenti risultati: circa il 40% dei partecipanti ha dichiarato di soffrire o di aver avuto precedentemente disturbi d'ansia o dell'umore, il 50% ha dichiarato di avere problemi con l'alcol ed il 24% con la droga. Durante lo studio, il 42% di chi fumava ha continuato ad avere problemi relativi all'umore, rispetto al 29% dei soggetti che avevano smesso di fumare. I problemi con l'alcol si sono ridotti dal 28% al 18% ed i problemi con la droga dal 16% al 5%.

 

Questi risultati hanno portato i ricercatori ad affermare che "smettere di fumare o ridurre, è collegato ad una salute mentale significativamente migliore, ed è associato ad un rischio più basso di sviluppare disordini come depressione o dipendenze da alcol e droghe". Pertanto, secondo l'autrice dello studio Patrizia Cavazos- Rehg "quando un paziente è pronto per affrontare il suo problema psichiatrico, quello è il momento giusto affinchè venga indirizzato a smettere di fumare".

 

A cura di Federico Baranzini

www.federicobaranzini.it

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Ansia in adolescenza: possibili sviluppi

L'ansia è una condizione psicofisica che può essere esperita indipendentemente dall'età anagrafica, pertanto non solo in età adulta ma anche in età evolutiva.

 

A tal riguardo è stato condotto uno studio pubblicato nel Journal of Affective Disorders, che ha analizzato i disturbi d'ansia durante l'infanzia e l'adolescenza. In particolare, l'obiettivo dello studio era quello di analizzare la possibile relazione tra questi disturbi nelle date fasce di età e l'ipotetico funzionamento psicosociale negativo in età adulta, cercando di capire, inoltre, quanto la predizione dell'ansia in età adolescenziale possa influenzare l'emergere di condizioni psichiatriche in età adulta.

I soggetti che hanno partecipato allo studio sono stati 816, ai quali sono state effettuate due interviste, a 24 e a 30 anni, somministrati dei questionari e colloqui. 


Dall'analisi dei risultati è emerso che l'ansia in adolescenza sembra avere una buona capacità predittiva rispetto a: scarso adattamento generale, scarso adattamento al lavoro, scarse relazioni familiari, problemi in famiglia, minore soddisfazione di vita, scarse capacità di coping, e maggiore stress cronico. L’ansia adolescenziale sembrerebbe avere, inoltre, una buona capacità predittiva rispetto a: utilizzo di sostanze stupefacenti, abuso di alcool e ansia in età adulta. Al contrario, sembrerebbe non esservi una relazione significativa tra i disturbi d'ansia presenti durante l’infanzia e la psicopatologia in età adulta e gli esiti psicosociali all'età di 30 anni.


I risultati ottenuti e le analisi effettuate su di essi, ha portato i conduttori dello studio ad affermare quanto sia opportuno intervenire sull'ansia adolescenziale in modo da ridurre l'insorgenza di patologie e disagi ad essa correlati in età adulta.


A cura di Federico Baranzini

www.federicobaranzini.it


more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Un nuovo trattamento per ragazze adolescenti con PTSD

Un nuovo trattamento per ragazze adolescenti con PTSD | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

La terapia di esposizione prolungata rappresenta una forma di terapia cognitivo comportamentale che consiste nel far rivivere al paziente l'evento traumatico attraverso il ricordo di esso, coinvolgendolo nel ricordo piuttosto che evitarlo. 

Questa forma di terapia viene molto utilizzata per il trattamento del disturbo post traumatico da stress negli adulti. Un recente studio dell'Università della Pennsylvania ha permesso di dimostrare la validità di questo trattamento rispetto ad una terapia di tipo supportivo, anche negli adolescenti, in questo caso con pregresso abuso sessuale, portando ad una riduzione della gravità del disturbo, della diagnosi e della conseguente depressione nonchè un miglioramento del benessere e del funzionamento generale.

 

Studio

Sono state prese in considerazione 61 ragazze adolescenti con disturbo post traumatico da stress, divise in due gruppi: un gruppo è stato sottoposto a terapia di esposizione prolungata e un gruppo è stato sottoposto a terapia di tipo supportivo.

Durante il follow up a distanza di un anno si sono ottenuti i seguenti risultati:

- le adolescenti sottoposte all'esposizione prolungata hanno mostrato un miglioramento della sintomatologia e un aumento delle probabilità di perdere la diagnosi rispetto alle adolescenti sottoposte a counseling supportivo

- le adolescenti sottoposte all'esposizione prolungata hanno mostrato un miglioramento dei sintomi depressivi e nel funzionamento generale

 

Questo studio ha gettato le basi per una maggiore conoscenza ed applicabilità della terapia di esposizione prolungata, da estendere in futuro anche ad altri tipi di disturbi su base ansiosa.

 

A cura di Federico Baranzini

www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Efficacia della terapia metacognitiva per ansia e depressione

Efficacia della terapia metacognitiva per ansia e depressione | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

La terapia metacognitiva rappresenta un nuovo approccio al trattamento della psicopatologia proposto da Wells.

Quest'approccio sostiene che il mantenimento della psicopatologia è legato ad uno stile di pensiero perseverativo, definito dagli esperti in tale ambito sindrome attentiva cognitiva (CAS), caratterizzata da ruminazione, rimuginio, attenzione selettiva verso stimoli minacciosi,strategie di coping disfunzionali e comportamenti autoregolativi maladattivi, come ad esempio evitare e sopprimere i pensieri.


E' stata condotta una meta-analisi relativa all'efficacia della terapia metacognitiva nel trattamento dell'ansia e della depressione. Sono stati presi in considerazine 16 studi con un totale di 384 soggetti che hanno intrapreso un percorso di terapia metacognitiva.


Dall'analisi dei risultati ottenuti, è emerso che la terapia metacognitiva rappresenta una terapia efficace nel trattamento dei due disturbi, anche se gli studi su cui si è basata la meta-analisi portano con loro delle debolezze come ad esempio il campione preso in considerazione non molto ampio e la scarsità di studi in cui questa terapia viene messa a confronto con altre forme di terapia.


A cura del Dott Federico Baranzini

www.psicoterapeuta-a-milano.it


more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

L'ansia positiva come risorsa umana

L'ansia positiva come risorsa umana | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Spesso si pensa all'ansia come ad un qualcosa di negativo, qualcosa che, una volta presentata, può essere invalidante e minare la vita di tutti i giorni. Non tutti sanno, però, che l'ansia nasce come un'emozione positiva, come un'importante risorsa finalizzata a proteggerci dai rischi che incombono nella vita, a mantenere lo stato di allerta e che può aiutarci a migliorare le nostre prestazioni.

 

Essa può rappresentare una spinta emozionale e motivazionale non indifferente, che si attiva nel momento in cui un evento viene percepito come pericoloso dal soggetto.

 

E' nel momento in cui essa diventa maggiore, è quando, nascendo da un pensiero, quest'ultimo si presenta più frequentemente fino ad arrivare a non essere più controllato, che l'ansia diventa negativa.

 

A cura del Dott Federico Baranzini

www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Prevedere l'ansia prima che si manifesti, possibile?

Prevedere l'ansia prima che si manifesti, possibile? | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

La maggior parte delle ricerche ha cercato, da sempre, di focalizzarsi sui meccanismi dell'ansia, su come essa si presenta e su cosa si può fare per contrastarne i sintomi.

 

Una ricerca condotta alla Duke University si è interessata, invece, di capire se è possibile e, in tal caso, come predire il manifestarsi dei disturbi d'ansia, dando la possibilità di identificare le persone a rischio e di conseguenza di mettere in atto terapie preventive.

Sono stati seguiti per 4 anni 340 adulti sani dei quali è stata misurata, attraverso risonanza magnetica funzionale, l'intensità dell'attività dell'amigdala mentre i soggetti erano esposti ad immagini di volti arrabbiati o impauriti. Successivamente agli stessi soggetti, con una cadenza trimestrale, è stato dato il compito di compilare test online per rintracciare la manifestazione di eventuali episodi traumatici e sono stati sottoposti anche ad un questionario per la valutazione dell'ansia e della depressione.

 

E' stato notato che più l'amigdala si presentava attivata all'inizio dello studio più gravi erano i sintomi di ansia e depressione in risposta ad eventi traumatici che si sono manifestati fino a 4 anni dopo. 

Ciò ha permesso di dimostrare che è possibile predire il manifestarsi di sintomi d'ansia e depressivi monitorando l'attività elettrica dell'amigdala in modo da intraprendere dei percorsi di trattamento prima che si manifesti il disturbo.

 

A cura del Dott Federico Baranzini

www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Disordine ossessivo compulsivo: il cervello lavora troppo

Disordine ossessivo compulsivo: il cervello lavora troppo | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Il Disturbo ossessivo compulsivo viene classificato come un disturbo d'ansia, con incidenza maggiore nella popolazione giovane, la cui peculiarità è la presenza di ossessioni e compulsioni. Le ossessioni sono immagini o pensieri intrusivi che emergono improvvisamente nella mente mentre le compulsioni rappresentano dei rituali irrazionali che il soggetto mette in atto per placare l'ansia derivante dalle ossessioni e per evitare catastrofi.

 

In relazione alle cause del disturbo è stato condotto ultimamente uno studio che ha portato all'individuazione di un'ulteriore causa ovvero l'iperattività di una zona cerebrale chiamata nucleo caudato, importante area per la gestione delle abitudini e dei comportamenti.

Lo studio condotto da C. Gillian e dalla sua equipe presso la New York University, ha coinvolto 37 soggetti di cui 33 persone sane che non presentavano nessun sintomo. I soggetti sono stati sottoposti ad un test in cui il compito consisteva nel premere un pedale per evitare una scossa elettrica. Contemporaneamente è stata registrata l'attività cerebrale dei soggetti attraverso una risonanza magnetica.

I soggetti con Disturbo ossessivo compulsivo hanno mostrato una propensione inferiore a schiacciare il pedale rispetto ai soggetti sani, con annessa attività maggiorata del nucleo caudato.

 

A cura del Dott Federico Baranzini

www.federicobaranzini.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Psicologia, anche con l'ansia sociale si può fare amicizia

Psicologia, anche con l'ansia sociale si può fare amicizia | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

L'ansia sociale, o anche fobia sociale, rappresenta un disturbo d'ansia caratterizzato dal timore e dalla paura di esporsi in situazioni che prevedono la presenza di altre persone, la paura di essere giudicati negativamente per ciò che si fa o si dice , anche in situazioni che apparentemente possono sembrare semplici o normali come quelle che, ad esempio, richiedono di  mangiare o parlare in pubblico. Inoltre, le persone con ansia sociale possono manifestare difficoltà nell'intraprendere relazioni di amicizia reputando queste ultime di qualità inferiore rispetto a quelle che instaurano altre persone.

 

Uno studio della Washington University, a tal proposito, ha rilevato che queste percezioni di persone con ansia sociale relative alle proprie amicizie, non sono poi così "reali". Per lo studio, sono stati valutati i risultati ottenuti ad alcuni test psicologici che valutano la qualità delle amicizie, test somministrati a 112 soggetti con disturbo d'ansia sociale, accompagnati ognuno da un amico.

Gli autori dello studio hanno affermato: "Le persone con disturbo di ansia sociale pensano che le loro amicizie siano peggiori, ma i loro amici non la pensano allo stesso modo. Gli amici di persone con disturbo d'ansia sociale sembrano essere consapevoli del fatto che i loro amici stanno affrontando problemi, e inoltre vedono la persona con disturbo d'ansia sociale come meno dominante nel rapporto di amicizia".

Per quanto la percezione dei 112 soggetti fosse diversa, nella realtà la tipologia e la qualità delle amicizie che instaurano non sono diverse rispetto ad altre tipologie. E' importante che il soggetto con disturbo d'ansia sociale si distacchi dalla propria percezione perchè ciò potrebbe pian piano gettare le basi verso un superamento del problema che li caratterizza.

 

A cura del Dott. Federico Baranzini

www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

SALUTE E PREVENZIONE: I DISTURBI D'ANSIA E I SINTOMI FISICI

SALUTE E PREVENZIONE: I DISTURBI D'ANSIA E I SINTOMI FISICI | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Quando si parla di ansia, spesso si fa riferimento a qualcosa di negativo, deleterio e che può modificare la propria vita. Ciò avviene nel momento in cui lo stato ansioso ed i suoi correlati fisiologici sono sproporzionati alla situazione che li genera. Ma talvolta l'ansia può essere funzionale, aumentando i livelli di arousal e di attivazione e quindi permettendoci di riconoscere il pericolo.

Nel momento in cui l'ansia diventa invalidante, si manifestano tutta una serie di sintomi emotivi quali nervosismo, irritabilità, tensione, difficoltà di concentrazione, paura di morire o di perdere il controllo; sintomi/reazioni fisiologiche come tremore, palpitazioni, nausea, sudorazione, difficoltà respiratorie, difficoltà a dormire, riduzione dell'appetito; sintomi comportamentali quali reazioni di fuga o di evitamento delle situazioni che generano lo strato ansioso, immobilizzazione o reazioni comportamentali eccessive. 

Molte persone si trovano ad affrontare i loro stati ansiosi curando i sintomi con la farmacoterapia, in particolar modo assumendo dei tranquillanti che spesso, però, agiscono sui sintomi sottovalutandone le cause e che possono creare dipendenza. In alcuni casi questa forma di intervento non basta, soprattutto nel momento in cui lo stato ansioso sfocia e si manifesta in qualcosa di più complesso. In questi casi sarebbe opportuno rifarsi ad un percorso psicoterapeutico o comunque ad un supporto psicologico. In associazione ai trattamenti presi in considerazione, potrebbero essere svolte delle attività che aiutino a scaricare le tensioni o prendere in considerazione l'applicazione di tecniche di rilassamento.

 

A cura di Federico Baranzini

www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Ansia sociale: sintomi, cura e rimedi

Ansia sociale: sintomi, cura e rimedi | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

L'ansia sociale, chiamata anche fobia sociale, rappresenta un disturbo d'ansia con un'incidenza sulla popolazione abbastanza alta che può diventare invalidante.

 

Le persone che soffrono di ansia sociale manifestano paura e disagio nel momento in cui si trovano in situazioni pubbliche che richiedono ad esempio il parlare, il mangiare o l'esprimere un'opinione davanti ad altre persone e nel momento in cui si trovano in situazioni all'interno delle quali può essere espresso un giudizio negativo su di loro, infatti temono di apparire ridicole o inadeguate. Sono inoltre caratterizate dai classici sintoni fisiologici che riguardano l'ansia in generale quali vomito, rossore e aumento della sudorazione. Ciò che ne deriva è che il soggetto con ansia sociale tende a mostrare un vero e proprio ritiro sociale, a chiudersi in se stesso e ad attuare forme di isolamento.

Spesso l'ansia sociale è associata a specifici tratti caratteriali come maggiori livelli di timidezza e di insicurezza e  livelli bassi di autostima.

 

Le soluzioni per affrontare tale disturbo sono diverse, ma la soluzione più efficace e che ha comportato notevoli effetti positivi sulle persone che si sono sottoposte a tale trattamento, è la psicoterapia. In particolare esiste la psicoterapia ad orientamento cognitivo- comportamentale che conduce le persone con ansia sociale ad una graduale e sistematica esposizione alle situazioni sociali ansiogene. Si potrebbe inoltre ipotizzare un trattamento combinato che preveda la combinazione della psicoterapia e della farmacoterapia. 

 

A cura di Federico Baranzini

www.federicobaranzini.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Pensieri ossessivo-compulsivi riguardano il 94% delle persone

Pensieri ossessivo-compulsivi riguardano il 94% delle persone | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

La Concordia University del Canada ha condotto uno studio con l'obiettivo di valutare l'incidenza dei pensieri ossessivo-compulsivi in un campione molto vasto, composto da persone appartenenti ai sei Continenti e a quindici Università.

Gli autori dello studio hanno scoperto che pensieri, immagini mentali o impulsi tipici del disturbo ossessivo compulsivo sono molto diffusi e vengono sperimentati dal 94% delle persone che costituiscono il campione. Il presente studio non si è limitato solo a valutare l'incidenza di questa sintomatologia, ma ha cercato di far luce su ciò che le persone intendono fare di questi pensieri e come li affrontano.

 

Uno dei conduttori dello studio, A. Radomsky, ha spiegato che: " La maggior parte delle persone che ha il pensiero intrusivo di saltare giù da un balcone o da una piattaforma della metropolitana potrebbe dire a se stesso che è una cosa sciocca cui pensare, mentre una persona con disturbo ossessivo compulsivo si preoccupa che il pensiero possa significare che ci sono istinti suicidari. I pazienti con disordine ossessivo compulsivo sperimentano questi pensieri maggiormente e con maggiore sconvolgimento, ma questi pensieri sembrano essere indistinguibili da quelli che si verificano nella popolazione generale". Ciò dimostra quanto non sia così tanto decisivo se si hanno o meno pensieri di questo tipo, ma cosa si decide di fare con questi pensieri e come li si affronta.

 

www.federicobaranzini.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

COSA FARE DURANTE UN ATTACCO DI PANICO?

COSA FARE DURANTE UN ATTACCO DI PANICO? | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Quando si è colti da un attacco di panico è difficile restare calmi e percepirsi in grado di controllarlo. Ci si fa prendere dalla paura, dalla sensazione che non passerà, si perde la razionalità che in quel momento può essere funzionale per il suo superamento. E' importante pertanto essere a conoscenza di alcuni accorgimenti che indicano cosa fare in questi momenti di estrema ansia e paura.

 

Una cosa da fare durante un attacco di panico è uscire dalla stanza in cui ci si trova per dirigersi vero l'esterno o comunque verso un ambiente più ossigenato.Nel momento in cui, invece, ci si trova in un ambiente chiuso dal quale non possiamo uscire, è importante aprire la finestra. 

Inoltre, l'attacco di panico induce delle risposte comportamentali che riguardano il rimanere bloccati o la necessità di scappare. In questi casi la cosa meno indicata da fare è iniziare a correre senza una meta poichè rappresenta un atteggiamento che potrebbe aumentare ancora di più i livelli di ansia e agitazione.

E' importante respirare profondamente. Imparare a gestire la respirazione rappresenta un elemento fondamentale che aiuta a superare l'attacco di panico.

 

Se si ha la percezione di non essere in grado di gestire l'attacco di panico è opportuno chiedere aiuto rivolgendosi ad uno psicoterapeuta il quale, lavorando sul piano sintomatologico, può aiutare a capire cosa sta succedendo ed aiutare il soggetto a gestire l'evento.

Alcune volte si può richiedere un supporto farmacologico che agisce sui sintomi dell'ansia o un'integrazione dei due tipi di terapia, la psicoterapia e la farmacoterapia.

 

www.federicobaranzini.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Psicologia e meditazione, la mindfulness per migliorare la nostra vita

Psicologia e meditazione, la mindfulness per migliorare la nostra vita | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

Spesso, anche davanti a piccoli problemi che caratterizzano la propria vita, si sviluppano sensazioni di difficoltà, ci si sente sul punto di perdere il controllo, con un grande carico di stress ed incapaci a trovare soluzioni o modi per gestirli. 

 

Un modo per imparare a gestire le situazioni più piccole proviene dalla meditazione "mindfulness". Rappresenta una tecnica di meditazione che si basa sugli insegnamenti del Buddismo, che piano piano ha avuto i propri riconoscimenti anche in campo psicoterapeutico. Essa permette ed insegna al soggetto a prestare attenzione, ad acquisire consapevolezza e a focalizzarsi sul singolo momento che sta vivendo, cercando di percepire fino in fondo sensazioni, impulsi, pensieri, parole, emozioni, azioni e relazioni.

 

E' possibile applicare questa tecnica, riscontrando effetti positivi, per la trattazione di problemi come la depressione, ansia, attacchi di panico, disturbi dell'umore, disturbi alimentari e altre patologie.

Gli effetti della meditazione "mindfulness" si mostrano più evidenti nel momento in cui le sue procedure vengono messe in atto in maniera regolare. Questa tecnica, una volta appresa, offre l'opportunità di generalizzare l'acquisizione di consapevolezza ad altri problemi presenti nella propria vita e pertanto il soggetto, una volta appresa, riuscirà ad applicarla anche ad altre situazioni.

 

www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Crisi: triplicati italiani colpiti da attacchi di panico

Negli ultimi anni si è assistito ad un aumento dell'incidenza dei casi di attacchi di panico all'interno della popolazione italiana e delle persone che chiedono aiuto. Questo dato allarmante è stato osservato da P. Vinciguerra, presidente dell'Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico.

 

Tra le cause non del tutto conosciute dei disturbi d'ansia, si è comunque aggiunta la crisi economica che sta caratterizzando il nostro Paese. Associato alla crisi, l'attacco di panico è stato definito come la sindrome della quarta settimana che riguarda la paura di non arrivare a fine mese per via degli stipendi ribassati, perchè si è perso il lavoro o si vive una precarietà lavorativa. Questa condizione porta il soggetto a sviluppare tutti i sintomi concernenti l'ansia fino ad arrivare a sviluppare un vero e proprio attacco di panico.

 

Secondo l'esperta: " Si comincia con l'insonnia e si va avanti con il possibile aumento della pressione arteriosa, per poi arrivare a sviluppare gastrite. La situazione peggiora e comincia la tachicardia. Il giorno si vive con l'ansia, i pensieri allarmanti aumentano, si pensa sempre e solo alle difficoltà economiche. Si crede di poter tenere sotto controllo tutto e poi un giorno arriva il primo attacco di panico che somiglia alla paura di impazzire". 

 

Secondo P. Vinciguerra bisognerebbe intervenire prima che si manifesti il panico in quanto il soggetto che sviluppa tale disturbo  non ha la forza nè l'energia per intraprendere nuovi percorsi e non si mostra d'aiuto alla famiglia per risolvere i problemi economici, ma diviene lui stesso fautore di problemi. Pertanto è importante agire preventivamente e non sottovalutare i primi segnali di ansia.

 

A cura di Federico Baranzini

www.federicobaranzini.it

 

more...
No comment yet.
Scooped by Federico Baranzini - www.federicobaranzini.it
Scoop.it!

Come gestire l'ansia: la cura e i rimedi utili

Come gestire l'ansia: la cura e i rimedi utili | Disturbi d'Ansia, Fobie e Attacchi di Panico a Milano | Scoop.it

L'ansia rappresenta uno stato psicofisico oggi molto diffuso, che porta con sè la tendenza ad invalidare il soggetto e ad alterare il suo funzionamento generale. Gli stati ansiosi sono caratterizzati da sintomi fisici come palpitazioni, aumento della frequenza respiratoria, sudorazione, vertigini, nausea, e da sintomi psicologici come paura, eccessiva preoccupazione, sensazione di morire, irritabilità, difficoltà di concentrazione ed alterazione del sonno. L'ansia, inoltre, può manifestarsi come circoscritta a determinati eventi o situazioni oppure può manifestarsi in modo generalizzato, assumendo un carattere ancora più pervasivo.

 

Cura

La cura dell'ansia diventa necessaria nel momento in cui essa diventa invalidante, pervasiva e raggiunge livelli esagerati. 

 

Terapia farmacologica dell'ansia

I farmaci maggiormente prescritti per la trattazione dei disturbi su base ansiosa sono:

- antidepressivi: comunemente utilizzati per curare gli stati depressivi, possono essere efficaci anche per l'ansia, come ad esempio gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina

- ansiolitici: i più utilizzati per il trattamento dei disturbi d'ansia sono le benzodiazepine, farmaci molto efficaci, ma che possono indurre alcuni effetti collaterali

 

Psicoterapia

La psicoterapia permette al paziente di esternare il proprio disagio, di acquisire maggiore consapevolezza del disturbo, di agire sulla gamma sintomatologica, di rintracciarne le cause e di ripristinare uno stato di benessere generale. Un'ottima ed efficace psicoterapia per i disturbi d'ansia è quella ad orientamento cognitivo comportamentale.

 

Rimedi

Al di là dei trattamenti sopracitati, ci sono dei rimedi che, presi in considerazione dal soggetto, possono migliorare l'efficacia del trattamento. Sarebbe opportuno infatti effettuare dei cambiamenti nel proprio stile di vita come seguire una dieta corretta ed integrata, effettuare esercizio fisico quotidiano, diminuire l'assunzione di alcol, caffeina e nicotina e rendere il sonno un elemento importante e fondamentale della propria vita.

 

A cura di Federico Baranzini

www.psicoterapeuta-a-milano.it

 

more...
No comment yet.