Criminologia e Ps...
Follow
Find
1.4K views | +0 today
 
Scooped by Cristina Di Loreto
onto Criminologia e Psiche
Scoop.it!

USA, caccia all'ex poliziotto Christopher Dorner: ha già ucciso tre persone

USA, caccia all'ex poliziotto Christopher Dorner: ha già ucciso tre persone | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Lancerò una campagna di guerra.
Parole, e non solo, di Christopher Dorner, l’uomo al momento più ricercato negli Stati Uniti. Si tratta di un ex poliziotto che ha deciso di[...]
Cristina Di Loreto's insight:

E' ancora latitante l'ex poliziotto che nella missione di farsi giustizia da solo in merito al licenziamento subito nel 2008 ha già ucciso tre persone in California.

Dal punto di vista crimonologico la carriera militare e il passato di tiratore lo caratterizzano come un soggetto estremamente pericoloso, così come la dichiarazione di intenti  lasciata prima di iniziare la sua missione omicidiaria, queste alcune delle sue parole:

 

 

"La violenza dell’azione sarà altissima. Ora vivrete la vita di una preda. Le vostre abitazioni, quando sarete a lavoro, saranno il mio campo di battaglia. Utilizzerò tutti gli strumenti in mio possesso e tutto quello che ho appreso durante la mia esperienza in servizio. Avete giudicato male un gigante dormiente. […] Spero che voi analisti abbiate fatto i compiti. Siete consapevoli che sono sempre stato un tiratore provetto, il punteggio più alto, ed esperto di fucili in ogni unità a cui ho preso parte."

more...
No comment yet.
Criminologia e Psiche
Aspetti di psicologia nello studio del crimine
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Criminologia - piazzettasopraipontidue

Criminologia - piazzettasopraipontidue | Criminologia e Psiche | Scoop.it

 

CRIMINOLOGIA- LE ORIGINI- Dott.ssa Cristina Di Loreto

 

Mi  piacerebbe iniziare questo brevissimo contributo ringraziando la Dott.ssa Ilaria Paparesta che ha introdotto l'argomento in oggetto in maniera impeccabile e scientifica e ovviamente le Dott.sse Benedetta Ricci e Valentina Barbagli che con la loro ospitalità e attraverso questo progetto permettono a me e alle colleghe di fare luce su questo affascinante argomento. 

La criminologia, come anticipato dalla collega, è la disciplina che studia il comportamento criminale dal punto di vista statistico, sociale, antropologico, sociologico, giuridico e psicologico attraverso criteri scientifici.

Oggi questa disciplina è soprattutto legata alla tradizione americana, ai telefilm che ci intrattengono con lo studio della scena del crimine o con appassionanti casi in cui l'assassino viene rintracciato attraverso il profiling, è legata all'idea del serial killer o all'immagine di un investigatore sempre minacciato dai delinquenti che tenta di scovare ed arrestare, tuttavia le origini storiche di questa materia sono italiane e non così moderne.

Era la fine del XVIII secolo quando Cesare Beccaria nel 1764 pubblicò il suo trattato “Dei delitti e delle pene” fondando la Scuola Classica e ponendo le basi per una nuova concezione del diritto penale. Beccaria concepiva l'essere umano come un individuo capace di scelta e di ragione, il delitto quindi veniva inquadrato come una violazione del contratto sociale, una rottura di esso operata in modo lucido e consapevole. La sua concezione del diritto penale si basava sull'idea di formulare leggi chiare e garantite, pene certe che pertanto avrebbero dovuto dissuadere l'individuo “lucido e ragionevole” dal commettere reati. 

Durante quegli anni il focus dello studio del criminale si concentrò sul trattamento e sulla concezione di un carcere in grado di educare e riabilitare, di “cambiare” il detenuto ed addestrarlo. Durante questo primo filone di studi furono altre le personalità che lasciarono un contributo,  tra questi: Jeremy Bentham (1787) che propose il Panopticon come struttura architettonica adatta a tale idea di carcere e concepita con l'intento di far percepire al detenuto un controllo visibile ma inverificabile (il detenuto ha sempre di fronte a sé la torre di controllo ma non può verificare la presenza della guardia), dopo di lui in Francia Quetelet (1835) e Guerry (1833) si occuparono di stendere le prime cartografie del delitto e i primi studi sulla statistica e sull'incidenza dei comportamenti criminali rilevando come:

 

il delitto sia il prodotto della società e delle sue condizioni generali di vita;il comportamento criminale sia correlato con l'età e con il sesso: i giovani delinquono più degli adulti e i maschi in misura maggiore delle donne;la povertà e il livello culturale non siano direttamente responsabili ma siano piuttosto le diseguaglianze e i contrasti tra povertà e ricchezza ad incidere sugli alti tassi di criminalità.

 

Per tornare in Italia, nella seconda metà del 1800 è Cesare Lombroso a segnare la storia della criminologia nel tentativo di dare un vero e proprio volto al delinquente. Erano gli anni del positivismo e Lombroso costruì una vera  e propria teoria globale del crimine di tipo bioantropologico postulando che i delinquenti  fossero caratterizzati da particolari anomalie o caratteristiche somatiche e pertanto facilmente riconoscibili.

Lo studio della materia dopo le teorizzazioni di Lombroso in Italia subì un brusco calo per diversi motivi, non ultimo la presenza della chiesa che si opponeva all'idea di un positivismo che mettesse da parte il concetto del libero arbitrio e della scelta individuale.

Gli aspetti di cui oggi mi occupo non sono legati alle teorie criminologiche o allo studio delle radici storiche della materia, ma penso che conoscere tali radici possa essere una prospettiva interessante da cui osservare questa disciplina e da cui iniziare a conoscerla.

 

 

Chi è la Dott.ssa Cristina Di Loreto

 

Psicologa Clinica e della Salute, esperta in “Psichiatria, Psicopatologia Forense e Criminologia”

Regolarmente iscritta all'Albo degli Psicologi della Toscana Sez. A num. 6549

Ho svolto il Tirocinio post-lauream e sto svolgendo quello di specializzazione presso  Associazione Artemisia di Firenze (centro anti-violenza che si occupa di offrire sostegno psicologico e protezione a donne vittime di violenza fisica, psicologica, economica, sessuale e di stalking)

Psicologa del CERCHIOBLU (Associazione che si occupa di prevenzione e gestione dello stress lavoro-correlato degli appartenenti delle Forze dell'Ordine e di Sicurezza, formazione, sostegno psicologico e sensibilizzazione sul tema dello stress del lavoro in divisa.)

Ho pubblicato all'interno della Collana I MANUALI DI CERCHIOBLU:

 

“L'intervento della Polizia di Stato: esposizione a fattori traumatici, rischi e conseguenze per gli operatori.”- Stressors acuti e cronici, specificità e rischi del lavoro in divisa.- Luglio 2013

 link libro;

 http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=995122 

 

Sito Web www.psicologa-salute-firenze.it

Pagina Facebook  https://www.facebook.com/DiLoretoCristina ;

 

Pagina Scoop Criminologia e Psiche   http://www.scoop.it/t/criminologia-e-psiche

 

Cristina Di Loreto's insight:

Ringrazio le Dott.sse Benedetta Ricci e Valentina Barbagli per avermi chiesto di essere la "terza voce" sul loro sito a parlare di criminologia.

Dopo la voce della collega Dott.ssa Ilaria Paparesta che ha presentato la materia introducendola, ho deciso di raccontare le origini, ormai lontane, di questa affascinante disciplina.

Buona Lettura!!

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Recensione Criminale #4 - Amabili Resti (2009), Peter Jackson -

Recensione Criminale #4 - Amabili Resti (2009), Peter Jackson - | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Susie Salmon e la sua vita spezzata, il suo viaggio verso la pace che non avrebbe mai voluto e un'indagine da portare a termine.
Cristina Di Loreto's insight:

La mia quarta Recensione Criminale è sul film "Amabili Resti". Una storia il cui obiettivo rimane sulla vittima, insolita e  a tratti surreale ma che dal punto di vista criminologico ricorda l'altra faccia della medaglia. La vita spezzata, la famiglia sospesa e cambiata.

Buona lettura e buona visione.

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Recensione Criminale #1- Venerdì 13 (1980), Sean S. Cunnigham -

Recensione Criminale #1- Venerdì 13 (1980), Sean S. Cunnigham - | Criminologia e Psiche | Scoop.it
A pochi giorni da Halloween un classico come Venerdì 13, rivisto dagli occhi della criminologia. Come categorizzare Pamela Voorhees?
Cristina Di Loreto's insight:

Ecco la mia nuova rubrica: Recensioni Criminali.

Guarderò per voi i classici horror e polizieschi tentando di osservarli con gli occhi della criminologia.

 

Prima Recensione "Venerdì 13" , immancabile alla vigilia di Halloween.

 

Ansiosa dei vostri commenti, spero che arrivino suggerimenti sui prossimi titoli...

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Risolto "cold case" a New York Bimba uccisa nel '91, preso l'omicida   - Repubblica.it

Risolto "cold case" a New York Bimba uccisa nel '91, preso l'omicida   - Repubblica.it | Criminologia e Psiche | Scoop.it
E' stato uno dei casi più celebri negli Stati Uniti. La persona arrestata è un cugino ora 52enne della piccola. L'identità della bambina
Cristina Di Loreto's insight:

Baby Hope la chiamavano, dopo 22 anni si rintraccia la madre, che all'epoca rimase nell'ombra e il suo assassino, un cugino ora 52enne.

Quella dei cold cases è una realtà tutta da approffondire infatti sono molti i risvolti psico-sociali del rintracciare un colpevole dopo 20 anni. Sono diversi i casi non risolti nel nostro paese, come l'omicidio di Via Poma in cui perse la vita Simonetta Cesaroni, o la recente scomparsa di Roberta Ragusa, Emanuela Orlandi e altri nomi sono su questa lista... intanto la piccola Hope, ha avuto un po' di giustizia.

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Strangolata e abbandonata nuda Per Lavinia un'esecuzione spietata L'ipotesi: ragioniere serial killer? - Il Giorno - Lodi

Strangolata e abbandonata nuda Per Lavinia un'esecuzione spietata L'ipotesi: ragioniere serial killer? - Il Giorno - Lodi | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Nel video che incrimina Andrea Pizzocolo si vedrebbe chiaramente lui che - dopo scene di sesso - tira fuori le fascette e strangola la ragazza. Finché non si assicura della sua morte. Lucido e spietato.
Cristina Di Loreto's insight:

La mia  opinione: si apre la pista dell'omicida seriale sull'indagine di Lodi. Il materiale video rinvenuto non sembra infatti, da ciò che si legge sulla stampa, quello di un dilettante alle prese con una parafilia sessuale ma piuttosto una vera e propria collezione di filmati sulla cui tipologia non mi vorrei sbilanciare.

Si parla infatti sulle testate italiane di "snuff movies" ovvero filmati in cui viene ripreso un vero e proprio omicidio spesso legato a un rapporto sessuale ma solo gli inquirenti potranno fare luce su questa vicenda.

Certamente facendo qualche ricerca non è la prima volta che nelle zone di Lodi si parla di un possibile serial killer...

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Bambino spara e uccide la nonna dopo
aver giocato a Grand Theft Auto

Bambino spara e uccide la nonna dopo   <br/>aver giocato a Grand Theft Auto | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Il ragazzino, di 8 anni, ha inizialmente riferito alla polizia di avere accidentalmente sparato alla 90enne
Cristina Di Loreto's insight:

Ieri sera due cari amici mi hanno raccontato di aver letto questa notizia prima di uscire di casa e di essere rimasti stupiti di come venisse trattata. Colgo l'occasione di riproporvela dunque non senza una piccola analisi.

Il bambino in questione ha 8 anni e si trova in casa con la nonna che a 90 anni possiede una calibro 38 a quanto pare carica in casa e a quanto pare alla portata del bambino. 

Premetto che non sono un'amante di videogames (anzi...), premetto inoltre che non considero alcuni tipi di videogames troppo costruttivi o educativi ma il gioco in questione è vietato ai minori nel  nostro paese e in USA altamente sconsigliato ai minori di 17 anni.

Mi pare quindi che sia una scelta discutibile quella di lasciare giocare un bimbo di 8 anni a questo tipo di videogames e anche che la nonna non si sia curata di mettere al sicuro l'arma (scarica e con le munizioni lontane, ad un'altezza non raggiungibile dal nipotino) per proteggere il bambino e se stessa.

Ciò che certamente sconvolge è come questo dramma sia utilizzato per riaprire il dibattitto sul condizionamento prodotto dalla visione di scene violente e non sia invece spunto di riflessione sull'educazione dei propri bambini, sull'importanza di porre dei limiti alle loro richeste quando queste sono sproporzionate all'età e sulla modalità di detenzione di un'arma in loro presenza.

Il bimbo non sarà perseguito poichè minore di 10 anni e quindi non imputabile per il sistema penale americano, ciò non significa che non dovrà misurarsi con questo evento nei prossimi anni. Voi come la pensate?

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Usa, tre teenager uccidono "per noia" un ragazzo che stava facendo jogging - Repubblica.it

Usa, tre teenager uccidono "per noia" un ragazzo che stava facendo jogging - Repubblica.it | Criminologia e Psiche | Scoop.it
In Oklahoma i ragazzi, di 17, 16 e 15 anni, "per gioco, per il gusto del divertimento" sparano alla schiena di uno studente di Melbourne che faceva jogging. Potrebbero rischiare la pena di morte
Cristina Di Loreto's insight:

La mia opinione: pensare che questi ragazzi abbiano sparato casualmente a uno studente che correva nel parco per noia sembra incredibile. Io stessa, studiosa della materia, quando leggo notizie di questo tipo mi chiedo "com'è possibile che tutti e tre avessero la stessa voglia di "divertirsi" in questo modo? Lo stesso livello di noia? Credessero veramente di non avere conseguenze nel farlo?".

Eppure la noia è un aspetto "motivazionale" molto importante e il vero e proprio fattore scatenante di molti delitti.

Il legame crimine-noia infatti è al centro di molti studi e anche l'Italia in anni passati ha raccontato delitti simili: è il caso dei ragazzi che a Ragusa nel 2005 uccisero a bastonate un senza tetto disabile o quello dei tre che nel 2009 tentarono di uccidere un senzatetto cospargendolo di benzina e dandogli fuoco, dichiararono: "volevamo un'emozione forte".

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Contro stupri e compagni violenti A Milano corsi speciali per agenti delle volanti - Repubblica.it

Contro stupri e compagni violenti A Milano corsi speciali per agenti delle volanti - Repubblica.it | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Tante denunce senza conseguenze anche perché i primi a intervenire spesso non riescono a distinguere le situazioni di reale pericolo.
Cristina Di Loreto's insight:

Con piacere ho letto oggi questo articolo. Credo che quello delle buone prassi nel reperimento della denuncia da parte degli operatori della Polizia di Stato sia un punto dolente in Italia e che debba pertanto essere incrementato e proposto: come si legge in questo articolo a volte sono proprio gli operatori a trovarsi in difficoltà nell'intervento per violenza domestica.

Credo che la formazione sia il primo passo per migliorare e rendere più efficienti i servizi di tutela e di sicurezza delle donne vittime di violenza, spero che Milano sia solo la prima di moltissime città. 

more...
Cristina Di Loreto's curator insight, July 29, 2013 10:51 AM

Un primo passo verso una migliore formazione può certamente incrementare l'efficacia e l'efficienza degli interventi. 

CERCHIOBLU's curator insight, July 29, 2013 11:06 AM

Un progetto importante e che può certamente migliorare il servizio da parte degli operatori in divisa che per primi si trovano a gestire le chiamate per violenza domestica. Quello della formazione e dell'adozione di buone prassi nella raccolta della denuncia è un tema fondamentale nei reati per maltrattamento, lesioni e stalking. Spesso infatti sono proprio gli operatori a percepire l'esigenza di una formazione migliore e in alcuni casi di un training che permetta di mettere in azione la formazione ricevuta.  

Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Criminologia - piazzettasopraipontidue

Criminologia - piazzettasopraipontidue | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Cristina Di Loreto's insight:

Con piacere ecco l'articolo della collega Dott. Ilaria Paparesta che con molta chiarezza aiuta a comprendere meglio il concetto di "criminologia" e la figura del criminologo.

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Psicologo Penitenziario: Aspetti Etici e Conflitti Deontologici

Psicologo Penitenziario: Aspetti Etici e Conflitti Deontologici | Criminologia e Psiche | Scoop.it
La riforma dell'Ordinamento Penitenziario, risalente al 1975, ha avviato lo sviluppo della Psicologia in ambito penitenziario e, parallelamente, è sorta la necessità di una riflessione circa i principi etici e deontologici, enunciati nel Codice...
Cristina Di Loreto's insight:

Articolo interessante sulla psicologia in carcere... purtroppo ancora molto sottovalutata...

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Sono tre le vittime della furia di Kabobo. E' morto il pensionato ferito dal ghanese - Milano - Repubblica.it

Sono tre le vittime della furia di Kabobo.  E' morto il pensionato ferito dal ghanese - Milano - Repubblica.it | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Dopo Daniele Carella, deceduto all'ospedale di Niguarda dopo due giorni di agonia, si è arreso anche Ermanno Masini, 64 anni, entrato in coma dopo l'aggressione.
Cristina Di Loreto's insight:

La criminogenesi di questo delitto resta ancora sconosciuta, Kabobo dice di sentire delle voci che gli avrebbero ordinato di "fare cose cattive"... Sarà la perizia psichiatrica a valutare la presenza di eventuali psicosi. 

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Usa, liberate tre donne rapite 10 anni fa Arrestato il rapitore e i suoi due fratelli - Repubblica.it

Usa, liberate tre donne rapite 10 anni fa Arrestato il rapitore e i suoi due fratelli - Repubblica.it | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Erano state sequestrate che erano poco più che adolescenti e dopo un decennio sono state ritrovate a Cleveland in Ohio, non lontano da dove erano sparite.
Cristina Di Loreto's insight:

Un caso di ritrovamento e liberazione, uno...chissà quanti altri casi come questi non sono ancora risolti... Dal punto  di vista psicologico mi auguro che ora, dopo la segregazione, avvenga piano piano la ricostruzione...

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

seminariosetteaggp-1.pdf

Cristina Di Loreto's insight:

Segnalo volentieri il seminario organizzato dal Master di II livello in "Psichiatria, Psicopatologia forense e Criminologia", il titolo del seminario è "Tecniche di condizionamento e psico-sette" si terrà sabato 20 aprile dalle ore 9 alle ore 13 a Firenze, è gratuito ma è richiesta la registrazione.

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Motta Visconti, il criminologo: "Delitto mai visto. Una nuova crisi sociale"

Motta Visconti, il criminologo: "Delitto mai visto. Una nuova crisi sociale" | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Di Maria Carla Rota"E' un delitto molto grave e anomalo. E' la prima volta che ci troviamo di fronte a un caso simile". Così il criminologo Francesco...
Cristina Di Loreto's insight:

Ecco ancora una volta che torna a farsi vivo l'orrore più grande, il terrore più sconvolgente e profondo quello che fa tremare. Si perché quando la tragedia e la violenza prendono vita tra le mura di casa, dove tutti noi cerchiamo la protezione e la cura che spesso non possiamo esigere all'esterno, qualcosa cambia. Come è stato per Sarah Scazzi, per il caso Franzoni, le gemelline Schepp (un caso ancora aperto), come per tutti i casi di femminicidio e tanti altri fatti di cronaca nera che di fatto lasciano l'intera cittadinanza di sasso.

 

Francesco Bruno, intervistato da Maria Carla Rota, in questo articolo parla di crisi sociale, di ruoli invertiti e di una nuova criminalità maschile più legata a sentimenti femminili di indipendenza e voglia di esclusiva. Casi come questo infatti sono insoliti: quando le vittime sono i figli solitamente siamo di fronte a un omicidio-suicidio, oppure a un omicida che "risparmia" la madre che dovrà vivere ogni giorno con il dolore  e la colpa più grande o ancora spesso le vittime sono le vittime di una vita troppo misera e dolorosa da non valere la pena di essere vissuta come nei casi di gravissime depressioni.

 

Non credo si stia assistendo a un'inversione di tendenza ma credo si sia di fronte a un caso insolito per criminogenesi (il movente e i fattori genetici e/o sociali che hanno portato al consumarsi del crimine) e criminodinamica (i fatti e lo sviluppo delle azioni criminali, la dinamica appunto), tanto insolito da contribuire a quel sentimento che tutti noi conosciamo, alimentato senza dubbio dall'età delle vittime, tanto tenera da sconvolgere. 

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Recensione Criminale #3 - Zodiac, 2007 di David Fincher.

Recensione Criminale #3 - Zodiac, 2007 di David Fincher. | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Un serial killer che sbeffeggia la stampa e la polizia di fine anni sessanta. Lettere, messaggi cifrati e telefonate anonime per ricordare la sua libertà.
Cristina Di Loreto's insight:

A questo link potrete leggere la mia terza Recensione Criminale, ho scelto il film Zodiac che narra la biografia dell'omonimo serial killer. Il film risulta di piacevole visione e di una regia all'altezza di David Fincher. Il killer ha tenuto in scacco polizia e stampa, ha ucciso per dieci mesi... e chissà se si è fatto trovare:)

Buona lettura.

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

«Faccio saltare in aria la casa»
Barricato per nove ore, blitz dei Nocs

«Faccio saltare in aria la casa»  <br/>Barricato per nove ore, blitz dei Nocs | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Abitazioni evacuate e strada chiusa. Dalla finestra
l'uomo lanciava ceppi di legno e una poltrona
Cristina Di Loreto's insight:

L'uomo si è barricato in casa minacciando di far saltare in aria il palazzo, tra i suoi deliri: la monarchia, Priebke e il re... Un disagio e una sofferenza psichica che prima di questo gesto si erano mostrate soprattutto sotto forma di scenate e urla ricorrenti... pochi ancora gli elementi per poter riflettere sull'effettiva probabilità che l'uomo portasse a compimento il suo intento. Il barricamento ha richiesto dopo 9 ore di trattative, l'intervento del Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza (NOCS), eccellenza della nostra Polizia di Stato.  

Il barricamento con o senza ostaggi costituisce uno tra gli interventi a più alto impatto stressogeno per gli operatori in divisa e per la persona che si barrica poiché senza dare segnali di resa rischia e mette in pericolo la propria vita.

more...
No comment yet.
Rescooped by Cristina Di Loreto from Psicologia della salute e Forze dell'Ordine
Scoop.it!

Usa: strage Navy senza movente, il killer un veterano buddista

Usa: strage Navy senza movente, il killer un veterano buddista | Criminologia e Psiche | Scoop.it
(AGI) - Washington - Restano molti interrogativi irrisolti intorno alla figura di Aaron Alexis, ucciso dalla polizia dopo la strage compiuta nella base  [...]

Via CERCHIOBLU, Cristina Di Loreto
more...
CERCHIOBLU's curator insight, September 18, 2013 7:57 AM

 Ieri un uomo di 34 anni, Aaron Alexis si è introdotto nella base uccidendo 13 marines, l'uomo è morto in uno scontro a fuoco con la polizia.

Rimane da chiarire il movente ma soprattutto rimangono da chiarire alcuni aspetti relativi alle condizioni psichiche del soldato che era stato congedato nel 2011 dopo 4 anni di servizio per motivi ancora da chiarire. 

Sembra che l'uomo avesse chiesto un supporto psicologico poco tempo prima, si dovrà chiarire come mai non sia stato preso in carico e valutata la sua idoneità all'utilizzo dell'arma.

Cristina Di Loreto's curator insight, September 18, 2013 8:04 AM

Un altro caso di mass murder ad opera di un militare ha scosso ieri l'America. Che fosse Disturbo Post Traumatico da Stress o altro, rimane da chiarire come mai non sia stata valuatata l'idoneità ad usare l'arma in seguito ad una recente richiesta da parte del veterano di un supporto psicologico. La base piange 13 morti.

Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

L’Fbi mette gli interrogatori del serial killer sul web

L’Fbi mette gli interrogatori del serial killer sul web | Criminologia e Psiche | Scoop.it
La scena del crimine è, letteralmente, agghiacciante: Anchorage, il più grande centro abitato d’Alaska. Una città di circa 300mila abitanti dove la temperatura può to
Cristina Di Loreto's insight:

Il suo nome era Israel Keyes, 34 anni, catturato in Alaska il 13 marzo 2012 per lo stupro e l'omicidio di una giovane ragazza.

Keyes viene definito un "Thrill Killer" ovvero un "Serial Killer" (l'FBI definisce in tal modo chiunque uccida più di due persone) che commette l'omicidio non per disagi psichici o per provare eccitazione sessuale ma per il gusto di pianificare e mettere in atto l'omicidio stesso. Lo potremmo definire un freddo e calcolatore assassino, i conoscenti lo descrivono come una persona molto pacata e affidabile nel suo lavoro aveva scelto le sue vittime esclusivamente tra estranei riuscendo ad operare indisturbato per molto tempo.

Keyes si è suicidato nella sua cella il 2 dicembre scorso e l'FBI ha reso pubblici i suoi interrogatori.

Osservandolo, a mio avviso, colpisce la postura estremamente rilassata del corpo, il tono della voce fermo e deciso; Keyes rispondeva alle domande con piacere quasi gratificato e attento alle risposte come se più che un interrogatorio stesse rilasciando un'intervista non si fa mancare infatti battute e sonore risate anche nel tentativo di coinvolgere e creare un legame con gli agenti.

Narcisista e calcolatore dunque, disciplinato e organizzato nei dettagli dei rapimenti e degli omicidi. 

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Compie 40 anni la 'Sindrome di Stoccolma' - Mondo - ANSA.it

Compie 40 anni la 'Sindrome di Stoccolma' - Mondo - ANSA.it | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Compie 40 anni la 'Sindrome di Stoccolma' , Nel'73 rapina che diede origine a termine noto in tutto il mondo , Nel'73 rapina che diede origine a termine noto in tutto il mondo, Mondo, Ansa
Cristina Di Loreto's insight:

Un compleanno da festeggiare? Non proprio... ma certamente un fenomeno psicologico da ricordare per la sua complessità e peculiarità. "Innamorarsi" del proprio aguzzino sembra impossibile ma le difese che la nostra mente è in grado di costruire a patto di sopravvivere a un evento tanto traumatico come un rapimento possono fare questo ed altro.

Non farò l'elenco dei casi più famosi ma una piccola curiosità c'è...  il film d'animazione "La Bella e la Bestia" ne rappresenta uno.

more...
Ilaria Laghi @Criminologando's comment, August 25, 2013 12:07 PM
La sindrome di Stoccolma è uno dei fenomeni più affascinanti che mi sia capitato di studiare in criminologia. Io personalmente penso che sia qualcosa che va molto oltre il meccanismo di difesa...le fasi della S.di Stoccolma sono essenzialmente 3: si instaurano sentimenti positivi vs i sequestratori, si instaurano sentimenti negativi vs autorità e F.d.o; reciprocità di sentimenti positivi da parte dei sequestratori. Secondo me il caso di Cleveland non rientra nel contesto della sindrome di Stoccolma: le vittime erano segregate, hanno tentato la fuga, hanno cercato di sfuggire al carceriere...stessa cosa per la Kampush. Non sono totalmente riconducibili a questa sindrome
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Carenze di psicologi in carcere, la lettera del presidente della Società di psicologia penitenziaria

Carenze di psicologi in carcere, la lettera del presidente della Società di psicologia penitenziaria | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Cristina Di Loreto's insight:

Credo sia utile far leggere questo articolo che in realtà riprende il precedente che titola "Beffati i 39 psicologi che avevano vinto il concorso per lavorare in carcere" di cui trovate il link in fondo alla pagina.

Credo sia utile non solo per mostrare ancora una volta le difficoltà che incontrano i colleghi nello svolgere la propria attività ma soprattutto per denunciare la mancata tutela della salute mentale dei detenuti del nostro paese.

 

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Salerno, ammazza la madre la fa a pezzi e la mette in frigo - Napoli - Repubblica.it

Salerno, ammazza la madre  la fa a pezzi e la mette in frigo - Napoli - Repubblica.it | Criminologia e Psiche | Scoop.it
La vittima sezionata con una sega. A dare l'allarme una telefonata anonima. Il figlio, un 45enne, era in casa quando le forze dell'ordine hanno fatto irruzione.
Cristina Di Loreto's insight:

A salerno oggi è stato rinvenuto questo caso di matricidio dai dettagli veramente sconvolgenti. L'assassino è il figlio quarantacinquenne che da tempo soffriva di disturbi psichiatrici. 

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

LITE A ROMA, UOMO UCCISO DA UN VIGILANTES.
E IN STRADA SI SFIORA IL LINCIAGGIO

LITE A ROMA, UOMO UCCISO DA UN VIGILANTES.<br/>E IN STRADA SI SFIORA IL LINCIAGGIO | Criminologia e Psiche | Scoop.it
ROMA - Un altro morto ammazzato a colpi di pistola in testa a Roma, in strada, davanti ai passanti e in pieno giorno.
Cristina Di Loreto's insight:

Un uomo accoltella un ragazzo, il padre vigilantes gli spara, tutto per una manovra. 

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Gettò i figli dal balcone Gli psichiatri scavano nella mente della "mamma killer" - Il Giorno - Varese

Gettò i figli dal balcone Gli psichiatri scavano nella mente della "mamma killer" - Il Giorno - Varese | Criminologia e Psiche | Scoop.it
Se la donna dovesse risultare capace di intendere e di volere per lei si apriranno le porte del carcere e il processo; se invece la perizia dimostrerà la totale incapacità, sarà destinata ad una casa di cura e sicurezza e la non punibilità di Rosella...
Cristina Di Loreto's insight:

Inizia oggi la perizia psichiatrica sulla madre che il 18 maggio scorso ha lanciato i figli di 6 e 3 anni dal balcone. I bambini rimasti miracolosamente vivi sono ancora in Ospedale e da oggi i periti avranno 60 giorni di tempo per stendere la relazione che deciderà il destino della donna.

 

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

La mamma gli sequestra il videogame 13enne tenta di stuprarla e la uccide - Il Messaggero

La mamma gli sequestra il videogame 13enne tenta di stuprarla e la uccide - Il Messaggero | Criminologia e Psiche | Scoop.it
MASON CITY (IOWA) - La mamma gli ha sequestrato il videogioco
Cristina Di Loreto's insight:

Noah Crooks, sta affrontando il processo per l'omicidio della madre commesso l'anno scorso quando aveva soli 13 anni. Ciò che lascia di stucco, oltre al dramma intrinseco alla storia sono le parole rilasciate dal ragazzo: " Vorrei solo che fosse un sogno così potrei svegliarmi e baciarla e abbracciarla". Attendiamo la prosecuzione del processo e gli esiti delle perizie.

more...
No comment yet.
Scooped by Cristina Di Loreto
Scoop.it!

Scheda / Avetrana, un giallo lungo 32 mesi - Bari - Repubblica.it

Scheda   / Avetrana, un giallo lungo 32 mesi - Bari - Repubblica.it | Criminologia e Psiche | Scoop.it
La vicenda umana e giudiziaria dell'uccisione di Sarah Scazzi. Ecco le tappe principali dell'inchiesta e del processo
Cristina Di Loreto's insight:

Dopo la sentenza di primo grado per l'omicidio di Sara Scazzi, ecco la cronistoria di questo giallo.

Le versioni sono state molte e diverse, Michele Misseri ha continuato ad urlare la sua colpevolezza, condannato ad 8 anni per occultamento di cadavere. 

more...
No comment yet.