Comunicazioni on-line.
253 views | +0 today
Follow
Comunicazioni on-line.
Servizi di contabilità on line e invii telematici presso CCIAA, Agenzia delle entrate, Agenzia delle Dogane, ecc. www.labottegafiscale.it
Curated by Rossella
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Rossella
Scoop.it!

Prorogato al 30 settembre l'aggiornamento della posizione di agenti, rapp. di comm., etc...

Prorogato al 30 settembre l'aggiornamento della posizione di agenti, rapp. di comm., etc... | Comunicazioni on-line. | Scoop.it

Mediatori marittimi, spedizionieri, agenti e rappresentanti di commercio avranno tempo fino al 30 settembre 2013 per l’aggiornamento della posizione al Registro delle Imprese e Rea.

 

Tali adempimenti sono previsti dagli articoli 10 e 11 dei decreti ministeriali del 26 ottobre 2011 che disciplinano le modalità di iscrizione tramite la procedura telematica ComUnica Starweb allegando il modello ARC e compilando la sezione dedicata all’aggiornamento.

 

Le imprese che non effettueranno l’aggiornamento non perderanno i requisiti e tantomeno non dovranno rifare l’esame. Coloro che risulteranno in regola non potranno esercitare l’attività fintanto che non presenteranno una nuova SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività). In questo caso, sarà necessario “ricominciare da capo”, presentando una nuova denuncia di inizio attività con annessa dichiarazione del possesso dei requisiti, anziché la trasmissione di una semplice pratica di aggiornamento.

 

Per mantenere i requisiti professionali, le persone fisiche che risultavano inattive al 12 maggio 2012 possono chiedere l’iscrizione nella sezione speciale del REA entro il 30 settembre 2013 sempre tramite procedura telematica ComUnica Starweb. Trascorso tale termine i requisiti professionali si conservano comunque fino al 12 maggio 2017, ovvero per i successivi 4 anni.

 

Fonte: http://www.cgiamestre.com/2013/05/proroga-al-30-settembre-per-gli-adempimenti-di-mediatori-marittimi-agenti-e-rappresentanti-di-commercio-spedizionieri-e-mediatori-commerciali/

 

By: Rossella

more...
No comment yet.
Scooped by Rossella
Scoop.it!

Comunicazione Cud online INPS, tutti i modi per chiederlo

Comunicazione Cud online INPS, tutti i modi per chiederlo | Comunicazioni on-line. | Scoop.it

Le novità sul Cud Inps 2013, che non arriva più a casa (se non dietro specifica richiesta) ma viene rilasciato online, hanno creato tali e tanti (prevedibili) disagi ai pensionati, da spingere l’Inps ad aumentare le possibilità di richiedere il documento di certificazione dei redditi.

 

L’istituto previdenziale ha via via inserito nuovi servizi e allargato la paltea dei professionisti abilitati a rilasciare il Cud (patronati, commercialisti), ma lo ha fatto con diverse comunicazioni, per cui può essere utile una sintesi di tutte le possibilità che ci sono per ottenere il Cud 2013 dall’Inps.


PROCEDURA ONLINE: il Cud online è disponibile sul sito Inps, nella sezione “Servizi Online”, dalla quale bisogna cliccare su “Servizi al cittadino”, inserire il proprio codice identificativo PIN e selezionare il servizio “Fascicolo previdenziale per il cittadino”.

 

Ricordiamo che è possibile ottenere il pin sul sito web INPS, presso la sezione “Servizi/PIN online”, oppure telefonando al Contact Center gratuito da rete fissa (803164) o a pagamento da cellulare (06164164), e infine recandosi presso le Agenzie territoriali INPS.


POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA: chi ha un indirizzo Pec riceverà il Cud direttamente nella propria casella. Anche qui, ricordiamo che è possibile ottenere una casella di posta elettronica certificata chiedendo l’autorizzazione sul sito apposito. Si può poi comunicare l’indirizzo all’Inps usando l’indirizzo richiestaCUD@postacert.inps.gov.it.


POSTA ELETTRONICA ORDINARIA: è possibile ricevere il Cud anche nella proprianormale casella di posta elettronica inviando la domanda via mail all’indirizzorichiestaCUD@postacert.inps.gov.it. Bisogna allegare la versione digitalizzata delladomanda firmata dal pensionato e la copia del documento di riconoscimento.


UFFICI INPS: è possibile andare fisicamente a richiedere il Cud presso le agenzie territoriali dell’Inps (oppure ex Inpdap ed ex Enpals) presso le quali ci sono sportelli veloci adibiti solo al rilascio del Cud e anche postazioni informatiche self service, che rilasciano il modulo stampato (ci vuole il pin).


TELEFONO: sono a disposizione diversi numeri, che è possibile chiamare per ricevere poi il Cud a casa. Eccoli:

803164 gratuito da rete fissa,06.164164 a pagamento da cellulare,numero verde 800 434320, solo da rete fissa.

SPORTELLO MOBILE: è dedicato esclusivamente ai pensionati oltre gli 85 anni, che possono contattare telefonicamente un operatore della Sede INPS territorialmente competente per ricevere il Cud a casa.

 

PENSIONATI RESIDENTI ALL’ESTERO: c’è un servizo dedicato, per chiedere il Cud a casa, chiamando dalle 8.00 alle 19.00 (ora italiana) i numeri 06.59054403, 06.59053661, 06.59055702. Bisogna fornire dati anagrafici e numero di codice fiscale.


DELEGATO: il CUD può essere rilasciato a persona diversa dal titolare tramite documento identificativo, delega e fotocopia del documento di riconoscimento dell’interessato. Se il delegato invia la richiesta tramite la propria posta elettronica certificata può non allegare il documento di riconoscimento.


UFFICI POSTALI: devono appartenere alla rete “Sportello Amico” (sono 5mila741, razionalmente distribuiti sul territorio). Il servizio è a pagamento, costa 2,7 euro più IVA.


CAF, CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE: conferendo specifico mandato. Il Caf conserverà mandato e fotocopia del documento di identità del richiedente, da esibire all’Inps in caso di richiesta. Chi si avvale già dei Caf per altri servizi di assistenza fiscale non paga supplementi, altrimenti può essere chiesto un compenso.


PATRONATI: il servizio è gratuito, bisogna presentare richiesta e documento d’identità.


PROFESSIONISTI ABILITATI: sono quelli previsti dall’art. 3 comma 3 del Dpr 322/1998, in possesso di certificato Entratel in corso di validità. Ecco quali sono:

professionisti iscritti negli albi dei dottori commercialisti, dei ragionieri e dei periti commercialisti e dei consulenti del lavoro.Soggetti iscritti alla data del 30 settembre 1993 nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura per la subcategoria tributi, in possesso di diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti o diploma di ragioneria.Associazioni sindacali di categoria tra imprenditori indicate nell’articolo 32, comma 1, lettere a, b, c del dlgs 241/1997, e quelle che associano soggetti appartenenti a minoranze etnico-linguistiche.Centri autorizzati di assistenza fiscale per le imprese e per i lavoratori dipendenti e pensionati.Altri incaricati individuati con decreto del Ministro delle finanze.

Anche qui, ci vuole sempre mandato e documento d’identità.

 

Fonte: http://blog.pmi.it/03/04/2013/cud-online-inps-tutti-i-modi-per-chiederlo/

 

By Rossella

more...
No comment yet.
Scooped by Rossella
Scoop.it!

Opportunita' in Ucraina per Pmi edilizia

Opportunita' in Ucraina per Pmi edilizia | Comunicazioni on-line. | Scoop.it

Opportunita' in Ucraina per Pmi edilizia

 

''Molto positivi'' i commenti degli imprenditori delle costruzioni che, sotto l'egida della Cciaa di Udine, hanno partecipato...

 

Fonte: http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/friuliveneziagiulia/2013/04/06/Opportunita-Ucraina-Pmi-edilizia_8509534.html

 

By Rossella

more...
No comment yet.
Scooped by Rossella
Scoop.it!

Comunicazioni on -line. Come utilizzare ComUnica.

Comunicazioni on -line. Come utilizzare  ComUnica. | Comunicazioni on-line. | Scoop.it

La normativa vigente impone alle imprese di ricorre almodello ComUnica ai fini della creazione o cancellazione d’impresa, oltre che per l’inizio, la variazione e la cessazione dell’attività.
Attraverso il modello si espleta infatti la Comunicazione Unica, istituita con l’art. 9 del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, conv. con modif. nella L. 2 aprile 2007, n. 40.


Il modulo ComUnica deve essere presentato al Registro delle Imprese, così da ottemperare agli adempimenti amministrativi, fiscali, previdenziali e assicurativi previsti dalla legge. Rivolgendosi allo Sportello Unico del Registro afferente la propria Camera di Commercio, e formalizzando un’unica pratica, si ottempera agli obblighi procedurali nei confronti di INPS, Camera di Commercio, INAIL e Agenzia delle Entrate.


Come funziona


La Comunicazione Unica si effettua online presso il sito Registroimprese.it tramite ilsoftware gratuito “ComUnica” o “StarWeb” (o anche “ComunicaFedra” in alcuni casi).

Si compilano i campi e si allega la modulistica richiesta. La pratica deve essere firmata digitalmente e deve riportare l’indicazione di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) per la consegna delle ricevute.

 

La procedura è semplice: il Registro riceve la pratica, ed entro 5 giorni invia all’impresa la ricevuta di protocollo (che attesta l’avvenuta comunicazione) e quella della Comunicazione Unica, inviando la documentazione necessaria agli altri enti interessati, che hanno l’obbligo di notiziare l’impresa nei successivi 7 giorni.

 

La Comunicazione Unica consente dunque di saltare diversi passaggi ma richiede firma digitale e indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) – la cui casella va indicata nel modello ComUnica – obbligatoria per tutte le imprese, comprese le ditte individuali:

 

In seguito alla Comunicazione, anche se non ancora operativa l’impresa riceve giàcodice fiscale e partita IVA dal’Agenzia delle Entrate.

Ogni ente lavorerà in maniera autonoma per le questioni di propria competenza, e lo Sportello Unico non sarà responsabile dei singoli procedimenti che restano a carico dei singoli enti.

Come inviare

Anche il rappresentante legale dell’azienda o l’intermediario possono presentare il modello ComUnica : il sistema informatico, dopo aver verificato le credenzialidell’utente (dotato di PEC, firma digitale e credenziali Telemaco per l’invio di pratiche telematiche al Registro Imprese), l’esatta compilazione dei modelli e la correttezza di tutta la procedura di invio (account e firma digitale utilizzati, pagamento delle imposte e dei diritti se dovuti) fornisce l’esito del procedimento.

 

In caso di esito negativo il richiedente riceve una notifica in tal senso sulla propria PEC, mentre se la procedura va a buon fine, la pratica viene munita di protocollato e inviata attraverso gli strumenti informatici agli enti interessati.

 

In caso di errori è possibile effettuare delle modifiche attraverso una pratica sostitutiva contenente le dovute correzioni, ma solo nel caso in cui il Registro Imprese non abbia ancora evaso quella originaria.

Copia della comunicazione, completa di tutti gli allegati, viene inserita nel database ottico del Registro.

 

Con D.M. 13 luglio 2012 è stato approvato il nuovo modello di ricevutadell’accettazione di Comunicazione Unica, comprendente nuovi obblighi di comunicazione al Registro.

 

Sono stati inseriti nuovi richiami in merito al Comune di riferimento del SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive) ed alla gestione INPS: la voce “INPS previdenza artigiana” e stata sostituita da “INPS imprese artigiane”; sono state inserite nuove forme previdenziali, quali “INPS imprese del commercio e dei servizi” e “INPS coltivatori diretti-imprenditori agricoli professionali”.

 

Fonte: http://www.pmi.it/tecnologia/software-e-web/articolo/59841/come-utilizzare-comunica-per-le-attivita-di-impresa.html

 

By Rossella

more...
No comment yet.
Scooped by Rossella
Scoop.it!

Al via i correttivi anticrisi agli studi di settore.

Al via i correttivi anticrisi agli studi di settore. | Comunicazioni on-line. | Scoop.it

Via libera ai correttivi anticrisi. La commissione degli esperti dell’Agenzia delle Entrate ha espresso all’unanimità parere favorevole all’introduzione delle correzioni agli studi di settore, applicabili per il periodo d’imposta 2012.

 

La commissione ha effettuato un’analisi dell’impatto della crisi che ha interessato l’anno passato, basata sulla raccolta di informazioni fornite dagli osservatori regionali, dalle associazioni di categoria, dalla Banca d’Italia, dall’Istat e da altri soggetti, oltre che dei dati contenuti nelle comunicazioni e nelle dichiarazioni annuali Iva.

 

Sulla base di questa analisi, la commissione ha valutato in modo positivo l’introduzione di specifici correttivi per adeguare gli studi di settore, applicabili al 2012, alla particolare situazione di crisi economica. L’attività di monitoraggio dell’impatto della crisi, effettuata a livello nazionale, ha preso in considerazione non soltanto le informazioni fornite dalle associazioni di categoria, ma anche i dati relativi alle comunicazioni e alle dichiarazioni annuali Iva relative all’anno d’imposta 2012. Le elaborazioni sono state effettuate su un panel di circa 2,1 milioni di contribuenti che hanno applicato gli studi di settore nel quadriennio 2009-2012.

 

Sulla scia di quelli dello scorso anno, i correttivi 2012 sono suddivisi in quattro categorie:

   1) interventi relativi all’analisi di normalità economica

   2) correttivi specifici per la crisi

   3) correttivi congiunturali di settore

   4) correttivi individuali.

 

La prima categoria interessa i soggetti che presentano una contrazione dei ricavi nel periodo d’imposta 2012 rispetto al 2011 e sono coerenti rispetto alla gestione delle esistenze iniziali.

 

La seconda interviene su alcuni settori interessati dall’incremento dei prezzi del carburante.

 

La terza è finalizzata a tener conto delle riduzioni delle tariffe e della contrazione dei margini e della redditività.

 

L’ultima ha l’obiettivo di cogliere la ritardata percezione dei compensi a fronte delle prestazioni rese e la contrazione dei costi variabili.

 

Fonte: http://www.finanzainchiaro.it/agenzia-delle-entrate-al-via-i-correttivi-anticrisi-agli-studi-di-settore.html

 

By Rossella

more...
No comment yet.
Scooped by Rossella
Scoop.it!

Contabilita on-line

Contabilita on-line | Comunicazioni on-line. | Scoop.it

Contabilità semplificata.

 

Predisposizione ed invio trimestrale delle informazioni necessarie per la liquidazione IVA.

 

Compilazione del modello Unico, indicando tutti i vostri redditi.

 

Comunicazioni intrastat.

 

Comunica.

 

Invio PEC presso CCIAA di competeza per ditte individuali e liberi professionisti. Da non dimenticare la scadenza del 30/06/2013.

 

By Rossella

 

more...
No comment yet.