AulaWeb Storia
Follow
Find
3.8K views | +0 today
 
Scooped by Gianfranco Marini
onto AulaWeb Storia
Scoop.it!

Falcone e Borsellino, così la retorica di Stato uccide verità e memoria

Pubblichiamo parte della prefazione di Roberto Scarpinato, procuratore generale di Caltanissetta, a "Le ultime parole di Falcone e Borsellino" (a cura di Antonella Mascali, Chiarelettere). 

Gianfranco Marini's insight:

Pubblicata su  Micromega del 20 maggio 2012. parte della  prefazione  scritta da Roberto Scarpinato al libro "Le ultime parole di Falcone e Borsellino", costituisce una eccezionale analisi di quello che è stato il fenomeno mafioso e del contributo offerto dai due magistrati alla lotta alla mafia.

 

Lo spunto che muove Scarpinato a ricostruire analiticamente la situazione nella quale si trovarono ad agire Falcone e Borsellino è dato dalla ipocrisia della commemorazione della loro morte in cui viene rimosso il vero problema che sta alla base del fenomeno mafioso: la mafia è parte della società in cui viviamo e dello stato.

 

Considerare la Mafia una entità estranea che come un cancro infetta una società e uno stato sani è esso stesso un atteggiamento mafioso e che impedisce di comprendere cosa sia la Mafia e di combatterla.

 

La mafia è da sempre protagonista delle vicende italiane, parte costitutiva a tutti i livelli della nostra società, non organismo estraneo ma elemento portante e decisivo del "gioco grande" del potere dall'unificazione a oggi.

 

Presidenti del consiglio, ministri, deputati e senatori, presidenti di regione, alti funzionari dell'amministrazione pubblica, magistrati, dirigenti delle forze dell'ordine e dei servizi segreti, grandi imprenditori, ecc., sono stati oggettivamente dentro la mafia, non semplicemente suoi complici, ma elementi del suo sistema di potere. che hanno coperto i mafiosi, reso impossibile la loro cattura, fatto sparire le prove, garantito la loro assoluzione, collaborato e o deciso l'eliminazione dei nemici della mafia, oltre che offrire alla mafia la compartecipazione nella gestione della cosa pubblica.

 

La drammatica testimonianza di Scarpinato fa capire sulla Mafia molto più di un saggio e fa capire cosa sia davvero la mafia, non la bassa manovalanza dei Totò Riina o Provenzano, la Mafia era ed è la gestione "mafiosa" del potere operata dagli "uomini delle istituzioni", si veda il caso clamoroso e vergognoso delle nomina di Antonino Meli a procuratore capo di Palermo e lo smantellamento del pool antimafia da costui operato. Cosa fa il CSM ? Mette sotto inchiesta Borsellino che denunciava tale operazione "mafiosa".

 

A mio giudizio un'ottima lettura per comprendere li fenomeno mafioso voto 10/10

more...
No comment yet.
AulaWeb Storia
articoli, approfondimenti, risorse per l'insegnamento e lo studio della storia
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Le donne della resistenza

Le donne della resistenza | AulaWeb Storia | Scoop.it
8 settembre 1943. Dopo l’annuncio dell’armistizio in ogni casa italiana le donne danno soccorso spontaneamente ai prigionieri e ai militari allo sbando. È il primo atto di resistenza femminile. Il 25 ...
Gianfranco Marini's insight:

Puntate de Il tempo e la storia del 29/10/2014 dedicata alla resistenza al Femminile con la professoressa Silvia Salvatici instudio. Il ruolo e la partecipazione delle donne alla lotta di resistenza contro il nazismo e il fascismo dopo l'8 settembre del 1943 e fino al 25 aprile del 1945.

 

Secondo i dati ufficiali dell’epoca le donne partigiane sono state 35mila e le stime successive parlano di almeno 2 milioni di donne coinvolte nella Resistenza. Nei cortei del ’45, però, se ne vedono poche. La resistenza delle donne non è stata uguale a quella degli uomini e per molto tempo è rimasta avvolta nel silenzio

 

 

 

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Medievalis: Bacheche Pinterest sulla cultura e vita quotidiana del medioevo

Medievalis: Bacheche Pinterest sulla cultura e vita quotidiana del medioevo | AulaWeb Storia | Scoop.it

"Selezione condivise su Pinterest e dedicate alla cultura medioevale: arte, costume, reperti archeologici, storia, oggettistica, vita quotidiana, religione, etc."

Gianfranco Marini's insight:

Storia e Cultura Medioevale su Pinterest

Ho selezionato alcune bacheche create su Pinterest e dedicate ai vari aspetti della cultura medioevale. Si tratta di vere e proprie collezioni di risorse che rimandano a pagine, siti, post, immagini, video, documenti, stampe, disegni, miniature, etc. dedicati al medioevo e, nel loro insieme, forniscono una enorme quantità di informazioni, contenuti, testi, elementi multimediali su tale periodo. 

 

Criteri di Selezione Utilizzati

Dal momento che le bacheche dedicate al medioevo presenti su Pinterest sono molte, ho selezionato quelle che mi sono sembrate le più adatte per un uso educativo e scolastico e che rispondevano ai seguenti criteri: 

# Quantità: numero di pin presenti nella bacheca 

# Argomenti: attendibilità delle fonti cui i link rimandano e varietà degli aspetti della cultura medioevale che vengono trattati nei link segnalati (arte, storia, eventi, cultura, religione, letteratura, costume, etc.) 

# Lingua: per la maggior parte le bacheche fanno riferimento alla lingua inglese. Ho cercato di segnalare bacheche in cui i links rimandassero a pagine e contenuti in italiano 

# Recensione: efficacia nella recensione del pin; lingua in cui è scritto, ho dato la preferenza all'italiano, chiarezza nelle indicazioni e nella presentazione dei contenuti linkati 

# Varietà di formati: presenza tra le risorse raccolte di diversi formati: immagini, video, testi, documenti, mappe, quadri, etc. 

# Qualità immagine pin: importante sia graficamente in quanto caratterizza il pin che è una sorta di segnalibro, sia, in questo caso, per motivi documentari

 

Bacheche sulla cultura e vita quotidiana medioevale

Medievalis, curata da Gianna Sabini, 

https://www.pinterest.com/Amaryl5/medievalis/ 

Pin: oltre 1.200 

recensioni: molte sono in italiano e sono molto complete e utili 

lingua link: sono linkate anche pagine in italiano 

qualità immagini: molto buona e immagini molto varie (architettura, dipinti, miniature, affreschi, armi, epigrafia e lapidi, statue, chiese, personaggi, etc.)

Contenuti: le risorse linkate offrono un quadro completo della cultura e vita medioevale

 

Medioevo, di Maria Luisa

https://www.pinterest.com/Saluima/medioevo/ 

Pin: 557 

Recensioni: tutte in italiano, molte sono prese da wikipedia, sono comunque estremamente esaurienti e chiare, in alcuni casi recensioni dei link cui rimandano 

Lingua link: le pagina linkate sono quasi tutte in italiano 

Qualità immagini: interessanti e di ottima qualità, offrono un panorama completo della cultura e storia medioevale prevalentemente, ma non solo italiana 

 

Medioevo (XI - XVI secolo, di Alessandro De Troia)

https://www.pinterest.com/alessandrodetro/medioevo-xi-xiv-secolo/

Pin: 469

Contenuti: molto vari, più orientato ai costumi che alla storia del medioevo, ricopre un ampio settore della cultura medioevale: armi, oggettistica, capi vestiario, reperti archeologici, tombe, mobilia, gioielli, elementi architettonici, statue, arazzi, elmi, scudi, spade, abbigliamento religioso, 

 

Medioevo, di Arianna Conca

https://www.pinterest.com/ariannaconca9/medioevo/

Pin: 564

Contenuti: ampia raccolta di contenuti e risorse relative a vari aspetti della cultura medioevale come: vestiario, armi, strumenti, miniature, vita quotidiana, personaggi, vestiario, gioielli, oggettistica, arte, religione, etc.

Lingua: prevalentemente inglese

 

Medioevo, di Mario P. 

https://www.pinterest.com/cliophilus/medioevo/ 

Pin: 153 

Contenuti: prevalgono le immagini di castelli, oggetti d'arte, gioielli, armi miniature, oggettistica, architettura. Dal punto di vista dei contenuti informativi testuali e storici è molto carente, ma sono presenti immagini molto belle relative ai temi sopra indicati 

Lingua: recensione pin e siti linkati sono in lingua inglese 

 

Medioevo, di Maria Antonietta Guido 

https://www.pinterest.com/antoflorag62/medioevo/

Pin: 157

Contenuti: molte vesti, acconciature, armi, oggetti, elementi architettonici

Lingua: prevaentemente inglese sia per la descrizione dei pin che per quanto riguarda le pagine linkate

 

Medioevo - Middle Ages, di Leonardo Zanetel 

https://www.pinterest.com/eroness/medioevo-middle-ages/ 

Pin: 102 Siti e 

lingua: della descrizione del pin sono quasi esclusivamente in inglese. 

Contenuti: prevalentemente immagini, stampe, disegni. Da segnalare per bellezza e particolarità delle immagine relative a: armi, battaglie, vita quotidiana. Ad esempio il disegno che riporta le acconciature femminile usate nel medioevo o lo schema - guida che spiega le caratteristiche grafiche dell'araldica 

 

Medioevo, di Katrin Diez 

https://www.pinterest.com/katrindiez/medioevo/

Pin: 584 

Contenuti: molto vari, immagini, oggettistica, dipinti, architettura, castelli, reperti, quadri di soggetto medioevale, manoscritti miniati, etc. Più che alla storia la raccolta è orientata a documentare la vita quotidiana, l'arte, i costumi. Immagini bellissime e curiose, come la tomba di Eleonora d'Aquitania immortalata mentre legge un libro per l'eternità 

Lingua: prevalentemente inglese, anche francese e spagnolo 

 

The Medievals - art, culture and history of the Middle Agesdi Herb Harris

https://www.pinterest.com/beginnersmind17/the-medievals/

Pin: 261

Contenuti: dedicata alla cultura medievale che tratta di arte, religione, storia, architettura, pittura, etc, di questo periodo storico. Per la maggior parte raggruppa splendide immagini, in gran parte ricavate da fotografie di immagini miniate, che rimandano a pagine in cui sono trattati eventi, usi e costumi e documenti del medioevo. 

Lingua: inglese   

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Gabrielal Giudici: La storia dei cagots, gli "intoccabili" europei

Gabrielal Giudici: La storia dei cagots, gli "intoccabili" europei | AulaWeb Storia | Scoop.it

E' uscito, per le edizioni Età dell'Acquario, un testo sulla storia dei cagots, sottocasta di reietti noti già alle fonti medievali, che condivisero con ebrei, eretici e streghe, una storia secolar...

Gianfranco Marini's insight:

Post pubblicato nel blog di Gabriella Giudici in cui viene presentata l'introduzione al saggio di Enrica Perucchetti e Paolo Battistel "I figli di Lucifero", Età dell'Aquario, in cui si ripercorre la storia dei misteriosi "Cagots" popolazione create dagli stereotipi e dai pregiudizi popolari, in realtà un gruppo sociale oggetto di persecuzione e razzismo nell'Europa del XIII - XIV secolo. Vissuti tra Spagna e Francia e sopravvissuti fino al XVII secolo, la loro vicenda costituisce una delle pagine più esemplari e drammatica della storia del razzismo in Europa.

 

L'introduzione, riproposta interamente nel post, traccia un quadro generale di quel poco che, da documenti e testimonianze, sappiamo dei "Cagots" e descrive le discriminazioni odioso cui furono per secoli sottoposti. Nati dalla paura e dalla necessità di un "capro espiatorio" che fungesse da valvola di sfogo di ogni frustrazione, agenti manipolatori guidati da forze oscure, come e più degli ebrei  e delle streghe, contro cui esplose più volte la rabbia popolare.

 

I Cagots sono una tipica "razza maledetta", ma a differenza degli ebrei, la cui esistenza come popolo è un fatto storico oggettivo, essi non erano un popolo, ma un gruppo sociale che presentava tutte le caratteristiche del perfetto "capro espiatorio" e che venne pensato e creduto un popolo dalla superstizione e ignoranza popolare. 

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Il Mediterraneo specchio di civiltà - Recensione di "Il grande mare. Storia del Mediterraneo", di David Abulafia, Il Sole 24 ORE

Il Mediterraneo specchio di civiltà - Recensione di "Il grande mare. Storia del Mediterraneo",  di David Abulafia, Il Sole 24 ORE | AulaWeb Storia | Scoop.it
Mercanti, corsari, militari, avventurieri. In gran parte maschi. Sono la maggioranza di chi ha messo i piedi nel Mediterraneo lungo la sua storia
Gianfranco Marini's insight:

Una recensione al saggio sulla storia del Mediterraneo di david Abulafia pubblicata su ilsole24ore.com l'1/12/2013 da David Bidussa.

 

La recensione

Nella recensione si mette in rilievo il confronto tra questo testo di Abulafia e la principale opera storiografica sul Mediterraneo: Civiltò e imperi nel Mediterraneo nell'età di Filippo II di Fernand Braudel (1966). La principale caratteristica dell'opera di Abulafia è si impegna a ricostruire vicende e storia dei protagonisti della vita del Mediterraneo individuando 5 principali epoche dall'antichità ad oggi, a secondo del ruolo giocato da questo mare e dei sistemi geopolitici che intorno ad esso si sono andati costruendo e seguendo.

 

La Sfida

interessanti le conclusioni di Abulafia sul Mediterraneo oggi: tra turismo e immigrazione, economia del divertimento e tragedia, si avverte il vuoto politico e progettuale per assegnare al Mediterraneo un nuovo ruolo 

 

 

Riferimenti Bibiografici: David Abulafia, Il grande mare. Storia del Mediterraneo, traduzione dall'inglese di Luca Vanni, Milano, Mondadori, pagg. 696, € 35,00

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Mostafa Hassani Idrissi: Mediterraneo. Gli obiettivi di una storia da condividere e da insegnare - Novecento.org

Mostafa Hassani Idrissi: Mediterraneo. Gli obiettivi di una storia da condividere  e da insegnare - Novecento.org | AulaWeb Storia | Scoop.it
Mostafa Hassani Idrissi restituisce la complessità della storia di una realtà, il Mediterraneo, che non può essere compresa fuori da un contesto unitario
Gianfranco Marini's insight:

Un lungo articolo pubblicato su Novecento.org, in cui viene presentato e riassunto dal suo stesso autore il libro Mediterranée. Il manuale di Mostafa Hassani Idrissi sulla storia del Mediterraneo è nato dall'esigenza di "colmare due ignoranze simmetriche", determinate dall'uso identitario della storia, che producono la perdita della complessità della storia del Mediterraneo, che può essere compresa solo entro un contesto unitario e non dualistico: due storie del mediterraneo, una europea e l'altra nord africana e araba, contrapposte e, spesso, auto escludentisi vicendevomente. L'autore cerca di mettere a confronto e integrare lo sguardo del "diverso", dell'altro, fino a costruire una storia che integra Nord e Sud del Mediterraneo per liberarsi dalla storia eurocentrica e arabo/islamicocentrica.


Una proposta Didattica

Ogni capitolo dell'opera presenta due aspetti complementari:

1. Una sintesi storica a scopo didattico ma scritta alla luce del dibattito storiografico attuale (Braudel, Horden, Purcell, Abulafia) che mira a mettere fuori gioco gli atteggiamenti etnocentrici:

# ignorare l'altro

# ridurlo ai nostri schemi

# parlare attraverso l'altro di noi

2. Una parte didattica centrata su diversi focus che approfondiscono aspetti, problemi eventi specifici


Il Problema Centrale 

« Come si è costruita, attorno al Mediterraneo, una realtà storica specifica attraverso una serie di tensioni ? Tensioni fra spazi (mare e terra, Nord t Sud, Est e Ovest, centro e periferia, polo e reti, rive mediterranee e prolungamento eurasiafricano, mondo mediterraneo e mondo tout court) e tensioni fra civilizzazioni (monoteismo e politeismo, cultura e economia, apertura/scambi e chiusura/ripiegamento, connettività e conflittualità, meticciato e choc, unità e diversità, tradizione e modernità). »


L'articolo

Ripercorre la storia del Mediterraneo divisa in due periodi

1. dal 1914 al 1956: la fine di un mondo: apogeo e declino del Mediterraneo europeo

2. dal 1956 ad oggi: un Mediterraneo periferico

 

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

L'onore (perduto ma restituito) dei soldati fucilati nella Grande Guerra

L'onore (perduto ma restituito) dei soldati fucilati nella Grande Guerra | AulaWeb Storia | Scoop.it
La «Repubblica italiana chiede perdono» agli oltre 1000 caduti in grigioverde (ma la cifra esatta sarebbe maggiore) uccisi dai nostri plotoni d'esecuzione. Senza un perché...
Gianfranco Marini's insight:

La  Camera approva all'unanimità (un astenuto) una legge che dopo cento anni  "riabilita i cosiddetti caduti dimenticati", tutti quei militari italiani che nel corso del primo conflitto mondiale furono fucilati o decimati o uccisi perché gli altri obbedissero più prontamente agli ordini. Un numero di lacune migliaia di soldati, in applicazione della rigidità di Cadorna nell'interpretare i regolamenti militari testimoniate dalle sue circolari http://www.cimeetrincee.it/fucilazi.htm

 

Fino ad oggi le richieste di riabilitazione rivolte da familiari ai tribunali militari venivano respinte con la formula "La richiesta deve essere proposta dall'interessato". Grazie alla nuova legge sarà avanzata d'ufficio.

 

In questo caso non mi sento di dire "meglio tardi che mai", ci sono cose che non possono essere perdonate, specie l'idiozia burocratica che sta validamente contribuendo ad affondare il paese

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Il secondo dopoguerra e la divisione del mondo in blocchi: Presentazioni su Slideshare di frantex

Nel secondo dopoguerra, dopo la sconfitta del nazifascismo, gli interessi difficilmente di URSS e USA, le diverse ed incompatibili visioni del mondo portano a…
Gianfranco Marini's insight:

Slideshare è un grande archivio per la condivisione di presentazioni che possono anche essere scaricate e riutilizzate.  I contenuti resi disponibili sono tantissimi e si trovano ottime presentazioni relative a ogni disciplina e a svariati argomenti.

 

Il Secondo Dopoguerra

Segnalo alcune presentazioni di storia contemporanea relative al "secondo dopoguerra" in cui viene illustrata la situazione politica, militare, economica in Europa e nel mondo al termine della seconda guerra mondiale.

 

La Prima presentazione

"Il secondo dopoguerra e la divisione del mondo in blocchi", di frantex, pubblicata il 19/04/2015,  197 slides, copre il periodo che va dalla fine della seconda guerra mondiale agli inizi degli anni '60 (rivoluzione cubana e guerra del Vietnam). Punto di forza è la ricca documentazione fotografica. La presentazione è liberamente scaricabile in formato PDF.

 

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

L'ORA DI STORIA | Le guerre contemporanee con Lucio Caracciolo - YouTube

Cinque incontri con storici, docenti universitari, giornalisti in occasione della mostra "Architettura in Uniforme. Progettare e costruire durante la seconda...
Gianfranco Marini's insight:

Ciclo di incontri "L'ora di storia", organizzato dal museo MAXXI, Museo nazionale delle Arti del XXI secolo, tenutisi in occasione della mostra "Architettura in Uniforme. Progettare e costruire durante la seconda guerra mondiale". I seminari organizzati sono 5 e sono dedicati ad "approfondire fatti, luoghi e personaggi al centro dei due conflitti mondiali e comprendere il contesto storico e culturale della guerra".

 

In questo video, della durata di 1:06:43, Lucio Caracciolo parla delle Guerre contemporanee. Il seminario del prof. carqacciolo si è tenuto il 15 aprile del 2015, il presente video è stato pubblicato sul canale del museo MAXXI il 24 aprile del 2015.

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Il tempo e la storia: Repubbliche partigiane, con Giovanni De Luna

Il tempo e la storia: Repubbliche partigiane, con Giovanni De Luna | AulaWeb Storia | Scoop.it
La Repubblica di Montefiorino sull’appennino tosco emiliano e la Repubblica dell’Ossola, in Piemonte: due “esperimenti” di ritorno alla vita democratica quando ancora, in Italia, infuriava la guerra, ...
Gianfranco Marini's insight:

Una interessante puntata da "Il Tempo e la Storia" dedicata alla Repubbliche partigiane che nel 1944 furono fondate dai partigiani con la collaborazione della popolazione e che, pur avendo breve durata, ebbero un significato fondamentale come tentativo di sperimentare nuove forme di vita politica democratica dopo 20 anni di dittatura.

 

In studio lo storico Giovanni De Luna commenta una serie di filmati che documentano questa esperienza con particolare riferimento alle repubbliche dell'Ossola e di Montefiorino.

 

MIO GIUDIZIO

Si rimane favorevolmente colpiti dalla statura dei protagonisti di queste vicende specie se si considera l'attuale livello della nostra attuale classe dirigente, della politica che viene oggi attuata e della forma caricaturale che la democrazia ha oggi assunto.

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

La Resistenza in Europa

La Resistenza in Europa | AulaWeb Storia | Scoop.it
Il 7 Maggio del 1945 a Reims, in Francia, la Germania firma la resa senza condizioni davanti ai capi militari degli eserciti alleati: l’atto che pone fine alla Seconda guerra mondiale. Della guerra ...
Gianfranco Marini's insight:

Puntata de Il tempo e la storia dedicata ai movimenti di resistenza che sorsero in Europa per la lotta contro il nazifascismo.

 

In studio il professor Lucio Villari

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Sergio Bontempelli intervista Luca Bravi: Porrajmos, genocidio dimenticato - Corriere delle Migrazioni

Sergio Bontempelli intervista Luca Bravi: Porrajmos, genocidio dimenticato - Corriere delle Migrazioni | AulaWeb Storia | Scoop.it
Luca Bravi sullo sterminio dei rom: «gli scienziati hitleriani non furono processati, e nel dopoguerra diventarono “esperti di zingari”»
Gianfranco Marini's insight:

Una intervista di Sergio Bontempelli a Luca Bravi sul Porrajmos, il genocidio nazista dimenticato di "Rom" e "Sinti"". Il post è molto interessante, anche per li recente revival nella propaganda politica degli stereotipi e pregiudizi sugli "zingari".

 

Interessante anche il percorso storico - teorico che Bravi delinea:

# Genocidio degli "zingari nei lager per motivi razziali non riconosciuto

# sviluppo di una "pedagogia" e "psicologia" basata su stereotipi (zingari = primitivi, nomadi, arretrati, asociali, ecc.)

# strategie politico - sociali di integrazione degli "Zingari" che perpetuavano i comportamenti discriminatori e di emarginazione, di fatto impedendo una reale integrazione

# politica del "campo nomadi" di tipo segregazionista

 

Assolutamente da leggere !!!!!

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Free Technology for Teachers: Three Ways to Create Mapped Timeline Stories

Free Technology for Teachers: Three Ways to Create Mapped Timeline Stories | AulaWeb Storia | Scoop.it

Tre applicazioni per creare Timeline "alternative"

Gianfranco Marini's insight:

Post pubblicato su freetech4teachers lo 01/08/2014 e dedicato a tre applicazioni per la creazione di Timeline molto particolari per modalità di realizzazione della timeline e per modalità di visualizzazione della stessa.

 

MapStory: strumento free che crea una timeline a partire dai un set di dati che possiamo o selezionare dal sito dell'applicazione o caricare noi. In questo video una demo dell'applicazione 

https://youtu.be/HLz552QV46w

 

Chrono Zoom: è una applicazione di Microsoft molto bella, consente di realizzare timeline che possono essere composte da molti livelli inseriti l'uno nell'altro e navigabili attraverso la tecnica dello zooming

 

Google Earth Tour Builder: consente la creazione di un tour utilizzando Google Earth e come modello quello della Slide. Il tour è formato da varie slide e da informazioni che possono essere aggiunte. In questo video una demo del funzionamento di questo strumento molto interessante per gli utilizzi didattici cui si presta

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Valeria Serraino: presentazioni storia - Valeria Serraino’s Presentations on SlideShare

Valeria Serraino: presentazioni storia - Valeria Serraino’s Presentations on SlideShare | AulaWeb Storia | Scoop.it
Read and download presentations by valeria serraino
Gianfranco Marini's insight:

Presentazioni pubblicate su Slideshare da Valeria Serraino. Si tratta di 30 presentazioni che affrontano tematiche di storia contemporanea, anche molto attuali, realizzate in modo da fornire un supporto alla spiegazione in aula.

 

Possono essere visualizzate e scaricate registrandosi (gratuitamente) su Slideshare. Utili sia per gli studenti che per i docenti.

 

Questo il blog di Valeria Serraino: http://www.valeriaserraino.blogspot.it/

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Cultura Medioevale: Bacheche Pinterest su temi e aspetti specifici della cultura e della vita quotidiana del Medioevo

Cultura Medioevale: Bacheche Pinterest su temi e aspetti specifici della cultura e della vita quotidiana del Medioevo | AulaWeb Storia | Scoop.it

Risorse su temi e aspetti specifici della cultura medioevale da Pinterest, bacheche su: vita quotidiana, vestiario, castelli, armi, leggende, gioielli, oggettistica, manoscritti, animali, giochi, abitazioni, etc.

Gianfranco Marini's insight:

Pinterest: Temi e Aspetti Specifici della cultura Medioevale

Presento numerose Bacheche sul Medioevo che si possono trovare su Pinterest e che sono dedicate a settori e ambiti specifici della vita quotidiana e della cultura del Medioevo. SI tratta di circa 15 Bacheche selezionate per ricchezza di contenuti, affidabilità delle risorse, possibilità di utilizzazione in ambito didattico per approfondimenti, ricerche, etc.

 

Sette Lupe: 19 Bacheche sul Medioevo

Una segnalazione meritano le bacheche sul medioevo presenti nell'account Pinterest di Elena Forlani, che con lo user id di Sette Lupe, dedica 19 delle sue 57 bacheche ad aspetti e temi specifici del medioevo.

Tra le bacheche di Sette Lupe segnalo:

# Medioevo mobili vari riproduzioni, 53 Pin,

https://www.pinterest.com/elenaforlani/medioevo-mobili-vari-riproduzioni/

# Medioevo cucina riproduzioni, 72 pin,

https://www.pinterest.com/elenaforlani/medioevo-cucina-riproduzioni/

# Medioevo borse e scarselle originali e icone, 23 pin,

https://www.pinterest.com/elenaforlani/medievo-borse-e-scarselle-originali-e-icone/

# Medioevo: oggettistica originali e icone, 104 pin,

https://www.pinterest.com/elenaforlani/medioevo-oggettistica-originali-e-icone/

# Medioevo abbigliamento donna originali e icone, 264 pin,

https://www.pinterest.com/elenaforlani/medioevo-abbigliamento-donna-originali-ed-icone/

# Medioevo abbigliamento uono orginali e icone, 149 pin,

 https://www.pinterest.com/elenaforlani/medioevo-abbigliamento-uomo-originali-ed-icone/

 

Altre bacheche

5.1. Guerreros del Medioevo, curata da Angel Lunar Martin dedicata ad armi e guerrieri 

https://www.pinterest.com/angellunarmarti/guerreros-del-medioevo/

5.2. Costumi - medioevo, curata da Minnola, vesti, modelli, ornamenti, gioielli femminili del medioevo

https://www.pinterest.com/m1715/costumi-medioevo/

5.3. Reperti Alto Medioevo

# Reperti Alto Medioevo (anglo sassoni), curata da Cristiano da Mont'Olmo, 140 pin,

https://www.pinterest.com/cristianobh/reperti-alto-medioevo-anglo-sassoni/

# Reperti Alto Medioevo (Romano - Bizantini), curata da Cristiano da Mont'Olmo, 80 pin,

https://www.pinterest.com/cristianobh/reperti-alto-medioevo-romano-bizantini/

5.4. Medioevo: cavalieri, re, regine, miti, leggende, curata da Chrissy Love, 577 pin

https://www.pinterest.com/crisli1512/medioevo-cavalieri-re-regine-miti-leggende/

5.5. Armature medioevo, curata da Rossano Granello, 84 pin

https://www.pinterest.com/rgranello/armature-medioevo/

5.6. Miniature e Manoscritti

Numerose le bacheche che contengono immagini, testi, disegni, tratti da manoscritti miniati. Tra le tante bacheche ricche di miniature segnalo queste due:

# Medioevo di Denise Parlamenti,

Pin: 126

https://www.pinterest.com/deniseparlament/medioevo/

Contenuti: quasi esclusivamente immagini. Caratteristica di questa bacheca è che raccoglie quasi esclusivamente miniature e immagini tratte da manoscritti miniati. Quasi mai, però, le pagine web linkati forniscono informazioni adeguate o approfondite delle immagini

Lingua: inglese tanto delle recensioni che delle pagine linkate

# Medioevo, di Federico Santersiero

Pin: 181

https://www.pinterest.com/fedesantar/medioevo/

Contenuti: miniature, manoscritti, immagini miniate. Anche in questo caso si tratta una raccolta di splendide miniature

Lingua: inglese

5.7. Gioielli e Fibbie dell'alto Medioevo, di Amedeo Bronca, 148 pin

https://www.pinterest.com/abronca94/gioielli-e-fibbie-dellalto-medioevo/

5.8. Animali nel Medioevo, di Laura Richiardi, 319 pin

https://www.pinterest.com/ladyshadow64/animali-nel-medioevo/

5.9. Aspetti della vita quotidiana nell'arte del medioevo, di Barbara Conti, 347 pin

https://www.pinterest.com/barbaraconti99/aspetti-di-vita-quotidiana-nellarte-del-medioevo/

5.10. Medioevo Bizzarro, di Nadja Straav, 183 pin

https://www.pinterest.com/nadjastraav/medioevo-bizarro/

5.11. Medioevo castelli paesi vie ambienti, di Anya, 572 pin

https://www.pinterest.com/pitakoanya/medioevo-castelli-paesi-vie-ambienti/

5.12.  Medioevo (abitazioni), Fer Almada, 483 pin, si tratta di abitazioni medioevali, molte di ambientazione fantasy

https://www.pinterest.com/feralmada/medioevo/

5. 13. medioevo (giochi), di Francesca Sfriso, 140 pin, si tatta di giochi per bambini, anche da costruire, ispirati al medioevo

https://www.pinterest.com/mammefaidate/medioevo/

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Le origini del ferragosto le "Feriae Augusti" o feste di Augusto

Le origini del ferragosto le "Feriae Augusti" o feste di Augusto | AulaWeb Storia | Scoop.it

Le origini del Ferragosto tra paganesimo e cristianesimo e la storia del dogma dell'Assunta, tra dogmi, storie, superstizioni e infallibilità del papa decisa da lui medesimo

Gianfranco Marini's insight:

Lungo articolo pubblicato su romanoimpero nel'agosto del 2012 e ricco di informazioni sulle origini e la storia delle Feriae Augusto o ferragosto, scritto pescando da varie fonti che purtroppo non sono citate, tranne il n.° 165 del notiziario Cosmos (?). L'articolo è comunque ricco di informazioni e documenti utili e interessanti, tra cui segnalo:

# L'elenco delle festività romane del primo periodo imperiale che cadevano in agosto

# il testo dell'apocrifo attribuito a Giuseppe d'Arimatea sul Transito della Beata Vergine

# il testo della proclamazione dell'Assunzione a dogma compiuta da Pio XII nel 1950, servendosi del dogma dell'infallibilità del papa proclamata da Pio IX nel 1870

 

Le Origini "pagane" del ferragosto

Ferragosto deriva dall'espressione Feste di Augusto. In realtà si tratta della sovrapposizione di più festività che ricorrevano tutte ad Agosto, mese dedicato ad Ottaviano Augusto, il quale nel 18 a.C., anno in cui fu proclamato augusto, le unificò tutte con l'etichetta di Feriae Ausgusti. Tra le festività ricordo:

# quella dedicata a un dio arcaico, Consus, dio delle messi

# quella dedicata alla dea Ops (Opi) l'antica dea madre Consiva, di origine sabina e legata tanto a Vesta quanto a Quirino, che partorì vergine, come tutte le dee madri, Ianus e/o Iuno, sposa di Conso che poi la andò a sostituire come divinità della natura

# la festa di Diana che si teneva sull'Aventino, dea delle erbe, delle sorgenti, della salute, all'origine, in seguito, della persecuzione delle donne che si trasmettevano di madre in figlia i segreti curativi delle erbe e che, con il cristianesimo, divennero le "streghe".

Durante il mese di "ferie" si tenevano tutti i templi aperti, non si lavorava, si banchettava. Dato che i giorni di ferie erano 25, 26 con il giorno dell'incoronazione di Ottaviano, questi decise di rendere festivo l'intero mese.

 

La tradizione cristiana dell'Assuzione / Dormizione

Con l'abolizione delle feste "pagane" anche il 15 di Agosto fu eliminato sovrapponendovi la festa per l'assunzione di Maria. In realtà vi sono due tradizioni distinte che vennero sintetizzate quelle della "dormizione" e quella della "assunzione" in cielo di Maria con cui si dava una risposta al destino della madre di Gesù. tale culto si cominciò a diffondere tra il IV e il VI secolo d.C. e fu "ufficializzato" la proclamazione a dogma da Pio XII. La verità di tale "dogma" viene proclamata da papa Pacelli in base al "dogma" dell'infallibilità del papa, a sua volta posto come dogma da Pio IX. La cosa somiglia alla vicenda del barone di Munchausen, che si afferra per i capelli per sollevarsi e sottrarsi alle sabbie mobili, questo circolo vizioso di dogmi rende esplicito il carattere totalmente privo di fondamento della dottrina cattolica, qualora la si voglia porre come verità razionale e dimostrabile.

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

cesare Grazioli: Gli stereotipi sulle migrazioni - Novecento.org

cesare Grazioli: Gli stereotipi sulle migrazioni - Novecento.org | AulaWeb Storia | Scoop.it
"Gli stereotipi sulle migrazioni", secondo studio di caso di Cesare Grazioli inserito nel dossier del n. 4 "Mediterraneo contemporaneo"
Gianfranco Marini's insight:

Mentre il dibattito sul problema dell'immigrazione in Italia ed Europa si accende sempre di più con toni che rimandano a tragici eventi e prospettano pericolose dinamiche, questo articolo di Cesare Grazioli offre alcuni strumenti fondamentali per affrontare il problema dell'immigrazione da un punto di vista didattico.

 

Scuola e pregiudizio

L'articolo intitolato "Gli stereotipi sulle migrazioni" è stato pubblicato su Novecento.org e muove dalla consapevolezza che compito della scuola sia affrontare in modo non retorico ma scientifico e trasversale questa problematica. Si tratta di esplicitare i più diffusi stereotipi sull'immigrazione e metterli alla prova della storiografia e della demografia per valutarne la consistenza.

 

Gli stereotipi

I 5 stereotipi individuati sono:

1^ “Le migrazioni sono un fenomeno anomalo, la regola dovrebbe essere che ognuno stia a casa propria!”

2^ “Siccome gli immigrati arrivano a causa della povertà e del sottosviluppo dei loro paesi, il rimedio è di

favorire lo sviluppo interno dei paesi del Sud, cioè aiutarli a non avere bisogno di emigrazione”

3^ “Qui in Italia si fanno pochi figli, mentre gli immigrati vengono da paesi dove ne fanno tanti, come l’Africa,

perciò ci sommergeranno, l’Italia perderà la sua identità e in poche generazioni saremo tutti neri!”

4^ “Con tutta la disoccupazione, soprattutto giovanile, che c’è in Italia (e nei paesi europei mediterranei),

nonè possibile accettare l’immigrazione, che toglie il lavoro a noi italiani”

5^ “Qui in Italia (o: in Europa) siamo già in troppi: non solo non c’è spazio per accogliere altra immigrazione,

maanzi, sarebbe meglio che la popolazione calasse; ne guadagnerebbe anche la qualità dell’ambiente.”

 

Il Metodo

L'autore propone 5 testi da sottoporre all'attenzione degli studenti e alla loro analisi, i testi sono tratti dalle opere di due tra i più importanti studiosi di demografia italiani: Livi Bacci e Antonio Golini. Viene quindi proposta una sintetica ricostruzione delle migrazioni nella storia mondiale tra XVIII e XX secolo.

Un serie di domande ed esercizi fornisce una guida per l'analisi dei testi proposti.

 

MIO GIUDIZIO

Un modulo didattico pronto per l'uso che può essere adattato alle più diverse esigenze e che mostra come vanno affrontati didatticamente i problemi dell'attualità, sottraendoli alla polemica politica e ai pregiudizi per svilupparne un'analisi razionale. 

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

The Fallen of World War II

An animated data-driven documentary about war and peace, The Fallen of World War II looks at the human cost of the second World War and sizes up the numbers to other…
Gianfranco Marini's insight:

Video realizzato da Neil Halloran che illustra graficamente le vittime della seconda guerra mondiale suddivise per nazionalità, militari e civili. Il video, pubblicato su Vimeo,  dura 18:15 minuti ed è diviso in tre parti:

1. nella prima parte sono rappresentate le vittime militari del conflitto suddivise per nazionalità e con riferimento ad alcuni tra i più cruenti episodi della guerra come la battaglia di Stalingrado

2. nella seconda parte vengono mostrate le vittime civili comprese quelle dei campi di concentramento e della Shoah

3. nell'ultima parte viene fatto un confronto tra la seconda guerra mondiale e altri conflitti della storia.

 

Per consultare e utilizzare la versione interattiva del video utilizzare questo link: 

http://www.fallen.io/ww2/

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Il Tempo e la Storia: Maggio 1915: l`Italia va in guerra

Il Tempo e la Storia: Maggio 1915: l`Italia va in guerra | AulaWeb Storia | Scoop.it
Nel maggio del 1915, in una manciata di giorni, l’Italia decide di entrare nella Grande Guerra, giornate che per alcuni sono rimaste una manifestazione di patriottismo, ardore e giovinezza ma per altri  ...
Gianfranco Marini's insight:

Puntata de Il Tempo e al Storia del 02/04/2014, dedicata all'ingresso in guerra dell'Italia. Il 23 maggio del 1915 l'Italia entra in guerra contro l'Austria-Ungheria ad un anno dall'inizio del primo conflitto mondiale e seconda modalità che hanno fatto molto discutere e perfino parlare di "colpo di stato", infatti la maggioranza del paese e del parlamento è contraria alla guerra.

 

Il programma è condotto in studio da Marco Bernardini che si avvale dell'intervento dello storico Giovanni Sabbatucci e di filmati d'epoca per ricostruire la complessa situazione che portò al conflitto e vide tra i protagonisti Sonnino, Salandra, Giolitti, Mussolini, D'annunzio e tanti altri. Iniziò così la tragica esperienza della grande guerra.

 

Perché l'Italia entra in guerra? Di chi è la responsabilità di questo tragico errore che avrà conseguenze decisive nella storia italiana tra cui l'interruzione dell'evoluzione democratica italiana e il sorgere del fascismo?

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Presentazione di Giorgio Scudeletti: Il secondo dopoguerra (1945-1953)

Il secondo dopoguerra (1945-1953)
Gianfranco Marini's insight:

Slideshare è un grande archivio per la condivisione di presentazioni che possono anche essere scaricate e riutilizzate.  I contenuti resi disponibili sono tantissimi e si trovano ottime presentazioni relative a ogni disciplina e a svariati argomenti.

 

Il Secondo Dopoguerra

Segnalo alcune presentazioni di storia contemporanea relative al "secondo dopoguerra" in cui viene illustrata la situazione politica, militare, economica in Europa e nel mondo al termine della seconda guerra mondiale.

 

La Seconda presentazione
realizzata da Giorgio Scudeletti hce ha pubblicato su Slideshare 51 presentazioni di Storia che possono essere consultate a questo indirizzo http://www.slideshare.net/gheorghio?utm_campaign=profiletracking&utm_medium=sssite&utm_source=ssslideview

Si tratta di una presentazione intitolata "Il secondo dopoguerra 1945 - 1953", articlata in 100 slides, molto completa sia nella parte testuale che per la documentazione fotografica e per le cartine e schemi che fornisce.

 

Per informazioni sula prima presentazione dedicata al secondo dopoguerra http://sco.lt/7FAP2X

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Politiche di razza in Africa orientale Italiana - Il caso di renzo Meregazzi e "La politica di Razza" | www.psychiatryonline.it

Politiche di razza in Africa orientale Italiana - Il caso di renzo Meregazzi e "La politica di Razza" | www.psychiatryonline.it | AulaWeb Storia | Scoop.it
Gianfranco Marini's insight:

Pubblicato su psychiatryonline l'1 maggio 2015 questo post prende spunto da vari lavori sulla politica razziale italiana in Africa orientale, come quello di Angelo Del Boca, per presentare una figura emblematica della politica indigena italiana.

 

Il post è incentrato sulla politica razziale italiana e sulla figura di Renzo Meregazzi, alto funzionario del MAI (ministero Africa italiana), che scrisse "La politica di razza", che voleva essere fondamento della politica razziale fascista e che è incentrato sul principio fondamentale di "tutela della purezza della razza dominatrice (quella italiana)"

 

Nel post sono contenute numerose citazione tratte da questo testo di Meregazzi che sono utilissime a capire quale fu la posizione del fascismo sulla questione della razza e a sfatare definitivamente il mito di un fascismo non razzista o in cui il razzismo assume il significato di un elemento secondario e di scarso rilievo.

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

L'ORA DI STORIA | La Seconda Guerra Mondiale con Giovanni Sabbatucci , MAXXI

Cinque incontri con storici, docenti universitari, giornalisti in occasione della mostra "Architettura in Uniforme. Progettare e costruire durante la seconda...
Gianfranco Marini's insight:

Una lezione sulla seconda Guerra mondiale tenuta da Giovanni Sabbatucci in occasione di un seminario organizzato dal museo Maxxi. La lezione di Sabatucci si è svolta il 3/04/2015 e fa parte di una più ampia serie di seminari centrati su "fatti, luoghi e personaggi al centro dei due conflitti mondiali e comprendere il contesto storico e culturale della guerra" per The History Hour.

 

Il video è stato pubblicato sul canale YouTube del museo Maxxi https://www.youtube.com/user/MuseoMAXXI il 23/04/2015, la durata è di 1:14:34

 

Questo il link al sito del Muse Nazionale del XXI Secolo o MAXXI

http://www.fondazionemaxxi.it/2015/03/26/lora-di-storia-3/?lang=en

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

History Channel: 25 Aprile LA RESISTENZA ITALIANA

Documentario sulla Resistenza in Italia e primo cinegiornale dell'Italia liberata. ANIBALDI.IT Documenti
Gianfranco Marini's insight:

Documentario di History Channel sulla Resistenza italiana preceduto dal primo cinegiornale dell'Italia libera. Durata 56:49.

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

La Resistenza italiana e il 25 aprile

La Resistenza italiana e il 25 aprile | AulaWeb Storia | Scoop.it
La guerra di liberazione italiana dal fascismo e dall'occupante nazista nasce dopo l'armistizio dell'8 settembre 1944 e si conclude con le giornate dal 19 al 25 aprile 1945 nelle quali i partigiani...
Gianfranco Marini's insight:

Un post di Gabriella Giudici sulla Resistenza italiana che raccoglie insieme le informazioni essenziali sulla storia della resistenza, storie di partigiani, video e canzoni del movimento partigiano, link a pagine che esaminano aspetti particolari della lotta di liberazione e dei caduti della resistenza, lettere, testimonianze.

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Scuola Interattiva di Paolo Scorzoni: 58 Lezioni di Storia - YouTube

Scuola Interattiva di Paolo Scorzoni: 58 Lezioni di Storia - YouTube | AulaWeb Storia | Scoop.it

Playlist con 58 lezioni di storia realizzate da Paolo Scorzoni

Gianfranco Marini's insight:

Storia Interattiva è un canale YouTube ralizzato da Paolo Scorzoni e gestito in collaborazione con Marta Zonzin e Daniele Pavarin che aderisce a YouTubeEdu.

 

Voglio qui segnalare una ottima Playlist di brevi video lezioni realizzate da Paolo Scorzoni con l'ausilio di Cmap e di Edynco, che coprono l'intero arco di programmazione disciplinare della storia del triennio.

 

Si tratta di 58 lezioni video che vanno dal medioevo alla guerra fredda. Le video lezioni sono della durata media di 5 minuti, il linguaggio è estremamente chiaro, l'uso della mappe concettuali facilita la comprensione e sintesi del fenomeno storico esaminato, nonostante la breve durata gli argomenti sono illustrati in modo completo

 

Le lezioni sono ottime per ripassare, verificare la propria comprensione di un argomento storico e costituiscono un utile punto di partenza per uno studio più approfondito.

 

LINK UTILI

# chi è Paolo Scorzoni: http://www.abilidendi.it/chisiamo.htm

indice generale dei #video: http://www.abilidendi.it/chiSiamoSiti_personali/sitoPaolo/spazio_paolo_scorzoni.htm

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Lo Steampunk e il Risorgimento | Baionette Librarie

Lo Steampunk e il Risorgimento | Baionette Librarie | AulaWeb Storia | Scoop.it
Questo articolo è un po' grandicello (20.130 parole). Ho preferito mettere tutte queste cose diverse assieme perché sono tutte parte dello stesso
Gianfranco Marini's insight:

baionette Librarie è forse il più interessante blog italiano dedicato allo Steampunk, filone della narrativa fantastica e fantascientifica caratterizzato da una ambientazione in un'età vittoriana fondata su una tecnologia basata sul vapore. definizione riduttiva, forse lo slogan "come sarebbe stato il passato se il futuro fosse accaduto prima" rende meglio lo spirito dello Steampunk. Per chi volesse saperne di più: http://it.wikipedia.org/wiki/Steampunk

 

Il 19/08/2010 il Duca di baionette ha pubblicato un lungo post dedicato a spunti storici e tecnologici nell'Italia del Risorgimento nello spirito dello Steampunk. Si tratta di un interessante tentativo di proporre come ambientazione per le storie Steampunk l'Italia deldel XIX secolo.

 

Dopo una breve introduzione storico - politico - letteraria, il post prosegue individuando situazioni e personaggi degni di un romanzo. Riporto qui l'indice dell'articolo:

 

— Introduzione
— Il Pantelegrafo di Giovanni Caselli
— Alessandro Cruto, il genio italiano delle lampadine
— Il motore a scoppio Barsanti-Matteucci
— L’automa di Innocenzo Manzetti
— Il telefono di Bell e Meucci
— Il telefono di Manzetti
— Menabrea, pioniere italiano dell’informatica
— Spunti misti ulteriori
— L’altra Italia: il Regno delle Due Sicilie
— Perché scegliere il Regno delle Due Sicilie

more...
No comment yet.