AulaUeb Filosofia
21.4K views | +0 today
Follow
AulaUeb Filosofia
Risorse web per l'apprendimento e l'insegnamento della filosofia. Storia della filosofia e didattica della filosofia.
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Tra Gloria e Celebrità. Appunti dal Festival della filosofia 2014.

Tra Gloria e Celebrità. Appunti dal Festival della filosofia 2014. | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Gianfranco Marini's insight:

Articolo di Giorgio Astone pubblicato su http://www.athenenoctua.it/ il 20 settembre 2014 e che introduce alla tematica del Festival di Filosofia di Modena del 2014 e offre la sintesi di alcuni interventi.

 

Marc Augé: lectio magistralis su "La Gloria, la scrittura e la morte"

 

Jean-Luc Nancy: lectio su "l'in-gloriosa gloria"

 

Roberto Esposito: lectio su "potere delle persone, forza delle cose"

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

La metamorfosi del signor P(otere)

La metamorfosi del signor P(otere) | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
di PAOLO ERCOLANI Parafrasando un celebre frammento di Eraclito, in cui il grande filosofo antico si riferiva alla natura, potremmo dire che l’epoca della società in rete, o della globalizzazione, è quella in cui il Potere ha subito una trasforma...
Gianfranco Marini's insight:

Un interessante articolo di Paolo Ercolani sulle metamorfosi del potere apparso sul rasoio di Occam.

 

L'esame dell'era post - democratica, in cui il potere si sposta dallo stato a entità globali e transnazionali come il mercato e la rete , è incentrato sull'analisi del problema della conoscenza, dell'informazione e della formazione.

 

Riporto il testo con cui viene presentato l'articolo:

"siamo infatti passati dal Potere che nasconde, censura, manipola o coarta il flusso delle informazioni (o disinformazioni), a quello che ama nascondersi, trasfigurare i propri meccanismi di funzionamento e influenza, mascherare i luoghi del proprio abitare e operare. Lo scopo è sempre lo stesso, la perpetuazione del Potere stesso, ma le modalità mutate debbono indurre a più di una riflessione"

 

L'articolo è scaricabile in PDF

 

Paolo Ercolani insegna storia della filosofia e teoria e tecnica dei nuovi media all’Università di Urbino

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Bruno Montanari, Come si configura oggi il potere

Bruno Montanari, Come si configura oggi il potere | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
In questo articolo, uscito sul Rasoio di Occam, il filosofo del diritto [Univ. di Catania e cattolica di Milano] illustra le trasformazioni contemporanee del lessico politico-giuridico nel quale la...
Gianfranco Marini's insight:

Dal blog di Gabriella Giudici un articolo di Bruno Montanari dal titolo "Come si configura il potere oggi", una approfondita riflessione sulla profonda trasformazione che ha avuto come protagonista il potere dall'epoca moderna a quella contemporanea.

 

La tesi di Montanari è che si sia passati da una conformazione del potere fondato sul concetto di ordine e sull'immagine della piramide a quello di complessità illustrato dall'immagine della rete .

 

PRIMA PARTE

dell'articolo: vengono illustrati e posti a confronto i due diversi paradigmi del potere, quello piramidale verticale  (territorio - ordine - sistema) e quello reticolare orizzontale  (globalità - complessità - equilibrio).

 

le conseguenze che ne discendono sul piano dell'effettività del potere sono:

1. la crisi del partito politico e l'affermarsi dei comitati affaristico - elettorali

2. il formarsi di una struttura di potere  burocratico - tecnocratica espressa dal termine governance

3. l'impossibilità di una imputazione di responsabilità determinata: manca una "testa da tagliare"

 

SECONDA PARTE

dell'articolo: vengono esaminati i tre fondamenti del potere nella modernità: ordine, sistema, ordinamento

 

TERZA PARTE

complessità, equilibrio, governance

 

QUARTA PARTE

conseguenza principale del nuovo modo di configurarsi del potere è la crisi dello stato di diritto e della democrazia rappresentativa.

Ciò si osserva con l'affermazione di due fenomeni antitetici:

1. da una parte si affermano prassi di democrazia immediata e partecipativa;

2. dall'altra si impongono istanze tecnocratiche che perseguono fini privati

 

All'ordinamento giuridico fondato sulla legittimazione soggettiva esercitata attraverso meccanismi di sovranità popolare si sostituisce la pressione di interessi particolari dotati di potere di negoziazione e che competono e che producono la governance (continue regolazioni  prive di progettualità il cui fine e mantenere l'equilibrio della rete)

 

L'articolo è di difficile lettura in quanto l'analisi si sviluppa in un serrato confronto con la tradizione e con la ricerca filosofica, epistemologica e sociologica e richiede conoscenze di un certo livello per essere apprezzato.

 

Ottimo inquadramento del problema del potere e della crisi della democrazia, offre strumenti di analisi della realtà economica - politica interessanti 

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Pierfranco Pellizzetti, Foucault interprete di Nietzsche: dalla democrazia alla postdemocrazia

Pierfranco Pellizzetti, Foucault interprete di Nietzsche: dalla democrazia alla postdemocrazia | AulaUeb Filosofia | Scoop.it
Traggo da Micromega questa utile introduzione alla tematica foucaltiana dei processi di veridizione del potere e alla loro originaria ispirazione nietzschena. Un grande terzetto di fantasiosi studi...
Gianfranco Marini's insight:

dallo stupendo blog di Gabriella Giudici http://scienzeumanegiudici.wordpress.com un interessante articolo comparso su MIcromega dal titolo "Le Parole della democrazia" di Marco D'eramo (MicroMega 4/2013), in cui viene esaminato, alla luce del pensiero di NIetzsche e Foucault.

 

Il tema è quello del potere e del dominio sull'immaginario con cui si attua nella democrazia il controllo delle masse, fino a rendere possibile la teorizzazione di un superamento della demograzia in senso tanto oligarchico, quanto populistico che alcuni denominano "postdemocrazia".

 

La comunicazione politica diventa ricostruzione del reale a vantaggio dell'oligarchia secondo la retorica TINA (there is no alternative) con cui il potere si traveste da verità.

more...
No comment yet.