AulaMagazine Scuo...
Follow
Find
8.9K views | +9 today
 
Scooped by GIANFRANCO MARINI
onto AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche
Scoop.it!

Networked Knowledge and Combinatorial Creativity

Networked Knowledge and Combinatorial Creativity | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Why creativity is like LEGO, or what Richard Dawkins has to do with Susan Sontag and Gandhi.

In May, I had the pleasure of speaking at th
GIANFRANCO MARINI's insight:

Un interessante articolo in inglese di Maria Popova "Networked Knowledge and Combinatorial Creativity", pubblicato sul suo blog

http://www.brainpickings.org/

 

L'articolo è incentrato sul tema della conoscenza intesa come sistema complesso di relazione tra informazioni e della creatività come risultante dalla dinamica combinatoria che stabilendo correlazioni tra contenuti genera nuovi significati.

 

Il primo passo del percorso proposta da Maria Popova è un accostamento tra il content management e il florilegium di Tommaso di Irlanda del XIV secolo, esempio di "remix culture"

 

L'articolo spazia in modo trasversale tra arte, storia, web, filosofia, biologia, arte,  ed è ricco di spunti interessanti per quanto riguardo i possibili futuri sviluppi del web, della comunicazione, della gestione delle informazioni e della conoscenza, del futuro del libro e della pratica editoriale.

 

Entro tale contesto la content curation viene ridefinita come fondamentale attività di gestione della conoscenza,attraverso la selezione, raccolta, organizzazione combinazione e assemblaggio di informazioni, concetti, contenuti

more...
No comment yet.

From around the web

AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche
e-learning, blended learning, web learning:,didattica, risorse web, webware, web app, per l'insegnamento e l'apprendimento scolastico
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

idee per avvicinare la classe al blended learning - Ten Ideas To Move Classroom Technology Closer To Blended Learning

idee per avvicinare la classe al blended learning - Ten Ideas To Move Classroom Technology Closer To Blended Learning | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Welcome to a post where I reflect on the idea of blended learning. In this post I will attempt to provide 10 ideas that can turn simple technology integration into a blended learning environment. F...
GIANFRANCO MARINI's insight:

In questo post del 30 settembre 2014 pubblicato su http://21centuryedtech.wordpress.com/ il problema è costituito dal tentativo di offrire delle idee perché le tecnologie di cui sono dotate le classi (tablet, Lim, web, ecc.) vengano utilizzate per integrare l'insegnamento in presenza con l'online learning secondo un approccio basato sul blended learning.

 

L'importanza della tecnologia per la didattica in classe viene enfatizzata e costituisce il fondamento di molti progetti come il 1 to 1 learning (1 device per ogni alunno), ma basta questo per parlare di blended learning?

 

In realtà, suggerisce l'autore, non proprio o non del tutto, dato che il blended learning consiste nello sviluppare un'attività comunicativa e conoscitiva complessa di costruzione collaborativa delle conoscenza che integri e completi l'attività svolta in presenza.

 

L'autore propone 10 idee per utilizzare in tal senso la tecnologia di classe.

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

infografica: consigli per facilitare la discussione online tra studenti - 15 Tips For Facilitating Online Discussion | Edudemic

infografica: consigli per facilitare la discussione online tra studenti - 15 Tips For Facilitating Online Discussion | Edudemic | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
GIANFRANCO MARINI's insight:

Consigli, suggerimenti, buone pratiche per gestire, stimolare e facilita re la discussione online tra gli studenti

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

La biblioteca (digitale) di Alexandria, un ambiente flessibile per contenuti educativi aperti | Bricks

La biblioteca (digitale) di Alexandria, un ambiente flessibile per contenuti educativi aperti | Bricks | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it

Biblioteca digitale aperta e dedicata alla formazione e alla didattica scolastica che rende possibile pubblicare e condividere risorse

GIANFRANCO MARINI's insight:

Il progetto Alexandria viene presentato in questo lungo articolo pubblicato su Bricks il 20 settembre 2014 dalla redazione di Brocks

 

Alexandria è un ambiente di self publishing per gli insegnanti italiani e rende possibile pubblicare risorse da condividere e quindi aperte. La prospettiva è quella delle risorse educative aperte o OER "Open Educational Resources"

 

Si tratta quindi di un repository, archivio digitale, banca dati che mira a raccogliere e rendere fruibili tutte le risorse digitali che, nonostante gli ostacoli frapposti dalle disastrose iniziative del ministero (aggiungo io), gli insegnanti e studenti italiani producono quotidianamente e che non vengono in alcun modo valorizzate e/o rese condivisibili.

 

Il progetto nasce su iniziativa di un editore, Agostino Quadrino e di un esperto di web e didattica digitale, Mario Rotta.

 

naturalmente alla libera fruizione delle risorse corrisponde una rigida strutturazione delle stesse proprio per renderle più facilmente reperibili e fruibili. Al momento della pubblicazione infatti è necessario compilare una scheda dell'oggetto che si intende pubblicare in cui sono inseriti i metadati che descrivono quell'oggetto (descrizione, tags, titolo, autore, categorizzazione, ecc.) e che sono strutturati seguendo i criteri della folksonomia  e di alcuni standard internazionali (MAG, Dublin Core).

 

Il funzionamento è volutamente ridotto ad alcune operazioni elementari e la grafica è indirizzata a semplificare le operazioni e rendere usabile l'archivio.

1. Ci si registra gratuitamente

2. si caricano le risorse (testi, presentazioni, audio, video, ecc.) o si

pubblica il link di risorse esterne già presenti sul web 

3. si compila la scheda identificativa della risorsa

 

Nel post viene anche sinteticamente delineata la storia della open education o OER a partire dall'educazione aperta e distribuita fino all'attuale affermarsi dei MOOCs (Massive Open Online Courses) e alla filosofia open che vi è dietro: condivisione delle risorse, conoscenza distribuita, collaborativa, intesa come bene comune.

 

MIO GIUDIZIO 

Ottima iniziativa che andrebbe supportata perché offre una struttura semplice e utile per consentire la diffusione e disseminazione di quanto docenti e studenti da tempo fanno quotidianamente, iniziativa che avrebbe dovuto prendere il ministero se questo non fosse pretendere troppo da un management politico incompetente e inconcludente.

 

 

LINK UTILI

home page Alexandria: http://www.alexandrianet.it/htdocs/index.php

La proposta: http://www.alexandrianet.it/htdocs/index.php/site/page?view=about

video di presentazione di Alexandria: http://youtu.be/jn3en_gDmjk

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

form@re: PKM – Personal Knowledge Management: cosa vuol dire essere una persona istruita nel XXI secolo?

form@re: PKM – Personal Knowledge Management: cosa vuol dire essere una persona istruita nel XXI secolo? | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it

Abstract: Cosa vuol dire essere una persona istruita nel XXI secolo? La questione va al di là del preparare al futuro i giovani di domani per lavori e sfide che ancora non esistono, concerne il cosa vuol dire essere cittadini consapevoli, indipendentemente dall’essere nati o ...

GIANFRANCO MARINI's insight:

Articolo fondamentale di Cicognini per la didattica scolastica pubblicato sul numero 66 di Form@re, 26 febbraio 2010, titolo: Personal Knowledge Management: cosa vuol dire essere un a persona istruita nel XXI secolo?

 

Oggetto è la necessità di definire le competenze necessarie a gestire la propria conoscenza nell'era della comunicazione e della conoscenza digitali al fine di supportare i processi di lifelong learning fondamentali per lo sviluppo di un soggetto capace di gestire in modo autonomo, consapevole ed efficace il proprio percorso di vita e professionale.

 

Cicognini fa riferimento alla fondamentale abilità di "apprendere ad apprendere", learning to learn, e alla necessità di sviluppare la capacità da parte dei soggetti della rete di andare al di là dei meri utilizzi ludici e comunicativi del social networking per sviluppare strategie cognitive capaci di sostenere l'overload informativo e conoscitivo.

 

IN questo senso diviene strategica la nozione di Gestione personale della conoscenza (PKM) che non si può concepire riduttivamente come digital and information literacy, ovvero capacità tecniche di utilizzare la rete, ma come set di abilità e competenze relative sia all'agire in rete (creare, organizzare e condividere)  che di ordine superiore:

1. connectedness (essere in rete o essere connessi);

2. mediare tra apprendimento formale e informale;

3. abilità critiche

4. uso creativo della rete

 

A partire da questa classificazione delle capacità e abilità si può impostare un percorso formativo che miri a svilupparle e/o potenziarle anche in ambito scolastico utilizzando i contenuti  e obiettivi disciplinari scolastici come ambito entro il quale promuovere sperimentare l'uso della rete e del social networking ai fini dell'apprendimento e del learning to learn.

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

Dalla LIM alla LIM 2.0: apprendimento come capacità di creare e percorrere reti di conoscenze

Dalla LIM alla LIM 2.0: apprendimento come capacità di creare e percorrere reti di conoscenze | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
GIANFRANCO MARINI's insight:

Articolo di Mario Gabbari, Roberto Gagliardi, Antonio Gaetano pubblicato il 2 febbraio del 2012 su http://bricks.maieutiche.economia.unitn.it/ .

 

Al centro dell'articolo la rivoluzione comunicativa e paradigmatica e le conseguenze che questa rivoluzione determina nell'ambito dell'apprendimento che comportano l'adozione di un prospettiva educativa vicina al connessionismo.

 

L'articolo non solo è molto interessante e capace di offrire una analisi delle dinamiche scatenate dall'affermarsi del web in tutti i campi (estetica, educazione, conoscenza, comunicazione, ecc.), ma suggerisce anche le linee teoriche di un approccio diverso alle tematiche formative.

 

Apprendere significa avere la capacità di percorrere e creare reti informative di natura sociale in cui si attua una costruzione collettiva della conoscenza che si presente come un sistema distribuito e reticolare.

 

Interessante anche il tentativo di definire il nuovo soggetto umano che si viene affermando in questa trasformazione generale, il "nuovo barbaro", secondo l'espressione di Baricco che sviluppa la sua umanità più in senso orizzontale, il surfing tra i dati e le informazioni, che verticale, la profondità della ricerca.

 

MIO GIUDIZIO

A mio giudizio vi è però una incongruenza e contraddittorietà tra questa stimolante analisi della situazione è la proposta della LIM come "strumento privilegiato" per "sviluppare e perseguire" nuove forme di social learning, cooperative learning e costruzione e connessione di conoscenze sociali e distribuite.

E' evidente dallos tesso discorso degli autori che questo strumento è il web e la LIM, nella migliore delle ipotesi, solo uno strumento per agire nel web, utile e che si deve avere in aula, ma non certo privilegiato, a meno di non voler confondere la porta con l'ambiente cui questa ci fa accedere.

 

E' vero che si parla di una LIM 2.0, non, quindi di ridursi a studiare l'uso dei software proprietari delle LIM, come accade nel corso di formazione degli insegnanti all'interno del progetto Semidas, "Scuola digitale in Sardegna", corso incentrato sulla folle e inutile impresa di ridurre allo stato di ebetudine 1.000 docenti sottoponendoli per 75 ore allo studio "matto e disperatissimo" dei software delle LIM, cosa questa che dimostra come nel caso della scuola non si sia ancora riusciti a toccare il fondo, anche se la renziana buona scuola promette bene al riguardo.


Qual è dunque lo strumento principale che gli autori indicano, mostrano, ma non dicono? e' il web stesso, il cloud, lo spazio di interazione comunicativa del quale dobbiamo imparare la sintassi; il web inteso come luogo dell'agire collettivo, luogo nel quale dobbiamo imparare a muoverci e orientarci.

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

Sqworl: social bookmarking, raccolta e organizzazione di segnalibri grafici (visual bookmarking)

Sqworl: social bookmarking, raccolta e organizzazione di segnalibri grafici (visual bookmarking) | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Simple Visual Bookmarking for Educators
GIANFRANCO MARINI's insight:

Sqwrol è una applicazione basata sul web o web app, di uso libero pensata per gli educatori e che è specializzata nella raccolta è organizzazione di segnalibri grafici - visual bookmark in modo estremamente semplice.

 

Consente di salvare una pagina creandone lo screen shot, consente anche di creare dei gruppi segnalibri tematici in modo da classificare / ordinare le risorse che si sono trovate in rete.  Si tratta di un utile strumento per il bookmarking e il social bookmarking che nasce da un approccio basato sulla folksonomia. Infatti è anche possibile condividere i propri segnalibri sia individualmente che un intero gruppo attraverso un url unico. 

 

E' possibile anche aprire tutti i link di un gruppo insieme e di visualizzare la risorse, per esempio un video, direttamente su sqworl che dispone di un proprio  sistema di visualizzazione, sqworl explorer.

 

Il suo uso è semplicissimo perché per creare il segnalibro è sufficiente copiare il link che ci interessa o utilizzare il bookmarklet che può essere installato direttamente dal sito di sqworl

 

La caratteristica che ritengo più utile è che intorno a sqworl gravita una numerosa comunità di insegnanti che condividono le risorse che trovano in rete, soprattutto i webware o applicazioni utili per la didattica. Se si ha la necessità di utilizzare una applicazione per la propria attività didattica basta cercarla tra le numerosissime che sono presenti nelle raccolte degli utenti di sqworl.

 

LINK UTILI

breve presentazione del servizio: http://youtu.be/mPXR9_E2Qzw

navigazione tra i segnalibri salvati con sqworl: 

http://youtu.be/rlAzSmnXbbY

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

CliqMeet: piattaforma web per videconferenze

CliqMeet: piattaforma web per videconferenze | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
CliqMeet
GIANFRANCO MARINI's insight:

CliqMeet è una applicazione web o webware che rende molto semplice l'effettuazione di videoconferenze in quanto non richiede installazione, dispone di video chat, screen sharing e rende facile la collaborazione.

 

Supporta la comunicazione mobile è possibile condividere e annotare le presentazioni, si dispone di una lavagna interattiva,  audio e video in HD e nessun limite di tempo, possibilità di registrare la videoconferenza.

 

Nella versione free la principale limitazione è che è possibile creare un solo account al mese, penso significhi una sola videoconferenza al mese.

 

Per queste caratteristiche si presta ad un uso didattico.

 

Pricing: https://www.cliqmeet.com/pricing

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

Scoop.it, Storify, Paper.li: i mille volti della content curation

Scoop.it, Storify, Paper.li: i mille volti della content curation | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
La content curation è la cura di contenuti web per mezzo di strumenti gratuiti o a pagamento disponibili online. Vediamo quali.
GIANFRANCO MARINI's insight:

Un breve post pubblicato su http://www.contenuti-web.it/ il 27/02/2012 che sottolinea l'importanza della content curation o cura dei contenuti dal punto di vista aziendale (prmozione, informazione, marketing) e segnala tre strumenti segnala 3 strumenti fondamentali per praticare la content curation: 

1. http://www.scoop.it/ : collage di risorse selezionate dalla rete intorno a un tema specifico;

2. https://storify.com/ ; funzionalità simile a scoop.it ma più orientata alla organizzazione narrativa delle risorse

3. http://paper.li/ in questo caso il principio secondo cui vengono aggregate le risorse è quello del magazine, della rivista on line.

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

EDpuzzle: creare lezioni interattive - blended learning - flipped classroom

EDpuzzle: creare lezioni interattive - blended learning - flipped classroom | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Make any video your lesson. Edit a video by cropping it, adding your voice or embedding questions. Then, track your students with powerful hassle-free analytics.
GIANFRANCO MARINI's insight:

https://edpuzzle.com/ è; una web app o webware che permette di ritagliare le parti che ci interessano di un video che abbiamo trovato o caricato, inserire commenti audio con la propria voce e file audio, incorporare quizzes e generare una lezione interattiva.

 

Permette inoltre di creare una classe con i nostri studenti, monitorare la loro attività, le loro risposte ai quizzes, condividere e incorporare la lezione.

 

Per i docenti l'utilizzo è free.

 

LINK UTILI

video dimostrativo: http://youtu.be/iTQpvkQdQOw

esempi lezione: https://edpuzzle.com/media/new

 

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

audioBoom: registrazione audio, condivisione e creazione canali

audioBoom: registrazione audio, condivisione e creazione canali | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Share audio content online and completely free of charge with audioBoom. Post it here and to other social networks. Sign up now or download the free app.
GIANFRANCO MARINI's insight:

audio Boom è un webware o web based tool che consente di effettuare registrazioni o caricare un file audio e condividerlo. Oltre a questo offre la possibilità di creare un proprio canale in cui postare tutti i propri file audio e condividerli.

 

Il file audio può essere direttamente registrato dopo aver effettuato registrazione e accesso alla web app o essere caricato. Utilizzo free.

 

Molto utile per qualsiasi finalità educativa sia che si voglia creare un archivio delle proprie lezioni, sia che si intenda utilizzarlo per far svolgere esercizi (lezioni, comunicazioni, presentazioni, ricerche, ecc.) agli studenti.

 

E' possibile anche lasciare commenti ai singoli video, incorporarli con un codice di embedding che viene fornito. Viene anche generato, per ogni file audio, un codice QR (QRcode). Presenti anche altre funzionalitò che si trovano generalmente nei social network (like, playlist, ecc.)

 

LINK UTILI

esempio di canale: https://audioboom.com/channel/moralmaze

utilizzi didattici: https://audioboom.com/about/education

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

24 Powerpoint Alternatives & Presentation Programs For 2014

24 Powerpoint Alternatives & Presentation Programs For 2014 | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
At CustomShow, we decided to list some alternatives to powerpoint that could help in solving your overall presentation software problems. These programs serve many purposes.
GIANFRANCO MARINI's insight:

24 applicazioni da utilizzare in alternativa a Power Point. In realtà si tratta di web apps per realizzare presentazioni ma anche applicazioni per lo screencasting, la condivisione di presentazioni.

 

Ogni applicazione è accompagnata da una scheda sintetiche che ne riassume scopo e funzionalità principali, vantaggi, svantaggi, utilizzatori ideali.

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

Lensoo create: app per creare lezioni sul tablet e condividerle con gli studenti

Lensoo create: app per creare lezioni sul tablet e condividerle con gli studenti | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Risorse web e app che rendono coinvolgente e stimolante il lavoro in una classe mlearning
GIANFRANCO MARINI's insight:

Lensoo create è uno strumento cloud che consente di creare lezioni in cui vengono registrate tutte le azioni effettuate sul proprio tablet e anche la voce.

 

In questo post viene brevemente illustrato il funzionamento di questa app interamente cloud, le sue funzionalità, i possibili utilizzi didattici (blended learning, flipped classroom).

 

Nella versione free è possibile effettuare registrazioni di massimo 15 minuti. Disponibile sia per iOS che per Android. Molto intuitivo ed immediato, Lensoo create è uno strumento ideale per il mobile learning. Nel post viene anche presentato un breve video tutorial.

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

Strumenti per coinvolgere gli studenti nell'apprendimento - Tools of Engagement - Involving Students in Their Own Learning

Strumenti per coinvolgere gli studenti nell'apprendimento - Tools of Engagement - Involving Students in Their Own Learning | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
While technology in and of itself does not guarantee student engagement, the right tool used the right way in the classroom does.
GIANFRANCO MARINI's insight:

Post pubblicato su https://www.fractuslearning.com/ il 25 settembre del 2014 da Terie Engelbrecht in cui viene illustrato l'impiego di tre web based tools o webware che consentono di incrementare l'impegno degli studenti nell'apprendimento.

 

I web tools sono:

 

1. Socrative: http://www.socrative.com/ sistema di domande e risposte utilizzabile per valutare il livello di comprensione degli studenti attraverso la creazione e gestione di quizzes che vengono somministrati tramite devices mobili. Socrative può essere usato come un gioco per la classe per alcune sue funzionalità come la "space race "(corsa spaziale)

 

2. Pow Toon:  http://www.powtoon.com/ creazione di presentazioni che permette di realizzare presentazioni coinvolgenti. Nella versione free sono disponibili molti personaggi, animazioni, ecc. Gli studenti possono realizzare un video di 5 minuti ed esportarlo su Youtube.

 

3. Nearpod: http://www.nearpod.com/ ; strumento per realizzare presentazioni interattive, occorrono due dvices (uno per los tudente e uno per il docente). E' possibile caricare una presentazione o crearne una con nearpod. Possono essere inserite molte attività nella presentazione, come: sondaggi, quiz, domande finali o iniziali. Possibile effettuare sessioni live con un pin che viene fornito agli studenti, quando gli studenti compiono le attività previste è possibile discutere sulle loro risposte, i risultati possono essere poi condivisi con gli studenti. 

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

12 consigli per ottimizzare il proprio account google+ 12 Things You Should Do on Your Personal Google+ Account

12 consigli per ottimizzare il proprio account google+ 12 Things You Should Do on Your Personal Google+ Account | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Like it or not, Google+ is becoming more important in the digital marketing landscape. Google+ is not just a Facebook redux. Instead, it comprises a huge part o
GIANFRANCO MARINI's insight:

Interessante articolo da http://strongsocial.ca/ in cui vengono offerti 12 consigli per ottimizzare il proprio account google+. La premessa è che Google+ sta diventando sempre più rilevante e non si può trascurare nella gestione e creazione del proprio Digital Marketing Landscape, ma se questo vale per l'ambiente di marketing, vale anche per quello educativo e dunque è necessario ottimizzare google+

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

7 ways to become a digital leader with the help of Google Apps and Chromebooks

GIANFRANCO MARINI's insight:

Un breve post di Eric Scheninger del 24 novembre 2014 che offre alcuni suggerimenti su come scuole e docenti possono utilizzare per la formazione e la gestione didattica dell'apprendimento alcuni strumenti e device google caratterizzati da facilitò d'uso e bassi costi. Vengono brevemente illustrati alcuni vantaggi nell'usare:

1. chromebooks

2. Google docs

3. Google forms

4. google Hangouts

5. Google Sites

6. Google blogger

7. google chrome extension

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

AulaBlog: La LIM e il Web: scambiare un device per l'ambiente di apprendimento, il caso di "Scuola digitale in Sardegna"

GIANFRANCO MARINI's insight:

Una recensione all'articolo di Gabbari, Gagliardi e Gaetano Dalla LIM alla LIM 2.0 e una riflessione su LIM e Personal Knowledge Environment e sul caso del progetto "Scuola digitale in Sardegna"

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

i 7 principali trends dei social media del 2015 - The Top 7 Social Media Marketing Trends That Will Dominate 2015

i 7 principali trends dei social media del 2015 - The Top 7 Social Media Marketing Trends That Will Dominate 2015 | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
It’s that time again: When I look ahead to 2015 to predict social media marketing trends we can expect over the coming year. If you want to see what I predicted for 2014 (and whether those predictions came true), you can do so here: The Top 7 Social Media Trends That [...]
GIANFRANCO MARINI's insight:

Un articolo di Jayson DeMers comparso su http://www.forbes.com/ il 29/11/2014 in cui vengono ipotizzate dall'autore le principali tendenze che caratterizzeranno i social media nel corso del 2015 dal punto di vista del marketing.

 

L'articolo è suddiviso in 4 brevi schermate e prende in esame Ello, Facebook, Twitter, Google+, Instagram, LinkedIn.

 

Vi sono due pilastri che caratterizzano il marketing: la pubblicazione e la distribuzione. La conclusione dell'autore è che nel 2015 si arriverà a considerare il social media marketing come il metodo principale per espandere la visibilità dei propri contenuti e si capirà che i social media sono più che semplici mezzi per amplificare.

 

Nel 2014 si è compresa l'importanza di una content strategy (creazione e pubblicazione di contenuti), ma non si è sempre riusciti a conseguire una efficace strategia di distribuzione di questi. Grazie al social media marketing si comprenderà quindi che la distribuzione dei contenuti tramite il social media marketing è altrettanto, se non più importante, dei contenuti.

 

MIO GIUDIZIO

L'interesse di questo articolo dal punto di vista didattico, risiede nel fatto che il carattere decisivo di una strategia imperniata sulla cura dei contenuti e sulla loro diffusione attraverso i social media, venga riconosciuta nel mondo del marketing, che arriva spesso prima della didattica a cogliere, magari acriticamente ma sempre efficacemente, le dinamiche comunicative. Questo consente di considerare l'importanza della acquisizione di competenze e abilità in riferimento alla content curation e al social learning, non perché gli studenti debbano divenire abili nelle strategie di marketing, ma perché devono divenire padroni della sintassi e delle procedure delle nuove forme che la comunicazione sta sviluppando

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

URLBun.ch: applicazione web per la condivisione di links (spedire con un link fino a 36 links diversi)

URLBun.ch: applicazione web per la condivisione di links (spedire con un link fino a 36 links diversi) | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Bunch links together for easy sharing
GIANFRANCO MARINI's insight:

Web app o webware che risponde a un bisogno specifico, quello di inviare con un unico link fino a tre dozzine di links diversi, ciascuno con la sua descrizione, infatti bunch significa "mucchio". Utile per condividere o inviare links ad altre persone. 

 

Il servizio è free e si può utilizzare anche senza nessuna registrazione, ma dato che registrandosi si possono meglio gestire le liste di link e la loro condivisione, conviene registrarsi.

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

Create Killer Presentations with Explain Everything | Edudemic

Create Killer Presentations with Explain Everything | Edudemic | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
GIANFRANCO MARINI's insight:

Recensione molto completa e dettagliata, in inglese, di "Explain Everythig" apparsa su Edudemic il 21 novembre del 2014, autore Ann Elliott.

 

"Explain Everythig" è una lavagna interattiva on line e anche uno strumento di screencasting molto utile per creare lezioni interattive.

 

Nel post vengono esaminate e descritte le sue funzionalità. In particolare: presentazione, valutazione, Come usare explain everything, utilità per i docenti, alternative, altre recensioni

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

AulaBlog: Blendspace: creazione e gestione di lezioni - Blended Learning e Flipped Classroom

AulaBlog: Blendspace: creazione e gestione di lezioni - Blended Learning e Flipped Classroom | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
GIANFRANCO MARINI's insight:

Una recensione accurata di https://www.blendspace.com/ pubblicata sul mio blog il 20/11/2014 in cui vengono spiegate nel dettaglio le funzionalità di questa utilissima web app che consente di creare lezioni e condividerle on line e fornisce strumenti per la gestione del processo formativo.

 

Consigliata per un approccio alla formazione basato sul blended learning e sul flipped learning

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

Le 4 sezioni del profilo LinkedIn che devi ottimizzare

Le 4 sezioni del profilo LinkedIn che devi ottimizzare | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
L’elemento base di Linkedin è il profilo. Tutto all’interno del social network professionale si basa sulla persona e su ciò che ognuno degli utenti riporta, dalle sue esperienze lavorative all
GIANFRANCO MARINI's insight:

Un articolo di Martina De Nardi, web marketing manager e copywriter, sulla cura del profilo LinkedIN, elemento essenziale di questo social network professionale. 

 

L'articolo individua 4 aree critiche e offre interessanti e utili consigli per ottimizzarle, queste sono:

1. Headline: due righe ma le più importanti del profilo linkedIN

2. Riepilogo

3. Esperienze

4. Competenze

 

Molto utile per curare al meglio il proprio profilo LinkedIN

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

50 apps educative che ogni docente dovrebbe conoscere - 50 Education Technology Tools Every Teacher Should Know About - Edudemic

50 apps educative che ogni docente dovrebbe conoscere - 50 Education Technology Tools Every Teacher Should Know About - Edudemic | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
50 Education Technology Tools Every Teacher Should Know About - Lists of great technology tools for teachers broken down by category - Learning, Lesson planning, etc
GIANFRANCO MARINI's insight:

Da Edudemic un post dell'agosto del 2012 che elenca 50 applicazione prevalentemente web based che possono essere efficacemente utilizzate per la didattica in un'ottica orientata all'e-learning o al blended learning.

 

le categorie in cui le web apps sono suddiviso sono:

social learning

learning

lesson planning and tools

useful tools

 

In realtà la suddivisione è alquanto arbitraria e discutibile, rimane comunque un'ottima lista per chi voglia provare a integrare la formazione in presenza con il web learning

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

Con Zaption: videolezioni interattive

Con Zaption: videolezioni interattive | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Per chi intende attuare la flipped classroom ma soprattutto per docenti creativi, che vogliono arricchire i video (propri o trovati sul web) di domande, disegni, immagini e testi, nasce Zaption! Si...
GIANFRANCO MARINI's insight:

breve presentazione di zaption, web app o webware che consente la realizzazione di video interattivi comparsa su http://insegnantiduepuntozero.wordpress.com/ ; il 25/07/2014.

 

Il post fornisce un'idea di zaption e delle sue funzionalità:

caricamento di un video

inserimento di check box, domande a risposta aperta, disegni a mano libera, scelte multiple.

 

Le versione free non permette di creare un gruppo ed avere il feedback relativo alla visione del video da parte degli studenti e non consente di inserire più di 6 contenuti interattivi.

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

Mlearning class - mobile learning- contenuti formativi per dispositivi mobili

Mlearning class - mobile Learning - un progetto formativo ed educativo per l’utilizzo di dispositivi mobili in classe
GIANFRANCO MARINI's insight:

M_learning class è un sito molto utile per quei docenti e quegli studenti che si chiedono: "e ora che fare con il nostro tablet o con i nostri smartphone"?

 

http://mlearning.isitgoonair.net/ nasce da un progetto Istituto Statale d'istruzione Superiore "Galilei" di Gorizia. Muove dalla premessa che con il diffondersi del wireless e dei dispositivi mobili (smartphone, tablet, phablet, ecc.) sia divenuta attuale la possibilità di un apprendimento anyone, anywhere, anytime, da qui nasce il mobile learning.

 

Il servizio offerto dal sito è quello di fornire indicazioni operative su come utilizzare i dispositivi mobili per apprendere e insegnare attraverso la descrizione di casi d'uso, attività, obiettivi, discipline e risorse.

 

E' quindi possibile trovare molti suggerimenti su web apps o webware, esempi sul loro utilizzo, guide e tutorial, pratiche relative a discipline, possibili attività, ecc.

 

MIO GIUDIZIO

Ottima iniziativa che fornisce una guida per chi brancola nel buio dei fumi delle mode tecnologico - didattiche che si innalzano nei cieli della teoria trascurando la melma della pratica quotidiana.

 

LINK UTILI

progetto: http://mlearning.isitgoonair.net/progetto/

more...
No comment yet.
Scooped by GIANFRANCO MARINI
Scoop.it!

Fahrenheit 15/9/2014: la drammatica situazione dell'edilizia scolastica

Fahrenheit 15/9/2014: la drammatica situazione dell'edilizia scolastica | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Se con Osvaldo Roman, insegnante ed esperto di politica scolastica, analizziamo anche soltanto uno dei punti riguardanti la sicurezza scolastica, riguardo, ad esempio al Certificato Prevenzione Incendi, il risultato è alquanto sconfortante.
GIANFRANCO MARINI's insight:

Fahrenheit, radio 3, puntata del 15/09/2014 la situazione drammatica dell'edilizia scolastica in Italia con Osvaldo Roman

more...
No comment yet.