AulaMagazine Scuo...
Follow
Find
88.3K views | +279 today
 
Rescooped by Gianfranco Marini from Screencasting & Flipping for Online Learning
onto AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche
Scoop.it!

Screencasting: risorse, guide, esempi per l'uso dello screencasting nella didattica

Screencasting: risorse, guide, esempi per l'uso dello screencasting nella didattica | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it

Via Peggy George
Gianfranco Marini's insight:

dal sito http://www.schrockguide.net/ una guida per lo screencasting ad uso didattico con risorse, strumenti, esempi, il sito è in inglese. Molto utile perchè non si limita a fornire link di applicazioni per lo screencasting, ma fornisce guide introduttive, informazioni generali, esempi di uso dellos creencasting tratte dal lovoro di docenti, ecc.

more...
John Wootton's comment, July 9, 2013 5:02 PM
A few really good apps etc out there now ... Screenchomp ... Explain Everything .... Choose what suits your students
stevecarter's curator insight, August 6, 2013 8:33 AM

Wow - nothing missing from here for screencasting tips - start the Flip journey

Mª Jesús García S.M.'s curator insight, July 7, 2014 1:28 AM

Including Rubrics

AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche
e-learning, blended learning, web learning, didattica, risorse web, webware, web app, applicazioni web per l'insegnamento e l'apprendimento scolastico
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Practical Ed Tech Tips - YouTube

Practical Ed Tech Tips - YouTube | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Directions, tips, and tricks for using popular ed tech apps and sites.
Gianfranco Marini's insight:

Richard Byrne cura uno dei più seguiti e famosi blog dedicati alle tecnologie Educative: Free Technology For Teachers, in cui ogni anno pubblica centinaia di post dedicati a questo argomento. Il 25 giugno 2015 ha pubblicato in post che presenta una playlist

di video pubblicata sul suo canale YouTube, in cui sono raccolti 118 video realizzati con la tecnica dello screencast in cui vengono presentate risorse e applicazioni educative per la didattiche di ogni genere.

Si tratta di video molto utili per chiunque intenda seguire approcci quali il blended learning o il flipped learning, la gestione delle classi, l'uso dei giochi nella didattica, lo storytelling, l'uso dei social media in ambito educativo, etc.

 

I video sono per la maggior parte di breve durata, 2 - 5 minuti, naturalmente in inglese, sono brevi video tutorial. Per chi avesse difficoltà a seguire l'inglese parlato consiglio di attivare i sottotitoli cliccando sulla corrispondente casella del video, si trova in basso a destra tra "guarda più tardi" e "impostazioni". I sottotitoli vengono generati automaticamente e sono sempre in inglese, ma facilitano la comprensione del parlato, qualora ciò non bastasse è possibile, cliccando su "impostazioni", regolare la velocità del video facendole scorrere, per esempio, a 0.5, ciò facilita ulteriormente la consultazione del video.

 

Impossibile elencare tutte le applicazioni e i consigli contenuti nella playlist, vi sono:

# applicazioni e componenti google e google drive

# Canva

# Remind

# Blogger

# SoundCloud

# ThngLink

# QR Codes

# TagBoard

# AudioPal

# FalsCards

# Versal

# Edmodo

etc etc etc

 

 

LINK UTILI

1. Free Technology For Teachers: 

http://www.freetech4teachers.com/

2. canale YouTube di Richard Byrne: 

https://www.youtube.com/user/rbyrnetech

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

L'E-Portfolio Come Strumento Per La Costruzione Dell'Identità

L’ePortfolio è un potente strumento per favorire la crescita dell’identità. Attraverso la riflessione critica sui materiali inseriti all’interno del portfolio, lo studente lega la memoria del proprio passato come traccia (Derrida 1967) alle
Gianfranco Marini's insight:

Mio Giudizio

Faccio precedere la mia opinione, che abitualmente riporto alla conclusione delle recensione, riguardo a questo documento, per chiarire il motivo di questa segnalazione.

E' importante superare la concezione oggettivistica della valutazione che si va affermando come fondamento della valutazione dello studente e, indirettamente, del docente e che, pur essendo un valido strumento se utilizzata entro quelli che sono i suoi limiti, produce gravi conseguenze negative, come il "teach to test", l'identificazione tra misurazione e valutazione, etc. L'E-Portfolio, la rubrica e il diario di apprendimento possono costituire impegnative ma valide alternative alla "miseria" del testing.

 

Il Documento

Un intervento sul tema dell'e-portfolio caricato su academia.eu da Lorella Giannandrea che, pur essendo "datato," la pubblicazione risale al 2006, risulta estremamente interessante e utile. Il documento è di 9 pagine suddivise in tre paragrafi preceduti da un'introduzione:

# Introduzione

1. Premesse teoriche

2. E-Portfolio come strumento per la costruzione dell'identità

3. E-Portfolio e costruzione dell'identità

Si tratta di un intervento scritto da: Pier Giuseppe Rossi, Giuliana Pascucci, Lorella Giannandrea, Martina Paciaroni, dell'Università degli Studi di Macerata, Dipertimento di Scienze dell'Educazione e della Formazione. Riassumo sinteticamente i principali contenuti delle tre parti.

 

Introduzione: compilare un e-portfolio significa costruire dinamicamente la propria identità attraverso un percorso che attraversa passato, presente e futuro

 

1. Premesse teoriche

In questa parte dell'intervento vengono esplicitate le premesse di ordine filosofico, pedagogico e didattico del discorso sull'e-portfolio e in relazione alle sue 3 dimensioni temporali.

Derrida - il passato come traccia: perché si ricollega al concetto di contaminazione e contrapposizione tra opposti nel suo rapporto con presente e futuro e perché si ricollega anche a quello di archiscrittura. Tradotto nell'ambito del discorso sull'e - portfolio: La traccia è ciò che rimane del passato nel presente del proprio percorso formativo

Ricoeur - Il futuro come promessa: costruzione dell'identità implica "riconoscimento" e quindi conoscenza del proprio percorso. Vi sono tre forme del riconoscimento:

# l'identificazione: comprendere ciò che si fa

# riconoscere se stessi: consapevolezza delle proprie capacitò e aspirazioni

# riconoscersi nel rapporto con l'altro che si configura come "dono" e "riconoscenza" e "promessa" e implica apertura al futuro

Wenger: identità ci costituisce nell'interazione con la comunità. L'individualità non è innata ma è un artefatto culturale e sociale e si costruisce come rapporto dinamico con la comunitò e interazione tra "significato" e "azione". L'identità ci costruisce quindi come traiettoria che attraversa contesti specifici e molteplici appartenenze. Il concetto di traiettoria indica la continuità dell'esperienza dell'identità nel processo della sua costruzione.

Questa parte è la più ostica e complessa del documento e richiede una certa familiarità con la filosofia contemporanea

 

2. E-Portfolio come strumento per la costruzione dell'identità

Questa seconda sezione muove dalla considerazione della attuale crisi dei modelli tradizionali di valutazione, orientati alla verifica "oggettiva" e funzionali a una concezione trasmissiva dell'apprendimento e si fa portatore delle istanze di rinnovamento nella valutazione proprie del movimento del "New Assessment" o "Authentic Assessment", che mira alla valutazione di competenze in contesti concreti con attenzione non solo ai risultati ma anche ai processi dell'apprendimento.

indica in modo più concreto la struttura di un e-portfolio che viene articolata in tre sezioni:

1. La selezione: raccolta materiali e contenuti che documentino il proprio percorso formativo prodotti dallo studente o significativi per il suo sviluppo; il materiale è accompagnato da metadati e significativo a diversi livelli

2. La connessione: i materiali sono organizzati al fine di costruire una narrazione che mostri l'apprendimento in una determinata competenza

3. Proiezione: esplicitazione della/e direzione/i verso cui il percorso di apprendimento dello studente muove

Viene anche proposto un modello concreto ispirato a questi principi e si sottolinea l'importanza di accompagnare e integrare l'e-portfolio con una "rubrica" e un "blog" che facilitino l'individuazione delle prestazioni per ogni singola competenza e forniscano un "diario" delle esperienze di apprendimento

 

3. Costruzione dell'identità

La premessa p che l'e-portfolio sia uno strumento fondamentale in ambito formativo per la costruzione dell'identità come struttura dinamica. Si esaminano i seguenti punti:

1. Selezione come traccia

2. connessione come negoziazione e ricostruzione narrativa

3. proiezione e promessa

 

Segue una bibliografia

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Luciana Cino: Tutorial su applicazioni per creare quizzes e giochi educativi

Tutorial su Quizlet, web app disponibile anche per IOS e per Android, utile per creare quiz e giochi educativi
Gianfranco Marini's insight:

Una serie di tre tutorial in italiano realizzati da Luciana Cino in forma di slideshow e pubblicati su Slideshare. Il tutorial spiega tutti i passaggi per utilizzare l'applicazione e ne illustra funzionalità e utilizzi

 

Questi i tutorial:

# Quizlet: presentazione in 25 slides pubblicata il 25/07/2015

http://www.slideshare.net/lucianacino/tutorial-su-quizlet

# Socrative: presentazione in 30 slides pubblicata il 20/07/2015

http://www.slideshare.net/lucianacino/tutorial-su-socrative

# Kahoot: presentazione in 20 slides pubblicata il 19/07/2015

http://www.slideshare.net/lucianacino/tutorial-su-kahoot

 

Per chi volesse seguire le pubblicazioni su Slideshare di Luciana Cino questo il link

http://www.slideshare.net/lucianacino ;

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Jessica Redeghieri: Google - Ricerca semplice e "filtrata" - YouTube

Come utilizzare il motore di ricerca di Google. In questo video: Ricerche semplici e "filtrate" attraverso gli strumenti di ricerca, ricerca testuale, per im...
Gianfranco Marini's insight:

Utilizzare un motore di ricerca in modo efficace è una delle principali abilità di chi voglia muoversi entro il flusso di informazioni del web con qualche speranza di trovare ciò che cerca. Pur con tutti i loro limiti i motori di ricerca costituiscono ancora il modo più semplice e utilizzato per trovare le informazioni. Diventa quindi importante saper utilizzare la meglio le varie funzioni di ricerca che essi possiedono. In questo video, pubblicato sul canale di Jessica Redeghieri, il 17//08/2014 sono spiegate e mostrate in modo molto chiaro le modalità di ricerca semplice e filtrata offerte dal più popolare dei motori di ricerca: Google.

 

MIO GIUDIZIO

Consiglio a tutti di guardare il video, anche a chi usa Google da molti anni, c'è sempre qualcosa da imparare e scoprire, per esempio io non mi ero mai accorto, pur avendoli usati tante volte, che gli "strumenti di ricerca" variano a seconda della tipologia di file che abbiamo selezionato (Web, Immagini, Notizie, Shopping, etc.)

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

AulaBlog: Scuola Privata? ..... Ma mi faccia il piacere .....

AulaBlog: Scuola Privata? ..... Ma mi faccia il piacere ..... | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it

Secondo i dati OCSE - PISA a scuola pubblica italiana è molto migliora della scuola paritaria

Gianfranco Marini's insight:

Post pubblicato sul blog di Gianfranco Marini il 29/08/2015. Il post prende spunto da diversi articoli comparsi su testate web e relativi al confronto tra scuola pubblica e scuola paritaria. Lo spinto è la "famosa" lettera di un dirigente scolastico, pubblicata nel 2013, in cui si inneggiava a una visione neo liberista della scuola:

# insegnanti licenziati dai presidi

# valutazione dei docenti tramite test invalsi

# lo stato dovrebbe finanziare le scuole private

Un excursus sul web, alla ricerca dei dati delle varie edizioni delle indagine OCSE - PISA, rivela che, a prendere queste per buone,, la scuola pubblica italiana è molto migliore di quella privata e, scorporando i risultati degli studenti delle private, la sula italiana si allineerebbe alla media OCSE -PISA. Se poi si calcolasse il rapporto tra spesa per l'istruzione pubblica e punteggio OCSE - PISA, la scuola italiana sarebbe tra le migliori.

Naturalmente è solo un gioco ma un gioco interessante perché rivelatore della labilità e ambiguità dei dati forniti da queste indagini e dea loro manipolabilità.

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Tabella comparativa tra applicazioni per creare timeline - Six Tools for Creating Online Timelines

Tabella comparativa tra applicazioni per creare timeline - Six Tools for Creating Online Timelines | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Gianfranco Marini's insight:

Post pubbliato da Richard Byrne su Free Technology For Teachers il 28/08/2015 in cui viene condiviso un documento in PDF pubblicato su Google Drive e contenente una tabella in cui vengono messi a confronto 6 applicazioni web e per dispositivi mobili per la realizzazione di timeline. Il documento può essere visualizzato a questo indirizzo:
https://docs.google.com/document/d/13jYIU30q2u2vEADJNS_G5PnjbsTnTZWdzdtLb49FAwY/edit

 

Le applicazioni
Le applicazioni sono comparate in base ai seguenti criteri:
# opzioni multimediali
# opzioni di collaborazione
# necessità di registrazione
# compatibilità con i vari sistemi operativi
# modalità di pubblicazione

 

Queste le applicazioni esaminate
1. https://www.hstry.co/
2. http://timeline.knightlab.com/
3. http://bitly.com/1ym46nY
4. http://timeglider.com/
5. http://www.dipity.com/
6. http://www.myhistro.com/

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Sidenotes: scrivere e salvare annotazioni in qualsiasi pagina web e per qualsiasi contenuto

Sidenotes: scrivere e salvare annotazioni in qualsiasi pagina web e per qualsiasi contenuto | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Annotate the web.
Gianfranco Marini's insight:

Sidenotes è uno strumento che risponde all'esigenza di realizzare annotazioni su quello che si trova e si legge o guarda sul web. Si tratta di una applicazione integrata con Google Chrome (chrome add on) che si installa con un semplice clic e si presenta come un pulsante nella barra di navigazione.

 

Come si usa?
Quando abbiamo bisogno di appuntare idee, rifelssioni, etc. è sufficiente cliccare sul pulsante e digitare Alt + N e si aprirà una finestra sul lato destro del browser in cui potremo scrivere le nostre note. Sidenotes è sincronizzato con Dropbox in modo da avere sempre a disposizione le nostre note e poterle condividere.
Una volta scritte le nostre note vanno salvate, si possono consultare in qualsiasi momento cliccando sull'icona della lente in alto a destra: siaprirà una finesttra in cui sono visualizzate le varie note, si può trovare quella che ci interessa anche utilizzando ilmotore di ricerca integrato. Per sfruttare al meglio Sidenotes è neessario avere un account su Dropbox

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Sway: creare e condividere presentazioni, storie, etc. - Create and share interactive reports, presentations, personal stories, and more.

Sway: creare e condividere presentazioni, storie, etc. - Create and share interactive reports, presentations, personal stories, and more. | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Sway is an easy-to-use digital storytelling app for creating interactive reports, presentations, personal stories and more. Its built-in design engine helps you create professional designs in minutes. With Sway, your images, text, videos, and other multimedia all flow together in a way that enhances your story. Sway makes sure your creations look great on any screen.
Gianfranco Marini's insight:

Cos'è Sway?
Sway è una applicazione web sviluppata da Microsoft nel 2015 per la creazione di presentazioni.Non si presenta come semplice evoluzione di Power Point, ma come un modo nuovo di realizzarle a partire da una piattaforma web based e gratuita per la comunicazione delle proprie idee, l'elaborazione di contenuti del web, la realizzazione di storie, la creazione di reportage, ma anche di ricerche, rapporti, relazioni, lezioni, presentazioni, etc. La modalità di visualizzazione è quella che ha origine con i blog e che caratterizza i social network: lo stream di elementi di contenuto che si possono scorrere in orizzontale o verticale e che vengono chiamati "cards". Ogni elemento di contenuto può essere costituito da testo, immagini, audio, video, grafici, etc.

 

Come Funziona?
1. Ci si registra e logga e si avvia la presentazione
2. si aggiunge una card pescando i contenuti o dal proprio PC o dal web tramite Bing, che è incorporato in sway
3. si configura, con l'aiuto di modelli predefiniti, la grafica e le altre impostazione di visualizzazione come: palette colori, stili, font, scorrimento orizzontale o verticale, layout, etc.
4. si possono caricare elementi da altri social network e applicazioni come: Twitter, Google Drive, Facebook, Dropbox, erc.
5. si pubblica e condivide nei principali social network o si incorpora con il codice di embedding
Per una spiegazione dettagliata di caratteristiche e funzionamento di Sway rimando all'articolo comparso su Ridble: "Microsoft Sway: il nuovo modo di creare presentazioni"
https://www.ridble.com/microsoft-sway-recensione/
recensione molto completa e con numerosi esempi e immagini

 

Conclusioni
Un modo rapido, efficace e semplice per creare contenuti multimediali e interattivi gratuitamente e condividerli.

 

LINK UTILI
1. Esempi
# Disruptive Trends in the Education Industry
https://sway.com/aasJ_CLRUzF23dG2
# The Universe (Condensed)
https://sway.com/universe_cheatsheet
# Once Upon a Time, in Italy ...
https://sway.com/italy_art_photos
2. link per scaricare la app di sway su sistemi iOS
https://itunes.apple.com/us/app/office-sway/id929856545?mt=8
3. video dimostrativo di Sway
https://youtu.be/Jw-g6IuBVJE
4. Video recensione in inglese su Sway, 4:38 minuti
https://youtu.be/7hwzZoqq654

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

5 abilità cruciali per gli studenti nell'era digitale - Five Critical Skills to Empower Students in the Digital Age

5 abilità cruciali per gli studenti nell'era digitale - Five Critical Skills to Empower Students in the Digital Age | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Traditionally teachers are in charge of assessing student performance. But what would happen if the student were to evaluate her own work? What if self-reflection became a skill as important as reading?
Gianfranco Marini's insight:

Post pubblicato su KQED da Ki Sung il 17/08/2015 dal titolo "5 abilità critiche da promuovere negli studenti nell'era digitale". L'articolo propone una riconfigurazione dell'esperienza di apprendimento focalizzata su 5 capacità individuate come fondamentale per la cultura digitale, il cui sviluppo deve cominciare sin dai primi giorni di scuola. Nel post si fa riferimento alla tesi di Alan November secondo cui i docenti devono ripensare l'avvio dell'anno scolastico promuovendo alcune abilità strategiche per l'apprendimento nel corso dell'anno scolastico, sin dai primi 5 giorni di scuola.

 

1 - Apprendere a Fare le Domande Giuste
Domandare è il cuore dell'apprendiementoma non tutte le domande aprono lo stesso spazio per l'indagine. A tale proposito November cita la "cassetta degli attrezzi del domandare" sviluppata da Jamie McKenzie in cui vengono esaminate e classificate varie tipologie di domande, questo il link in cui l'argomento viene trattato diffusamente:
http://www.fno.org/nov97/toolkit.html
Le varie domande e le tipologie di indagine cui esse danno luogo sono:
# domande ipotetiche
# domande essenziali
# domande accessorie
# domande di pianificazione
# domande rivelatrici
etc.
Occorre sviluppare l'intero repertorio del "domandare", è in relazione al problema di partenza che l'esperienza dell'apprendimento come indagine acuista significato.

 

2 - Sapere come Trovare le Risposte
La bontà dei risultati di una ricerca eseguita con un motore di ricerca dipendono da molti fattori, ma per scavare a fondo e trovare i migliori risultati gli studenti hanno bisogno di iparare a:
# saper utilizzare gli strumenti della ricerca avanzata
# usare gli operatori logici per la ricerca
# saper valutare le fonti (qualità, attenibilità)
# individuare i termini chiave della ricerca con pertinenza e attenzione
E' anche importante sapere come trovare informazioni in altre piattaforme, per esempio Twitter utilizzando gli hashtag o chiamando in causa esperti. Molti social network danno agli studenti la possibilità di seguire i massimi esperti mondiali di un determinato settore e di poter interagire con loro.

 

3 - Apprendere dai Lavori realizzati da altri Studenti
Gli strumenti digitali consentono agli studenti di avere accesso a ogni genere di lavoro creato da altri. Assumere come modello per il proprio lavoro un prodotto di qualità realizzato da altri è da sempre una delle principali modalità di miglioramento e apprendimento. Quando gli studenti si rendono conto che ragazzi della loro età sono stati in grado di relizzare qualcosa di stupefacente, si sentono ispirati e motivati a fare la stessa cosa. November cita come esempio il lavoro realizzato da studenti del 4° grado che hanno progettato e realizzato con Minecraft le prime missioni spagnole in California, come:
# la Missione di san Michele Arcangelo
https://youtu.be/R7SatupLTqs
# la Missione di San Diego
https://youtu.be/G-9M4I1HRt8

 

4 - Imparare a collaborare con persone di ogni parte del mondo
November cita il caso di Kathy Cassidy, maestra di una classe di 1° grado, che tramite Twitter e un blog aiuta i suoi studenti a comunicare e apprendere con altre classi di altri paesi del mondo. Ad esempio i suoi studenti collaborano con studenti di una classe di Milano nell'apprenidmento della matematica usando Twitter con l'hashtag #guessmynumber. In questo modo nonsolo gli studenti imparano gli uni dagli altri ma apprendono anche altre culture.

 

5 - Auto Valutare il proprio lavoro
Tradizionalmente è l'insegnante a dover valtuare il lavoro dello studente. Cosa accadrebbe se si assumesse la capacità di valutare il proprio lavoro come una delle competenze fondamentali che lo studente deve sviluppare?
La capacità di saper valutare il proprio lavoro e assegnare ad esso un punteggio o saperne individuare limiti e positività, costituisce una delle più grandi abilità che gli studenti dovrebbero conseguire e uno dei fondamenti della capacità di apprendere da soli e gestire autonomamente il proprio percorso formativo.

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Sir Kenneth Robinson: Cambiare il modello educativo

FACEBOOK - https://www.facebook.com/azione.prometeo BLOG - http://azioneprometeo.wordpress.com
Gianfranco Marini's insight:

Kenneth Robinson è un esperto di educazione che ha collaborato con istituzioni governative e organizzazioni non-profits sui temi dell'educazione, specie in relazione al rapporto tra educazione e arte.

 

Il video, segnalato da Gabriella Giudici nel suo

blog http://gabriellagiudici.it/ , presenta la traduzione italiana di una parte di una conferenza tenuta da Kenneth Robinson in relazione alla necessità di cambiare paradigma educativo. Il video è stato pubblicato sul canale YouTube di Azione Prometeo ed è della durata di 9:20 minuti.

 

Temi del video

Nel video K. Roinson sostiene la necessità di abbandonare l'attuale modello educativo, originato dalla applicazione al mondo della formazione delle procedure e sistemi propri del mondo della produzione, con particolare riferimento al modello fordista - taylorista, per sviluppare un paradigma educativo basato sulla personalizzazione dell'apprendimento e la valorizzazione del pensiero divergente.

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

GoFormative: applicazione web per la verifica formativa: assegnare compiti e verificarne in tempo reale l'esecuzione

GoFormative: applicazione web per la verifica formativa: assegnare compiti e verificarne in tempo reale l'esecuzione | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
A platform for real-time formative assessments + a FREE next-generation student response system.
Gianfranco Marini's insight:

GoFormative è una applicazione web per la verifica formativa, si tratta di una web app di utilizzo libero per studenti e docenti, è a pagamento qualora sia la scuola o un distretto scolastico a volerla utilizzare.

 

Cos'è Go Formative
Lo scopo di GoFormative è consentire al docente di poter immediatamente valutare i risultati di un'attività didattica, come una lezione o dimostrazione o discussione. Può anche servire per verificare le conoscenze e i prerequisiti degli studenti prima di cominciare a trattare un nuovo argomento.

 

Come Funziona?
Il docente formula domande e/o problemi e li propone alla classe osservando in tempo reale i risultati in modalità interattiva-
Questi i passaggi:
1. il docente crea un account, crea una classe virtuale e assegna ad essa un compito
2. Il docente guida gli studenti nella creazione del loro account e fornisce loro il codice della classe
3. a questo punto il docente assegna un "quick code" che consente agli studenti i visualizze le domande o esercizi assegnati loro e rispondere utilizzando una casella di testo o una lavagna su cui disegnare (utile nel caso di esercizi di matematica)
4. Il docente può selezionare "Live Results" e osservare le risposte che gli studenti stanno dando, può osservare tutte le risposte he gli studenti stanno scrivendo
5. Man mano che le risposte vengono ultimate il docente può assegnare ad esse una votazione e fornire brevi commmenti agli studenti sul lovoro svolto. I risultati possono essere scaricati in formato doc o pdf
La caratteristia principale di GoFormatie è la possibilità che viene data al docente di osservare in tempo reale quello che tutti gli studenti stanno scrivendo

 

LINK UTILI
1. video tutorial di 16:55 minuti sulle principali operazioni e procedure per utilizzare GoFormative

https://youtu.be/1kzhNzNsIJI ;
2. artticolo di presentazione dell'applicazione pubblicato su teacherstechtoolbox

http://teacherstechtoolbox.com/?tag=goformative-com 

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

EdShelf: applicazioni per la Valutazione formativa e sommativa - The Assessment Tools Shelf | edshelf

EdShelf: applicazioni per la Valutazione formativa e sommativa - The Assessment Tools Shelf | edshelf | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
A collection of various assessment tools, both formative and summative, that you can use in your classroom.
Gianfranco Marini's insight:

Raccolta di applicazioni realizzata da Gabrielle Copen con EdShelf che raccoglie 15 applicazioni per la valutazione formativa e sommativa da utilizzare con le proprie classi.

 

Come funziona lo Scaffale
Come tipico di EdShelf, lo scaffale educativo per realizzare raccolte di risorse relativa alla formazione, cliccando sull'icona della risorsa è possibile accedere a una scheda informativa che illustra caratteristiche, funzionalità, validità didattica della risorsa selezionata.

 

Le Applicazioni
La maggior parte di esse sono compatibili sia con sistemi Android che con sistemi iOS e sono free o freemium. Oltre alle solite applicazioni già molto note, tipo Socrative, QuestBase, Quizlet, etc. sono presenti anche applicazioni meno note e dalle caratteristiche interessanti, come:
1. Exit Ticket: che permette di fornire un riscontro in tempo reale dell'apprendimento degli studenti
2. Plickers: applicazione per realizzare sondaggi in tempo reale senza utilizzare dispositivi mobili, si distribuiscono agli studenti delle "card", si forumula la domanda del sondaggio e si utilizza il proprio dispositivo mobile per registrare la votazione degli studenti che viene memorizzata automaticamente

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Bacheca Pinterest dedicata a "Strumenti Valutazione, Feedback e Backchannel" - Assessment, Feedback, and Backchannel Tools - Valutazione Formativa

Bacheca Pinterest dedicata a "Strumenti Valutazione, Feedback e Backchannel" - Assessment, Feedback, and Backchannel Tools - Valutazione Formativa | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Pinterest is a visual discovery tool that you can use to find ideas for all your projects and interests.
Gianfranco Marini's insight:

Elizabeth Kohut è presente su Pinterest con 135 bacheche e oltre 12.000 Pin. Un di queste Bacheche è dedicata alla valutazione formativa: "Assessment, Feedback and Backchannel Tools", "Strumenti per la Valutazione, il feedback e la comunicazione informale". Si tratta di una collezione ricchissima di risorse dedicate agli strumenti di valutazione formativa composta da 281 Pin e costantemente aggiornata. Uno di migliori punti di partenza della rete per chi volesse approfondire l'argomento. Naturalmente la maggior parte di questi contenuti sono in inglese, saper leggere in inglese è una necessità se si vuole avere un accesso al dibattito sulle tecnologie educative "in tempo reale".

 

Cosa Possiamo Trovare in questa bacheca

Tra i contenuti linkati da E. Kohut troviamo: applicazioni web, articoli teorici, news, video e video tutorial, infografiche e presentazioni, raccolte sull'argomento, post che affrontano il problema sul piano pedagogico, etc. Le fonti da cui sono tratti i pin sono tra i migliori blog, rubriche, siti dedicati al'educazione e alle tecnologie educative.

 

Alcuni Esempi

Riporto alcuni tra i più interessanti pin presenti nella bacheca:
1. Edutopia: Il BackChannel: dare voce ad ogni studente nella classe blended e mobile in cui viene esaminato uno degli argomenti più discussi nell'ambito delle tecnologie educative: come utilizzare la possibilità di stbilire un canale comunicativo continuo e in tempo reale con gli studenti e che è parallelo al flusso comunicativo in cui si sviluppa il processo formativo online. Vengono indicati al ruguardo: i termini teorici della questione, le migliori applicazioni, opportunità e problematiche, etc.
2. 21 Century Educational Technology, 35 strumenti per la valutazione formativa per offrire maggiori opprtunità di apprendimento formativo. Un articolo che cerca di inquadrare dal punto di vista pedagogico e didattico il problema della valutazione formativa e individua, aprtendo da considerazioni di orine didattico, 35 applicazini web e mobile per supportare la valutazione formativa dividendole in categorie per facilitare la scelta da parte dei docenti interessati: flipped classroom, controllo studenti, lezioni, forums, in classe, strumenti formativi, etc.
https://21centuryedtech.wordpress.com/2015/08/18/part-1-over-35-formative-assessment-tools-to-enhance-formative-learning-opportunities/
3. Free technology for Techers, Creare giochi per il ripasso e la verifica con classtools.net, in cui si segnala il set di applcazioni per freare giochi allo scopo di ripassare o verificare la conoscenza dei contenuti offerto da classools.net, il noto sito che fornisce vari strumenti, tutti molto semplici da utilizzare, per creare contenuti di ogni tipo, ma tutti dedicati all'apprendimento e di carattere giocoso.

 

MIO GIUDIZIO

9/10

In conclusione un'ottima raccolta molto completa e ben curata sotto tutti i punti di vista (fonti, titoli, risorse linkate, grafica pin e recensione pin)

http://www.edutopia.org/blog/backchannel-student-voice-blended-classroom-beth-holland

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

La rivoluzione è al di là dell’”angolo” - 2015 - Education 2.0

La rivoluzione è al di là dell’”angolo” - 2015 - Education 2.0 | AulaMagazine Scuola e Tecnologie Didattiche | Scoop.it
Tecnologie e ambienti di apprendimento: Non basta creare “l’angolo delle tecnologie” per rispondere alla rivoluzione digitale.
Gianfranco Marini's insight:

Un intervento di Mario Fierli pubblicato su Education 2.0 il 02/07/2015 incentrato sulla "rivoluzione digitale" e le responsabilità della scuola nel gestire questo "passaggio epocale". Al di là dei tanto abusati termini di rivoluzione etc. considero interessante l'opinione espressa dall'autore secondo il quale non si tratta di acquistare dispositivi e apprendere l'utilizzo delle tecnologie fine a se stesso, così come il problema non deve essere limitato alle discipline specialistiche. come l'informatica. Occorre invece sviluppare "la comprensione delle nuove forme culturali e sociali e di affrontarle criticamente e creativamente" in un'ottica che deve coinvolgere tutte le discipline. Sono molto meno ottimista sulle aperture che l'autore intravede nel documento della buona scuola riguardanti la "cultura digitale", non tanto per un atteggiamento prevenuto, quanto per il fatto che simili dichiarazione le sento da parecchi anni e sono rimaste sempre e solo dichiarazioni.

more...
No comment yet.
Scooped by Gianfranco Marini
Scoop.it!

Screencast-O-Matic - YouTube

Tutorial sul servizio internet Screencast-o-matic. SOM permette di registrare ciò che facciamo sul nostro computer. Il tutorial mostra le funzioni della vers...
Gianfranco Marini's insight:

Video tutorial su Screencast - o - matic realizzato da Jessica Redeghieri e pubblicato sul suo canale YouTube l'11/02/2013. Il video è della durata di 16:57 minuti.

 

Ho già segnalato in precedenza questo video tutorial ma ci ritorno per

l'importanza crescente dell'utilizzo dei video nella didattica per realizzare lezioni, tutorial, presentazioni, dimostrazioni, etc. pone in primo piano l'esigenza di disporre di strumenti semplici ed efficaci per realizzare questa tipologia di video. Una delle tecniche più semplici è quella dello screencast. Si tratta di registrare:

# quanto avviene sullo schermo (screen) del nostro PC

# quello che diciamo mentre "facciamo cose" sullo schermo

 

Jessica Redeghieri illustra in modo puntuale tutte le caratteristiche e funzionalità di una delle applicazioni web free più diffuse per lo screencasting, spiegando, passaggio per passaggio, come realizzare un video sfruttando tutte le potenzialità della versione free di questo programma.