Anti-Exploitation
605 views | +0 today
Follow
Anti-Exploitation
Change the daily habits unsustainable for our planet
Curated by mcc43
Your new post is loading...
Your new post is loading...
Scooped by mcc43
Scoop.it!

Siracusa, arrivati i migranti soccorsi dalla Salamis - Rifiutati da Malta

Siracusa, arrivati i migranti soccorsi dalla Salamis - Rifiutati da Malta | Anti-Exploitation | Scoop.it
Siracusa, arrivati i migranti soccorsi dalla Salamis - I medici assicurano: «Stanno tutti bene».
mcc43's insight:
Siracusa, arrivati i migranti soccorsi dalla SalamisI medici assicurano: «Stanno tutti bene».

È arrivato nel primo pomeriggio del 7 agosto, nel porto grande di Siracusa, il pattugliatore della guardia di Finanza con a bordo una cinquantina dei 102 migranti tratti in salvo dalla nave cisterna Salamis che Malta aveva rifiutato di accogliere. Poco dopo sono arrivate anche le altre motovedette con a bordo i rimanenti migranti.
CONTROLLO MEDICO. In tutto si tratta di 81 uomini, 20 donne, quattro delle quali in stato di gravidanza, di cui una quasi giunta al termine della gestazione, ed un neonato di cinque mesi.
Sul posto ci sono i volontari della Croce rossa italiana che hanno allestito una tenda dove i migranti hanno ricevuto la prima assistenza.
INVESTIGATORI SULLA SALAMIS. La nave cisterna Salamis aveva gettato l'ancora a circa un miglio e mezzo dall'imboccatura del porto di Siracusa. Prima che avvenisse il trasbordo dei migranti sulle motovedette italiane i medici degli uffici di sanità marittima hanno eseguito i primi accertamenti sulle loro condizioni di salute. A bordo sono arrivati anche gli investigatori.
«STANNO TUTTI BENE». «Abbiamo riscontrato un quadro generale più che rassicurante», ha spiegato la dottoressa Giuseppina Di Giacomo. «Tutti stanno bene e sono stati rifocillati. Diciamo che il comandante greco della nave cisterna che li ha presi a bordo ha saputo garantire loro la miglior assistenza» ha spiegato il medico.

Mercoledì, 07 Agosto 2013

more...
No comment yet.
Scooped by mcc43
Scoop.it!

Traffico di schiavi e organi nel #Sinai: bisogna combatterlo con più efficacia

Traffico di schiavi e organi nel #Sinai: bisogna combatterlo con più efficacia | Anti-Exploitation | Scoop.it
mcc43's insight:

Attualmente circa 60 mila profughi eritrei, etiopi e sudanesi vivono nello stato ebraico, senza documenti e senza che siano valutate le richieste di asilo o protezione temporanea, in violazione della stessa carta costituzionale israeliana e della Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati, di cui Israele fu uno dei primi firmatari. Se queste misure hanno rallentato il flusso di profughi verso Israele, esse, vista la contemporanea chiusura delle frontiere europee (resa ancora più ferrea dagli accordi stipulati fra il governo italiano e le nazioni del nordafrica da cui per lungo tempo sono partite le "carrette del mare") sono contemporaneamente causa di una condizione intollerabile per chi fugge da nazioni in cui sono in corso gravi persecuzioni e non ha più una via di salvezza, visto che i campi profughi in Etiopia e nello Yemen sono sovrappopolati e non offrono più condizioni di vivibilità. Per non parlare della condizione dei rifugiati nel Sudan, dove - particolarmente nel grande campo di Shagarab - sopravvivono in condizioni  disumane e sono preda della criminalità organizzata, che li rapisce dallo stesso campo profughi per poi pretendere un pesantissimo riscatto (fino a 50 mila dollari pro capite) dalle loro famiglie all'estero, minacciando di trasferirli sul mercato degli organi qualora le loro richieste non vengano soddisfatte. Centinaia di profughi africani perdono la vita ogni anno proprio perché sacrificati al mercato nero dei reni, delle cornee e di altri organi umani. 

continua a leggere

 

more...
No comment yet.