C'è anche l'accoglienza gratuita. Una bella testimonianza da Bergamo | Accoglienza turistica | Scoop.it

Caro prof. Dall'Ara,
ho partecipato lunedì all'incontro di Bergamo e Lei mi ha positivamente colpito.
Di tutte le persone che hanno parlato, è stato la persona che ha toccato il tasto dolente del turismo bergamasco, che cerca soluzioni che spesso sono più semplici di quello che sembra. Molti manager che parlano e ancora molto poco contatto " umano" con il turista. Il freddo bergamasco attento ai calcoli del guadagno si è visto ancora (vedi marchi ...)
Io ho partecipato in quanto a breve apriro' un mio B&B ... ho mollato, in un momento di crisi il lavoro, per questo piccolo sogno.
Avrei voluto parlarne durante l'incontro ma poi ho preferito mandarle una email.
Vengo da esperienza di couchsurfing, che forse molti nemmeno conoscono nel mondo del turismo, o pochissime persone che veramente viaggiano.
Surfare da un divano ad un altro e di conseguenza ospitalità gratuita, far sentire il "turista" a casa propria dando informazioni e facendo assaggiare cibi del luogo, facendo da cicerone e divertendosi. Poter scambiare con un piccolo gesto il proprio letto, il proprio divano. In ogni città mondiale esistono hosts e guests.