Ristoranti non Accoglienti (il servizio questo sconosciuto) | Accoglienza turistica | Scoop.it
Hotel and Management consulenze alberghiere e affiancamento gestionale...

Vorrei condividere con voi quanto già scritto nel 2005 come riflessione, ed inviato a diversi mensili che trattano/trattavano HO.RE.CA.

 

BASTA, ADESSO BASTA!

Ho intenzione di iniziare così, con BASTA!!!

Ormai siamo circondati da opinionisti, scrittori, trasmissioni televisive che parlano della grande cucina, degli ingredienti, dei locali con il papillion, stelle, forchette, cucchiai.,

Ma non c’è nessuno che parla di servizio!

Servizio, questo sconosciuto.

Eppure è parte integrante degli importi in basso a destra di ogni conto di qualsiasi ristorante, conosciuto e non, trattoria o hostaria…….

Ma possibile mai che tutti si fanno grandi nel parlare di ingredienti come di vino, di chef come di preparazione e prodotti freschi?? Ma il piatto preparato dallo chef sconosciuto o dal grande nome chi lo porta la tavolo del cliente???

No, non confondiamoci, non voglio parlare dei camerieri e/o dei maitre che spesso sono paragonati con sfottò vari come dei “portapiatti”, No.

Ma vorrei portare a conoscenza di un problema poco trattato da molti, non da tutti ma da molti.

IL SERVIZIO in sala, questo sconosciuto, parte integrante e non poco importante del conto che paghiamo.

Tutti i grandi della ristorazione, fregiati e non, sono esaltati e conosciuti dalla cucina e/o dal locale, dallo chef come naturalmente anche dal conto, spesso con dei bei numeri, che spesso chiunque, almeno una volta, è disposto a pagare.

Vi siete mai trovati nella situazione di entrare in un ristorante dove naturalmente avete prenotato e attendere, attendere con l’educazione di chi entra in casa d’altri?, di attendere sulla porta e non vedere nessuno che vi viene incontro? Oppure di sedervi e attendere che vi portano i menu? Attendere per prendere l’ordinazione, vedere passare camerieri, maitre, magari anche gestori che vi passano vicino e fanno finta di non vedervi, come se dicessero “QUELLO NON È IL MIO TAVOLO” , ho altro da pensare e da fare, camerieri che non hanno un rango1 e girano per la sala!!???

A far che non si sa.

Chiedervi cosa preferite bere e non portarvi la carta dei vini, iniziare a mangiare senza pane e/o bevande, vi assicuro è successo, succede e succederà, anche nei locali famosi.

Piatti sbarazzati mentre ancora ci sono commensali che mangiano, piatti serviti senza avere posate per mangiare. Piatti freddi con pietanze calde!!? Voi direte cosa c’entra, c’entra, c’entra eccome; un piatto di pasta o un secondo particolare servito su un piatto freddo diventa freddo prima del tempo e questo è colpa sia dello chef in cucina che del cameriere che lo prende al pass……come anche di chi non gli dice cosa non deve fare e di chi non controlla.

Quando il tanto discusso e odiato giornalista/critico parla male di questo ristorante e/o di questo albergo con tanto di stelle, stelline, cappelli, forchette e chi più ne ha più ne metta, ha ragione e gli stringo anche la mano, non è possibile che ancora non ci si arrabbi di queste cose; alcuni diranno “siamo Italiani, brava gente”, si vabbé, ma santo cielo, possibile che non notiamo queste cose?? Possibile che non chiamiamo il cameriere o il maitre/proprietario e gli rimandiamo indietro il piatto, possibile che dobbiamo sempre accontentarci e dobbiamo anche accettare che alla presentazione del conto non sia stato fatto uno sconto a scusarsi di quanto successo??? Possibile mai??

Signori, pensiamoci un attimo e vedremo tante cose che ci accadono, negativamente, ogni volta che andiamo in un locale…

Tutto questo per dire che in Italia sono pochi quelli che “investono” sulla formazione del personale, perchè per molti non è un investimento ma bensì una “spesa”, un costo che non si considera.

Mah!! Basta? Non credo, perché siamo Italiani “brava gente”

 

1 Il rango è/era la postazione di lavoro del cameriere di sala, nei grandi alberghi come nei ristoranti di alto livello, addirittura maitre, chef e commis avevano il rango. Il rango era formato da un certo numero di coperti, posti/clienti da servire.


Via Locanda la Pieve